A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
 
Previous page | 1 | Next page

Che cosa è la Mistagogia

Last Update: 1/2/2018 10:52 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 39,847
Gender: Female
1/2/2018 10:52 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

NOTE



  1. GREGORIO DI NAZIANZOIn lode di Basilio, 43-48, PG 36, 560 a – IDEMSulla Pasqua, 4-5, PG 35, 397 b - LEONE MAGNOOmelia sul Natale del Signore, PL 54, 190-193.

  2. Cf. GIOVANNI CRISOSTOMOCommento al Vangelo di Matteo, PG 5,1. In questo brano il santo dottore insegna che i fedeli dovevano meditare a casa il brano dell’Evangelo letto e meditato la domenica in chiesa, affinché la meditazione mistagogica li nutrisse per l’intera settimana, fino all’ascolto del brano della successiva domenica. Ciò conferma che la mistagogia era duplice:




    • post-battesimale ai neofiti (e non solo)

    • per tutto l’anno: " non appena rientrati a casa vostra, dovreste prendere vangelo e, insieme a vostra moglie e ai vostri figli, rileggere e meditare quanto vi è stato detto… cercate, quindi, di ricordarvi quanto vi abbiamo gi spiegato del vangelo, in modo che (la domenica seguente) si possa passare a illustrare il seguito". Riportato in La Teologia dei Padri, Roma 1975, pag. 139.




  1. IDEMOmelia sulla 1 Tm, PG 5,3.

  2. Per quel che riguarda la mistagogia delle feste dell'anno liturgico e delle altre realtà quali: la celebrazione della Divina Liturgia, il culto della Madre di Dio e dei Santi, la venerazione delle Icone, la preghiera liturgica delle Sante Ore e quella personale esicasta, ecc. esistono validi sussidi a cui ricorrere, tuttavia lasciamo aperto uno spiraglio di speranza per un nostro futuro lavoro.

  3. Eccetto qualche sporadico caso di adulto "extracomunitario" che viene al battesimo, non si può parlare di "Istituto del Catecumenato" nell’Eparchia di Piana degli Albanesi.


    1. Cf. DANIELOU J. – DU CHARLAT R. , La catechesi nei primi secoli, Torino 1969, pag. 43.

    2. PAOLO VI , Evangelii nuntiandi, 41: " L’uomo contemporaneo ascolta più volentieri i testimoni che i maestri, o, se ascolta i maestri, lo fa perché sono testimoni".

    3. FEDERICI T. , La Mistagogia della Chiesa, in Mistagogia e Direzione Spirituale, Roma 1985, pag. 163.

    4. Ibidem.

    5. IPPOLITO: " Tra i Catecumeni vengono battezzati per prima i bambini, di cui prendono le veci, quando si deve rispondere, i genitori o un altro parente" (Ordinamento ecclesiastico, 40,42-46,8).


AGOSTINO: " Il bambino è reso fedele non da un atto volontario della fede, simile a quello dei fedeli adulti, ma dal sacramento della stessa fede (cioè il Battesimo). Poiché, allo stesso modo che il padrino risponde che egli crede, così – il bambino – si chiama fedele per il fatto che riceve il battesimo" (Lettera I a Bonifacio, 98,7-10).


PSEUDO - DIONIGI L’AREOPAGITA: " Al padrino, che garantisce di educare il fanciullo nella vita sacra, il vescovo impone di pronunciare le rinunce e le sacre professioni" (La gerarchia ecclesiastica, 7,11).


Le citazioni sopra riportate sono state estratte dal IV volume de La Teologia dei Padri , Città Nuova, Roma 1975, pagg. 146, 152, 154.



  1. Cf. DANIELOU J. – DE CHARLAT R.o.c., pagg. 65-70.

  2. CIRILLO DI GERUSALEMMELe Catechesi, Alba 1977, pag. 17. I brani citati sono stati estratti da questa edizione.

  3. Cf. PASQUATO O.Catechesi ecclesiologica nella cura pastorale di Giovanni Crisostomo in : Ecclesiologia e catechesi patristica, Roma 1982, pagg. 137- 172.

  4. Cf. GIOVANNI CRISOSTOMOLe catechesi battesimali, Padova 1988. I brani citati sono stati estratti da questa edizione.

  5. Cf. PASQUATO O.o.c., pag. 166.

  6. Cf. GIOVANNI CRISOSTOMOCatechesi VII, 20 e Catechesi X, 21, pag. 18.

  7. Cf. IDEMCatechesi X, 21, pag. 18.

  8. " Quando riceveste l’esorcismo battesimale, veniste come macinati", Discorso 272.

  9. Cf. GIOVANNI CRISOSTOMOCatechesi, VII, 20, pag. 18.

  10. GOAR J.Euchologium sive Rituale Graecorum, Venetiis 1730, rist. Graz 1960, pag. 296

  11. CIRILLO DI GERUSALEMME, II Cat. Mist. , o.c..

  12. Ibidem.

  13. IDEMIII Cat. Mist., o.c.

  14. Il girare attorno indica la dimensione eterna di cui il cerchio è il simbolo. Cf. L’omelia di un antico autore sulla Pasqua (PG 59, 723-724): "L’anno poi è simbolo del mondo, perché è come il cerchio che nel suo girare, ritorna costantemente su se stesso senza trovare termine in nessun punto". E ancora la gioia: cf. il Salmo 25(26),6: "Lavo nell’innocenza le mie mani e giro attorno al tuo altare, Signore.

