A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
 
Previous page | 1 | Next page

Conferenze sugli scritti di Joseph Ratzinger

Last Update: 1/15/2018 11:33 AM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 39,847
Gender: Female
1/15/2018 9:44 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Risultati immagini per Ratzinger Benedetto xvi



Parte seconda.
Per superare la crisi

1. Cosa è la fede?

Sarebbe dare prova di un inammissibile accademismo attendere che si "sia finito di discutere" prima di promuovere un rinnovamento della catechesi. La vita non aspetta che la teoria sia arrivata alla fine della sua elaborazione; la teoria, piuttosto, ha bisogno delle iniziative della vita, che è sempre "aggiornata". La fede stessa è anticipazione su quanto è attualmente inaccessibile. Così essa lo raggiunge nella nostra vita e conduce la nostra vita a superarsi.

In altri termini: in vista di un giusto rinnovamento teorico e pratico della trasmissione della nostra fede, proprio come in vista di un vero rinnovamento della catechesi, è indispensabile che i problemi appena enunciati siano riconosciuti come tali e condotti verso la loro soluzione. Ora, l'impossibilita in cui siamo di rinunciare alla teoria, sia nella Chiesa che riguardo alla fede, non significa che la fede debba risolversi in teoria, né che dipenda totalmente dalla teoria. La discussione teologica, di norma, è possibile e significativa solo se e perché vi è, in permanenza, una avanzamento del reale. Di questo parla con insistenza la prima lettera di san Giovanni, a proposito di una crisi del tutto simile alla nostra: "Voi avete l'unzione ricevuta dal Santo e tutti avete la scienza" (1 Gv 2,20).

Questo vuole dire: la vostra fede battesimale, la conoscenza che vi è stata trasmessa con l'unzione (sacramentale), sono un contatto con la realtà stessa, che ha, dunque, la precedenza sulla teoria. Non è la fede battesimale che deve giustificarsi davanti alla teoria, ma la teoria davanti alla realtà, davanti alla conoscenza della verità concessa nella confessione battesimale. Alcuni versetti più avanti, l'Apostolo traccia una frontiera molto netta alle esigenze intellettuali che si facevano chiamare "gnosi". Poiché ciò che allora era in causa, era l'esistenza stessa del cristianesimo o il suo riassorbimento da parte della filosofia del tempo. L'Apostolo dice: "E quanto a voi, l'unzione che avete ricevuto da Lui [cioè la conoscenza della fede in comunione di spirito con la Chiesa] rimane in voi e non avete bisogno che alcuno vi ammaestri; ma come la sua unzione vi insegna ogni cosa [la sua unzione, cioè la fede cristologica della Chiesa, dono dello Spirito], è veritiera e non mentisce, così state saldi in Lui come essa vi insegna" (1 Gv 2,27).

Questo passaggio avverte, attraverso l'autorità apostolica di colui che aveva toccato il Verbo incarnato, che i fedeli devono resistere alle teorie che dissolvono la fede in nome dell’autorità della pura ragione. Ai cristiani viene detto che il loro giudizio - quello della semplice fede della Chiesa - ha una autorità più alta di quella delle teorie teologiche, poiché la loro fede esprime la vita della Chiesa, che è al di sopra delle spiegazioni teologiche e delle loro certezze ipotetiche[6].

Ora, con questi rinvii al primato della fede battesimale su tutte le teorie didattiche e teologiche, diamo, in realtà, una risposta completa alle domande fondamentali della nostra esposizione. Per meglio elaborare e approfondire queste vedute, dobbiamo adesso formulare meglio la nostra questione. Per rispondere esattamente, dobbiamo, dunque, chiarire ciò che si deve intendere per fede e per fonte della fede.

L’ambiguità del termine "credere" deriva dal fatto che può indicare due atteggiamenti spirituali diversiNel linguaggio quotidiano, credere significa "pensare, supporre"; questo è un grado inferiore di sapere riguardo a realtà delle quali non abbiamo ancora certezza. Ora, si suppone comunemente che la fede cristiana stessa sia un insieme di supposizioni su argomenti di cui non abbiamo una conoscenza esatta.

Ma una tale opinione manca totalmente il suo obiettivo. Il più importante catechismo cattolico, il Catechismo Romano pubblicato sotto Pio V in seguito al Concilio di Trento - e al quale dovremo sovente ritornare -, in merito al fine e al contenuto della catechesi, che è la somma delle conoscenze cristiane, si esprime, infatti, conformemente a un detto di Gesù riportato da san Giovanni: "E la vita eterna è questa, che conoscano te, solo vero Dio, e Colui che hai mandato, Gesù Cristo" (Gv 17,3)[7].

