DIFENDERE LA VERA FEDE
printprintFacebook

A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
[IMG]https://c1.staticflickr.com/5/4748/27841426379_9bf512edf8_n.jpg[/IMG] [IMG]https://farm3.staticflickr.com/2924/14270136943_c276020ff5_o.jpg[/IMG]
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Facebook  

Acqua Santa e Benedetta riscopriamo il valore di questo Sacramentale

Ultimo Aggiornamento: 06/03/2018 13.46
Autore
Stampa | Notifica email    
OFFLINE
Post: 34.836
Sesso: Femminile
06/03/2018 13.41
 
Email
 
Scheda Utente
 
Quota




Vogliamo riscoprire il valore della benedetta Acqua Santa?

Vi regaliamo un prezioso libretto, solo nove pagine, ma molto preziose….

Asperges me, Domine, hyssopo et mundabor…. Mi aspergerai, o Signore, con issopo e sarò mondato… con queste parole iniziava  – ed inizia – la Messa nel rito antico, una santa tradizione che purtroppo è andata smarrendosi in questi ultimi cinquant’anni a causa degli abusi avanzati con il rito moderno. Ma non vogliamo fare polemiche, le stesse Norme infatti non hanno abolito il “rito dell’aspersione”, l’averlo tolto è un vero abuso. Certo, lo si mantiene solo nel rito pasquale, e in altre poche occasioni, ma l’averlo tolto nelle messe della domenica ha fatto sì che, le nuove generazioni, crescessero senza più il ricordo, senza più l’interesse, senza più apprezzare il valore dell’Acqua Santa e il suo potenziale anche nelle nostre case.

Infatti non parliamo ora prettamente dell’Acqua Santa del rito della Messa, vedi qui, ma più nello specifico dell’Acqua Santa, benedetta, portata dentro le nostre case. Oggi verremmo tacciati di medioevalismo, di superstizione, di “roba da vecchiette”…. eppure è paradossale che, l’uso di benedire con acqua benedetta, viene fortemente mantenuto non solo in tutte le altre religioni che “ammiriamo“, ma persino da falsi santoni, maghi e ciarlatani, e la gente paga, paga enormi somme di danaro per un’acqua che non da nulla perché – quella davvero benedetta – viene solo dalle mani di un sacerdote validamente ordinato nella Chiesa Cattolica.

E non facciamoci intimidire da chi tratta questi argomenti con un sorrisetto superficiale e di compassione. Gesù lo disse chiaramente in diverse occasioni: “La tua fede ti ha salvato” (Mc.10,52), alla base di un “sacramentale” – che è sempre gratuito attenzione – deve esserci questa e non altra Fede, la Fede che riponiamo è in Colui che ha promesso, la cui promessa è “Parola di Dio” che si realizza per mezzo del sacerdote, per questo noi crediamo.

Vi facciamo perciò dono di questo piccolo librettoDon Alfonso Maria Weigel, solo nove pagine, nelle quali si raccontano esperienze di vita che forse faremo bene a ricordare, scarica qui il pdf. Quando i genitori benedivano i propri figli con l’acqua santa, quando i contadini benedivano i propri campi di lavoro, quando le mamme stesse benedivano il talamo, la casa, i pasti, i figli, tutto, perché il Signore Gesù potesse Egli stesso essere coinvolto nella vita domestica delle persone. Benedivano i Defunti ogni giorno aspergendoli con l’acqua santa, e se ci studiassimo di scoprire quale REFRIGERIO giunge a quelle Anime ancora in Purgatorio, correremmo a chiedere al sacerdote di benedirci l’acqua da portare a casa, e lo faremo ogni giorno.

Non è superstizione! La superstizione, per essere tale, ha questi connotati: non c’è fede in Gesù Cristo, ma in se stessi; non si crede nella Chiesa ma nelle proprie idee; si usano segni sacramentali scimmiottandoli perché ci si guadagna, si vendono, si fa commercio e si vive una vita disordinata, per nulla attinente con il Vangelo. Nessun altro può benedire l’acqua e farla diventare “santa” se non il sacerdote e per determinati scopi approvati dalla santa Chiesa.