  15. IRENEO DI LIONECommento al Salmo 64, 14-15, CSEL 22,246.

  16. POEMEN, in: Vita e detti dei padri del deserto, Roma 1997, n° 43, pag. 383.

  17. TEONA, in: Idem, pag. 220.

  18. MORTARI L., nota 42 . pag. 383, in: Vita e dettio.c.

  19. GELSI D., La riconciliazione, in Ephemerides Liturgicae, anno XCVII, 1983, pag. 339.

  20. NICODEMO L’AGHIORITAExomologhêtárion, Venezia 1868, pag. 58.

  21. FORTINO E.La penitenza nella chiesa bizantina, Roma 1987, pag.23

  22. NICODEMOIbidem, pag. 87.

  23. CATECHISMO CHIESA CATTOLICA, Città de Vaticano 1992, n° 1460, pag. 378.

  24. FORTINOIbidem, pag. 23.

  25. Le idee sul peccato visto come alienazione si ritrovano, con qualche differenza, in: FANULI A.Il Cristo che mi piace, Torino 1972, pagg. 9-19, e FORTINO E.La penitenza, o.c. pagg. 7-11.

  26. GIOVANNI CRISOSTOMOOmelia III sulla penitenza, in: La vera conversione, Roma 1980, pag. 122.

  27. CIRILLO DI ALESSANDRIA, Commento al Vangelo di Marco 6,13, in Enchiridion patristicum a cura di M.J. Rouët de Journel, n°2102, Roma 1965.

  28. Cf. AA.VV., Dio è vivoo.c., pag. 305.

  29. Succede oggigiorno per l’unzione dei malati, ciò che accadeva ai tempi del Crisostomo per l’iniziazione sul letto di morte. Ecco come il santo vescovo descrive la scena: "…il grande lamento e il gemito di chi viene iniziato; i bambini che lo circondano piangendo, la moglie che si graffia le guance, gli amici addolorati, i servi in lacrime; tutta la casa ha l’aspetto di un giorno invernale e cupo… In mezzo a tale sgomento e scompiglio entra il sacerdote, più terrificante della stessa febbre e per i parenti dell’infermo più inesorabile della morte. Si pensa infatti che la venuta del sacerdote provochi maggior disperazione che non la voce del medico, il quale dichiara la fine del malato, e ciò che è argomento di vita eterna sembra diventare simbolo di morte". (Catechesi 2, 1), cit. pag. 19-20, cfr. nota 15.

  30. RAVASI G.Secondo le Scritture, anno B, Asti 1995, pag. 231.

  31. Cf. AA.VV., Dio è vivoo.c., pag. 305.

  32. Cf. Ibidem.

  33. Idem, pag. 306.

  34. Cf. SIMEONE DI TESSALONICADe sacro ritu sancti olii, PG 155, 515-536.

  35. Lo stesso avviene quando in Chiesa si presenta qualche fedele per chiedere una particolare benedizione per qualche necessità. Il Sacerdote impone la stola e l’Evangelo sul capo del fedele, leggendo una pericope che riguarda il potere dei discepoli sulle malattie e sui demoni.

  36. Anticamente e presso alcuni popoli orientali, l’anello si porta alla destra.

  37. Alludendo all’azione divina dello Spirito Santo, simbolizzata dal velo, in un manoscritto della biblioteca del Seminario di Piana degli Albanesi, abbiamo trovato che questo doveva essere di colore purpureo.

  38. FORTINO E.Il matrimonio nella chiesa bizantina, Roma 1986, pag. 24.

  39. Alcuni hanno l'abitudine di incorniciare queste corone, ponendo al centro di esse due icone: in quella dell'uomo l'icona del Cristo, e in quella della donna l'icona della Madre di Dio Nelle Chiese Ortodosse e in qualche chiesa Cattolico-Bizantina le corone non le portano gli sposi, ma sono della chiesa dove si celebra il rito. Presso gli Italo-albanesi invece le corone sono di proprietà degli sposi. Non valgono niente, pecuniariamente parlando, perché sono fatte di foglie di alloro e fiori finti, ma per gli sposi valgono tantissimo perché sono cariche di simbolismo e segno della benevolenza del Signore che le ha posto sul loro capo.

  40. FORTINO E.,Idem, pag. 27.

  41. GREGORIO MAGNORegola Pastorale 3,27. Riportato in La Teologia dei Padri, Roma 1975, pag.345.

  42. Rimettere i peccati non significa confessare bensì, nella concezione bizantina, remissione dei peccati coincide con la concezione la salvezza globale dell’uomo.

