A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

LA TUNICA STRACCIATA (testi di Tito Casini)

Last Update: 1/30/2012 4:25 PM
Author
Print | Email Notification    
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 2:48 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Il titolo: LA TUNICA STRACCIATA esprime già di per se il senso della riflessione riportata in questo spazio...

Tito Casini.... chi era?
interessante che il curatore del sito è:

Fra Pier Damiani Maria obl. O.S.B. Cam. una consolazione dal momento che non si tratta di un laico...

Scriveva così Tito Casini:

I protestanti, ho detto (dimenticando che dovevo dire i «fratelli separati», e di quale fraternità si tratti è palese presentemente in Irlanda), per dire appunto i padri e maestri di questi nostri riformatori da cui essi, come il paggio Fernando della famosa partita, si riconoscono di gran lunga superati, e ricordare ciò che il santo pontefice pur ora citato diceva e prediceva, in quella sua prima enciclica alle soglie del secolo: «L'errore dei protestanti diè il primo passo su questo sentiero; il secondo è del modernismo; a breve distanza dovrà seguire l'ateismo».

Siamo prossimi a questo, all'ultimo stadio, la «morte di Dio», e la Riforma, la «nostra», n'è la propellente: il principio protestante, cuius regio illius et religio, ogni regione la sua religione, ha nel «pluralismo liturgico» - nella legge del culto autonoma, regionale, lingua e riti, rispetto a quella del Credo - il suo equivalente, con la conseguenza che la religione, la vera, la buona, langue in ogni regione, che il pluralismo si risolve in nullismo, avverandosi in tutte, anche in quelle dove il volgare è meno volgare, meno barbaro, ciò che il Marshall scriveva, per i cattolici riformisti, dell'Inghilterra riformata: «Non c'illudiamo: non sarà la liturgia in volgare a far venire gl'invitati al festino di nozze. La Chiesa anglicana canta il più bell'inglese davanti ai banchi più vuoti, mentre il (cattolico) più ignorante in latino intende benissimo ciò che fanno i monaci di Solesmes».

e ancora scriveva profeticamente negli anni '70:

Risorgerà, vi dicevo... [la Santa Messa Tridentina] risorgerà, come rispondo ai tanti che vengono da me a sfogarsi (e lo fanno, a volte, piangendo), e a chi mi chiede com'è che io ne sono certo, rispondo (da «poeta», se volete) conducendolo sulla mia terrazza e indicandogli il sole... Sarà magari sera avanzata e là nella chiesa di San Domenico i frati, a Vespro, canteranno: Iam sol recedit igneus; ma tra qualche ora gli stessi domenicani miei amici canteranno, a Prima: Iam lucis orto sidere e così sarà tutti i giorni.

Il sole, voglio dire, risorgerà, tornerà, dopo la notte, a brillare, a rallegrar dal cielo la terra, perché... perché è il sole e Dio ha disposto che così fosse a nostra vita e conforto. Così, aggiungevo, è e sarà della Messa - la Messa «nostra», cattolica, di sempre e di tutti: il nostro sole spirituale, così bello e santo e santificante - contro l'illusione dei pipistrelli, stanati dalla Riforma, che la loro ora, l'ora delle tenebre, non debba finire; e ricordo: su questa mia ampia terrazza eravamo in molti, l'altr'anno, a guardar l'eclisse totale del sole; ricordo, e quasi mi par di risentire, il senso di freddo, di tristezza e quasi di sgomento, a vedere, a sentir l'aria incaliginarsi e addiacciarsi via via, ricordo il silenzio che si fece sulla città, mentre le rondini, mentre gli uccelli scomparivano, impauriti, e ricomparivano svolazzando nel cielo i ripugnanti chirotteri.

A uno che disse, quando il sole fu interamente coperto: - E se non si rivedesse più? - rammento che nessuno rispose, quasi non si addicesse, in questo, lo scherzo... Il sole si rivide, infatti, il sole risorse, dopo la breve diurna notte, bello come prima e, come ci parve, più di prima, mentre l'aria si ripopolava di uccelli e i pipistrelli tornavano a rintanarsi.

*************************************

Tito Casini era scrittore, magari anche poeta, squisitamente Cattolico che pur rimanendo fedele alla Chiesa non accettò tuttavia gli eventi che susseguirono al Concilio, denunciandoli attraverso questi scritti malinconici se vogliamo, ma anche profetici e poetici... Occhiolino
Scrisse negli anni '30 "Storia Sacra", in tomo di 500 pagine impregnate di Tradizione pura da lui riportata in tono poetico, come si porta un gioiello ad una sposa...

Nato a Cornacchiaia, frazione di Firenzuola, il 23 novembre 1897, da una famiglia di antiche tradizioni rurali e religiose, Tito Casini fin dalle prime classi elementari dimostrò una particolare attitudine alla letteratura.

Nella notizia biografica redatta da Nicola Lisi, in "Antologia degli scrittori cattolici", è definito "Avvocato per la laurea e per gli occhiali a stanghetta, per tutto il resto colto, intelligentissimo montanaro, esaltatore e difensore di tutto ciò che vive e si muove all'ombra dei suo campanile".

Ben presto, infatti, depose la toga di avvocato, una professione che necessitava di compromessi che maL si confacevano al suo carattere, e si unì a un gruppo di scrittori fiorentini, tra i quali Papini, Bargellini, Giuliotti e Betocchi. Insieme fondarono il "Frontespizio", la famosa rivista pubblicata a Firenze tra il 1929 e il 1940. Muore nel 1987.

L'uscita de "La vigilia dello sposo", uno dei libri più gradevoli di Tito Casini, veniva, sul "Frontespizio" del giugno 1930, così salutata:

"E' un diario quaresimale, dove, con squisitezza d'animo l'autore canta, in pulitezza trecentesca di lingua e spontaneità di affetti, la vita liturgica dei periodo di penitenza che precede la Pasqua, armonizzandola in sapiente vigilia ed attesa della Resurrezione, massimo e sublime evento per il cristiano... Lo stile, ravvivato specialmente dal brio e dalla belle proprietà dei parlare toscano, fiorisce spontaneo sotto la penna dei giovane e brioso scrittore, al quale va dato atto di farsi leggere con gusto". Per chi scrive libri è davvero il massimo.

 [SM=g1740717]

Ne "La Tunica stracciata" troviamo così una raccolta di brani, scritti poeticamente, che descrivono di una grande apostasia nella Chiesa a seguire dopo il Concilio...

"sublime" per le parole usate, ma drammatico al tempo stesso è questo racconto della "prima messa riformata di Paolo VI" intilolato: IL GRANDE SACRIFICIO che vi invito  a meditare:

" Non questo, non così egli, Paolo VI, aveva creduto o mostrato di credere - allorché, parlando dalla finestra quel non limpido mezzogiorno del 7 marzo 1965, aveva detto: «Questa domenica segna una data memorabile nella storia spirituale della Chiesa, perché la lingua parlata entra ufficialmente nel culto liturgico, come avete già visto questa mattina. La Chiesa ha ritenuto doveroso questo provvedimento... Il bene del popolo esige questa premura».

E quasi dolendosi, quasi rimpiangendo, al contempo, ciò che si è obbligato a immolare (come Iefte l'amata figlia che ignara del voto paterno gli è venuta incontro festosa con cembali e danze e saputolo gli chiede di poter prima andare con le compagne sui monti a piangere la sua giovinezza): «È un sacrificio che la Chiesa ha compiuto della propria lingua, il latino: lingua sacra, grave, bella, estremamente espressiva ed elegante».

E ancora, ancora e più conscio della gravità di ciò che diceva: «Ha sacrificato, la Chiesa, tradizioni di secoli e soprattutto sacrifica l'unità di linguaggio nei vari popoli...»
Così aveva parlato e scritto il devoto suo antecessore Giovanni, dimenticando la sua nota mitezza per percuotere con le più dure parole e minacce chi avesse parlato o scritto, o lasciato, da Superiore o da Vescovo, che si dicesse o scrivesse in contrario, «contra linguam Latinam in sacris habendis ritibus»; così il suo ascetico predecessore, pio XII; così il forte Pio XI; così tutti i sommi Pontefici - nel loro cognome di «romani» - con ragioni e sanzioni come quelle che la Veterum Sapientia confermava poc'anzi nel nome stesso della civiltà universale... Tutti, fino a lui, e d'essere stato lui a spezzar la catena, a chiuder la tradizione, a privar la Chiesa di quella sua «propria lingua», pareva non essere interamente tranquillo, come di un cambiamento che i fatti avrebbero potuto giustificare o condannare: «Questo per voi, fedeli... e se saprete davvero...»

Aveva visto da sé, poche ore innanzi, nell'àrribito di una chiesa, che cosa comportasse nell'àmbito della Chiesa il sacrificar, col latino, «l'unità di linguaggio nei vari popoli».
Vari popoli, d'Europa e d'altre parti del mondo, riconoscibili al colore, all'accento, alla foggia degli abiti, erano infatti casualmente presenti, quella mattina, nella chiesa d'Ognissanti, in via Appia Nuova, dov'egli s'era portato a celebrar la sua prima messa riformata. Erano stranieri, di religione cattolica, affluiti per diporto a Roma ai primi richiami della primavera in arrivo, e si trovavano lì per assolvere il precetto festivo; ma, differentemente dal loro solito di ferventi cristiani, essi se ne stavan lì muti e come smarriti, stranieri, anche lì, tra quei pur fratelli di fede ch'erano i fedeli romani, dai quali li separava, precisamente, ciò che prima li univa, li affratellava; e il Papa sentiva con pena, pena di padre comune, il loro silenzio, le loro mancate risposte ai suoi auguri, detti in lingua italiana, che il Signore fosse con essi, che il Signore desse loro la pace; li sentiva, li vedeva assenti, quasi dissenzienti, quando nella lingua degli italiani diceva ciò che nella lingua di tutti si era detto - o cantato, nelle dolci universali note del gregoriano - fino a stamani: ... unum Deum... unum Dominum... unam Ecclesiam... conforme al monito dell'Apostolo: ut unanimes, uno ore honorificetis Deum... Con pena aveva sentito, il Papa, quel loro muto lamento: Extraneus factus sum fratribus meis, et peregrinus filiis matris meae, avvertendo com'egli stesso, il padre, si fosse, così, fatto loro straniero e pellegrino, in quella Roma patria spirituale di tutti.

Con pena aveva così visto e sentito - in quella sua prima messa dalla brutta denominazione di «riformata», che nei paesi di molti fra quegli stranieri equivaleva a «protestante» - i primi effetti del «sacrificio» detto poi in quel discorso, la rinunzia della Chiesa alla sua univocità, temendone di conseguenza quello dell'unanimità...

Con pena, e si tradiva nel tono stesso della sua voce: voce di chi dubita, entro sé, dubita di ciò che afferma: voce che si fece sicura, giulivamente sincera, allorché, terminando, disse: «Noi pregheremo la Madonna, la pregheremo ancora in latino», e in latino intonò il Saluto dell'Angelo, a cui si uni, dalla piazza, la folla cosmopolita, fatta, per quella comune lingua, non più di stranieri gli uni agli altri, ma di fedeli, di credenti, gli uni agli altri fratelli.




LA TUNICA STRACCIATA [SM=g1740720]


[SM=g1740739]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 3:03 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Tito Centi, maggio 1972

Ritorno in campo (sul Divorzio approvato e profezia della legge sull'aborto)


Ritorno in campo, con la penna che amerebbe tornare ai campi, ai suoi georgici ozi di un tempo, sotto il colpo di una sconfitta della Chiesa quale quella che farà «storica», come giustamente detta dai vincitori, la data del 12 maggio.
Sconfitta, rotta, di una gravità tale, per quello che vi ha logicamente portato e quello a cui può logicamente ancora portare, che sarebbe incoscienza starsene come Titiro sub tegmine fagi a sonar la zampogna, o discorrer con Mecenate sul quid faciat laetas segetes, quo sidere terram eccetera eccetera, lasciando che le cose vadano per il loro verso: il verso senza fondo del male, dell'abisso che non cessa d'invocare di cateratta in cateratta l'abisso.

«Chi non ha una spada venda il mantello e la compri...»
 Fu nell'ora del tradimento che Gesù disse ai suoi queste parole, ed è in questa, è fra i clamori di una vittoria di cui i nemici della Chiesa si riconoscono con ragione debitori soprattutto ai suoi traditori, ai suoi Giuda: è in quest'ora di smarrimento e di abbattimento per gli sconfitti, mentre quelli già non nascondono, nel loro tripudio, di voler ancora avanzare (e l'aborto non è che il primo ulteriore balzo in programma); è in questa scoperta, dichiarata intenzione di nuovi assalti, contro questa minaccia di temibili nuovi travolgimenti per la Chiesa, che il monito di Gesù torna come non mai imperioso per chi vuol esser dei suoi: Qui non habet emat gladium: chi crede s'armi e combatta.


Chi crede sa, deve sapere, che nella Chiesa non c'è posto per i «pacifisti» («Ogni cristiano», scrisse Pèguy «è un soldato»), non sono ammessi gli «obbiettor», lavorano per i suoi nemici i «neutrali». «Chi non è con me», Egli dice, «è contro di me», e: «Non crediate ch'io sia venuto a portar la pace sulla terra: non sono venuto a portar la pace ma la spada: sono venuto, infatti, a dividere» (com'era ed è logico che fosse e sia finché sulla terra s'opporranno Satana e Dio) ed è stata la dimenticanza di questo, è stata l'«apertura», è stato l'«irenismo», verso tutti gli errori (contro la carità per gli erranti), è stata la gelosa premura di non passar per «integralisti», ossia per integralmente cattolici, la raccomandata attenzione di non parlar di «crociata», è stata, col tradimento, questa nostra vigliaccheria che ha dato loro la vittoria, frutto di una loro crociata condotta con un integralismo senza scrupolo di mezzi e d'uomini per cui s'è visto la plutocrazia porger la mano al marxismo, i detestati liberali trescare coi comunisti, la massoneria puttaneggiar con preti e con frati, ridendo di noi, meno preoccupati, si sarebbe detto, di vincere che di distinguerci, e con disprezzo, da chi per amor di patria, in difesa della famiglia italiana, combatteva la nostra stessa battaglia.

Salvo questi, e l'eccezione li onora, si è visto così ancora una volta avverarsi ciò che un grande arcivescovo, il cardinale Dalla Costa, scriveva a proposito d'altri similari connubi: «Le divergenze tra partito e partito, tra fazione e fazione, possono esser molte ma l'accordo perfetto ci sarà sempre fra tutti quando si tratti di avversare la religione. Si potrebbe purtroppo affermare che l'anticlericatismo imprime il carattere».

La religione val quanto dire la Chiesa, ed era a questo, all'umiliazione di essa, che si mirava: questo spiega il calore, l'«embrassons-nous» fra gente di fé cosìdiversa, questa la base del giolito per la vittoria, subito e non senza significato festeggiata a Porta Pia, quella da cui i nemici del Papa erano entrati in Roma.

Lo ha dichiarato per tutti, appena saputo l'esito, uno di quelli in cui il carattere è più marcato. «Il senatore a vita Pietro Nenni», scrive sul Giornale d'Italia Alberto Giovannini (non senza ricordar l'orologio di papa Giovanni avuto in dono da papa Paolo, e si poteva aggiunger la tonaca di frate rivestita nel papale convento lateranense), «ha avuto, col voto di ieri, la più grande soddisfazione della sua vita. E il vecchio mangiapreti romagnolo è esploso all'annunzio della grande vittoria divorzista. " Hanno voluto contarsi - egli ha detto - hanno perduto. Questa è la sorte dei Comitati civici e dei fascisti. Questa è la sorte della Chiesa"».