Dicendo ciò, il Catechismo Romano intende precisare contenuto e finalità di ogni catechesi, e precisa effettivamente, in un modo fondamentale, ciò che è la fede: credere significa trovare e realizzare la vita, la vera vita. Non si tratta di un qualsiasi potere, che sarebbe lecito acquisire o lasciare da parte, ma proprio del potere di imparare a vivere, e di vivere una vita che possa rimanere per sempre. Sant’Ilario di Poitiers, che scrisse nel secolo IV un libro sulla Trinità, ha descritto in modo simile il punto di partenza della sua ricerca di Dio: aveva finalmente preso coscienza che la vita non è donata solamente per morire. Nello stesso tempo aveva compreso che i due possibili scopi della vita, che vengono proposti come il contenuto di vita, sono insufficienti: non mi bastano – egli dice - né il possesso, né il tranquillo godimento della vita. "Beni e sicurezza": di questo la vita non si può accontentare sono ciò che la vita non può accontentarsi di essere, "altrimenti l'uomo ubbidirebbe solo al suo ventre ed alla sua pigrizia"[8].

Il vertice della vita può essere raggiunto solo là dove vi è qualche cosa di più: la conoscenza e l’amore. Si potrebbe dire anche: solo la relazione dona alla vita la sua ricchezza, la relazione con l’altro, la relazione con l'universo. Tuttavia, neppure questa duplice relazione è sufficiente, perché "la vita eterna è che conoscano te". La fede è la vita, perché è relazione, cioè conoscenza che diventa amore, amore che viene dalla conoscenza e che conduce alla conoscenza. Come la fede indica un altro potere oltre a quello di compiere alcune azioni isolate, cioè il potere di vivere, così essa possiede anche, in proprio, un altro campo oltre a quello della conoscenza degli esseri particolari, vale a dire il potere della conoscenza fondamentale stessa, grazie alla quale prendiamo coscienza del nostro fondamento, impariamo ad accettarlo, e grazie a esso possiamo vivere. Il dovere essenziale della catechesi consiste, dunque, nel condurre alla conoscenza di Dio e di Colui che Egli ha inviato, come dice giustamente il Catechismo Tridentino.

Le nostre riflessioni ci hanno fatto descrivere, finora, quello che si potrebbe chiamare il carattere personale della nostra fede. Ma questa è solo la metà di un tutto. Vi è un secondo aspetto che troviamo ancora descritto nella prima lettera di san Giovanni. Al versetto I, l'esperienza dell'Apostolo è definita "visione" e "contatto" con il Verbo, che è Vita e si offrì al tatto facendosi carne. Di qui la missione degli apostoli, che consiste nel trasmettere quanto hanno sentito e visto, "perché anche voi siate in comunione con noi", con questa Parola (1 Gv 1,1-4).

La fede non è, dunque, soltanto un incontro faccia a faccia con Dio e con Cristo: è anche quel contatto che apre all'uomo la comunione con coloro ai quali Dio stesso si è comunicato. Questa comunione - possiamo aggiungere - è dono dello Spirito, che getta per noi un ponte verso il Padre e il Figlio. La fede non è, dunque, solo un "io" e un "tu", essa è anche un "noi". In questo "noi" vive il memoriale che ci fa ritrovare quanto abbiamo dimenticato: Dio e Colui che Egli ha Inviato.

Per dirla in altri termini, non vi è fede senza Chiesa. Henri de Lubac ha dimostrato che l’"io" della confessione di fede cristiana non è l’"io" isolato dell'individuo, ma l’"io" collettivo della Chiesa[9].

Quando io dico: "Credo", significa che supero le frontiere della mia soggettività per integrarmi nell'"io" della Chiesa e, nello stesso tempo, mi integro nel suo sapere, che oltrepassa i limiti del tempo. L'atto di fede è sempre un atto con il quale si entra nella comunione di un tutto. È un atto di comunione con il quale ci si lascia integrare nella comunione dei testimoni, tanto che, attraverso loro, tocchiamo l’intoccabile, udiamo l'inaudibile, vediamo l'invisibile.

Il cardinale de Lubac ha dimostrato anche che noi non crediamo nella Chiesa allo stesso modo con il quale crediamo in Dio, ma che la nostra fede è fondamentalmente un atto compiuto con tutta la Chiesa[10].

Dunque, tutte le volte che si pensa di potere trascurare anche solo un poco, nella catechesi, la fede della Chiesa, con il pretesto di attingere alla Scrittura una conoscenza più diretta e più precisa, si penetra nel campo dell'astrazione. Allora, infatti, non si pensa più, non si vive più, non si parla più in ragione di una certezza che oltrepassa le possibilità dell'io individuale e che si fonda su una memoria ancorata alle basi della fede e derivante da essa; non si parla più in virtù di una facoltà che oltrepassa i poteri dell'individuo; al contrario, ci si butta in quell'altra sorta di fede che è solo opinione, più o meno fondata, su quanto non si è in grado di conoscere. In queste condizioni, la catechesi si riduce ad essere soltanto una teoria accanto ad altre, un potere simile ad altri; essa non può più essere, allora, studio e accoglienza della vita vera, della vita eterna.