L’uso dell’Acqua Santa è antichissimo. San Giustino infatti ci fa sapere nella sua II apologetica che fin dai suoi tempi, cioè al principio del II secolo, ogni domenica si poneva gran cura perchè, dovunque si adunavano i fedeli, non mancasse l’acqua benedetta, colla quale il sacerdote li aspergeva perchè fossero sempre meglio purificati. E prima ancora di san Giustino il papa san Alessandro comandò ai sacerdoti di benedir tutto il popolo con l’Acqua Santa: e dalle parole del suo decreto rilevasi che questa pratica era già in uso fin dai tempi apostolici. Il primo autore di questa istituzione è attribuito all’apostolo san Matteo.

Asperges me, Domine, hyssopo et mundaborcliccare qui per saperne di più.

Ecco come istruiva una volta la Chiesa i propri fedeli:

L’acqua benedetta si pone all’ingresso della chiesa, affinchè il popolo che vi entra, mondato delle colpe veniali(per quelli mortali ci si deve confessare), preghi con maggiore purità di coscienza, e più facilmente impetri ciò che chiede. Il che tanto più conviene ai cristiani al primo metter piede entro le chiese, in quanto che gli Ebrei erano soliti purificarsi prima di entrare nel tempio; ed è perciò che al suo ingresso si trovano capacissime vasche espressamente ordinate a questo scopo.

Si costuma inoltre di portarla alle proprie abitazioni, ed ivi conservarla con decenza presso il letto onde usarla per farsi il segno della Santa Croce nel coricarsi, nel levarsi, in tempo di gravi tentazioni, di procelle, di malattie, non che di qualunque altro bisogno, e così chiamare sopra di se la benedizione del Cielo, e sempre più rinvigorirsi contro gli assalti dei propri nemici.

Si aspergono ancora:

  • – le case, le stalle, le mandrie, onde tener lontane le infestazioni degli spiriti maligni;
  • – Le suppellettili, le vesti, i cibi, affinchè il loro uso riesca profittevole sia all’anima che al corpo;
  • – il cimitero e i cadaveri dei fedeli, onde rendere sempre più efficaci i suffragi che si fanno alle anime dei defunti;
  • – finalmente tutti i luoghi Sacri e gli oggetti di culto, affinchè santificati con questa aspersione riesca di maggiore gradimento al Signore l’uso che se ne fa, e ispirino i fedeli la venerazione che si meritano.

Per godere poi tutti i vantaggi a cui è ordinata l’Acqua Santa, bisogna usarla con sentimenti di fede (che non è sentimentalismo o romanticismo), di umiltà e di contrizione, giacchè quest’Acqua non opera se non per via di impetrazione, e sempre a misura delle disposizioni di chi se ne serve. E’ dunque interesse di ogni cristiano d’adoperarla frequentemente, ma sempre con grande rispetto, e di tenerne sempre provveduta la propria casa.

Che fine ha fatto QUESTA FEDE?

L’Acqua Santa sparita dalle nostre abitazioni, sparita dall’uso benedicente che si facevano i coniugi, ha provocato senza dubbio la mancanza di PROTEZIONE E BENEDIZIONE nelle nostre case e nelle vite dei nostri familiari. Leggete questo libretto, vi farà bene. Ci farà bene riprendere questa Tradizione benedetta, specialmente in tempo di Quaresima, nelle domeniche e riprendere così la santa abitudine di ricordare non solo le nostre tradizioni, ma soprattutto invocare il Signore che ritorni ad essere il Custode delle nostre famiglie.

Qualcuno si è giustamente e saggiamente posto questa domanda: quale differenza passa tra l’acqua santa e l’acqua benedetta e  l’acqua esorcizzata?

Ottima la risposta del domenicano Padre Angelo Bellon che potrete leggere qui, e riportiamo solo questo passaggio importante:

  • L’acqua di Lourdes non è un’acqua benedetta. Pertanto non può  essere usata per il culto. È un’acqua salutare: si beve, vi si fa il bagno, è un segno della  presenza di Maria nella nostra vita. È un pò come l’acqua esorcizzata. Si legge che le prime persone che hanno bevuto dell’acqua scaturita a Lourdes dalla sorgente scavata con le proprie mani da Bernadette su indicazione di Maria provavano una grande pace.