La contentezza per questa nostra «dura e inequivocabile sconfitta» ha dato alla testa a Fortuna (il socialista compadre col liberale Baslini del divorzio, in attesa di copulare allo stesso modo per l'aborto) tanto che attribuendone in gran parte il «merito» ai cattolici che si è detto, nominatamente, per tutti, il dom Franzoni, non si è tenuto dall'esclamare: «Se fossi papa gli darei una medaglia»

A parte gli egurgiti dell'ebbrezza per la vittoria, resta ch'essi, i nemici interni ed esterni della Chiesa, han vinto: resta che la nostra sconfitta è stata davvero «dura e inequivocabile», e che sarebbe illusione pensare che si fermino al Piave, per dirlo in termini italiani, le conseguenze di Caporetto: alla moltitudine dei bambini resi orfani dal divorzio cominceran tra poco ad aggiungersi gli uccisi, legalmente uccisi, prima di nascere: uccisi in sinu matrum suarum, a domanda di queste, destinando al cesso, in casa, o, in clinica, al «sacco dei rifiuti umani per l'inceneritore», ciò che doveva esser per la culla.

Sconfitta e dura, ripetiamolo, battaglia inequivocabilmente perduta, questa del 12 maggio per le are e i fuochi, ma non per questo dobbiam dolerci dì averla voluta, e non perché una bella causa è bella anche se sconfitta, anche se l'opposta, la vincitrice, piacque agli dèi («non è necessario», secondo il motto di Guglielmo d'Orange, «credere nella vittoria per combattere con onore») e non mi riferisco, qui, alla prima ragione, quella del dovere compiuto, conforme a ciò che il Notiziario, il bollettino dei combattenti, ha scritto (nulla di più bello in tutta la sua gloriosa campagna) dopo avere, appunto, preso atto della sconfitta: «Mai, come in questo periodo, abbiamo avvertito in noi - e negli altri tredici milioni di italiani che hanno votato sì - la grande pace, la grande gioia, che dà la certezza di avere compiuto, sino in fondo, il proprio dovere... Siamo tranquilli, ora, che le centinaia di migliaia di vittime del divorzio dei decenni a venire - le donne sacrificate dall'egoismo degli uomini, i figli sacrificati dall'egoismo dei genitori - grideranno vendetta non nei nostri confronti, ma nei confronti di coloro (e sono vari milioni) la cui coscienza diceva che dovevano votare si e hanno invece votato no... Sono questi vari milioni di traditori della loro coscienza che soprattutto ci fanno pena».

Siamo tranquilli, per il dovere compiuto, e quanto a me io aggiungo un'altra ragione per cui, pur avendo dubitato dell'esito, pur avendo temuto ciò ch'è avvenuto, non vorrei che si fosse rinunziato a combattere; aggiungo, parlando da cattolico, che la sconfitta, che questa grave umiliazione è utile, è provvidenziale per noi se varrà a scuoterci, a farci aprir gli occhi e sorgere in piedi. È per questo che io - piccolo oscuro fantaccino di un grande e glorioso esercito come quello che mi arrolò allorché un vescovo impresse col sacro crisma sulla mia fronte quell'indelebile «segno» - lascio per anche arbusti e mirici, lascio ciò che non omnes iuvant e torno a combattere.

Torno nel decennale di una data che fu purt definita «storica» per la Chiesa, e mi stupisco che non si sia celebrato, come e non senza correlazione con questo 12 maggio. A celebrarla, a concelebrarla, questa decennale ricorrenza, avrebbero potuto esser loro, i vincitori della battaglia divorzista, insieme ai vincitori della «battaglia riformista»: quella, appunto, di cui diciamo, che dieci anni fa, con quel titolo, duce un Annibale cui nomen omen per chi ricordi l'affricano, trionfò di Roma, la Roma dei credenti, la Roma «onde Cristo è romano», proscrivendone la lingua e il rito.

Avrebbero potuto, stante l'analogia fra le due cose: la frattura dell'unità familiare, rappresentata là dal divorzio, e quella dell'unità religiosa, in seno alla famiglia cattolica, cui si è tolto, con la Riforma, di poter chiamare e acclamare a una voce «una voce dicentes», fra l'uno e l'altro polo, in unione col cielo, l'unico Dio.

Avrebbero potuto, perché da questo «divorzio», dallo scempio dell'unità in chiesa - nella lex orandi, base e cemento dell'unità nella Chiesa, nella lex credendi - han tratto origine tutti gli altri scempi, di cui godono, in ciò amici, i suoi svariati nemici: origine tutte le divisioni e le aberrazioni, tutti i mali che moltiplicandosi, in un decennio, con la rapidità delle cellule cancerose, han fatto si che si potesse autorevolmente parlare di «decomposizione del cattolicismo», e da quella che doveva essere l'alba di una fulgida «giornata di sole nella storia della Chiesa», provenir ciò che le medesime labbra avrebbero denunziato quale «il fumo di Satana entrato da qualche fessura nel Tempio di Dio».


[SM=g1740720]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 3:26 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Perchè ho postato, in evidenza, in questa sezione dedicata alla Liturgia Cattolica, il "diario" di Tito Casini ?
Perchè lo dice lui benissimo che dallo scempio liturgico sono sopraggiunti tutti gli altri mali....come riportato nel testo precedente:

Avrebbero potuto, perché da questo «divorzio», dallo scempio dell'unità in chiesa - nella lex orandi, base e cemento dell'unità nella Chiesa, nella lex credendi - han tratto origine tutti gli altri scempi, di cui godono, in ciò amici, i suoi svariati nemici: origine tutte le divisioni e le aberrazioni, tutti i mali che moltiplicandosi, in un decennio, con la rapidità delle cellule cancerose, han fatto si che si potesse autorevolmente parlare di «decomposizione del cattolicismo», e da quella che doveva essere l'alba di una fulgida «giornata di sole nella storia della Chiesa», provenir ciò che le medesime labbra avrebbero denunziato quale «il fumo di Satana entrato da qualche fessura nel Tempio di Dio».

e NOI, IO, gli credo, a distanza di 40 anni e con al Riforma di Benedetto XVI possiamo dire che Tito Casini fu davvero profeta e un attento osservatore dei SEGNI...[SM=g1740733] non giudicando mai le persone, ma descrivendo semplicemente ciò che vedeva...
Nelle sue parole, spesso appunto malinconiche, non troverete mai inni all'odio o alla vendetta, al contrario, un invito costante a:

...aggiungo, parlando da cattolico, che la sconfitta, che questa grave umiliazione è utile, è provvidenziale per noi se varrà a scuoterci, a farci aprir gli occhi e sorgere in piedi. È per questo che io - piccolo oscuro fantaccino di un grande e glorioso esercito come quello che mi arrolò allorché un vescovo impresse col sacro crisma sulla mia fronte quell'indelebile «segno» - lascio per anche arbusti e mirici, lascio ciò che non omnes iuvant e torno a combattere.

[SM=g1740734] quanti di noi, oggi, CRESIMATI, siamo in grado di tenere così alta la testa a colui che,  definito dalle Scritture il grande seduttore[SM=g1740732] , continua ad ingannare e a portare i cattolici ancora oggi a criticare la Riforma di Benedetto XVI atta a debellare gli errori che in questi 40 anni furono compiuti?

Leggiamo ancora (i testi sono uno dietro l'altro come appunto un Diario) 

Follia in san Pietro (quando un folle aggredì la Pietà di Michelangelo, deturpandola, Tito Casini avverte l'evento come un segno...)

 «Il jet respinge il martellatore».

Così, nel decimo anniversario di quel 7 marzo (che né da quella finestra né da altri amboni si è in alcun modo celebrato)-(parla dell'abolizione dell'antico Rito -nota mia [SM=g1740733] ), mi avvien di leggere in un giornale romano, a capo di una notizia che mi ha fermato e colpito ricordandomi, appunto, per simbolica analogia, tale data.

«Il comandante del jet», così il quotidiano, «che avrebbe dovuto trasportare a Sidney il martellatore della Pietà, ha rifiutato di ospitare a bordo il poco gradito ospite...
Così il volo 256 della Compagnia di bandiera australiana è stato effettuato, con sensibile ritardo sull'orario previsto, senza LazIo Toth. Il geologo ungherese sarà ancora, dunque, nostro ospite, a Farfa Sabina, nel locale campo profughi, in attesa di un prossimo imbarco. Il Toth in edizione 1975 non è molto diverso da quello che avemmo la ventura di conoscere il 21 maggio del 1972, allorché, in San Pietro, colto da un improvviso raptus, rabbiosamente, a colpi di martello, infierì contro la commovente opera michelangiolesca. Né, quel che conta, sembra di molto mutato il suo "carattere ": i due anni e mezzo dalla condanna trascorsi nei manicomi giudiziari di Aversa e di Castiglione delle Stiviere non sembrano avere modificato di molto né i suoi umori né le sue idee... Ha ripetuto che nella Vergine egli tentò di colpire la Chiesa Cattolica nel suo insieme. Di diverso c'è soltanto, nelle sue farneticazioni, che Roma " è la città di Satana ": una definizione nella quale potremmo anche concordare, senza arrivare a quelle sue estreme conseguenze... È stato dichiarato indesiderabile dal nostro Paese e dal suo Paese d'origine, l'Ungheria. La sua destinazione ultima è l'Australia. Fra pochi giorni dovrebbe finalmente partire. Incontrarlo, dà una sensazione di pena indecifrabile e, in qualche misura, di sorpresa: come un piccolo uomo, sia pure in preda alla follia, abbia potuto levare la mano contro una creatura gigantesca come la Pietà».

***

Pena e sorpresa... È ciò che, dopo dieci anni, ancora e di più proviamo per lo strazio che a cominciare da tale data si è fatto e - «gradatamente», martellata dopo martellata - si va facendo della Liturgia: di quel capolavoro cui ha posto mano e cielo e terra, fatto perché gustassimo già in terra il cielo e ce ne invogliassimo: di quell'opera senza autore che s'identifica con la Chiesa, come ben vide nel suo delirio il martellatore volendo appunto, nella Pietà, colpire la Chiesa: la Chiesa di cui la Vergine, la Pulcherrima mulierum, è madre e per cui piange, oggi, e chiama a pianger con lei, quasi quei colpi, quelle martellate rinnovassero in lei la passione patita già sul Calvario: O vos omnes qui transitis per viam, attendite et videte...

O vos omnes... La repulsione del comandante del jet per lo sfregiatore della Vergine, simbolo per lui della Chiesa, il suo rifiuto di portarlo e quello della sua stessa patria di riceverlo può ben simboleggiare l'universalità della riprovazione per lo sfregio fatto alla Chiesa stessa nel suo volto di orante, riprovazione condivisa, non fosse che nel puro amore del bello, da quelli stessi che alla Chiesa non appartengono. Resta per tutti la domanda del giornalista «laico» nei riguardi della Pietà, «come un piccolo uomo», un Bugnini (per dire in uno, il principale, tutta la banda dei guastatori) abbia potuto osare e far tanto; e la risposta, la spiegazione, per il credente va ricercata nel «fumo» detto da Paolo VI: «il fumo di Satana entrato per qualche fessura nel Tempio di Dio».

L'Apocalisse parla di questo «fumo» pullulante su dall'Inferno mentre nel cielo «per medium coeli», passa il grido - «vae! vae! vae!» - premonitore dei grandi mali venturi: «Aprì il pozzo dell'abisso e salì fumo dal pozzo come fumo di gran fornace, e s'oscurò il sole e l'aria per il fumo del pozzo. E dal fumo del pozzo uscirono locuste sulla terra, e fu dato loro un potere, come l'hanno gli scorpioni della terra...»

Siamo forse a quei giorni? Sta forse per avverarsi ciò che Pio X deduceva dai «segni del tempo» nel quale egli iniziava il suo pontificato? «... Chi tutto questo considera bene ha ragione di temere che siffatta perversione di menti sia quasi un saggio e forse il cominciamento dei mali che agli estremi tempi son riservati: che già sia nel mondo il figlio di perdizione di cui parla l'Apostolo. Tanta infatti è l'audacia e l'ira con cui si perseguita da per tutto la religione, si combattono i dogmi della fede e ci si adopera sfrontatamente a estirpare, ad annientare ogni rapporto dell'uomo con la Divinità! In quella vece - ciò che appunto, secondo il dire del medesimo Apostolo, è il carattere proprio dell'Anticristo - l'uomo stesso, con infinita temerità, si è posto in luogo di Dio, sollevandosi soprattutto contro ciò che chiamasi Dio: per modo che, quantunque non possa spengere in sé interamente ogni notizia di Dio, pure, manomessa la maestà di Lui, ha fatto dell'universo quasi un tempio a se medesimo per esservi adorato. Si asside nel Tempio di Dio mostrandosi quasi fosse Dio"».

Ut in templo Dei sedeat
, e a entrarvi gli è giovata quella «fessura», quella piccola crepa in forma di limitata eccezione - «adhiberi licet» - a favore del «pluralismo», aperta nell'unità del pregare: «fessura», crepa, che alle mani dei martellanti riformisti s'è allargata, spalancata via via, dandovi in breve tempo l'accesso a un pluralismo di arbitrî così arbitrari, a un'alluvione di errori e di orrori tali che lo stesso Paolo VI già si chiedeva poco dopo quello «storico» 7 marzo se la liturgia, così ridotta, potesse ancora cosìchiamarsi, «si hoc nomine adhuc appellari potest», ne denunziava le «torbide sorgenti», l'accusava di «demolizione dell'autentico culto cattolico», dicendola infesta «alla stessa religione cristiana», effetto e causa di sovvertimenti dottrinali, disciplinari e pastorali tali da esigerne la condanna «non solo per lo spirito anticanonico e radicale che gratuitamente professa, ma per la disintegrazione religiosa ch'essa fatalmente porta con sé».

Fatalmente, ed era nell'ordine della logica: di quella logica cui il celebre canonista di Magonza richiamava scrivendo, ai primi attacchi dell'eresia riformista: «Si pensa di poter difendere la rocca della Dottrina cedendo la spianata davanti, che è la Liturgia; ma è proprio sulla spianata che si deciderà la battaglia». E un pastore protestante, manifestando a un sacerdote cattolico il suo stupore per un cedimento, da parte nostra, come quello del latino: «una Chiesa che abbandona la sua lingua cultuale abbandona se stessa. Essa sottopone non solo la sua lingua ma anche la sostanza della Fede, di cui questa lingua è l'eccipiente e il veicolo, alle variazioni e ai mutamenti che di continuo implica l'evoluzione linguistica. Il contenuto della Fede non sarà per questo meglio compreso, ma, al contrario, non lo sarà più affatto».

Applicando in tutt'altro campo - quello sportivo - un ragionamento del genere, un giornalista della Nazione, Sergio Maldini, scriveva, a proposito delle Olimpiadi di Monaco:
«Quando una liturgia muore, anche una religione muore un po' insieme».

Ed è per contribuire a salvare quanto della Liturgia non è morto, è perché la Pietà sia restaurata e difesa dai nuovi accessi della follia, è per questo, è per la Chiesa, che con la Liturgia s'identifica, che occorre resistere allo scoramento e combattere.[SM=g1740739]
Dentro la «rocca», ormai, l'indomani di una battaglia perduta al seguito del cedimento della «spianata», come quella contro il divorzio, rivendicato nel nome di una libertà, di un «pluralismo» nel credere, conseguente alla libertà nel pregare.

[SM=g1740722] [SM=g1740734] [SM=g1740720]

[Edited by Caterina63 5/22/2009 3:37 PM]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 4:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Le termiti

Tornare a combattete comporta per me riprendere in mano quel mio non so se più famoso o famigerato libretto col quale già scesi in campo e ognun sa come accolto: quella Tunica stracciata (oggi avrei potuto scriver: «fatta a brandelli»), che ho infatti riaperto ritrovandomici... profeta.

Profeta, ahimè, di sciagure, come l'Atride apostrofava Calcante perché da lui rimproverato dell'oltraggio fatto alla Divinità nella persona del sacerdote padre della bella Criseide (e buon per essi, i greci, cui il rimprovero di Ulisse e il tradimento di Sinone fu salutare permettendo loro di sopravvivere e, presa la spianata, entrate nella rocca troiana, mentre a me non si è riconosciuto, per ciò che in quelle mie pagine volli difendere, altro che la libertà di piangere, come il figlio di Anchise: «O patria, o Divûm domus Ilium...» o come gli ebrei super flumina BabyIonis al ricordo di Sion).