2. Che cosa sono le "fonti"?

Considerando la fede in questa prospettiva, anche il problema delle "fonti" si pone in modo diverso. Quando, circa trent'anni fa, tentavo di fare uno studio della Rivelazione nella teologia del secolo XIII, mi sono scontrato con una constatazione inaspettata: infatti, in questa epoca nessuno aveva avuto l'idea di chiamare la Bibbia "la Rivelazione"; così pure ad essa non venne mai applicato il termine di "fonte". Non che allora si fosse tenuta la Bibbia in minore stima di oggi: al contrario, se ne aveva un rispetto assai meno condizionato, ed era chiaro che la teologia non poteva e non doveva essere altro che interpretazione della Scrittura.

È l'idea che ci si faceva dell'armonia tra Scrittura e Vita che era differente. Per questo si applicava la parola "Rivelazione", da un lato, al solo atto - mai esprimibile con parole umane - con il quale Dio si fa conoscere alla sua creatura e, d'altro lato, all'accoglienza con la quale la "condiscendenza" divina diventa percettibile all'uomo in forma di Rivelazione. Tutto ciò che deve essere fissato in parole, dunque la Scrittura stessa, testimonia della Rivelazione, senza essere questa Rivelazione nel senso più stretto del termine.

Solo la Rivelazione medesima è, propriamente parlando, "fonte", una fonte alla quale attinge anche la Scrittura. Se la si distacca da questo contesto vitale della "condiscendenza" divina nel "noi" dei credenti, allora la fede è strappata al suo terreno naturale, per non essere più che "lettera" e "carne"[11].

Quando, molto più tardi, si applicò alla Bibbia il concetto storico di "fonte", si eliminò contemporaneamente la sua capacità interna di superamento, che, ciononostante, appartiene alla sua essenza, e si ridussero pure a una sola le dimensioni della sua lettura. Questa non poteva cogliere altro che lo storicamente verosimile; ma che Dio agisca, ciò non poteva e non doveva più rientrare nelle categorie del verosimile agli occhi dello storico. Se non si considera la Bibbia altrimenti che come una fonte nel senso del metodo storico - cosa che certo essa è anche -, allora lo storico è il solo competente ad interpretarla; ma allora, anche, essa può darci soltanto informazioni storiche. Lo storico si sente in dovere di provare a fare dell'agire di Dio, in un tempo e in un luogo determinati, un’ipotesi inutile.

Se, al contrario, la Bibbia è il condensato di un processo di Rivelazione molto più grande e inesauribile, e il suo contenuto è percettibile al lettore solamente quando costui resta aperto a questa dimensione più alta, allora il senso della Bibbia non ne risulta diminuito. Ciò che, per contro, cambia totalmente sono le competenze della sua interpretazione. Ciò significa che essa appartiene ad un ambito di relazioni, per le quali il Dio vivente si comunica in Cristo mediante lo Spirito Santo. Ciò significa che essa è espressione e strumento della comunione grazie alla quale l’"io" divino e il "tu" umano si toccano nel "noi" della Chiesa attraverso la mediazione di Cristo.

Essa è allora parte di un organismo vivente dal quale trae, per altro, la sua origine; di un organismo che - attraverso le vicissitudini della storia - conserva nondimeno la sua identità e che, di conseguenza, può fare valere, per così dire, i suoi diritti d'autore sulla Bibbia come su di un bene che ad esso appartiene. Che la Bibbia, come tutte le opere d'arte e ben più di tutte le opere d’arte, dica di più di quello che noi possiamo comprendere ora della sua lettera, risulta allora dal fatto che essa esprime una Rivelazione, riflessa ma non esaurita dalla parola.

Si spiega così anche che, laddove la Rivelazione è stata "percepita" ed è ridiventata vivente, ne sia seguita un'unione con la parola più profonda che là dove essa è stata analizzata soltanto come un testo. La "simpatia" dei santi verso la Bibbia, le loro sofferenze condivise con la Parola, la fanno loro comprendere più profondamente di quanto non abbiano potuto farlo i sapienti dell'epoca dei lumi. Questa è una conseguenza del tutto logica. Ma, contemporaneamente, divengono comprensibili sia il fenomeno della Tradizione che quello del Magistero della Chiesa[12].