E’ ovvio che fare uso dell’Acqua Santa, benedetta, impone per noi un cambiamento di vita e di costume…. NON PIU’ PECCARE, convertirsi alle leggi di Dio, pregare, vivere con onestà etica e morale davanti a Dio e testimoniare al mondo chi siamo, in chi crediamo, in Chi poniamo la nostra Fede: siamo nel mondo, ma non siamo del mondo…(Gv.15,18-19), per questo l’Apostolo Giovanni può affermare, come diretta testimonianza: ” Non vi meravigliate, fratelli, se il mondo vi odia..“(1Gv.3,13)

Coraggio allora! Riscopriamo ciò che davvero conta per risanare le nostre vite, quelle dei nostri familiari, quelle degli amici, e per convertire i nostri nemici… Vi supplichiamo, cari Sacerdoti, riscoprite questo sacramentale per voi, ma anche per noi che siamo stati affidati alle vostre cure, sollecitate i Fedeli a riscoprire il valore dell’Acqua Santa ed educateli ad un uso quotidiano in Famiglia. Commoventi e veraci sono le parole nei ricordi di papa Benedetto XVI:

“Personalmente, non dimenticherò mai con quale devozione e con quale interiore dedizione mio padre e mia madre segnavano noi bambini con l’acqua benedetta, facendoci il segno della croce sulla fronte, sulla bocca e sul petto quando dovevamo partire, tanto più se poi si trattava di un’assenza particolarmente lunga. Questa benedizione era un gesto di accompagnamento, da cui noi ci sapevamo guidati: il farsi visibile della preghiera dei genitori che ci seguiva e la certezza che questa preghiera era sostenuta dalla benedizione del Redentore. La benedizione era anche un richiamo a noi, a non uscire dallo spazio di questa benedizione.” (vedi qui)

Un giorno Bernadette mi fece notare che facevo male il segno della croce. Le risposi che certamente non lo facevo tanto bene quanto lei che lo aveva imparato dalla Madonna. «Bisogna farci attenzione» mi disse «perché vuol dire molto farsi bene il segno della croce». (Suor Emilienne Duboé, luglio 1866)

Scarica qui il libretto in formato pdf, gratuitamente.

Laudetur Jesus Christus

 





Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Se sono soddisfatte 3 condizioni contemporaneamente cerca valoreExcel Forumvalore05/09/2018 20.38 by federico460
C'è un modo per ricreare questo gioco da zero?Kick Off World of soccer ...questo15/09/2018 14.26 by mengoni
Ciao a tutti , lieto di far parte di questo bel gruppo!ZIMMERIT FORUMquesto30/08/2018 18.12 by MarcoCarretta
OFFLINE
Post: 34.836
Sesso: Femminile
06/03/2018 13.43
 
Email
 
Scheda Utente
 
Quota


Un sacerdote risponde

La differenza tra acqua benedetta, acqua di Lourdes, acqua esorcizzata...

Quesito

Caro Padre Angelo,
quale differenza passa tra l'acqua santa e l'acqua benedetta e  l'acqua esorcizzata?
Tra l'acqua di Lourdes, quella benedetta a Pasqua per immersione  del cero, quella benedetta in Parrocchia nella Messa di un Santo,  quella benedetta fuori la Messa dal Sacerdote col benedizionale, o  con formule proprie o col semplice segno di croce? Quale di tutte  queste si può bere, con quale ci si può solo segnare noi stessi con  la croce? Che altro uso si può fare? Quale potere hanno queste acque?  Infine: alcune persone usano 'allungare' queste acque con  acqua comune di rubinetto per farla durare di più, anche un anno, dicono che così tutta viene benedetta fino alla festa successiva; e  arrivata la festa la vecchia acqua scade e si butta per sostituirla con la nuova. Altri dicono che si può allungare solo  quella di Lourdes, e che la benedizione di tutte vale per sempre, non scade, non si butta.
Il nuovo sacerdote di Parrocchia al momento dell’offertorio  prima fa il segno di croce sull'acqua contenuta nell'ampollina poi  la unisce al vino, con la stessa segnata fa il lavabo. Finita la  messa il sagrestano la buttava (il vecchio prete non la segnava) ma  adesso la gente si scandalizza perchè dice che è santa; ma il  sagrestano veramente ha grosse difficoltà per metterla fra piante o  chissà dove, non ha tempo e salute per passeggiare tutta la chiesa, aiuta già tanto. E perchè questo prete segna l'acqua? lo trovo  sbagliato. Finita la Messa che acqua è? Santa, benedetta o cosa?
Grazie per questi chiarimenti.
Carlo.