Profeta di sciagure, alle quali non è un conforto l'averle presentite e predette, ma che può esser utile ricordare quando ciò giovi ad ammaestramento e ravvedimento.

Si era nel 1966, a pochi mesi da quel 7 di marzo, e la Riforma era ai suoi primi passi (il padre Balducci diceva ancora, almeno fino al prefazio, la sua messa in latino e portava ancora la tonaca!) quando io scrivevo: «Non da oggi, ma oggi più chiaramente, le nostre orecchie avvertono la presenza di termiti nelle travature della Chiesa: termiti laicistiche, modernistiche, marxistiche, protestantiche, che allegramente rosicchiarlo, disintegrano, distruggono, al coperto di una dichiarata intenzione, da parte dei custodi, di non condannare nessuno, o almeno di farlo a bassa voce, riservando le condanne e la voce forte e il disprezzo a chi come noi depreca l'andazzo e lancia, appunto, l'allarme...»

L'allarme fu dato e ridato invano (da me e da altri con voce più autorevole della mia, senza contare la più autorevole: quella, già riferita, del Papa) e le termiti continuarono a rodere, con crescente voracità, sempre favorite dai custodi, i vescovi, la gerarchia, che rimangiandosi per conto loro ciò che in materia di lex orandi avevano solennemente legiferato in Concilio («Linguae latinae usus in ritibus latinis servetur»), parevano aver solo orecchi a percepire e voce a richiamare se a qualche prete scappasse ancora di bocca, nei riti latini, un Dominus vobiscum, tanto peggio se in gregoriano, paghi e beati come dovevan essere dei loro sostitutivi, quei nuovi testi «in vernacolo» che con tutto il rispetto per i loro autori mi rammentano i plebei sanniti delle Forche Caudine che per beffeggiare, mentre passavan sotto il giogo, i vinti romani, «vernacula faciebant», dice lo storico, con la bocca e le mani.

Continuarono, le termiti riformiste, a distruggere, a polverizzare, avanzando e producendo, nelle armature della Fede, schianti e sconvolgimenti siffatti da dar lo spettacolo - come pur detto da Paolo VI - di una Chiesa «in autodemolizione»: demolizione, cioè, ab intus, dall'interno della Chiesa stessa, a opera di ecclesiastici gareggianti nel prendersi e nel concedere libertà tali che l'anarchia è, in paragone, un modello di ordine e di disciplina, e i protestanti, eruditi e scottati dalla loro storia, ci guardano con occhi sgranati chiedendoci e chiedendosi se Lutero si sarebbe sognato si potesse arrivare a tanto dietro il suo «libero esame».

I protestanti, ho detto (dimenticando che dovevo dire i «fratelli separati», e di quale fraternità si tratti è palese presentemente in Irlanda), per dire appunto i padri e maestri di questi nostri riformatori da cui essi, come il paggio Fernando della famosa partita, si riconoscono di gran lunga superati, e ricordare ciò che il santo pontefice (san Pio X) pur ora citato diceva e prediceva, in quella sua prima enciclica alle soglie del secolo:
«L'errore dei protestanti diè il primo passo su questo sentiero; il secondo è del modernismo; a breve distanza dovrà seguire l'ateismo».

Siamo prossimi a questo, all'ultimo stadio, la «morte di Dio», e la Riforma, la «nostra», n'è la propellente: il principio protestante, cuius regio illius et religio, ogni regione la sua religione, ha nel «pluralismo liturgico» - nella legge del culto autonoma, regionale, lingua e riti, rispetto a quella del Credo - il suo equivalente, con la conseguenza che la religione, la vera, la buona, langue in ogni regione, che il pluralismo si risolve in nullismo, avverandosi in tutte, anche in quelle dove il volgare è meno volgare, meno barbaro, ciò che il Marshall scriveva, per i cattolici riformisti, dell'Inghilterra riformata: «Non c'illudiamo: non sarà la liturgia in volgare a far venire gl'invitati al festino di nozze. La Chiesa anglicana canta il più bell'inglese davanti ai banchi più vuoti, mentre il (cattolico) più ignorante in latino intende benissimo ciò che fanno i monaci di Solesmes».

Nemo Papirium impune lacessit: nessuno oltraggia impunemente, senza conseguenze, la tradizione, e ricordo l'invasione di Roma da cui l'origine del detto, per ricordare in mia difesa non il Marco Manlio salvatore del Campidoglio ma le oche: le oche che coi loro schiamazzi lanciarono ai dormienti l'allarme. Che i capitolini, nel caso nostro, della Roma nostra, cattolica, non si scuotano - quando non colludano con gl'invasori - è ragione per me non di desistere ma d'insistere, di gridare, di vociar più forte, come faccio con queste mie nuove pagine, con nuova o maggior molestia di chi deve sentire.

Praedica, insta, argue, obsecra, increpa, come l'Apostolo raccomandò a Timoteo e ripetè al mio omonimo suo più caro discepolo: loquere, exortare et argue, con una aggiunta, nemo te contemnat, che nessuno ti disprezzi, che se avvenisse, nei miei riguardi, ancora il contrario (magari per questo prender come dette a me cose dette al mio Santo) non dovrei troppo addarmene, vuoi perché non mi riconosco io stesso, nell'esortare e nell'arguire, un campione di cortesia, vuoi per ciò che un nostro Cardinale, a cui la porpora simboleggia ancora il dovere di servir Dio usque ad effusionem sanguinis, diceva a un laico, Eric de Saventhem, il fondatore dell'Una voce: che per ostare alla disgregazione (l'«autodemolizione») in atto e in potenza nella Chiesa al sèguito delle «direttive riformatrici in funzione», il cristiano deve battersi fino alla morte.
«Le chrétien doit se battre jusqu'à la mort» - pago, aggiungo per me, se nella sua pochezza non gli sarà dato di effondere che un po' d'inchiostro.

[SM=g1740720]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 4:15 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

"Quando crollano i pilastri"


Battiamoci, dunque e comunque, seguitiamo a batterci - con la penna, se d'altro non siam capaci - mentre il nemico avanza le proprie tende sempre più addentro nella Chiesa, favorito dal sonno, dall'ignavia, dal tradimento dei difensori, dietro la cortina, la foschia che il fumo di Satana spande di più in più densa e venefica.

Battiamoci, seguitiamo a batterci, contro lo scoramento che può tentarci, alle volte, ita ut taederet nos etiam vivere, contro il pacifismo che Pascal condannava in quella sua perentoria maniera: «Non è evidente che, come è un delitto turbare la pace dove regna la verità, sarebbe egualmente un delitto rimanere in pace quando si distrugge la verità?»

Una domanda che si farà un non cattolico (il pastore protestante Courthial), desideroso e impedito d'esserlo proprio da questo nostro irenismo tutto abbracci e baci con tutti fuori che con chi è per la verità: «Si tratta forse di essere gentile e "caritatevole" quando la parola di Dio è transustanziata, trasformata, "demitizzata" al punto che le si fa dire il contrario di quello che dice? È forse il caso di essere gentile e "caritatevole" quando si tratta dell'onore della Sposa di Cristo e della salvezza delle anime? Si tratta forse di essere gentile e "caritatevole" quando soffrono tanti fedeli, feriti, urtati, scandalizzati da coloro che dovrebbero essere i loro pastori?»

Sappiamo d'esser con la Cattedra seguitando a batterci, non ammaliati dalle sirene di questa falsa carità sorridente a tutti i nemici della Chiesa, dai massoni ai marxisti - sostanzialmente amici fra loro, all'occasione fratelli - e solo torva a chi si batte per lei, come non si era mai visto prima di questi giorni, di questo Concilio di cui tutti gli errori, tutte le nuove o rinnovate eresie rivendicano la paternità.

«San Pio X», scrive nel suo libro Per un Cristianesimo autentico il vescovo di Campos Antonio de Castro Mayer, «considerava una delle caratteristiche del Modernismo una tolleranza estrema verso i nemici della Chiesa, e un'aspra intolleranza per coloro che difendono energicamente l'ortodossia».

Energicamente
, che comporta la possibilità, il rischio di trascendere, ma, continuava in proposito lo stesso sommo santo pontefice, «ma, in piena battaglia, chi potrebbe a buon diritto far grave colpa ai difensori se non dirigono con precisione matematica i loro colpi?» Questa era la risposta che dava anche San Girolamo a coloro che gli rimproveravano l'ardore, molte volte aspro e impetuoso, contro gli eretici e i miscredenti del suo tempo»; e ancora: «tra i pericoli che minacciano la Chiesa da tanti lati, non è consigliabile condannare eccessivamente gli sbagli dei difensori e scoraggiarli per qualche piccolo eccesso».

Parole, sarei tentato di dire, che mi riguardano, per via di quel mio tale libretto; come quest'altre scritte al mio arcivescovo illius temporis in difesa di un giornale che combatteva nei suoi propalatori la febbre modernista allora al suo primo stadio: «È ottima cosa rispettare le persone, ma nessuno vorrebbe, per amore di pace, si giungesse a compromessi, e che, per evitare disaccordi, si falsasse anche di poco la vera missione de L'Unità Cattolica, che è di vegliare sui principi e di essere la sentinella avanzata che dà l'allarme e sveglia i dormienti».

Vae mihi quia tacui! e per non incorrere in questa minaccia - supposto ch'essa riguardi anche chi lasci arrugginir nell'ozio una penna con cui potrebbe parlare - io considero anche a me rivolto il grido della santa senese, dottore della Chiesa: «Basta col silenzio! Gridate con centomila lingue! Io vedo che a forza di silenzio il mondo è imputridito». [SM=g1740721] [SM=g1740722]

A me l'ammonimento scritto in quelle sue lettere di fuoco quando la parola «irenismo» ancora non esisteva: «Voler vivere in pace è spesso la più grande crudeltà, Quando un tumore è maturo bisogna inciderlo col ferro e cauterizzarlo col fuoco».

A me la domanda e la risposta del leone francese (il Bloy) i cui ruggiti hanno svegliato a salvezza tanti dormienti: «Che pensereste voi della carità di un uomo che lasciasse avvelenare i suoi fratelli per la paura di rovinare, avvertendoli, il prestigio dell'avvelenatore? lo non voglio una simile corona di carboni ardenti sulla mia testa, e da lungo tempo ho preso la mia decisione».

Era bene il timore di una simile rovente «corona» che faceva dire a Pio X, nella Pascendi: «Tacere non conviene più se non vogliamo sembrare infedeli al Nostro più sacro dovere, e se non vogliamo che la bontà usata finora, nella speranza di un cambiamento, sia tacciata di oblio della Nostra carica». E dobbiam credere che tali parole fossero, con tale timore, nella mente di Paolo VI allorché ricevendo in fronte, il 30 giugno 1963, la corona di gerente in terra di Dio, diceva: «Noi resisteremo con tutte le forze a questa irrompente negazione... Noi riprenderemo con somma riverenza l'opera dei Nostri Predecessori: difenderemo la Santa Chiesa dagli errori di dottrina e di costume, che dentro e fuori dei suoi confini ne minacciano l'integrità...»

Dobbiam crederlo, e credere che ancora vi siano, anche se la speranza nel cambiamento sembra talora spingere la sua bontà fino a obliare lo scettro che insieme alla corona gli fu pur dato, a nome di Dio, per governare, per reggere con mano forte la Chiesa e il mondo.

Se la parola «irenismo» è nata sotto il suo pontificato, egli non l'ha, tuttavia, legittimata né adottata, e ripetutamente ha avvertito di guardarsi dai suoi pericoli, dalle sue seduzioni, con parole come queste che vale rileggere da una sua grande Allocuzione in San Pietro (21 gennaio 1971) di cui non si è tenuto conto facendosi precisamente all'opposto (Eirene, eirene: pace con tutti a tutti i costi!) salvo che nei riguardi, torniamo a dire, di quelli che vi han creduto, vi credono e vorrebbero vi si credesse, credendo in una sola Chiesa:
 l'Unam Sanctam Catholicam et Apostolicam del Credo:
«Ora una parola ai cattolici... Essi devono, innanzi tutto, conservarsi fedeli e sicuri; non devono dubitare della loro Chiesa, la Chiesa cattolica... Il suo Credo, il suo rapporto con Cristo, il suo culto, il suo tesoro sacramentale e morale, la sua struttura istituzionale, la sua definizione dottrinale e pratica, in una parola, non devono essere messi in causa. Non ne abbiamo il diritto. Sarebbe venir meno ad una nostra irrinunciabile responsabilità verso Cristo, verso gli stessi Fratelli separati, se per trovare un terreno d'intesa noi mettessimo in dubbio la nostra autentica professione cattolica, o rinunciassimo alle sue esigenze impegnative. L'irenismo, l'intesa puramente pragmatica e superficiale, le semplificazioni dottrinali e superficiali, l'adesione ai criteri da cui furono causate le separazioni che ora lamentiamo non produrrebbero che illusioni e confusioni; resterebbe nelle nostre mani una parvenza del nostro cattolicesimo, non la sua vita, non il Cristo vivo, che porta con sé».

Resterebbe ciò che un di quelli (un anglicano, D'Assac), preoccupato per quello che avviene da noi, scriveva, col titolo «Quando crollano i pilastri della Cristianità», sul Times: «e anche Roma dovesse permettere la sollecitazione dei dubbio perderebbe una grande parte della sua forza d'attrazione... E il suo attaccamento all'antica fede, mentre il mondo non sa più in che cosa credere, che fa la sua forza. La qualità monolitica, la immutabilità, l'apparente immobilità sono tutto ciò che più profondamente attira uno spirito moderno, turbato dal crollo intorno a sé di ogni fede... il mio concetto della Chiesa romana dipende dalla sua fedeltà al Credo degli Apostoli e dei Martiri. Ogni indebolimento di questa fedeltà, sia in nome dell'ecumenismo sia per qualche concessione alle idee moderne, mi indicherebbe che Roma ha fatto molto più che prendersi la malattia protestante. Sarebbe piuttosto come se la ridotta della Cristianità fosse stata travolta e rovesciata dalla tempesta»

È l'angoscia. La desolazione di un altro, che, sentendo lo squallore del Protestantesimo in cui ha creduto, e avendo cominciato a «scoprire le magnificenze della Messa romana nel momento in cui i cattolici sembrano volerle perdere», chiede a un sacerdote (Joachim Zimmermann, di Düsseldorf): «Cosa accadrà? Sono diventato uno straniero nella mia Chiesa e non potrei più ormai ormai trovare asilo nella vostra».

Tragica domanda per noi, che potremmo, quel giorno, sentirci rimproverare di non aver dato in casa nostra ospizio all'errante, perché non più riconosciuta da lui.


[SM=g1740720]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 4:39 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Dal mio amico Chisolm[SM=g1740717]

“Gli disse per la terza volta: "Simone di Giovanni, mi ami?". Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli dicesse: Mi ami?, e gli disse: "Signore, tu sai tutto; tu sai che ti amo". Gli rispose Gesù: "Pasci le mie pecorelle.”

Probabilmente, Gesù sa che non basta un solo sì per divenire pastore e, per questo, lo chiede per tre volte a Pietro, come a dire: “ma sei sicuro? Non è che poi ci ripensi? Oh, tieni presente che le pecore sono le mie…”
E, invece, qualche pastore, ogni tanto si dimentica che pasce, o dovrebbe farlo, pecore non sue ma che gli sono state affidate: è sempre così, una sorta di usucapione della fede: pasci per venti o trent’anni le pecore del Padrone che, automaticamente, dopo tale tempo esse divengono tue.

E allora ci si sente esclusi, pecora non gradita con la voglia di saltare il recinto: sì, perché la parabola della pecora smarrita lascia altre interpretazioni. Può smarrirsi la pecora da sola o può smarrirla per negligenza il pastore stesso.
Per questo, c’è differenza tra pastore e Buon Pastore.
Per questo la pecora “riconosce la Sua voce” e la segue, sia che essa passi per l’umiliazione che il Giusto stesso ha provato, sia che si conceda alla grazia di un sorriso giunto al momento giusto.
Il Signore, talvolta rincuora con piccole cose e, al momento giusto, chiederà conto delle sue pecore… E lo farà senza sorridere neanche un po'.