Che rapporto hanno queste considerazioni con il nostro argomento? Se sono esatte, significano che le fonti storiche devono sempre confluire nella fonte per eccellenza, cioè Dio che agisce in Cristo. Questa fonte non è altrimenti accessibile che nell'organismo vivente che l’ha creata e la mantiene in vita. In questo organismo, i libri della Scrittura e i commenti della Chiesa che spiegano la fede non sono più testimonianze morte di avvenimenti passati, ma elementi portatori di una vita nuova. Là, essi non hanno mai smesso di essere presenti e di aprire le frontiere del presente. Dal momento che essi ci conducono verso Colui che tiene il tempo nella sua mano, rendono anche permeabili le frontiere del tempo. Il passato e il presente si ricongiungono nell'oggi della fede[13].

3. La struttura della catechesi

a. Le quattro parti principali

La coesione interna tra la parola e l’organismo vivente che la trasmette traccia il cammino alla catechesi. La sua struttura appare attraverso gli avvenimenti principali della vita della Chiesa, che corrispondono alle dimensioni essenziali della esistenza cristiana. Così, fin dai primi tempi, è nata una struttura catechetica,il cui nucleo risale alle origini della Chiesa. Lutero ha utilizzato questa struttura per il suo catechismo così naturalmente come lo hanno fatto gli autori del catechismo del Concilio di Trento. Ciò fu possibile perché non si trattava di un sistema artificiale, bensì, semplicemente, della sintesi del materiale mnemonico indispensabile alla fede, che riflette contemporaneamente gli elementi vitalmente indispensabili alla Chiesa: il simbolo degli apostoli, i sacramenti, il decalogo, la preghiera del Signore.

Queste quattro parti classiche e principali della catechesi sono servite per secoli come disposizione e riassunto dell’insegnamento catechetico; esse hanno anche aperto l'accesso alla Bibbia così come alla vita della Chiesa. Vogliamo dire che corrispondono alle dimensioni della esistenza cristiana. E quanto afferma il Catechismo Romano dicendo che vi si trova quanto il cristiano deve credere (simbolo), sperare (Padre Nostro), fare (decalogo), e in quale spazio vitale deve compierlo (sacramenti e Chiesa)[14].

Così diventa percettibile contemporaneamente l’accordo con i quattro gradi dell’esegesi, dei quali si parla nel Medioevo, e che sono anche considerati come una risposta alle domande che si pongono nel corso delle quattro tappe dell’esistenza umana. Vi è, anzitutto, il senso letterale della Scrittura, che si ricava con l’attenzione al radicamento storico degli avvenimenti della Bibbia. Viene poi il senso detto allegorico, cioè l’intuizione e l’interiorizzazione di tali avvenimenti in vista di superarli - quello grazie al quale i fatti storici riportati fanno parte di una storia della salvezza. Vi sono, infine, il senso morale e quello anagogico, che mettono in evidenza come l'agire deriva dall’essere e come la storia, al di là dell'avvenimento, è speranza e sacramento del futuro[15]. Oggi occorrerebbe rifare 1o studio di questa dottrina dei quattro sensi della Scrittura: essa spiega il posto indispensabile dell’esegesi storica, ma delimita altrettanto chiaramente i suoi confini e il suo necessario contesto.

Alla raccolta mnemonica dei contenuti della fede, che rappresentano le quattro componenti principali che stiamo enumerando, presiede, dunque, una innegabile logica interna. Per questo il Catechismo Romano le ha caratterizzate a giusto titolo come i "luoghi della esegesi biblica". Nel linguaggio scientifico e teorico di oggi si direbbe che esso intende considerarle come i punti fissi di una topica e di una ermeneutica della Scrittura[16].

Non si comprende perché oggi si ritenga che questa struttura semplice, esatta tanto teologicamente che pedagogicamente, sia da abbandonare a tutti i costi. Nei primi tempi del nuovo movimento catechetico essa passava per ingenua. Si credeva di dovere edificare a tutti i costi una sistematizzazione cristiana contemporaneamente logica e cogente. Ora, tentativi di questo genere appartengono alla ricerca teologica e non alla catechesi: essi, d'altronde, raramente sopravvivono ai loro autori. All'estremo opposto, si proponeva un’abolizione di qualunque struttura e si affermava la caducità delle scelte fatte in ragione di una situazione contingente: fu una reazione inevitabile agli eccessi del pensiero sistematico.

b. Riflessioni su due problemi di contenuto

Il fine di questa esposizione non è di dare in dettaglio il contenuto di queste quattro componenti principali. Qui si vuole occuparsi solo di problemi di struttura. Non posso nondimeno evitare alcune brevi riflessioni a proposito di due elementi di queste strutture, che mi sembrano oggi particolarmente minacciati.

La nostra Fede in Dio Creatore e nella creazione

Il primo punto è quello della nostra fede in Dio creatore e nella creazione, come elementi del simbolo di fede della Chiesa. Di tanto in tanto compare il timore che una troppo forte insistenza su tale aspetto della fede possa compromettere la cristologia[17]. Considerando qualche presentazione della teologia neoscolastica, questo timore potrebbe sembrare giustificato.