  43. Cf. AGOSTINODiscorso 46, 29; NBA 29, 772.

  44. IDEM, Discorso 340,1, PL 38, 1483-1484. Cfr. la nota 51.

  45. Dicesi chirotesía una benedizione data con la mano stesa sul capo per conferire una mansione; mentre si definisce chirotonía l’imposizione della mano per conferire il sacramento dell’Ordine Sacro nei suoi tre gradi: diaconato, presbiterato ed episcopato.

  46. Il verbo kélevson, nel greco liturgico, non significa "comanda", bensì "degnati" o "permetti". Corrisponde al latino ecclesiastico: "Iube, Domne, benedicere", cioè: "Degnati, Signore, di benedire", oppure: "Dà il permesso per la benedizione". Il verbo, con questo significato, è riportato in un Apoftegma del padre Teodoro di Ferme: "Il padre Teodoro si trovò un giorno con dei fratelli a Scete. Mangiando, essi prendevano educatamente i bicchieri in silenzio senza dire: ‘’Permetti’’ (Kélevson). E il padre Teodoro disse: ‘’I monaci hanno perso le loro buone maniere, non dicono più: -Permetti-’’". Vita e dettio.c., pag. 210.

  47. Cf. AGOSTINO, Discorso 340, 1, PL 38, 1483-1484: "Prima veniva richiesto l’amore e poi imposto l’onere, perché dove maggiore è l’amore, minore è il peso della fatica".

  48. AA.VV., Dio è vivoo.c., pagg. 308-309.


B I B L I O G R A F I A


 AA. VV.Dio è vivo, Catechismo per tutti, Torino 1989.


AA. VV., La Mistagogia della Chiesa, in Mistagogia e Direzione Spirituale, Roma 1985.


AA.VV.Liturgie et remissione des pechés, Actes de la XX semaine d'études liturgique de St.Serge, Rome 1974.


AMATO A.Il sacramento della penitenza nella teologia greco-ortodossa, Studi storico-dogmatici (secc. XVI-XX), Salonicco 1987.


BOTTE B., La formule d'ordination "La Grâce divine" dans les rites orientaux, L'Orient Syrien, Paris 1957.


CABASILAS N.La vita in Cristo, Torino 1971.


CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA, Città del Vaticano 1992.


COMO D.Battesimo, Unzione Crismale, Eucaristia. Tradizione liturgica e spiritualità delle Chiese bizantine, Palermo 1984.


DABIN P.Le sacerdoce royal des fidèles dans la tradition ancienne et moderne, Bruxelles 1950.


DALMAIS I.H.La Liturgie du mariage dans les Eglises Orientales. Structure, Histoire, Signification. Paris 1957.


DANIELOU J., Platonisme et théologie mystique, Paris 1944.


DANIELOU J. - DU CHARLAT R., La Catechesi nei primi secoli, Torino 1969.


EVDOKIMOV P.Il Sacramento dell'amore, Liscate-Milano 1983.


FANULI A.Il Cristo che mi piace, Torino 1972.


FELICI S. (a cura di), Ecclesiologia e catechesi patristica, Roma 1982.


FORTINO E.L’Iniziazione cristiana nella chiesa bizantina, Roma 1985.


IDEMIl Matrimonio nella chiesa bizantina, Roma 1986.


IDEMLa penitenza nella chiesa bizantina, Roma 1987.


IDEML’Unzione degli infermi nella chiesa bizantina, Roma 1990.


GELSI D., La riconciliazione, in Ephemerides Liturgicae, anno XCVII, 1983.


GIOVANNI CRISOSTOMOLa vera conversione, Roma 1980.


GOAR J.Euchologium sive Rituale Graecorum, Venetiis 1730, rist. Graz 1960.


HANSSENS J. M.Les orations sacramentelles des ordinations orientales, in Orientalia Christiana Periodica XVIII, 1952.


LAMPE G.W.H.A Patristic Greek Lexikon, Oxford 1976.


LIEGE P.A.La Catéchèse: qu'est ce à dire? Essai de clarification, in Catéchèse I/1, 1960.


MANDALA’ M.La protesi della Liturgia nel Rito bizantino-greco, Grottaferrata 1935.


IDEM, Nell’Oriente greco bizantino. Appunti di un viaggio. Palermo 1940.


MERCENIER


MEYENDORFF J.Marriage et Eucharistie in : Messager orthodoxe, n° 49-50, Paris 1970.


RAES A.Le mariage dans les Eglise d'Orient, Chevetogne 1959.


ROUET DE JOURNEL J.Le rite de l'extrême-onction dans l'église gréco-russe, in Revue de l'Orient Chrétien, Paris 1918.


SAUVAGE M.Catéchèse et laicat. Partecipation des laics au ministère de la Parole, Paris 1962.


SIMEONE DI TESSALONICA, De Sacro ritu sancti olii; P.G. 155, coll. 515-536.


VENTURI G.Problemi dell'iniziazione cristiana. Nota bibliografica, in Ephemerides Liturgicae 88, 1974, pagg. 241-270.


ZERNOV N.Il cristianesimo orientale, Roma 1966.


back



Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 11:56 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com