Chisolm


[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]

...e riprendiamo così Tinto Casini:

"La malattia protestante"

«Molti protestanti si preoccupano vedendo quello che accade nella Chiesa Romana».
Cosi, in un suo recente volume, l'anglicano Jacques Loncard, ed è un rilievo, come da lui fatto da tanti altri, prima e dopo, che dovrebbe far tremare (se ancora ne son capaci, essi che non potendo abolir quel giorno, hanno abolito, perché non ci si pensi, il Dies irae) gl'impresari, grossi e piccini, della Riforma, i curatori, primati e ordinari, della Chiesa, che, affetti dì neomania o veterofobia, l'hanno alterata, deformata, con trapianti e trasfusioni innaturali alla sua costituzione, cosìda renderla irriconoscibile, nonché agli estranei, ai suoi propri figli, e da oggetto d'invidia farne oggetto di compassione: Haeccine est urbs perfecti decoris...? Questa è la città della perfetta bellezza...?

Quanto ai figli, gli effetti disgregatori della Riforma son da dieci anni sotto i nostri occhi e nei nostri cuori: chi non ha ceduto alla tentazione staccandosi da quella che fino a ieri gli fu gioia amare e servite, si consola nella speranza che tale potrà essergli ancora o potrà essere ai suoi; quanto agli estranei... auguro all'amico del già mio amico Papini di aderire all'invito pubblico di Paolo VI: «Aspettiamo sempre Giuseppe Prezzolini», ma comprendo la sua risposta, il suo «se»: che non sarebbe, ad attrarlo, la Chiesa d'oggi, tutta protesa a cambiare, a, «rinnovare le strutture, le forme o le formule, come vogliono i nuovi o arretrati cattolici che farebbero bene a chiamarsi protestanti»; non sarebbe questa odierna Chiesa tutta impegnata «nella gara dei benefici sociali e delle forme politiche», curando meno il suo proprio compito, quello di «fare degli uomini buoni».

Non molto diversamente da lui, Augusto Guerriero, colui che ha cercato e non ha trovato, conclude un suo lungo studio su certe odierne ricerche d'ordine religioso, scrivendo: «Non vi sono che due vie: o la teologia con Dio o l'ateismo».
La prima di queste è la tradizionale, cattolica, l'altra è quella dei «nuovi teologi», sostanzialmente protestanti, che attraverso il modernismo, più o meno tortuosamente, come vide Pio X, conduce appunto all'ateismo.

È questa finale, questa estrema logica conseguenza della «malattia protestante», inoculata nella Chiesa dai bacilli del riformismo, che preoccupa i protestanti, i sofferenti costituzionali del morbo, desiderosi di guarirne e perciò orientati già con speranza verso il Cattolicismo. «Ho molta paura che i cattolici si trasformino in riformati», scrive ancora uno di loro, parlando dei nostri riformisti; e chi, al contrario, da riformato senza inquietudini, gode di ciò, avverte i correligionari che non è ancora il momento di stendersi sugli allori, che c'è ancora da fare, che i cattolici, per quanta strada abbian fatto, col Concilio e dopo il Concilio, incontro a chi li definì «sciocco bestiame» e «porci schifosi» (che fu Lutero, se ci è permesso di ricordarlo), non sono ancora del tutto rinsaviti o decircizzati, non del tutto, tutti, ancora, riformati, sul loro modello.

«È fuori di dubbio», scriveva su Le Monde (11 ottobre 1972) Roger Mehl, «che il Concilio Vaticano II, malgrado le resistenze e le esitazioni che hanno sottolineato l'attuazione delle sue decisioni, ha soddisfatte molte richieste che erano quelle dei riformatori del sedicesimo secolo».
E continua, citando fra i molti alcuni esempi: «L'aver messo la Bibbia al centro della fede, l'uso della lingua locale come lingua liturgica, l'accento posto sulla predicazione della parola, le riforme tendenti a declericalizzare il governo della Chiesa, tutto ciò è nella linea della Riforma e annulla la Controriforma, a tal punto che certi oppositori cattolici non esitano a denunciare la protestantizzazione della loro Chiesa».

Prosegue, scusando e non scusando l'inclinazione dei suoi a deporre le armi credendo di poter issar stilla cupola di San Pietro la bandiera della vittoria: «Si capisce, in queste condizioni, che teologi protestanti possano fare questo ragionamento: - L'intenzione della Riforma non era di fondate un'altra Chiesa ma di riformare l'unica Chiesa. Le Chiese della Riforma non costituiscono dunque un fine a sé, non hanno da difendere ad ogni costo la loro autonomia. Se Roma s'impegna sulla via della Riforma, il cómpito delle Chiese della Riforma non ha raggiunto il suo scopo? - No, egli risponde, d'accordo con un altro, Bernard Reymond, il quale «nota con perspicacia tutti i segni che annunciano la nascita di un "neo-cattolicesimo"; ma ritiene, da una parte, che non è certo che questo orientamento nato dal Vaticano Il prevarrà realmente in seno al cattolicesimo e, d'altra parte - e soprattutto - che "tutte queste riforme, per positive che siano, non rimettono in causa il dogma fondamentale del cattolicesimo cioè l'infallibilità della Chiesa", per cui conclude che le Chiese della Riforma conservano oggi ancora la loro vocazione primaria, non essendo ancora state tutte soddisfatte le vere richieste della coscienza cristiana: la piena libertà di coscienza, il diritto all'errore dottrinale, l'abbandono di ogni sacramentalismo, la democratizzazione della Chiesa, il pluralismo teologico e, per colmare la misura, la fine della Chiesa istituzionale».

Non ancora, pur se il desiderio fa sembrare quasi raggiunta la meta.
Non ancora, ed è quanto dire che il Montesquieu, nel predire il tempo «in cui non vi saranno più protestanti perché non vi saran più cattolici», risulta, almeno per il presente, troppo ottimista.
Noi sappiamo con certezza che quel tempo non verrà mai, anche se l'assottigliarsi del numero - il numero di coloro la cui divisa, la cui carta d'identità è pur sempre quella: Christianus mihi nomen, Catholicus cognomen sembra quasi esiger che ci contiamo.


[SM=g1740720]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 5:54 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Dal testo precedente riprendo il finale:

Noi sappiamo con certezza che quel tempo non verrà mai, anche se l'assottigliarsi del numero - il numero di coloro la cui divisa, la cui carta d'identità è pur sempre quella: Christianus mihi nomen, Catholicus cognomen sembra quasi esiger che ci contiamo.[SM=g1740734]


lo riporto perchè è alla base del Regolamento del Difendere la Vera Fede:
Perchè "Difendere la Vera Fede" ?

ci chiedavamo con il fondatore e amico Teofilo nel lontano 2001?
e trovammo qui la risposta:

«Questa è la fede cattolica; chi non la crede fedelmente e fermamente non potrà essere salvo»(28); o si professa intero, o non si professa assolutamente. Non vi è dunque necessità di aggiungere epiteti alla professione del cattolicesimo; a ciascuno basti dire così: «Cristiano è il mio nome, e cattolico il mio cognome»; soltanto, si studi di essere veramente tale, quale si denomina.

"AD BEATISSIMI APOSTOLORUM" di Papa Benedetto XV
www.vatican.va/holy_father/benedict_xv/encyclicals/documents/hf_ben-xv_enc_01111914_ad-beatissimi-apostolorum...

      


Ci fa piacere che con Tito Casini siamo stati sempre sulla stessa lunghezza d'onda anche quando non conoscevamo questi suoi testi, a dimostrazione che i veri Cattolici PARLANO LA MEDESIMA LINGUA E SI COMPRENDONO...i cattolici modernisti NON comprendono più la VOCE DELLA CHIESA, seguono piuttosto la loro idea di Chiesa, seguono la loro immagine di Cristo  e si illudono di ascoltare la voce del Buon Pastore che si esprime SOLO ATTRAVERSO LA CHIESA....che se Egli dovesse parlare a qualcuno che fosse FUORI della Chiesa, sempre dalla Chiesa proviene la sua Voce PER RICONDURRE LA PECORELLA SMARRITA ALL'OVILE....[SM=g1740717] [SM=g1740720]


[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]
LA "CONTA" (Tito Casini qui descrive in quale modo si soffre per la Buona Battaglia e denuncia la complicità dei pastori e di alcuni frati e sacerdoti nell'aver appoggiato chi sosteneva la legge sul Divorzio)

Contarsi, contare le proprie forze, come conviene prima d'imprendere una guerra, sia di conquista o di riscossa, ed è Gesù che ce ne ammonisce (con una di quelle immagini che gli aggiornatori ecclesiastici, democratici e pacifisti, radierebbero volentieri dalle pagine del Vangelo, come han radiato dalla Messa il «Dio degli eserciti» e riveduto le parole del Centurione): «Quis rex iturus committere bellum, non sedens prius cogitat si possit cum decem millibus occurrere...?»

Mi riferisco, qui, alla guerra di riscossa, necessitata per i cattolici dalla sconfitta del 12 maggio, e contarsi vuol significare, qui, scegliere, distinguere, separare i forti dai vili, i fidi dagl'infidi, i sinceri dai falsi, gli atti e gl'inetti a combattere, a somiglianza di ciò che il grande capitano dei Giudici fece per ordine di Dio prima di attaccar Madian: «Il Signore disse a Gedeone: "Hai con te troppa gente e Madian non sarà dato nelle loro mani... Parla pertanto al popolo e in modo che tutti ascoltino ordina: Chiunque è pauroso e timido se ne vada». Così si fece, e i rimasti parvero ancora troppi al Signore, che ordinò di sceglier fra loro quelli che, condotti al fiume, non si sarebbero chinati, cosìindugiando, per bere, ma avrebbero portato con le mani l'acqua alla bocca. Così fu fatto, e i pochi di Gedeone, i trecento che non avevano curvato il ginocchio, vinsero quelli di Madian «sparsi per la valle come una moltitudine di locuste».

Contarsi, distinguersi... È ciò che il Gedeone torinese più amico dei madianiti che degli ebrei - ha proibito nella battaglia del referendum, con una «notificazione» in difesa dei cattolici che avrebbero votato contro l'abrogazione del divorzio: notificazione per cui si è guadagnato dal vaticanista Benny Lai la lode di «uno dei più aperti vescovi italiani», tenuto conto poi dei suoi sforzi in Cei per aprire anche gli altri vescovi, raccolti a fin di stilare una loro notificazione in senso contrario, e, fallito in questo, il suo abbandono della sala per non si sa quale suo impellente bisogno, al momento di votarla.

Del suo pensiero e desiderio s'era d'altronde già reso interprete un altro compagno, quello per cui il compagno Fortuna proponeva al Papa la medaglia al merito: il già «dom» Franzoni, che uscendo euforico dal suo palazzo e dal suo abbraccio durante il suo ecumenico giro di propaganda per il divorzio, dichiarava per conto di lui che il «no» era lecito, ch'egli, il Primate, assolveva e benediceva tutti, oves et boves (con intuibile predilezione per i bovi), in armonia con gli altri pastori della sua regione ecclesiastica[SM=g1740732] , degnamente rappresentati dal nostro Camara, quel Bettazzi d'Ivrea la bella da le rosse torri, cui la medaglia potrebbe essere appuntata al petto, bene a sinistra, da quello delle Botteghe Oscure, a meno di non voler scomodare, per un così piccolo seppur zelante pastorello, il pastor supremo, il sommo pontefice del Cremlino.

L'avversione del cardinale per la «conta dei cattolici» era ben anche già nota a proposito dei protestanti, come ricorda chi lesse, tempo addietro, la sua sfuriata contro chi aveva osato scrivere che questi non eran quelli, o quelli non eran questi e per esser questi dovevano cessar d'esser quelli, cessare, cioè, d'essere eretici, acattolici e anticattolici, e riprendere la via della casa, «la casa della verità cattolica, che è la Chiesa».

Al contrario di chi disse così - e fu papa Giovanni - il Cardinale scrisse, infatti: «Il protestante che si converte non ha da rinnegare il proprio passato; non dobbiamo dire che (i protestanti) devono tornare alla Chiesa», lasciando quasi intender che tocca a noi, cattolici, convertirci, a noi rinnegare il passato, a noi tornare alla Chiesa, alla casa paterna, a noi inginocchiarci pentiti e supplici ai piedi di Lutero.

Così avviene purtroppo, ed è ciò che in tanti modi e circostanze va ripetendo a Roma, da Papa, chi, da arcivescovo, lamentò già a Milano: «Non ci si converte, ci si lascia convertire»; e l'inversione è continuata, da allora, a un ritmo che preoccupa (o rallegra), come s'è visto, gli stessi protestanti, né si tratta più, ormai, d'invertiti confessionali, dal cattolicismo al luteranismo, dall'unica Chiesa a una delle circa trecento partorite via via dalla feconda Riforma, ma dalla fede all'agnosticismo... all'indifferentismo... all'ateismo.

A dar man forte, nella questione della «conta», al presule suo diocesano, in appoggio alla pariglia Fortuna-Baslini, s'è prestato (per rimanere in Piemonte) il fratel Carretto, con un'autorità e un rendimento che non si sa quante medaglie gli si dovrebbero dare in premio, considerato anche il sacrifizio che gli dev'esser costato lasciare il Sahara e i poveri Beduini per venire in Italia a lavorar con Agnelli per il divorzio: glielo riconosce la Stampa, di Agnelli, anche se non allusiva al grido di dolore - «Se sapessi, Padre, che cosa ho sofferto!» - con cui comunica all'arcivescovo la sua decisione. Autorevole, ho detto, questa, come nessun'altra poteva essere, perché, per prenderla, egli non è andato all'Isolotto da Enzo, non a Sotto il Monte da Turoldo né alle Tre Fontane da Giovanni, per dire alcune fra le più celebri trombe della banda ecclesiastico-divorzista: no, egli è andato, direttamente, da Gesù, in chiesa, e «dopo una notte di preghiera» (come riferisce, appunto, pensate con che edificazione, il quotidiano della Fiat), gli ha chiesto: «Tu, Signore, per chi voti?» (proprio così, com'egli stesso ha confidato alla Stampa), e Gesù... mica gli ha risposto, Gesù, che il voto è segreto... Gesù gli ha risposto che lui votava, con Agnelli, per Fortuna-Baslini ossia per il divorzio.
 
Proprio così (come il medesimo al medesimo giornale del 7 maggio) e non senza dirgliene il perché ossia i perché, tanti da far sembrar d'essere coi più arrabbiati divorzisti alla Tribuna del Referendum: sentitene alcuni:
«Io voto no, perché mi vergognerei di votare si davanti alle famiglie che oggi sono divise... Io voto no perché voglio essere dalla parte dei peccatori... Voto no perché voglio stare dalla parte dell'amore e non della legge... Sono stufo della legge... Voto no»
(infine, e nella certezza che gli antidivorzisti, i non stufi della legge, sarebbero stati, come difatti, sonoramente battuti), «perché spero che dopo una buona lezione ricevuta sarà l'ultima volta che noi cattolici oseremo ancora presentarci in pubblico come difensori di un passato compromesso e senza l'affiato della profezia e dell'amore per l'uomo» (donna compresa, si capisce, e Fortuna si sarà fregato le mani, già pensando all'aborto).

Convinto, afflatato, da tanti e tanto validi argomenti, fratel Carretto avrà pur voluto far, con Gesù, come il vicario delle monache con la Gertrude manzoniana, «la parte del diavolo» (nel caso, del Papa), obbiettandogli che la legge di cui era stufo era pur la sua, di Gesù, e perciò della Chiesa (Quod Deus coniunxit eccetera eccetera); obbiettandogli che con lui Carretto, «piccolo fratello di Gesù», erano, per il divorzio, i grandi «fratelli» della Loggia, per nulla parenti di lui Gesù, anzi suoi dichiarati nemici, non meno dei marxisti, in questo loro buoni compagni; obbiettandogli che il Concilio l'ha pur definito, il divorzio, lues, «piaga sociale»; obbiettandogli che l'indissolubilità aveva avuto i suoi confessori e i suoi martiri, come quel Moto (l'nglese, da non confondersi con l'italiano!) che in difesa della legge aveva sacrificato la testa...