Oggi, tuttavia, è il timore inverso che mi sembra giustificato. La emarginazione della dottrina della creazione riduce la nozione di Dio e, di conseguenza, la cristologia. Il fenomeno religioso non trova, allora, altra spiegazione al di fuori dello spazio psicologico e sociologico; il mondo materiale è confinato nel campo di indagine della fisica e della tecnica. Ora, soltanto se l’essere, ivi compresa la materia, è concepito come uscito dalle mani di Dio e conservato nelle mani di Dio, Dio è anche, realmente, nostro Salvatore e nostra Vita, la vera Vita.

Oggi si tende a evitare la difficoltà dovunque il messaggio della fede ci mette in presenza della materia, e si tende ad attenersi a una prospettiva simbolica: questo comincia con la creazione, continua con la nascita verginale di Gesù e la sua resurrezione, finisce con la presenza reale di Cristo nel pane e nel vino consacrati, con la nostra stessa resurrezione e con la parusìa del Signore. Non si tratta di una discussione teologica di poca importanza quando si situa la resurrezione individuale al momento della morte, negando così non soltanto l'anima, ma anche la realtà della salvezza per il corpo[18]. Per questo un rinnovamento decisivo della fede nella creazione costituisce una condizione necessaria e preliminare alla credibilità e all'approfondimento sia della cristologia che della escatologia.

Il decalogo

Il secondo punto che vorrei sottolineare concerne il decalogo. Fu a causa di una incomprensione fondamentale della critica fatta da Paolo alla Legge che molti sono giunti a pensare che il decalogo, in quanto legge, doveva essere eliminato dalla catechesi e sostituito dalle beatitudini del discorso della Montagna. Si misconosceva così non solo il decalogo, ma anche il discorso della Montagna, come pure tutta la struttura interna della Bibbia. Paolo, al contrario, ha caratterizzato il passaggio dalla Legge al Nuovo Testamento dicendo che "pieno compimento della Legge è l'amore", e per spiegare questo compimento si è espressamente riferito al decalogo (Rom 13,8-10; cfr. Lev 19,8; Es 20,13 ss.; Dt 5,17)[19].
Dove il decalogo è espulso dalla catechesi, viene intaccata la struttura fondamentale di essa. Non vi e più, allora, alcuna introduzione reale alla fede della Chiesa[20].

c. La struttura formale della catechesi

Vorrei terminare le mie riflessioni con due osservazioni sui problemi teologici essenziali, che sono stati oggetto della nostra considerazione nella prima parte dell’esposizione.

Rapporti tra esegesi dogmatica ed esegesi storica

La prima riflessione concerne i rapporti dell’esegesi dogmatica con l’esegesi storica. All'origine del ritorno alla Scrittura che fu in pari tempo un abbandono della catechesi dogmatica tradizionale, vi era la paura che il legame con il dogma non lasciasse vera libertà ad una lettura comprensiva della Bibbia. Il modo con il quale la tradizione dogmatica aveva effettivamente praticato la esegesi scritturistica giustificava ampiamente, infatti, questo timore.

Ma oggi constatiamo che solo il contesto della tradizione ecclesiale mette il catechista in condizione di attenersi a tutta la Bibbia e alla vera Bibbia. Oggi vediamo che solo nel contesto della fede comunitaria della Chiesa si può prendere la Bibbia alla lettera, ritenere ciò che essa dice come realtà attuale, tanto per il nostro mondo di oggi che per la sua storia. Questa circostanza legittima l'interpretazione dogmatica della Bibbia anche da un punta di vista storico: il luogo ermeneutico costituito dalla Chiesa è il solo che possa fare accettare gli scritti della Bibbia come Sacra Scrittura, e le loro dichiarazioni come significative e vere. Vi sarà, nondimeno, sempre una certa tensione tra i nuovi problemi della storia e la continuità della fede. Ma, nello stesso tempo, ci sembra chiaro che la fede tradizionale non costituisce il nemico, bensì il garante di una fedeltà alla Bibbia che sia conforme ai metodi della storia.

Rapporto tra metodo e contenuto della catechesi

La seconda e ultima rif1essione ci fa tornare al problema dei rapporti tra metodo e contenuto della catechesi. Il lettore di oggi può stupirsi che il Catechismo Romano del secolo XVI abbia avuto una coscienza assai viva del metodo catechetico.

Vi si legge, infatti, che importava enormemente sapere se tale insegnamento dovesse essere impartito in questa o in quella maniera. Per questo la catechesi doveva essere esattamente adeguata all'età, alle capacita di comprensione, alle abitudini di vita e alla situazione sociale degli uditori, per essere veramente tutto a tutti. Il catechista doveva sapere chi aveva bisogno di latte, chi aveva bisogno di alimenti solidi, al fine di adattare il suo insegnamento alla capacita di ciascuno.