Risposta del sacerdote

Caro Carlo,
1. tra acqua santa e acqua benedetta non c'è alcuna differenza.
L'acqua benedetta è quella che viene usata per segnarsi col segno della croce. Pertanto viene destinata al culto pubblico o privato.
L'acqua esorcizzata è invece un'acqua sulla quale sono stati eliminati influssi diabolici e che può essere usata per bere o per  uso domestico.

2. L'acqua di Lourdes non è un'acqua benedetta. Pertanto non può  essere usata per il culto.
È un'acqua salutare: si beve, vi si fa il bagno, è un segno della  presenza di Maria nella nostra vita. È un pò come l'acqua esorcizzata.
Si legge che le prime persone che hanno bevuto dell’acqua scaturita a Lourdes dalla sorgente scavata con le proprie mani da Bernadette su indicazione di Maria provavano una grande pace.

3. L'acqua nella quale è stato immerso il cero e le altre acque su cui all’inizio della Messa o in altra circostanza viene tracciato il segno di croce nell’invocazione della SS. Trinità sono tutte acque benedette.

4. Le acque benedette hanno il potere di allontanare il demonio e di  rimettere il peccato veniale se c'è pentimento nel nostro cuore.

5. Sull'allungamento delle acque: mi pare un sotterfugio.
Se tu continui ad annacquare il vino, dopo un anno hai ancora vino?

6. Non c’è alcuna scadenza per l’acqua benedetta.
Si può dire che perde la benedizione come qualsiasi altro oggetto solo quando avviene una corruzione della materia.

7. Il segno della croce sull'acqua dell'ampollina era prescritto nel vecchio messale.
Adesso non lo è più.
Per cui è acqua normale e la si può buttare via.
Se non che il tuo parroco la benedice. E allora merita una destinazione diversa.

Ti saluto ti ricordo al Signore e ti benedico.
Padre Angelo




Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
OFFLINE
Post: 34.836
Sesso: Femminile
06/03/2018 13.46
 
Email
 
Scheda Utente
 
Quota




Rivogliamo Asperges me Domine, mi aspergerai Signore

Sì! Lo rivogliamo, perché ci è stato abusivamente tolto. Il popolo di Dio è stato privato, abusivamente, di una benedizione, aspersione, con l’acqua benedetta. Non si tratta semplicemente di “un rito” o peggio di un “simbolo”, una superstizione, quanto di sottomissione dell’anima all’inizio della Messa predisponendola a meglio ricevere i benefici da Essa elargiti, e gesto di purificazione che scende dall’Alto: il popolo supplica “aspergimi Signore, e sarò mondato”, e il Signore fa scendere dal Cielo la Sua benedizione sul popolo prostrato davanti a Lui. E’ un atto di Fede del popolo di Dio, che chiede di essere benedetto e mondato.

Asperges me, Domine, hyssopo et mundabor. Mi aspergerai, o Signore, con issopo e sarò mondato

Avviene all’inizio della Messa antica quanto in quella riformata (la domenica soprattutto e in tutte le Messe anche Vespertine, mentre nel Rito antico solamente nella Messa domenicale e non sostituisce l’Atto Penitenziale con l’assoluzione dai peccati veniali), così dice infatti la Norma: “…specialmente nel Tempo Pasquale, in circostanze particolari. Il Rito, in memoria del Battesimo, sostituisce il consueto Atto Penitenziale. Il Presidente, benedetta l’acqua, senza togliere la Casula asperge l’assemblea accompagnato dal Diacono o da un Ministrante. L’aspersione non si fa mai prima della Messa ma sempre durante la Messa all’inizio, dopo il Salutatio. Il coro accompagna il Rito con un canto adatto. Al termine del Rito, se è prescritto, si canta o si dice subito il Gloria”.

Peccato che nelle Parrocchie si usa talmente poco, ma così poco da averlo lasciato solo a Pasqua e così talmente poco, da averlo fatto dimenticare persino agli adulti, e i giovani non lo conoscono, non sanno di cosa stiamo parlando… Benedetto XVI aveva riportato il rito dell’aspersione nelle sue celebrazioni pontificie, oggi è stato riabbandonato nuovamente, lasciato solo a Pasqua, o in qualche altra rara occasione da non essere neppure ricordata.