A tutti questi e ogni altro contro-argomento Gesù aveva risposto ribadendo la sua opzione per il «no», con una sicurezza e una forza tali che il fratel Carlo aveva potuto infine pregarlo di scender lui stesso, il 12 maggio, non dico proprio in cabina a tracciar lui il segno, ma nella coscienza degl'incerti, degli esitanti fra la sua legge (di prima) e la legge Fortuna-Baslini: «Per questo spero che Tu terrai bene nelle tue la mano di chi, semplice povero, non cercherà votando di appoggiarsi al potere» (non badando che il potere appoggiava, con la Fiat, precisamente il divorzio).

Da ciò la lettera, «con preghiera di pubblicazione», al giornale di Agnelli: lettera che, riportata, come previsto, o prestabilito, da tutti gli altri fogli, foglietti, fogliuzzi, fogliolini della campagna pro-no; che letta e riletta da tutti ì pulpiti, cantata e ricantata da tutti gli amboni del divorzismo, ha portato, ha convogliato all'ammasso tante carrettate di «no», di voti per il divorzio, da farlo vincere e stravincere: voti in gran parte, forse in maggior parte, di cattolici che han creduto per questo di poter esser tali e antitali, cattolici e anticattolici, di poter accordare il «Sì» dell'altare col «no» della scheda, il rigetto della fede nuziale senza quello della fede battesimale.

Quelli gli sono stati grati, per questo: egli ha ricevuto da loro la sua mercede: mercede di lode, dì fama, di risonanza... che potrebbe anche non escludere una bella mercedes, se, avendo lavorato in comitanza con la Fiat, questa non gli volesse far dono di una sua millecento.

( Attenzione... dopo questi fatti descritti da Tito Casini, manca questo aggiornamento: fratel Carretto fece PUBBLICA AMMENDA la Notte Santa di Pasqua, chiedendo perdono durante la Messa per aver sostenuto la propaganda pro-divorzio....ma intanto i danni erano stati fatti... -nota mia- )

Questa o quella, una macchina se la merita e ne ha bisogno, allo stesso titolo, un altro scarrettatore di «no» pro-divorzio; ne ha bisogno come scarrettatore di «si», pro-aborto, quando l'ora verrà, al servizio del compagno Pannella, evitando a questo i tormenti «per voglia di manicar» del conte Ugolino, o il rischio di scoppiar come Gargantua per l'eccesso del manicare, fuori degli occhi della gente, fra un turno e l'altro dell'astinenza: quell'astinenza - per cui l'Italia tutta trepida - che lo manderà certo alla storia come Marco il Digiunatore.

Lasciando anche lui il suo Sahara a Sotto il Monte (dove pare che abbia messo le tende per sentirsi più vicino a papa Giovanni ... che lo allontanerebbe volentieri con una pedata) e affiancandosi nella corsa al carrettiere principale, il nostro Turoldo (nostro, ce lo consenta, perché lo abbiamo avuto concittadino quando serviva ancora Maria al suo convento della Santissima Annunziata), il compagno padre Turoldo, «il frate scomodo che si batte per il divorzio», come lo chiama elogiosamente con un titolo a cinque colonne in prima pagina quel giornale dei poveri come la Stampa, ch'è il Corriere della Sera, ha detto infatti (con esemplare divorzio dalla grammatica, e palese accordo con Pellegrino): «Qualunque che sia il risultato del referendum, esso non costituirà affatto la conta dei cattolici», e perché il risultato fosse quello ch'è stato egli s'è battuto in tal modo, con un tal dispendio di forze, da farci pena e confondere col suo il nostro cervello nell'insolubile problema di saper con qual mai visto animale, di quale mai vista specie, egli intenda identificarsi dicendo, sullo stesso giornale dei poverelli, quanto abbia fatto e, qualunque che sia il bisogno, qualunque che sia in esso la forza, non gli sia possibile far di più:
«Non ho tempo, non ho più tempo. Sono come un cavallo da tiro al quale ieri staccano i finimenti neppure di notte. Io ho due gambe e una sola testa...» Un cavallo bipede monocefalo...? No, io non conosco una simil bestia da tiro o da zoo, e nel dubbio s'egli vorrebbe aver più piedi, rinunziando ad aver più teste, così da diventar del tutto un quadrupede ovvero un quadrumane, gli auguriamo di ridiventare un «cristiano» (sinonimo, una volta, d'uomo), di tornare il religioso e poeta padre Davide Maria, con la sua divisa, la sua cintola, la sua corona (i suoi finimenti di servita), come noi lo abbiamo conosciuto e ascoltato e letto, con nostra edificazione e piacere, quando era dei nostri.

Che la Madonna lo aiuti, in questo, perdonandogli la sua aberrazione, perdonandogli quella rottura che più di tutto ci ha fatto male nel leggere, su quel giornale di Como, questa spiegazione della sconfitta: «Abbiamo perduto perché non si prega più. Se si pensa che Padre Turoldo, a Tirano, sulla piazza del santuario, per indicare che col Concilio tutto si rinnova, ha rotto la corona del Rosario come una sfida, si possono capire tante cose, ossia come la Misericordia di Dio ci possa abbandonare, perché nella Chiesa sono in voga gli pseudocristi e i falsi profeti».

Non lo abbandoni, no, per questo, la divina Misericordia, e se non lo spronerà a meditare quel buon papa di Sotto il Monte, che del Rosario faceva la sua quotidiana gioia, sproni, lui artista, la visione di quel tremendo Giudizio del pio Michelangelo, dove, per non cadere nell'abisso, quelle anime stanno attaccate alla corona con cui l'angelo le tira al cielo, ansiose ch'essa non si rompa.

Glielo auguriamo e ce lo auguriamo, anche per cancellar dalla nostra mente quell'altra immagine di lui, il già nostro padre Turoldo, con la sua tonaca, sì, con la sua cintola e la sua corona di servita, ma al servizio di un'altra causa che non quella di Maria, e diciamo pur della poesia, come indicava il cartello che i comunisti gli avevano appeso al collo e fatto portare, in corteo, con altri frati e preti, tali alla veste, per le strade di Roma: corteo e cartello di protesta contro il Papa che avendo ricevuto il Xuan Thi, il degno capo-delegazione dell'inumana banda nord-vietnamita, s'era creduto lecito di ricevere anche il cattolico Van Thieu che all'avanzar della banda tentava di resistere anche a nome della sua fede, della civiltà cristiana.

Così, e così avevano precisamente disposto, perché più redditizio fosse per il servizio al Comunismo, i capi-compagni, nella convinzione che l'abito facesse nel caso il monaco: che li credessero autentici sacerdoti quelli che sotto tale abito, in tale veste di agnelli, li vedevano pecorilmente sfilare, tristo branco di rinnegati, ignari, come i loro padroni, di quale onore rendessero, così adoprandolo per ingannare gli onesti, all'abito sacerdotale.

Tali gli ordini, ed essi, quei preti e quei frati, avevano obbedito riprendendo volenterosamente, ai fini dei senza-Dio, ciò che con tanto disprezzo avevan buttato disobbedendo a chi chiedeva che almeno in chiesa, almeno all'altare, fossero anche esteriormente, agli occhi degli uomini, ciò ch'erano realmente e indelebilmente agli occhi e ai fini di Dio.

«L'appello a indossare l'abito talare e religioso, da parte di chi spesso e ostentamente non se ne serve più nemmeno durante i riti sacri, appare come un controsenso, dal quale potrebbero nascere anche abusi di travestimento e di usurpazione di indebita qualifica».
Cosi, a commento del fatto, il giornale del Vaticano, ed è per questo che la «conta» s'impone: perché non inganni il travestimento: perché il manto dell'agnello non mimetizzi il lupo, ai danni del gregge: perché la qualifica di cattolici, usurpata da chi lo fu, non induca a crederli ancora, a confonder coi discepoli i Giuda, per differenti che questi siano da quello d'Iscariota.





      




Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 7:06 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

COME GIUDA, MENO LA VERGOGNA! (Tito Casini descrive così i prelati e laici della Chiesa che sostennero la campagna pro-divorzio)

Come non a questi, a quello d'Iscariota rimase, infatti, nell'abisso della sua abbiezione, tanto da inorridir di se stesso e tirare in faccia ai suoi compratori il prezzo del tradimento: rettulit triginta argenteos e andò a impiccarsi.

Il loro disprezzo è noto: Quid ad nos? Ossia: che ce ne fr ... ? Quello che si voleva tu ce l'hai dato e noi siam pari: il resto è affar tuo: Tu videris... È il disprezzo - naturale, umano - che sente, verso chi ha tradito, chi del suo tradimento s'è valso e vale a vantaggio della propria causa, contro quella che fu, che doveva esser di lui; e lasciatemi dir che Giuda è meno ignobile, di questi giorni, ai miei occhi, davanti allo spettacolo che ci si è offerto: di «cattolici» che rinnegando e tradendo la propria fede hanno posto il loro nome e la loro opera al servizio dei suoi nemici, per il trionfo di una causa anticattolica quale il divorzio.[SM=g1740730]

Meno ignobile - egli che si vergognò, che senti schifo di se stesso fino all'estrema disperazione - di questi che non si sono vergognati, no, che han tenuto erta la fronte e han sorriso, davanti alla telecamera che ne registrava il tradimento, lieti delle lodi di cui, tacendo l'intima ripugnanza, li ricopriva il sinedrio a cui s'erano offerti.

Lodi meritate, lodi commisurate al servizio, indubbiamente prezioso, ch'essi hanno reso alla loro causa, sacrificando, a questa, anche il loro proletarismo, condonando, cioè, al marxismo (Fortuna) la collusione, l'abbraccio col capitalismo (Baslini). «Tutte le forme di inganno sono adoperate per vincere una dura partita contro la legge morale; tutte pressoché le forme di comunicazione sociale sono al servizio di una campagna contro la legge del Signore. Per questa campagna ci sono tutti i mezzi, tutte le connivenze, tutti i denari». Così un degno arcivescovo, il cardinale Giuseppe Siri, ed è certo che il più efficace di questi «mezzi», il più adoperato, il più sfruttato, da quelli in questa «campagna contro la legge del Signore», è stato la «testimonianza», è stato l'«esempio», l'incitamento a tradire, di quelli che del Signore furon discepoli e sono stati, ai fini della campagna, ai fini del tradimento, ancora presentati - Ave, Rabbi! - per tali.


Li scusa, è vero, attenua la loro responsabilità, la naturale invincibile propensione, la vocazione al tradimento, con delazione, tanto più forte, si direbbe, più seduttrice, quanto più sacro n'è l'oggetto, più consanguinei, spiritualmente, i tradendi, sia Gesù, siano i suoi sacerdoti e fedeli.

Me lo confermano i rossi autori di un rosso libro sulla rossa Cina di Mao, due ex-cattolici che ancora si presumono e si spaccian per tali, dopo la più vergognosa campagna pro-divorzista (condonata e non so se anche premiata dalla gerarchia con nuovi o rinnovati incarichi nel collegio apostolico, intendo negli organismi ecclesiastici). Mi riferivo a loro, principalmente, parlando qui sopra dei Giuda senza rossore e senza rimorsi, senza interna lotta fra una corona di rosario con cui chieder perdono e un braccio di corda con cui impiccarsi.

Libro di nessun valore in se stesso, quest'inno a Mao dei suoi aedi italioti, Giampaolo Meucci e Raniero La Valle, infarcito com'è, oltre a tutto, di spropositi d'ogni genere, storici, etnografici, geografici, culturali; ma di molto valore per la polizia maoista, cui indica dove e in chi trovare, all'opera, i superstiti, i non ancora sottomessi o soppressi nemici della Rivoluzione Culturale, e sono preti cattolici che - orrore di chi li ha visti, e denunziati! - che ancora dicono la Messa in latino! (Orrore, dove altri avrebbe pianto di commozione, risentendosi, per quella comune lingua in tanta distanza e differenza di luoghi, a casa propria).

Cosìhorrescens refert l'un d'essi, il Raniero, dopo avere, insieme al compagno, assistito a una di cotali Messe, con in mano il taccuino per il libro da scrivere, invece del piccolo messale con cui quelli, i cinesi, pregavano, unanimes uno ore con tutta la Chiesa, forse pensando che così, con loro, pregassero anche quei due forestieri, considerati per questo stesso loro fratelli: «Nemmeno la scossa della rivoluzione culturale è valsa a smuovere la fissità di una Chiesa rimasta com'era, unica cosa non cambiata in una società tutta nuova, emblema di come la Chiesa dovrebbe essere, non solo in Cina ma dovunque, e come invece in Cina era ed in Cina ancora è. Nulla, in quella Messa, era atto ad esprimere il mistero di novità e di resurrezione che purtuttavia vi si celebrava. Non il celebrante, che voltava le spalle al popolo, non la lingua, che era il latino, non le letture, sussurrate sotto voce, non l'omelia, inesistente, non il popolo...»

Particolari orripilanti, cui l'altro, il Giampaolo, altri ne aggiunge orripilanti non meno: «Anche l'interno» (della chiesa dove tali cose si fanno) «presenta fin nei minuti particolari identità di sistemazione e di immagini quali è dato trovare in una chiesa romana: con il suo Sacro Cuore, la solita statuetta della Madonna sull'altar maggiore, qualche santo, compresa una Santa Rita del culto corrente in Italia... Sembra di rivivere la realtà di una cinquantina di anni fa: il prete che borbotta la Messa in latino, rivolto verso l'altare... un vecchio sagrestano che serve il prete con i gesti di un collega romano, dal sollevamento del camice al bacio delle ampolle, al borbottio senza senso delle risposte, alle energiche suonate di campanello» (come dovevan esser le sue, m'immagino, di quando, nella chiesa della sua infanzia, serviva la Messa allo zio prete).

Né basta: in quella medesima chiesa, egli, il Giampaolo (pratico di questi libri per averli visti in mano allo zio) ha veduto un prete (giovane, per di più) che ancora, udite! udite! ancora diceva l'Ufficio! «Dopo la Messa, esaudendo il nostro desiderio, parliamo con un prete più giovane, mentre ci viene rifiutato il colloquio col Vescovo che, ci si dice, abita nel recinto di quella chiesa... Il prete, che tiene in mano la "Pars aestiva " del Breviario, con uno stile da seminarista romano degli anni venti, non risponde di fatto a quanto gli si chiede» (giusta prudenza, la sua come quella del Vescovo, nel sospetto di avere a che far con spie) ma il poco che l'altro, il Raniero, ne coglie conferma ciò che lui, il Giampaolo, ha detto circa l'anacronismo del meno giovane, di cuore e di labbro ancora romano: interrogato circa il culto degli antenati, egli «mostrava di non capire la domanda, e rispondeva che alla morte di qualcuno si faceva» (sentite anche questa!) «la "Missa obitus", la Messa dei defunti».

Larghi di comprensione e indulgenza verso «l'ateismo di stato vigente in Cina», cui «sarebbe difficile attribuire la responsabilità» (della scristianizzazione del paese), essi, i due rinnegati, concordano nell'attribuirla tutta alla «chiesa cattolica che è in Peckino: ... un reperto archeologico, un fotogramma fisso di un film che altrove ha continuato a svolgersi; un'immagine inquietante di quello che sarebbe tutta la Chiesa se il Concilio non ci fosse stato o se si fosse riusciti del tutto ad estinguerne il vigore»; concordano nel desiderio ch'essa muoia: «Comune fra tutti noi» (il Giampaolo e il Raniero) «il giudizio conclusivo: è bene, doveroso diremmo, che una chiesa di questo genere scompaia, se si vuole che l'annunzio evangelico possa raggiungere in un domani il popolo cinese e aprirlo ad un'altra dimensione»: quella della «rivelazione marxista incarnatasi in Mao-tse-tung».