Lo stupefacente per noi è che il Catechismo Romano abbia lasciato al catechista molta più libertà di quanto non faccia generalmente la catechetica attuale. Infatti, esso lascia all'iniziativa di colui che insegna l’ordine da adottare nella sua catechesi in funzione delle persone e delle circostanze. Esso presuppone anche, è vero, che il catechista viva e faccia sua la materia del suo insegnamento attraverso una meditazione continua e una assimilazione interiore e che - nella scelta del proprio piano - non perda di vista la necessità di ordinarlo in funzione delle quattro componenti principali della catechesi[21].

Il Catechismo Romano non esige certo di prescrivere un certo metodo didattico. Esso dice piuttosto: quale che sia l’ordine scelto dal catechista, noi abbiamo scelto per questo libro la via dei Padri[22]. In altre parole, mette a disposizione del catechista il dispositivo fondamentale indispensabile, come pure i contenuti con cui riempirlo; ma non lo dispensa dal trovare lui stesso quale via sia la più appropriata alla sua trasmissione in una data situazione concreta. Senza alcun dubbio, il Catechismo Romanopresupponeva già, così, l'esistenza di una letteratura di secondo grado, grazie alla quale il catechista poteva essere aiutato nel suo compito, senza che si potessero tuttavia programmare anticipatamente tutte le situazioni particolari.

Questa distinzione di livelli è, ai miei occhi, essenziale. Il guaio della nuova catechesi consiste, in definitiva, in questo: ci si è un poco dimenticati di distinguere il "testo" dal suo "commento". Il "testo", cioè il contenuto propriamente detto di ciò che bisogna annunciare, si diluisce sempre più nel suo commento; ma il commento non ha allora più nulla da commentare, è diventato misura di se stesso, e perde, nello stesso tempo, la sua serietà.

Sono dell'avviso che la distinzione fatta dal Catechismo Romano tra il testo di base (il contenuto della fede della Chiesa) e i testi parlati o scritti della sua trasmissione non sia una via possibile tra altre: essa appartiene all'essenza della catechesi (questo ordinamento di livelli appare chiaramente a partire dal secolo II nella struttura delle relazioni tra simbolo e regula fidei dei trattati catechetici: se il simbolo presenta la parola comune della confessione orante, per contro la regula, che non può essere fissata parola per parola, è una struttura fondamentale dei "capita" del cristianesimo preesistente a ogni maestro, struttura che, a sua volta, è riflessa, concretizzata e applicata alle diverse situazioni nella produzione teologica[23].

Da un lato è al servizio della necessaria libertà del catechista nel trattare le situazioni particolari; dall’altro, essa è indispensabile per garantire l’identità del contenuto della fede. A ciò non si può obiettare che qualunque discorso umano relativo alla fede è già un commento e non più il testo primitivo, perché la Parola di Dio non può mai essere imprigionata nella parole umane. Che la Parola di Dio sia sempre infinitamente più grande di ogni parola umana, più grande anche delle parole ispirate dalla stessa Scrittura, questo non toglie al messaggio della fede il suo volto e i suoi contorni.

Al contrario, questo ci obbliga tanto più alla salvaguardia della nostra fede ecclesiale come un bene comune. È questa che dobbiamo sforzarci di spiegare nelle situazioni sempre mutevoli, con parole sempre nuove, al fine di corrispondere così, attraverso il tempo, alla inesauribile ricchezza della Rivelazione. Credo, di conseguenza, che sia necessario distinguere di nuovo con chiarezza i gradi del discorso catechetico, anche nei libri destinati alla catechesi e al catechista. Ciò vuol dire che bisogna avere il coraggio di presentare il catechismo come un catechismo, affinché il commento possa restare un commento e affinché le fonti e la loro trasmissione possano ritrovare il loro rapporto esatto.

Non saprei trovare migliore conclusione alle mie riflessioni delle parole con le quali il Catechismo Tridentino - che ho spesso citato - descrive la catechesi: "L'intera finalità della dottrina e dell'insegnamento deve essere posta nell'amore che non finisce. Poiché si può ben esporre ciò che bisogna credere, sperare o fare: ma, soprattutto, si deve sempre fare apparire l’amore di Cristo, affinché ciascuno comprenda che ogni atto di virtù perfettamente cristiano non ha altra origine che l'Amore e nessun altro termine che l'Amore"[24].


Note

[1] Cfr. Conferenza Episcopale Francese, La catéchèse des enfants. Texte de reference, Paris, 1980, pp. 11-26; Sinodo Generale delle diocesi della Germania Federale, edizione ufficiale, I.

[2] Cfr. Joseph Ratzinger, Dogma und Verkündigung, München, 1973, p. 70.

[3] Cfr. Idem, Theologische Prinzipienlehre, München, 1982, pp. 334ss.