Avverrebbe così,  nelle Norme della forma Ordinaria, che laddove non si facesse l’aspersione, ci sarebbe ad ogni modo una vera e potente formula di assoluzione dai peccati veniali: Misereàtur nostri omnìpotens Deus et, dimìssis peccàtis nostris, perdùcat nos ad vitam ætèrnam. Amen.

Ma a quanto ci risulta, non c’è più, né all’inizio della Messa, e neppure poco prima della Comunione. Nella forma antica infatti, l’Atto penitenziale è questo:

Il Ministrante invoca sul Sacerdote la misericordia di Dio:

Misereátur tui omnípotens Deus, et dimíssis peccátis tuis, perdúcat te ad vitam ætérnam.

Il Sacerdote dice Amen e si alza.

I Ministranti con il popolo, profondamente inchinati, ripetono la confessione:

Confíteor Deo omnipoténti, beátæ Maríæ semper Vírgini, beáto Michǽli Archángelo, beáto Joánni Baptístæ, sanctis Apóstolis Petro et Paulo, ómnibus Sánctis et tibi, pater: quia peccávi nimis cogitatíone, verbo et ópere: (ci si batte il petto per tre volte) mea culpa, mea culpa, mea máxima culpa. Ideo precor beátam Maríam semper Vírginem, beátum Michǽlem Archángelum, beátum Joánnem Baptistám, Sanctos Apóstolos Petrum et Paulum, ómnes Sanctos, et te, pater, oráre pro me ad Dóminum Deum nostrum.

Il Sacerdote, con le mani giunte, da l’assoluzione dicendo:

Misereátur vestri omnípotens Deus, et  dimíssis peccátis vestris perdúcat vos ad vitam ætérnam.

Il popolo risponde: Amen.


Tratto dal manuale di Filotea di Giuseppe Riva, cerchiamo di capire bene di cosa stiamo parlando.

_018-aspersione-imago-pietatis-3L’uso dell’Acqua Santa è antichissimo. San Giustino infatti ci fa sapere nella sua “II apologetica” che fin dai suoi tempi, cioè al principio del II secolo, ogni domenica si poneva gran cura perchè, dovunque si adunavano i fedeli, non mancasse l’acqua benedetta, colla quale il sacerdote li aspergeva perchè fossero sempre meglio purificati.

E prima ancora di san Giustino il papa sant’Alessandro comandò ai sacerdoti di benedir tutto il popolo con l’Acqua Santa: e dalle parole del suo decreto rilevasi che questa pratica era già in uso fin dai tempi apostolici. Il primo autore di questa istituzione si crede essere l’apostolo san Matteo.

L’acqua Santa si fa dai Sacerdoti in cotta e stola, mischiando il sale coll’acqua, recitando sopra di essa le orazioni prescritte dalla Chiesa. Si mischia il sale coll’acqua affinchè, essendo il sale simbolo di purezza e dell’incorruzione, e l’acqua simbolo di semplicità e purità, tutti coloro che di essa si aspergono restino purificati da ogni immondezza, e premuniti contro le insidie diaboliche; e coll’aiuto divino divengano prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.

Questo mescolamento rappresenta inoltre:

– la Incarnazione del Verbo: perocchè se nell’acqua che scorre sopra la terra si rappresenta la natura umana, nel sale che tutto condisce e rende incorruttibile, si rappresenta la natura divina che in unità di persona si trova in Gesù Cristo;

– l’unione del popolo con Gesù Cristo, perocchè, come dell’acqua che è tutta semplicità e del sale che è tutto sapore, si fa una cosa sola, così del popolo fedele si fa un solo corpo mistico con Gesù Cristo per mezzo della sapienza evangelica che ce lo fa conoscere ed amare, e quindi strettissimamente ci unisce a lui per mezzo della Grazia in questa vita e per mezzo della gloria nell’altra.

L’acqua benedetta si pone all’ingresso della chiesa, affinchè il popolo che vi entra, mondato delle colpe veniali, preghi con maggiore purità di coscienza, e più facilmente impetri ciò che chiede. Il che tanto più conviene ai cristiani al primo metter piede entro le chiese, in quanto che gli Ebrei erano soliti purificarsi prima di entrare nel tempio; ed è perciò che al suo ingresso si trovano capacissime vasche espressamente ordinate a questo scopo.