Reprimendo le lacrime per tanta offesa ai suoi fratelli di fede e di martirio (offesa di cui si sono fatti diffusori in Italia, pubblicando via via i capitoli poi raccolti in volume, condegni fogli quali il Giorno, di Milano, la Rocca, di Assisi, e Politica, di Firenze), un sacerdote cinese, don Ti Chu, ha risposto ai diffamatori con parole che dovrebbero farli arrossire, se l'incapacità di questo, di vergognarsi, non fosse, come si è detto, ciò che li distingue dal modello dei traditori.
«E veramente penoso», egli scrive, «che siano uscite dalla penna di due che vorrebbero passare per cristiani cattolici valutazioni sanguinosamente offensive per dei fratelli di fede "della Chiesa che è in Pechino", che ha vissuto e vive, come tutte le altre Chiese locali della Cina continentale, la dolorosa realtà di una soffocante persecuzione che dura almeno da 25 anni».

E volendo supporre in essi almeno il senso del rispetto proprio di ogni animo civile verso chiunque pagò col sangue la fedeltà alla propria causa: «Si sono domandati se dietro la fragilità di quel prete cinese incontrato nella Cattedrale (meglio: Nan-T'ang) di Pechino si nascondesse un eroe che ha conosciuto processi e prigioni, e invece di deriderlo avrebbero dovuto inginocchiarsi e baciargli la mano consacrata e sempre pronta ai chiodi della croce?»

Una di tali mani è quella di chi scrive, come si tradisce allorché, rispondendo ai loro insulti circa la «lingua propria della Chiesa» (come detta e ridetta pur dal Concilio), dichiara: «Noi non ci scandalizziamo se i nostri fratelli di Pechino e di altre parti della Cina celebrano la Messa in latino su gli antichi altari e con le formule legittime e sante usate per secoli dalla Chiesa... Lo abbiamo fatto con serena gioia noi stessi nelle prigioni comuniste le volte che si poteva eludere la spietata sorveglianza delle guardie».

Con serena gioia essi, e con inesprimibile gratitudine per essi, noi, i difensori di quelle «formule legittime e sante», di quel latino che con Cristo, nella scritta di Pilato, salse in su la croce; gratitudine, sapendola, cosi, confessata, professata in carceribus, dai cinesi di questo come dai romani dei primi tempi cristiani, martiri di una stessa persecuzione, si denomini da Nerone o da Mao, che a cominciar da Gesù s'è pur valsa di rinnegati e di traditori.

«Da quell'articolo», scrive l'Ordine riportando lo scritto di don Ti Chu e sottolineando ciò che tocca il principale dei due, «un Raniero La Valle esce demolito come un apostata, un Giuda, perché, faziosamente montato col compagno, ha denigrato 700 anni di missioni, ha calunniato martiri, ha squalificato l'opera della Chiesa come se nell'evangelizzazione essa fosse una parodia del Vangelo».

E chiede: «Come mai un La Valle ha potuto arrivare a tal punto?»





Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 7:17 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Inversione delle parti ( Tito Casini descrive la responsabilità delle gerarchie cattoliche che non credono più neppure a Satana e preti che attaccano al Pontefice con le menzogne)



Come ha potuto? È una domanda che ci si può e ci si deve rivolgere nei riguardi di tanti, di troppi, perché non la rivolgiamo a chi doveva impedire ch'essa potesse aver luogo, impedir che a tanto si arrivasse: che la «rivelazione marxista incarnata in Mao» avesse fra chi si qualificava cristiano i suoi missionari, potesse esser predicata fra noi, in Italia, in Roma, facendo del massiccio figlio di Budda il verbo incarnato, della falce-e-martello il simbolo della redenzione.

Come han potuto? Di chi la responsabilità principale? [SM=g1740730]

Temo che chi ha escluso da quel brindello di offertorio lasciato nella messa riformata la menzione delle «negligenze» commesse nei riguardi dei propri doveri ministeriali, abbia motivo di meditar su questa domanda. Parlo di coloro qui praesunt, ed è l'autore stesso della domanda a rispondere, osservando come a tradire siano stati «"cattolici" che la gerarchia benignamente aveva qualificato di fiducia».

La gerarchia è, si, la grande imputata, la responsabile prima dell'aberrazione, della rovina per cui un suo membro fra i più autorevoli, il vescovo De Castro Mayer, ha potuto affermare, all'unisono con tanti altri dell'episcopato, del clero, del laicato cattolico e pur non cattolico: «La Chiesa sta vivendo la peggiore delle sue crisi, Paolo VI non esita a chiamarla "autodemolizione ", cioè una distruzione provocata dall'interno, dagli stessi membri della Chiesa».

Separando, in questa sua responsabilità, ciò ch'è dovuto a connivenza e tenendosi alla negligenza, vale per essa, per i nostri capi e custodi spirituali, la definizione d'Isaia per i capi, per la gerarchia d'Israele: «Canes muti, non valentes latrare: cani muti, inetti a latrare, pastori che sonnecchiano, amanti del loro dolce dormire», salvo svegliarsi, aggiungiamo, e levarsi e inveire contro chi tenti giusto di scuoterli, sia pur con l'amore e nell'ansia per cui i discepoli del beato Martino lo supplicavano, morente, di non lasciarli: «Cur nos, pater, deseris? Invadent enim gregem tutum lupi rapaces».

La benignità, il favore e i favori di cui nel gregge cattolico godono per parte dei vescovi gli ausiliari interni dei lupi e i lupi stessi senza neppure troppo bisogno di travestirsi da agnelli, son noti quanto l'accigliatezza e il rigore dei medesimi presuli contro i non «aggiornati», i non abbastanza «aperti» in fatto di «pastorale»: i «conservator», com'essi li definiscono non si pensando di onorarli, anche, o specialmente, se osservatori di quel «servetur» già da essi stessi intimato, in San Pietro, con la legislazione liturgica.

In questa situazione, ciò che maggiormente stupisce, per tornare a dire del referendum, è lo stupore della gerarchia per il suo esito: lo stupore di chi ha permesso le cause e ne lamenta gli effetti, di chi ha lasciato libero campo ai seminatori di vento e si domanda perché piova. Vous l'avez voulu, George Dandin... È ciò che, fatta salva la reverenza, vien da rispondere al cardinale Poletti, che manifesta così, per ciò che riguarda il suo campo, la propria meraviglia: «Ci si aspettava che piovesse, non che diluviasse», ed è impressionante, per chi sa ancora impressionarsi, che questa grossa tempesta, questo diluvio di «no» (il settanta per cento), si sia verificato a Roma, il centro e la sede della Chiesa, la diocesi di cui è vescovo il Papa.

Lo si è accusato, lui, Paolo VI, il «Pontefice oggi infelicemente ossia tormentosamente regnante», di non aver fatto quanto era in lui perché il diluvio non avvenisse, di averlo, col suo «amletismo», con la sua «condotta ambigua e imbarazzata», piuttosto favorito che ostacolato, adducendo fra l'altro il «lungo silenzio che ha permesso ai vari Gorresio» (uno dei più spudorati fra i mentitori di questa spudorata campagna di menzogne d'ogni maniera e misura) «di far credere alla gente che fosse proprio lui il capo occulto dei divorzisti», come ha scritto sul Tempo Enrico Mattei e su altri giornali altri giornalisti, mentre sul Giornale d'Italia Ugo Spirito - acattolico come Mattei o anticattolico come Gorresio, pur se di non cosìbassa lega - basandosi sugli stessi e simili fatti, domanda e conclude: «Come si spiega tale atteggiamento? È inutile fare supposizioni arbitrarie e non fondate su dati di fatto sicuri. Ma l'ipotesi che il pontefice fosse per il no è tutt'altro che da escludere».

L'«ipotesi», assurda e offensiva come non occorre dimostrare, sembra invece certezza, e gliene fa un titolo di merito, un motivo di gloria, a un di que' preti, il più famoso fra i «millecinquecento» contati da Alcide Cotturone in campo divorzista, superfluo dir l'Ernesto Balducci.

Felice per la sconfitta del «sì», Balducci («il prete che ha detto di no», come definito, per la storia, in televisione), felice e gongolante, al punto di far di Fortuna l'uomo della Provvidenza dicendo che il 12 maggio ha segnato, grazie a lui, «una svolta provvidenziale per l'Italia che sotto molti aspetti rimaneva un paese arretrato» (e chissà che salti di gioia, che amplessi di gratitudine, quando per opera sua, e del Pannella, l'Italia avanzerà ancora legalizzando l'aborto!») ha interpretato il «silenzio del Papa» come un indubbio placet alla legge, d'iniziativa marx-massonica, che «ha liberato la Chiesa da un miraggio di conservazione, di attaccamento a modelli tradizionali», e lo ha difeso, si lo ha difeso, scagionato, per questo suo assenziente silenzio, per questa sua non belligeranza, difeso e scagionato, il povero Papa, scaricando sui vescovi (non tutti al modo di un Pellegrino) la colpa, la responsabilità della guerra che avrebbe voluto l'Italia arretrata sulle posizioni del vecchio tradizionale Vangelo dell'homo non separet.

Il Papa, infatti, Paolo VI, egli ha dichiarato al degno compare televisivo frate Ugolino Vagnuzzi, «non poteva far propria questa battaglia, aperta dai vescovi italiani, perché egli è responsabile della comunione di tutte le chiese a livello mondiale», e il «purtroppo», lo «stupore e dolore» con cui il Papa stesso, saputo l'esito, il trionfo del «no», lo ha commentato, così come il suo rimbrotto per la «mancata doverosa solidarietà di non pochi membri della comunità ecclesiale», non son che parole: parole ch'egli doveva dire, che come Papa (di una Chiesa così ancora arretrata) era costretto a dire, ma ch'egli era indubbiamente per il divorzio.

Povero Papa! il Carducci ci torna a mente, davanti a una così atroce offesa: il Carducci, cui questo frate, in fatto di disprezzo per la Chiesa e il suo Capo, avrebbe potuto far scuola e fornire spunti di attacco da rinforzarne l'Inno a Satana, salvo insegnargli che Satana non è più soggetto da inni sibbene da favole: la lezione ch'egli, il Balducci, impartiva per l'appunto l'altr'ieri al Papa, rimproverandogli, nei riguardi di Satana, un discorso «che avrebbe poi potuto fornire materia di irrisione a molti, di scandalo a pochi e, comunque, a tutti alimento per una nuova superstizione».

Il Papa, infatti, con quel discorso (15 novembre 1972), dimostrava di credere e intendeva far credere in lui, nell'esistenza di lui, Satana, quasiché la «nuova teologia» non lo avesse già riposto, insieme agli angeli, fra i «miti», i personaggi da novelle, come l'orco e le fate, creati dai poeti a salutare sgomento e godimento dei bambini.

Il Papa, è vero - e non potrebbe non esser vero, se vero è ch'egli è il Papa - crede in Satana, così come crede in Dio. Satana esiste, egli ha detto, dedicandogli lo spazio di un'intera udienza in San Pietro, dove già ne aveva denunziato il «fumo», fattosi via via più denso e accecante. Esiste, ha ripetuto con forza: «Sappiamo che questo essere oscuro e conturbante esiste davvero e che con proditoria astuzia agisce ancora; è il nemico occulto che semina errori e sventure nella storia umana... È l'omicida fin da principio... e padre della menzogna, come lo definisce Cristo; è l'insidiatore sofistico dell'equilibrio morale dell'uomo. È lui il perfido ed astuto incantatore che in noi sa insinuarsi, per la via dei sensi, della fantasia, della concupiscenza, della logica utopistica o di disordinati contatti sociali nel gioco del nostro operare, per introdurvi deviazioni, altrettanto nocive quanto all'apparenza conformi alle nostre strutture fisiche e psichiche, e alle nostre istintive, profonde aspirazioni...»

Satana, il Maligno, esiste: «non è soltanto una deficienza ma una efficienza, un essere vivo, spirituale, pervertito e pervertitore. Terribile realtà, misteriosa e paurosa», dimostrata dal Vangelo, che è, si può dire, popolato dalla presenza del demonio», dimostrata dalla Scrittura e confermata dalla Chiesa, per cui «esce dal quadro dell'insegnamento biblico ed ecclesiastico chi si rifiuta di riconoscerla esistente». Il Balducci è di questi: il Balducci che contesta e insegna a contestare il Papa, affermando con serietà, dopo averlo deriso come superstizioso, ch'egli «ha espresso una sua opinione personale e le sue parole hanno valore pastorale e non dottrinale: condividerle non è vincolante per i credenti...»

Povero Papa! a prenderne, qui, le parti, contro tali «credenti», sembrano essere gli eredi intellettuali del poeta che invitava, con più rispetto, Pio IX a brindar con lui alla libertà: è, per dirne uno, Indro Montanelli, che scrive: «Quando il Papa parla del diavolo non solo non abbiamo nulla da obbiettare, ma lo ascoltiamo in umiltà e compunzione, perché del diavolo il Papa è il solo che può dire qualcosa», e rispondendo a un negatore tipo Balducci (senza la sua tonaca, beninteso, ossia la tonaca ch'egli portò da sacerdote e da religioso): «Lei al diavolo non ci crede? E sia. Però, dia retta a me, non ne sorrida perché sorridere del diavolo è il modo migliore per somigliargli».

Povero Papa, ed è l'Osservatore Romano a riferirne la difesa, fatta così su un giornale e da un giornalista dell'altra sponda, che alludendo a quello e ai troppi Balducci in corpo alla Chiesa conclude: «Comincio quasi a credere che di questa Chiesa siamo rimasti solo noi laici a nutrire rispetto»: ciò che ha suggerito all'anonimo autore del rilievo vaticano (forse il Papa stesso, figlio del giornalista Giorgio Montini) la domanda-titolo del suo articolo:
 «Inversione delle parti?»


[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 7:45 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Anomali[SM=g1740733]



Inversione delle parti?

La domanda che l'estensore confessa d'essersi fatta «a denti stretti», definendola «paradossale», è in realtà una di quelle che affermano, e vale ben oltre la portata di ciò che le ha dato origine come per l'appunto il divorzio.

Non ch'io neghi - a coloro di cui noi laici, nella battaglia per le are e i fuochi, abbiamo fatto le parti, mentre quelli, come le stelle di Cronin, stavano, nel miglior dei casi, a guardare -, non ch'io neghi ai nostri amorosi padri e pastori a buona intenzione. Pax vobis, e l'intenzione (tanto più chiara, ora che le due difficili parole ci vengon dette in volgare) era quella: quella, precisamente, di non infranger la «pace», d'impedire quella frattura, quella «guerra di religione» che tutti, pur minacciandola, sembravano voler scongiurare come inevitabile deprecabile conseguenza della sconfitta del divorzio.

Ognuno, infatti, ricorda come questo fosse il grande argomento, come tutti, spurgati i vecchi podrecchiani catarri contro la Chiesa, esternassero nei suoi riguardi quella santa preoccupazione: una cosa, diciamo, da strappare per la commozione le lacrime, intonando il Nunc dimittis, sentire dai più famelici anticleticali di ieri, quelli che avrebbero mangiato un prete a colazione, un vescovo a pranzo e il Papa a cena, professioni di rispetto da far loro forse rimpiangere che non portassero più la tonaca per potergliela pubblicamente baciare.

E chi non ha creduto, ascoltando la Nilde, la Sunamita di Togliatti, ch'essa fosse tornata l'antica figlia di Maria, da proporsi, oggi che in chiesa offician le donne, per ministra all'altare, con Fortuna, l'ex-luigino tornato ai prischi fervori, per chierichetto? E il Pajetta? E il Ferrara? E il Gorresio? e... Non per diminuire il suo merito, il suo diritto alla «medaglia», ma il Carretto, nel riferire il suo colloquio con Gesù, il fratello maggiore, a proposito del suo «no», non si è dimostrato più pio, più attento al bene della Chiesa, più geloso della pace religiosa in Italia, di loro che con Gesù non erano come lui in rapporti di parentela o di stato, se non proprio nella condizione del celebre «poeta roseo» che, come malignò quel suo rivale, «di tutti disse mal fuor che di Cristo, scusandosi col dir: Non lo conosco».