[4] J. A. Möhler, L'unité dans l'Église, trad. francese di A. de Lilienfeld, Paris, 1938, p. 52.

[5] Cit. in W.-G. Kümmel, Das Neue Testament. Geschichte der Erforschung seiner Probleme, Fribourg/B, 1958, p. 305.

[6] Questa è la posizione fondamentale di sant'Ireneo nel suo scontro con la gnosi, così capitale da essere a fondamento stesso della teologia cattolica e da fondare, in maniera decisiva, la dottrina della Chiesa, che la riceve come tale: cfr. H. J. Jaschke, Der Heilige Geist im Bekenntnis der Kirche, Münster, 1976, pp. 265-294.

[7] Cfr. Catechismo Tridentino, prefazione, n. 10 (N.B. de Gli scritti: la numerazione dell’edizione critica citata dalla conferenza dell’allora cardinal J. Ratzinger non corrisponde alla diversa numerazione dell’edizione tascabile italiana. Il n. 10 della Prefazione secondo l’edizione critica Catechismus Romanus, P. Rodriguez ed., LEV-Ediciones Universidad de Navarra, Città del Vaticano-Barañain/Pamplona, 1989, corrisponde, infatti, nell’edizione italiana Catechismo tridentino, Cantagalli, Siena, 1981, al n. 5).

[8] Sant'Ilario di Poitiers, La Trinità, I, 1 e 2.

[9] Cfr. Henri de Lubac, Paradoxe et mystère de l’Église, Paris, 1967.

[10] Cfr. IDEM, La Foi chrétienne. Essai sur la structure du symbole des apôtres. Aubier-Montaigne, Paris, 1969, 2e ed. 1970, pp. 201-234; cfr. anche J. Ratzinger, Theologische Prinzipienlehre, cit., pp. 15-27; importante e chiarificatore a tale proposito è quanto sottolinea Louis Bouyer, Le métier du théologien, Paris, 1979, pp. 207-227.

[11] A causa di diverse circostanze, fino a ora ho potuto pubblicare solo frammenti delle ricerche fatte a quell'epoca; cfr. J. Ratzinger, Offenbarung - Schrift – Überlieferung, in Trierer Theologische Zeitschrift 67, 1958, pp. 13-27; Idem, Wesen und Weisen der Auctoritas im Werk des hlg. Bonaventura, in Die Kirche und ihre Amter und Stande, Miscellanea cardinale Frings, Köln, 1960, pp. 58-72; si troveranno ugualmente alcune indicazioni nella mia opera Die Geschichtstheologie des hlg. Bonaventura, München, 1959; cfr., per questa problematica, H. de Lubac, Exégèse médiévale, 3 voll., Paris, 1959-1964.

[12] Cfr. P.-G. Müller, Der Traditionsprozess im Neuen Testament, Freiburg/B, 1981, che ha bene dimostrato, con l’aiuto del metodo linguistico, come la Bibbia stessa presupponga questo contesto e possa, dunque, essere letta nella sua prospettiva propria solamente nella misura in cui vi si acceda così; H. Gese, Zur biblische Theologie, Munich, 1977, pp. 9-30, presenta, a questo riguardo, punti di vista importanti e interessanti; sulla Chiesa in quanto soggetto, cfr. Commissione Teologica Internazionale, L'unité de la loi et le pluralisme théologique, Einsiedeln 1973, in particolare il mio commento sulle tesi IV-VIII, pp. 32-48.

[13] Così l’"oggi" e il "domani" della liturgia nel tempo di Avvento e in quello di Quaresima non sono un semplice gioco di parole nella fede, ma, piuttosto, interpretazione della realtà.

[14] Cfr. Catechismo Tridentino, prefazione, n. 12. (N.B. de Gli scritti: la numerazione dell’edizione critica citata dalla conferenza dell’allora cardinal J. Ratzinger non corrisponde alla diversa numerazione dell’edizione tascabile italiana. Il n. 12 della Prefazione secondo l’edizione critica Catechismus Romanus, P. Rodriguez ed., LEV-Ediciones Universidad de Navarra, Città del Vaticano-Barañain/Pamplona, 1989, corrisponde, infatti, nell’edizione italiana Catechismo tridentino, Cantagalli, Siena, 1981, al n. 8).

[15] Cfr. H. De Lubac, Histoire et Esprit. L'intelligence de l'Écriture d'après Origène, Paris, 1950.