L’uso dell’Acqua Santa è sempre stato sollecitato dalla Chiesa. Si costuma infatti di portarla alle proprie abitazioni, ed ivi conservarla con decenza presso il letto onde usarla per farsi il segno della Santa Croce nel coricarsi, nel levarsi, in tempo di gravi tentazioni, di procelle, di malattie, non che di qualunque altro bisogno, e così chiamare sopra di se la benedizione del Cielo, e sempre più rinvigorirsi contro gli assalti dei propri nemici spirituali quanto quelli umani accecati di invidie e maledizioni. Infine è essa necessaria ed utile nell’entrare e nell’uscire di casa, onde chiedere la protezione dei Santi Angeli posti a custodia nostra e delle nostre case.

Si aspergono ancora con Acqua benedetta, infatti:

– le case, le stalle, le mandrie, onde tener lontane le infestazioni degli spiriti maligni;

– le suppellettili, le vesti, i cibi, affinchè il loro uso riesca profittevole sia all’anima che al corpo, oltre che a ricordare agli uomini che tutto è dono dell’amore di Dio per noi;

– il cimitero e i cadaveri dei fedeli, onde rendere sempre più efficaci i suffragi che si fanno alle anime dei defunti;

– finalmente tutti i luoghi Sacri e gli oggetti di culto, affinchè santificati con questa aspersione riesca di maggiore gradimento al Signore l’uso che se ne fa, e ispirino i fedeli la venerazione che meritano.

Per godere poi tutti i vantaggi, i benefizi, a cui è ordinata l’Acqua Santa, bisogna usarla con sentimenti di fede, di umiltà e di contrizione, giacchè quest’Acqua non opera se non per via di impetrazione, e sempre a misura delle disposizioni di chi se ne serve. E’ dunque interesse di ogni cristiano e dono perfetto di Dio, d’adoperarla frequentemente, ma sempre con grande rispetto, non per superstizione, non per magia, e di tenerne sempre provveduta la propria casa.

A fronte di ciò vi ricordiamo come grandi esorcisti hanno potuto raccontare la potenza divina di quest’Acqua Benedetta dai Sacerdoti di Cristo, contro le potenze del Demonio. Aspergere li buoni cristiani con l’Acqua benedetta, mette in subbuglio i Demoni che non resistono, urlando e gemendo scappano inorriditi e bruciati perché, quest’Acqua, porta i segni della Passione di Cristo che è fuoco inestinguibile d’Amore acceso e ardente. Inoltre, l’uso dell’Acqua Benedetta implica quel Segno della Croce che è una forma di esorcismo che tutti i Fedeli compiono senza, purtroppo, rendersene più conto, ma segno di una protezione che proviene dall’Alto e che a suo tempo porterà grandi benefici a chi, con pazienza pur rimanendone fedele, disgraziatamente, dovesse cadere nel peccato. Perché subito il Signore porterà quell’Anima devota, all’esame della retta coscienza e a riconoscere i suoi peccati.

IL TESTO latino-italiano

  • Asperges me, Domine, hyssopo et mundabor,

Lavabis me, et super nivem dealbabor.

  • Miserere mei, Deus, secundum magnam misericordiam tuam.
  • Gloria Patri et Filio et Spiritui Sancto

Sicut erat in principio, et nunc, et semper, et in saecula saeculorum. Amen.

  •  Asperges me, Domine, hyssopo et mundabor,

Lavabis me, et super nivem dealbabor.

  • Ostende nobis, Domine, misericordiam tuam;

– et salutare tuum da nobis.

  • Domine, exaudi orationem meam;

– et clamor meus ad te veniat.

  • Dominus vobiscum.

– Et cum spiritu tuo.

Oremus:  Exaudi nos, Domine sancte, Pater omnipotens, aeterne Deus: et mittere digneris sanctum Angelum tumm de coelis, qui custodiat, foveat, protegat, visitet, atque defendat omnes habitantes in hoc habitaculo. Per Christum Dominum nostrum.

Amen!

in italiano

  • Mi aspergerai, o Signore, con issopo e sarò mondato

Mi laverai, e sarò più bianco della neve.