Conoscenti e non conoscenti - tra i primi la cosiddetta Azione Cattolica, distintasi per la sua totale inazione, a differenza dell'Università similmente detta cattolica, il cui magnifico rettor Lazzati si schierava decisamente per il «no» - tutti, fino alle ore quattordici del lunedì 13 maggio, chiusura dei seggi, sembravano avere in cima ai loro pensieri la sorte della religione fra noi, e si spiega cosìla malavoglia dei Vescovi a impegnarsi nella battaglia, così l'avversione loro alla «conta», così il molle giunco, in luogo del rigido pastorale, nei confronti dei traditori.

Pie saeviens
?

No, niente, con essi, severità, né pia, né dura, niente con essi bastone ma carote, carote, carote, ma «perdon», ma «carità», ma «fiducia», nuova e maggior fiducia a chi dimostrò fin troppo di averne abusato, e così abbiam visto, non senza nausea, a quel nostro Meucci, delatore in Cina dei cattolici fedeli a Roma,che tanto ha fatto, in Italia, per favorire, col divorzio, la delinquenza giovanile, la Pontificia Università Gregoriana spalancar le sue porte perché vi andasse a concionare sul problema dei minorenni, accusando «la società» con domande come queste: «Chi è il delinquente che finisce in carcere? Da dove provengono i dodicimila minori che ogni anno entrano in carcere?» - senza che nessuno abbia risposto, additandolo, alla sua impudenza.

Stessi riguardi, identica stima per il compagno Raniero, compagno in Asia pro-Mao come da noi pro-divorzio, che delle relative fatiche sta riposandosi nella magnifica villa che i soldi episcopali di direttore dell'Avvenire d'Italia gli hanno permesso di regalarsi a Camaldoli vicino ai frati dell'eremo, i quali, Abate compreso, hanno in lui il maestro e guida, l'Ipse dixit, capace d'insegnare al Papa, con un sorriso alla Balducci, ciò che va fatto e non va fatto perché... perché non si veda, per esempio, in Italia ciò che, in fatto di liturgia, quei due han visto «in quella chiesa là di Pechino».

È un esempio che va citato, e lo citiamo, dal nostro settimanale diocesano, dove ne parla un sacerdote di qua, monsignor Fatucchi, andato lassù, a Camaldoli, con altri coetanei di sacerdozio, per ricordare, con una Messa che avesse almeno, lingua e canti, un poco di quella, la loro Messa novella.

Così hanno chiesto, ma al loro umile, modesto desiderio - un po' di latino, qualche nota di gregoriano - ha risposto, «immediatamente aggressivo», l'Abate Generale: «I canti gregoriani sono dei morti e nessuno deve risuscitarli!» Non convinto e non atterrito, il sacerdote ha voluto un poco discutere - dopo aver celebrato senza i morti, come l'Abate irremovibilmente, dittatoriamente imponeva - circa la di lui affermazione, ma invano: «Invano ho tentato di obbiettate che l'arte, la musica non muoiono mai, invano ho aggiunto che anche il popolo conosce il senso di certe parole (Kyrie... Sanctus... Gloria...).

Ho anche ricordato i recenti interventi del Papa in proposito: ma tutto è stato inutile. Alla mia frase: "Il Papa non vuole cosi" si è risposto: "Il Papa pensa come me, il Papa vuole quello che voglio io!" aggiungendo che se lui, il Papa, s'era espresso, a parole, in senso contrario, lo aveva fatto «per compiacere a qualcuno, ma non pensava a quel modo», e, comunque fosse, comunque il Papa volesse, ha concluso ancora più aggressivo, «io voglio così, io sono il superiore e finché io sarò il superiore, all'Eremo si farà sempre così». L'État c'est moi, diceva quello; il Papa, dice questo, a Camaldoli sono io, così a me piace, piaccia o non piaccia a quello di Roma...

Non mancava, a questo punto, che lui, e lui, il Raniero, comparve, «circondato con molto calore da alcuni monaci», lui, il La Valle «che a Camaldoli respira molto bene, a pieni polmoni», ed è «entrato nel discorso» risolvendo tutto con un sorriso, ossia «irridendo che ancora sopravviva qualche retrivo conservatore che osa chiedere il ritorno di pochi canti in latino». Ne aveva trovati, di questi retrivi conservatori, di questi morti renitenti a seppellire i loro morti, o illusi di risuscitarli, perfino in Cina, là dove Mao di conservatori ne aveva, non metaforicamente, seppelliti a milioni, e non c'era da meravigliarsi, c'era solo da sorridere, che se ne trovassero ancora qua, dove la rivoluzione culturale era appena in fasce.

Ignoriamo se ai fini e in attesa d'essa rivoluzione il Raniero stia insegnando ai monaci, a quei monaci suoi calorosi alunni antilatinisti, il cinese (nel dubbio se non finirà per vincere il russo e a parte il fatto che Mao, vedi un po', pensa di adottare, per la scrittura, i caratteri latini), ma sappiamo ch'egli, all'uopo, lavora (col compagno Giampaolo che mai da lui non è e non fia diviso, come il Paolo dalla Francesca di Dante) quale animatore dei cosiddetti «cattolici del dissenso» o, come più comunemente detti, «del no», Una denominazione curiosa, equivalente a cattolici non cattolici, cattolici che, posti dinanzi al loro dovere di agir come tali, rispondono «no» e agiscono all'opposto - magari continuando ad andare in chiesa, s'intende dove il latino e il gregoriano sono ben morti -, si tratti di opporsi al divorzio o ai partiti che insieme al divorzio, demolitore della famiglia, anelano alla demolizione della Chiesa.

Di questi, appunto, si tratta: questi che il 12 maggio hanno risposto «no» alla Chiesa, «no» al «no» del Vangelo e perfin del Concilio, di quello che considerano il loro Concilio e che, «se non ci fosse stato», infelici noi che dovremmo ancora pregare e cantare come in quella «Chiesa cattolica che è in Pechino»!

Cattolici del no, ed è, questa loro organizzazione, successiva al 12 maggio, la più beffarda risposta agl'inviti e alle speranze dei Vescovi, alle loro cortesie e premute per il loro ritorno all'ovile, di cui s'è reso fra gli altri interprete in Cei il vescovo, dal nome tutto mitezza, monsignor Abele Conigli, di Teramo, che, come riferisce la cronaca del convegno, «ha esortato tutti ad estrema pazienza e carità, in particolare con i sacerdoti che hanno violato la comunione ecclesiale: su tutto prevalga l'amore».

Al loro patetico appello, tutto sul motivo di Torna, deh torna, o figlio, quelli, come s'è visto, han risposto picche, han risposto «no», facendo di questo un'istituzione, una divisa e una bandiera, da sventolare in faccia ai Vescovi e al Papa: un'istituzione (fondata in Roma il 21 giugno, anniversario dell'incoronazione di Paolo VI) che ha anzitutto posto sotto accusa gli accusatori: i Vescovi, per l'appunto, «incluse le più alte istanze» ossia l'altissima, il Papa, sia pur concedendo loro le attenuanti, d'ordine... mentale, in quanto inetti a riconoscere, nella condanna del divorzio e dei cattolici suoi propugnatori, «il grave ritardo della Chiesa nella lettura dei disegni dei tempi».

Così il La Valle, il relatore, benigno per questo agli imputati, benigno alla Chiesa, di cui i cattolici del no possono «capire l'inquietudine profonda, la percezione angosciata dell'insuccesso che le istanze più alte hanno mostrato dopo il 12 maggio», ma senza giustificarne la faccia «corrucciata» nei loro riguardi, senza perdonarle la «facilità a pronunciare condanne, a dichiarare esclusioni», cosa che per essi ha rappresentato, nel caso, «una sorpresa ed un trauma».

Una sorpresa e un trauma d'altro genere, e assai più sconvolgente, è stata per i «cattolici del no», o «compagni credenti», come li denominano i compagni non credenti, la freddezza di questi a riguardo loro, ossia a riguardo della loro costituzione in partito, da quelli voluta al fine di proseguire con questi, viribus unitis, verso gli altri «no», le altre comuni vittorie da conseguire sotto lo stimolo del grave ritardo storico, ovviabile o tampoco avviabile con lo storico compromesso proposto dal capo dei non credenti... Non sic, non così gli stessi compagni, non cosìlo stesso capo dei miscredenti avevano accolto antecedentemente al 12 maggio l'iniziativa dei credenti per un convegno, un sodalizio in comune - da tenersi e fondare - come si tenne e si fondò, a Roma, sempre a ridosso delle alte istanze, il 23 marzo - a vantaggio del «no», e la luce della più schietta gioia brillava in volto ai La Valle, ai Mericci, ai Leonori, ai Macario, ai Carniti, ai Gabaglio, ai Brezzi, ai Pedrassi, ai Prodi, agli Scoppola, per non nominar che i maggiori, mentre si leggevano fra i battimani i messaggi del Berlinguer e del De Martino inneggianti alle «decisioni coraggiose e ferme di quei democratici di fede cristiana che rivendicano la libertà di coscienza» (così onorata e tutelata, come ognun sa, in quei loro paesi là di fede marxista).

Or perché dunque, passato il 12 maggio, questo mutato loro contegno? È un fatto che i compagni non credenti non han gradito, da parte dei credenti, questa ulteriore loro prova di fedeltà all'asse Roma-Mosca, di indissolubilità del patto, stavo per dire del matrimonio, contratto in vista del divorzio, e un di loro, uno dei maggiorenti delle Botteghe Oscure, l'onorevole nientemeno che Natta, «ha detto chiaramente ai cattolici del no» (come riferisce su un giornale Giovanni Ricci) «che il Partito Comunista Italiano non vuole che si costituiscano in partito». Perché?

Ci si domanda, sorpresi e traumatizzati anche noi, ci domandiamo giusto il perché, e lasciando andare ciò che, da napoletano, potrebbe risponder De Martino, ossia che, avuta la grazia (nel caso, il divorzio), i santi si mandano a buggerare; lasciando andare che i Quisling, utili e accarezzati finché dura il bisogno, finiscono, finito questo, disprezzati e schifati dai loro stessi padroni; lasciando andare questi e altri possibili motivi del genere, la risposta più attendibile non può esser che quella detta dal medesimo Natta, ossia che «il Partito Comunista Italiano punta al dialogo con "tutti" cattolici e non solo con quelli del cosiddetto dissenso; anzi, avverte che costoro, a tempi lunghi, costituiscono più un ostacolo che un aiuto».

Risposta, ossia spiegazione, sorprendente e traumatica, per i compagni credenti, più dello stesso veto a costituirsi in partito in quanto li liquida degradandoli da inutili, ormai, a importuni ausiliari, in vista dei tempi lunghi, stante la loro posizione nei riguardi delle alte istanze, corrucciate come s'è visto con loro per via del 12 maggio, e non perché contrarie al «dialogo» ma per quella prudenza nell'avanzare raccomandata da Ferrer al suo cocchiere: adelante, sì, ma con juicio, per non arrotare, coi tempi troppo brevi, la folla acclamante.

Va pure aggiunto che di frange, di truppe di complemento, come sarebbero questi cattolici del no, fratelli uterini dei cristiani per il socialismo, fratelli a loro volta di poppa di quelli del 7 novembre, cugini carnali dei mazziani dell'Isolotto, il partito ne ha già troppi, con danno della sua unità ed efficienza in campo, a cominciare dai brigatisti (rossi) e, senza dimenticare gli aclisti (rosa), terminare coi nappisti (scarlatti), pur contando quelli del Fuori (Fronte unitario Omosessuale Italiano) e quelle del PPP (Partito Protezione Prostitute): due nuovi recenti parti della nostra prolifica democrazia, che noi finanzieremo a gloria e vantaggio della repubblica fondata anche sul loro lavoro.

Fuori e PPP... Mi perdonino i «cattolici del no» se parlando di loro siamo arrivati, siamo scivolati a parlar di questi, maschi e femmine d'un peccato medesmo al mondo lerci... Lungi da me l'idea di associarli, ma penso che sia carità avvertirli. Non vorrei, infatti, non vorrei, per il loro onore, che fossero quelli a prender l'iniziativa.

Non vorrei, dico, che, a tempi lunghi, quelli arrivassero a dire a loro: venite con noi che, in un modo o nell'altro, siamo tutti... anormali.
(davvero profetico Tito Casini[SM=g1740733] )

Su questa strada, a tempi brevissimi, quelli hanno organizzato, a Milano, in una ex-chiesa, idealmente ridedicata al loro santo apostolo e martire Pasolini, una «festa omosex» (come han riferito i giornali) «a base di musica, canzoni e proiezioni di tipo OS», per combattere, han detto, «tutti i perbenisti che ci vogliono tenere nell'ombra», e si sa che in Francia quelli e quelle han fatto, di una chiesa non «ex» come la cattedrale di Reims, un Eros center, coi confessionali per camerini e le cappelle per luoghi di decenza, senza che, da dove si doveva (e qui non si può più scherzare: qui è il tragico) sia partita una scomunica, un interdetto, un miramur, che c'impedisca di pensare che il fumo degl'incensi - all'hascisc o alla marijuana - bruciati con abbondanza in queste feste di Satana, si sia diffuso dalle chiese alla Chiesa, snervando, addormentando del tutto, gl'insonnoliti custodi.
Che suono avrà, quando l'ora sarà venuta - e forse non è lontana - la sveglia di Dio?

[SM=g1740733]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 8:04 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

"Il perfido e astuto incantatore" [SM=g1740732]

dal Vangelo di san Matteo

4,1 Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. 2 E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame.
3 Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, di' che questi sassi diventino pane».
4 Ma egli rispose: «Sta scritto:
Non di solo pane vivrà l'uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio
».
5
Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio
6 e gli disse: «Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto:
Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo,
ed essi ti sorreggeranno con le loro mani,
perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede
».
7 Gesù gli rispose: «Sta scritto anche:
Non tentare il Signore Dio tuo».
8 Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse:
9 «Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai».
10 Ma Gesù gli rispose: «Vattene, satana! Sta scritto:
Adora il Signore Dio tuo
e a lui solo rendi culto
».
11 Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.

                                                



Satana, è vero. È la sua ora - L'heure de Satan, come l'ha ben vista e indicata, in Francia, il nostro amico Paul Scortesco - e non perché ogni ora non sia la «sua», non perché egli, l'Avversario, dal giorno che diede ad Eva il cibo amaro, abbia mai lasciato di andare in giro quaerens quem devoret, di pervagare con tutti i suoi ad perditionem animarum; ma perché mai, forse, come in questa, ha potuto scorrazzar libero, secondato da chi doveva contrastarlo, aiutato da chi doveva combatterlo.

Secondato e aiutato, anzitutto, con l'accreditare per cosa vera la sua più astuta menzogna, favorendolo, cioè, come scrisse il Papini, «nel suo diabolico tentativo di far dimenticare la sua esistenza».

«La plus belle ruse du Diable», aveva già detto il Baudelaire, «est de nous persuader qu'il n'existe pas» (ciò che, per i nostri giorni, ripeterà, ai nostri giorni, il vescovo di Sion monsignor Adam: «L'habileté de Satan est d'être là, en faisant croire le contraire»), e la fortuna più impensabile, aggiungiamo noi, per lui è di aver convinto, di aver reso persuasi e persuasori di questo coloro che hanno o che ebbero per ministero di scacciarlo, attuando, dietro il suo esempio, le parole di Gesù: «In nomine meo Daemonia eiicient».

Negar che Satana esista è logicamente più dannoso, più diabolico, che agire come s'egli non esistesse, venendosi così a togliere ogni remora o ripensamento al male o dal male agire, ogni ragione di guardarsene, di temerlo, di rivolgere a Dio l'ultima delle invocazioni dettate da Gesù nel suo sic orabitis, a negar, quale redentore, Gesù stesso, non avendo più fondamento il memorare del poeta alla Vergine: «Ricorditi che fece il peccar nostro - Prender Dio, per scamparne, - Umana carne al tuo virginal chiostro».