[16] Cfr. Il Catechismo Tridentino, prefazione, n. 12, che parla di "quattuor his quasi communibus Sacrae Scripturae locis", "questi quattro luoghi per così dire comuni della sacra Scrittura"; il n. 13 tratta di "prima ilia quattuor genera", "queste quattro categorie prime"; la parola "fonte" interviene quando si dice che ogni enunciato della Bibbia può essere ricondotto a uno di questi "luoghi", ai quali ogni catechista deve ricorrere come alla fonte della dottrina da spiegare in ogni caso, "quo tamquam ad ejus doctrinae fontem [...] confugient" (N.B. de Gli scritti: la numerazione dell’edizione critica citata dalla conferenza dell’allora cardinal J. Ratzinger non corrisponde alla diversa numerazione dell’edizione tascabile italiana. I nn. 12 e 13 della Prefazione secondo l’edizione critica Catechismus Romanus, P. Rodriguez ed., LEV-Ediciones Universidad de Navarra, Città del Vaticano-Barañain/Pamplona, 1989, corrispondono entrambi, infatti, nell’edizione italiana Catechismo tridentino, Cantagalli, Siena, 1981, al n. 8).
Per l’uso della parola "fonte", come pure per la comprensione esatta dei fattori che entrano in gioco nell'insegnamento cristiano, l'osservazione seguente non mi pare priva di importanza; qui, non si considera la Bibbia come fonte, in opposizione alle "componenti principali", "capita", che sarebbero uno schema di organizzazione, ma sono, invece, le "componenti principali" a essere la fonte dalla quale scaturiscono gli enunciati biblici particolari. Il fatto che ciò sia valido per il decalogo nel suo rapporto con i libri legislativi dell'Antico Testamento è stato dimostrato in modo convincente da H. Gese, con i metodi della esegesi scientifica, nel suo fondamentale studio sulla Legge, Zur biblischen Theologie (cit., pp. 55-84). Lo si potrebbe dimostrare ugualmente, non in modo equivalente ma analogo, anche per le altre tre "componenti principali".

[17] Questo timore è ricordato dalla Conferenza Episcopale Francese, La catéchèse des enfants. Texte de référence. cit., p. 37, che sottolinea, per altro giustamente, "che si può parlare cristianamente di Dio creatore soltanto nella luce di Gesù Cristo risorto".

[18] Su questa problematica, cfr. J. Ratzinger, La Mort et l’Au-delà. Court traité d'espérance chrétienne; trad. francese, 1979, e il mio articolo Entre la mort et la résurrection, in Revue catholique internationale Communio, V (1980) 3, pp. 4-19, dove sintetizzo e approfondisco tale problema.

[19] Cfr. anche H. Gese, Zur biblische Theologie. cit.

[20] È merito del testo di riferimento della Conferenza Episcopale Francese avere situato con esattezza l’attualità del decalogo - La catéchèse des enfants. Texte de reference, cit., p. 59 -; così pure è in rapporto con il nostro discorso quanto è detto della catechesi come "processo strutturato sacramentalmente", ibid.. p. 57.

[21] Catechismo Tridentino, prefazione, n. 13: "Docendi autem ordinem eum adhibebit, qui et personis et temporis accomodatum videbitur"; gli altri riferimenti sono alla prefazione, n. 12 (N.B. de Gli scritti: la numerazione dell’edizione critica citata dalla conferenza dell’allora cardinal J. Ratzinger non corrisponde alla diversa numerazione dell’edizione tascabile italiana. I nn. 12 e 13 della Prefazione secondo l’edizione critica Catechismus Romanus, P. Rodriguez ed., LEV-Ediciones Universidad de Navarra, Città del Vaticano-Barañain/Pamplona, 1989, corrispondono entrambi, infatti, nell’edizione italiana Catechismo tridentino, Cantagalli, Siena, 1981, al n. 8).

[22] Ibid., n. 13(N.B. de Gli scritti: la numerazione dell’edizione critica citata dalla conferenza dell’allora cardinal J. Ratzinger non corrisponde alla diversa numerazione dell’edizione tascabile italiana. Il n. 13 della Prefazione secondo l’edizione critica Catechismus Romanus, P. Rodriguez ed., LEV-Ediciones Universidad de Navarra, Città del Vaticano-Barañain/Pamplona, 1989, corrisponde, infatti, nell’edizione italiana Catechismo tridentino, Cantagalli, Siena, 1981, al n. 8).

[23] Per le relazioni tra il simbolo, la regula e la teologia, cfr. H. J. Jaschke, op. cit., passim, ma, in particolare, le pp. 36-44 e 140-147.

[24] Catechismo Tridentino, prefazione, n. 10 (N.B. de Gli scritti: la numerazione dell’edizione critica citata dalla conferenza dell’allora cardinal J. Ratzinger non corrisponde alla diversa numerazione dell’edizione tascabile italiana. Il n. 10 della Prefazione secondo l’edizione critica Catechismus Romanus, P. Rodriguez ed., LEV-Ediciones Universidad de Navarra, Città del Vaticano-Barañain/Pamplona, 1989, corrisponde, infatti, nell’edizione italiana Catechismo tridentino, Cantagalli, Siena, 1981, al n. 5)..



 

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:52 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com