  • Abbi pietà di me, o Dio,

secondo la Tua grande misericordia.

  • Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo,

come era nel principio, e ora e sempre, e nei secoli dei secoli.

Amen.

  • Mi aspergerai, o Signore, con issopo e sarò mondato

Mi laverai e sarò più bianco della neve.

  • Manifestaci, o Signore, la tua misericordia;

e donaci la tua salvezza.

  • Signore, esaudisci la mia preghiera;

e il mio grido giunga fino a Te.

  • Il Signore sia con voi,

e con il tuo spirito.

Preghiamo:  Esaudisci, Signore santo, Padre onnipotente, eterno Iddio: degnati di mandare dal Cielo il tuo santo Angelo, che custodisca, sostenga, protegga, visiti e difenda tutti gli abitanti di questo luogo. Per Cristo nostro Signore.

Amen.

CLICCA QUI IL VIDEO DEL CANTO ASPERGES....

Ammoniva così San Giovanni Bosco: “… rattrista il vedere tanti cristiani a fare poco o nissun conto della Santa Messa, andarvi di rado, o starvi di mala voglia, ascoltarla volontariamente distratti senza modestia, senza attenzione, senza rispetto, rimanendosi in piedi, guardando qua e là. Ah! sappiano costoro che rinnovano più volte i patimenti del Calvario con grave scandalo degli altri e disonore della Religione.

Per evitare un male così grande entrate con disposizioni di vero cristiano nello spirito di Gesù Cristo, e supponete di vederlo cominciare la sua dolorosa passione, esposto ai più barbari trattamenti per nostra salvezza. Durante la Messa state con modestia e raccoglimento tale che alcuna cosa non sia per disturbarvi. Il vostro spirito, il cuore, i sentimenti vostri non siano ad altro intenti che ad onorare Iddio.” (La Chiave del Paradiso in mano al Cattolico, 1856)

Supplichiamo Sacerdoti e Vescovi a riscoprire il Rito dell’Aspersione per i Fedeli tutti, questo sì che è un nostro diritto, altro che la pretesa di voler ricevere l’Eucaristia nello stato di peccato! Questo è il dovere dei Sacerdoti e Vescovi, aspergere il Popolo di Dio, affinché sia purificato, fortificato e protetto in questa battaglia contro le minacce dei demoni. I Sacerdoti e i Vescovi devono servire i Fedeli insegnando loro l’uso dell’Acqua Benedetta e di portarla nelle proprie case, che da quando ciò non si fa più, Famiglie intere hanno subìto le angherie dei demoni senza accorgersene.  Non si può privare il Popolo di Dio di un dono così grande.

Ai Fedeli tutti consigliamo di prendere una bottiglietta preparata con acqua semplice e dentro un pizzico di sale, chiedere al Sacerdote di benedirla, e portarla a casa. Posta sul comodino, o in salotto magari accanto all’immagine o statua di Gesù e Maria, segnarsi con il Segno della Croce la sera prima di coricarsi, al mattino prima di uscire per andare al lavoro, pregando, ringraziando il Buon Dio di ogni dono e per mettere se stessi e la Famiglia sotto la protezione di Dio e degli Angeli Custodi.

Non facciamoci ingannare da chi va ripetendo che sono “simboli”, abitudini di facciata… così ragionando allora dovremo e potremo eliminare TUTTO a cominciare dai Sacramenti per finire a rigettare, infatti, la stessa Presenza reale nell’Eucaristia di Gesù Cristo nascosto, appunto, dietro le sembianze di un’Ostia, o perché no: eliminare i sacerdoti, i vescovi e pure il Papa, dal momento che i “simboli” si possono modificare.

Ma l’Acqua Benedetta, Santa, NON è un “simbolo”, come non sono simboli i Sacramenti, le benedizioni che con questa vengono fatte, E’ SEGNO SACRAMENTALE. Il Battesimo è infatti INDELEBILE, così come il Matrimonio cristiano è indissolubile. Né è simbolo la Croce o il Crocefisso, MA SEGNI, SONO SEGNI, sono BENI DELLA GRAZIA OPERANTE DI DIO NEL SACERDOTE e attraverso anche i nostri gesti fedeli e di Amore a Cristo, anche in virtù del Battesimo, datore di questi Beni.

Laudetur Jesus Christus









Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 02.26. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com