L'abolizione dell'esorcistato - una delle tante immolazioni sull'altare della Riforma - rappresenta, in tal senso, una significativa vittoria, una solenne rivincita di chi dovette, in Cafarnao, sottostare all'intimazione di Quello: «Taci e vattene: Obmutesce et exi!»
Così, come il picciol cornuto diavolo della chiesa polentana, Satana guarda e subsanna, allegro, ai battesimi (ritardati, com'egli gode, in nome del comunitarismo, contro la legge che li vuole solleciti perché la grazia scenda quanto prima in un'anima e ne fruisca con essa tutta la Chiesa; legge richiamata pur di recente dal Papa dicendo «ai genitori degni del nome»: «Raccomandiamo, con l'intensità degli interessi superiori dell'umana e cristiana sollecitudine, di inserire subito i vostri bambini venuti alla luce nella famiglia immortale, che è la Chiesa, col santo Battesimo»): guarda e gongola, Satana, sbirciando in mano ai sacerdoti i nuovi rituali, riformati, epurati di quegl'imperiosi esorcismi; riformati con un'arte, un'astuzia così fine, così sua da ottenerne col minimo mezzo l'effetto massimo da lui cercato: far credere che non questo o quel prete o vescovo, non questo o quel Balducci o Bugnini, ma la Chiesa, approvando, legittimando quei loro testi, riconosca la sua non esistenza, a confusione di Chi, come or ora s'è visto, la riconfermava ricordando ciò che, lui insciente, s'era per l'appunto abolito:
«Ricordiamo gli esorcismi del Battesimo», e accennando di nuovo ai varchi, «le fessure attraverso le quali il Maligno può facilmente penetrate ed alterare l'umana mentalità».

L'astuzia, la «ruse du Diable», al fine di persuaderci ch'egli non esiste, ch'egli è solo un nome, nome comune e non proprio, non di persona ma di un simbolo - il simbolo del male, di ciò che si è chiamato un tempo «il peccato» e la «nuova teologia», proletaria, chiama pur anche ma non conoscendone che uno, il «peccato sociale» - è consistita, nulla di più semplice, nella maniera di scriverlo, questo nome, l'iniziale di questo nome, non più maiuscola, come si è fatto con tutti gli altri nomi propri scritti nel testo, ma minuscola, come minus ens o non ens affatto: «Rinunciate a satana?» E che cosa sia, che cosa si debba intender per «satana», è significato dalla seconda domanda: «Rinunciate alle seduzioni del male ... ?» (Per chi non vedesse, in questo, altro che una licenza ortografica o una distrazione, valga sapere ciò che un vescovo, durante il Concilio, confidava a chi scrive: che si eran dovuti mettere dei sorveglianti alla tipografia vaticana per impedire certi ritocchi ai testi votati in San Pietro: ritocchi clandestinamente, astutamente operati ai loro fini, sulle bozze, da progressisti consapevoli dell'importanza di una pur semplice virgola tolta o aggiunta o spostata nel corpo del documento).

Persuasi, com'egli è riuscito a renderli, della sua non esistenza, i nuovi duci della Chiesa hanno logicamente abolito le difese, lasciando così agli spiriti maligni libero il campo, e sembra ne sia un effetto visibile il moltiplicarsi delle ossessioni diaboliche, paragonabile a quello delle vipere nei nostri boschi in conseguenza della scomparsa dei loro naturali nemici, i rapaci uccisi nella sua stoltezza dall'uomo... Ci han riferito che nella lotta fra un esorcista - un vecchio santo sacerdote cui si è lasciata la facoltà - e il maligno spirito insediato in una creatura, al ministro di Dio che gli ricordava col rituale le sue sconfitte, questo rispondeva, con una risata sardonica, contrapponendogli come una sua recente grande vittoria la cessazione, nelle chiese, di quell'appello a san Michele con cui papa Leone aveva voluto si concludesse e quasi si presidiasse la Messa.

L'aveva composta e imposta, il grande Pontefice, al sèguito di una terrificante visione che gli premostrava, circa l'opera, le vittorie del Diavolo nei non lontani tempi a venire, ciò che la Madonna avrebbe poi rivelato a Fatima («Satana riuscirà a introdursi fino alla sommità della Chiesa»), ciò che Paolo VI avrebbe confermato in San Pietro parlando di «fumo di Satana», sollecitandoci a guardarci dal «perfido ed astuto incantatore»: non così astuto che noi non lo vediamo, ormai, nella sua baldanza, quasi allo scoperto e per cui più che mai ci preoccupa il disarmo in atto, iniziato (nella liturgia della Messa) già all'avamposto, col ritiro di san Michele dal Confiteor e continuato, in forza dei decantati «sviluppi della Riforma», nel Messale e nel Calendario con la radiazione della sua festa.

Inezie, queste, e non astuzie, non vittorie del «perfido astuto», mi risponderebbe un di quei devoti della Riforma, con tutti i suoi sviluppi e ammodernamenti, il padre Rotondi, della Compagnia di Gesù, che così perentorio rispondeva negativamente, sul Tempo, a chi per l'appunto gli chiedeva se non credesse che al satanismo oggi dilagante per tutti i versi nel mondo non avesse aperto le cateratte «l'abolizione della bellissima preghiera a San Michele Arcangelo che si recitava un tempo al termine della Santa Messa».
«Francamente no», rispondeva il moderno gesuita - senza riferimento al gesuita moderno di giobertiana memoria! - e francamente io penso che un ghignetto, una piccola subsannatio di soddisfazione ci sia stata anche per lui da parte dell'accusato, riconoscente di una difesa d'ufficio così inattesa e inattendibile da un seguace di sant'Ignazio, per quanto gli possa esser dispiaciuta l'esaltazione della preghiera, del cui «abbandono» il pio religioso giustamente si duole attribuendogli «la perdita del "senso di Dio" al quale subentra inevitabilmente il senso delle cose terrene, il materialismo, che poi sfocia nella miscredenza e nell'ateismo».

Vittima di quei tali «sviluppi», è superfluo chiedersi chi abbia fatto fuori la «bellissima preghiera» con cui la Chiesa invocava suo difensore il Principe della Milizia celeste, né lo chiederemo al padre Rotondi, che non vedendone l'utilità non ne vede, forse, neanche la bellezza (la vide bene un poeta come il nostro Giuliotti, che le dedicò una stupenda pagina del suo libro sulla Messa, Il Ponte sul mondo); ma lasciando chi vibrò il colpo e guardando a chi lo ispirò, vale per questa ciò che Domenico Celada scrisse a proposito d'altre vittime della vorace, dell'insaziabile Riforma: «Chi ha abolito certi esorcismi? Il Papa ha osservato che non sa se la cosa sia stata opportuna. Allora non l'ha voluta lui. Il sospetto si fa inquietante: chi può averla voluta se non colui che ha tutto l'interesse a farsi dimenticare?»

Satana, appunto, e per riuscir nell'intento, per predicare con più credibilità circa la sua non esistenza, egli si è fatto frate, come si dice e s'è visto, e non frate zoccolante ma dottore e oratore; ma con tutto il suo buon volere, nonostante tutta la sua astuzia, le sue opere lo tradiscono, le sue emanazioni lo rivelano, come il fumo tradisce il fuoco in caverna, come il fetore tradisce la fogna che scoppia.

Scriveva perciò lo stesso Celada (sullo stesso giornale, Il Tempo, dove vorremmo ancora poter leggete suoi begli elzeviri): «A me sembra che la presenza del demonio nel mondo contemporaneo sia ben evidente. L'offensiva che si sta scatenando contro i giovani reca senza dubbio il segno di Satana. La moda indecente che offusca in essi il primato dello spirito ed esalta l'animalità, la pornografia che li degrada, la droga che li priva della luce dell'intelligenza, sono mezzi di cui il demonio si serve per deturpare l'immagine del Creatore, per trasformare il capolavoro di Dio in una tragica caricatura. E nel mondo delle arti? Oggi vediamo esporre tubi di scarico, stracci sporchi, lavandini rotti, o addirittura sterco, come opere d'arte. Giovincelli e ragazzine dalla voce stonata, rauca o nasale, vengono accolti trionfalmente come fossero Caruso o Gigli. È il culto di tutto ciò ch'è brutto. Come non vedere in ciò il segno di Satana, eterno sfregiatore d'ogni bellezza?» E con un avverbio di equivalenza, equivalente a un maggiorativo, va oltre aggiungendo: «Altrettanto evidente mi sembra la presenza del demonio nella Chiesa».


Satana era sicuramente in Roma, nel cuore della Chiesa, e rideva di contentezza coi preti, i frati, le suore che si sbellicavano dalle risa assistendo, poco fa, alla parodia del Vangelo promossa dal Vicariato. Dal Vicariato, facendo nella più irritante maniera ciò che l'autorità civile, in forza del Concordato, è impegnata a impedire: «In considerazione del carattere sacro della Città Eterna, sede vescovile del Sommo Pontefice, centro del mondo cattolico e meta di pellegrinaggi, il Governo italiano avrà cura di impedire in Roma tutto ciò che possa essere in contrasto col detto carattere».

Dal Vicariato, dove poi ci si stupirà del «diluvio» dei «no» alla legge evangelica del «non separare», mentre si accampano le nubi per quello che vorrà dir «no» al «non ammazzare» (mentre rileggo queste pagine leggo che in Roma le firme di petizione per l'aborto sono già 144000, promotori fra gli altri un prete e due donne una delle quali monaca e l'altra riconosciuta «teologa», incitatrice un'altra, una femmina la cui faccia par garantire il suo personale disinteresse.

San Matteo, come già al Pasolini, ha fornito il copione per questa nuova sacrilega caricatura. È il suo Vangelo che si è preso a parodiare - come c'informa chi ha visto - «tutto in chiave grottesca», in un modo che supera qualsiasi immaginazione». Si stenta difatti a credere e con orrore riportiamo - perché non ci si stupisca se, come abbiam detto sopra, un domani forse prossimo Iddio si sveglierà - ciò che il testimone riferisce. «Tra la figura di Nostro Signore in calzoni a righe colorate e zoccoli con pon-pon rossi, e quella di Giovanni il Battista in redingote a strisce, e gli altri, sembra di trovarsi dinanzi ad una gabbia dello zoo con scimmie vestite di stracci colorati che saltano, gesticolano, urlano, s'arrampicano sulla rete, caprioleggiano e rotolano a terra. Lazzi, frizzi, schiamazzi, fischi e pernacchi a ritmo di rock sottolineano le ineffabili parabole di Gesù, schernendone il significato con i commenti...»

San Matteo aveva predescritto la scena - tunc milites illudebant ei... - salvo la veste di pagliaccio, qui in luogo della porpora, e i discepoli che là non c'erano a guardare e acclamare. Incredibile, ripetiamo, e tale parve anche a chi non era dei suoi. Infatti, «sentir pronunciare il santo nome di Gesù da quegli scalmanati, rivolgendosi ad un pagliaccio, faceva fremere di sdegno laici dal passato burrascoso, mentre labbra che hanno mormorato preghiere tutta una vita si atteggiavano al sorriso, e mani che avevano elevato la Santissima Eucaristia nel gesto della Consacrazione, applaudivano». Le stesse labbra han sorriso, le stesse mani applaudito alla scena dell'Agonia, «raffigurata dai pagliacci che ronfano ammucchiati agitando ritmicamente le braccia».

Né li atterrisce, attori e spettatori, immemori di ciò che atterrì i convitati di Baltasar - quelle parole, quel Mane Tecel Fares scritto da quella mano sulla parete della sala dove si rideva e irrideva alle cose sacre bevendo nei vasi del Culto presi dal Tempio - immemori del Deus non irridetur, il pensiero dell'ultima scena, quando Egli verrà in maiestate sua a giudicare, se anch'essa è stata per quelli oggetto di caricatura, e valga per il tutto un particolare: «Il saltimbanco interprete della parte» (del Giudice Divino) «è seduto su una tavola a gambe divaricate, con lo "scettro" nella mano sinistra rappresentato da una scopa, e fa entrare gli "agnelli" nel "regno dei cieli" con una pacca sul sedere di ognuno che, a pecoroni, gli passa tra le gambe belando di contentezza...» E la gente ride, la gente gode, la gente applaude.

In Roma, questo e il tant'altro, e si domanda, il testimone, «come possa, la terra impregnata del sangue di tanti martiri, lasciarsi calpestare da questi bestemmiatori, apostati, sacrileghi, senza sollevarsi in un moto di repulsione».
Come? «È un mistero», egli si risponde, e collegando a queste altre offese, d'ordine materiale, per cui gemono, minacciati di crollo, gloriosi edifizi sacri a Dio, alla Vergine, ai Santi, mestamente conclude: «Non è la circolazione che fa sussultare i monumenti alle fondamenta, non è il tempo che distrugge. È la mancanza di fede, di rispetto verso il Creatore, che annienta lo spirito che regge tutte le cose: anche le pietre. Così come il corpo dell'uomo muore quando l'anima lo abbandona, le costruzioni degli uomini cadono in rovina perché viene a mancare il sostegno della preghiera. Questo è il segno dei tempi da noi vissuti... Il tremendo anatema dottrinale - perciò inalienabile - del Concilio di Trento ci sovrasta. Guai! Guai! Guai! Ma nessuno legge l'Apocalisse, e tutti corrono a vedere Godspell su invito del Vicariato».

              


Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 9:46 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Dio, l'Innominato


La preghiera... Sì, il padre Rotondi ha ragione imputando all'«abbandono della preghiera», effetto della «scomparsa del bisogno di pregare», l'«attuale crisi religiosa»: crisi paragonabile a quella dell'organismo che non si nutre non appetendo più il cibo, e non è tanto, per molto che sia, la qualità del cibo, la repellenza delle preghiere che si dicono, si cantano, si strimpellano oggi nelle chiese, quanto il deprezzamento della preghiera in questo clima del post-Concilio, a causarne l'abbandono.

Di questo clima è emblematico il gesto del disgraziato - portacartelli in tonaca al servizio dei comunisti - che strappa pubblicamente la sua corona del Rosario per significare lo strappo di ciò che si deve credere e fare da ciò che si è creduto e fatto prima d'ora, prima del Concilio, ed emblematicamente si oppone a quello di Pio X che dice: «Datemi una schiera, un "esercito " di cristiani che reciti la corona e io convertirò il mondo». La corona, per dire, appunto, la preghiera, il ricorso a Dio - sine quo nihil, in quo omnia - contro il «nuovo corso», la nuova «religione» che di Dio fa a meno e si chiama laicismo.

Gli dobbiamo, in politica, noi italiani con una maggioranza legislativa cattolica, o almeno eletta da cattolici, l'esclusione del nome di Dio dalla nostra Costituzione: esclusione che ci allinea, fra tutti i paesi civili, anche non cattolici e non cristiani, alla sola Unione Sovietica, la sola, infatti, che, come la nostra, lo ignori; e voglio, qui, ricordare, a nostro rossore, ciò che un non cattolico, un famoso «laico», non arrossì di proporre per la riapertura del parlamento.

Lo riferisce Gigi Ghirotti in una pagina di quel suo diario di malato inguaribile (Lungo viaggio nel tunnel della malattia) che ci piace riportare anche per quello che vi si dice della potenza emotiva d'una di quelle preghiere del passato che si son volute distruggere per surrogati che lasciano muta l'anima e ghiaccio il cuore...
Era in ospedale, un giorno di primavera, una mattina di Pentecoste, e sentì, nell'intimo, svegliarsi qualcosa che apparteneva ad anni lontani: un inno che aveva sentito e cantato in chiesa nella sua fanciullezza e premeva, ora, nuovamente, con tanta soavità alle sue labbra ma senza poterne uscire non ricordando egli le parole. «Quel mattino mi sentivo giusto l'anima in forma di cattedrale e d'inno: ma con chi scioglierlo, quest'inno?» Ne chiese al suo vicino di letto, ma egli, prostrato dal male, altro non sentiva che quello.

Entrarono, per una visita di carità, due chierici americani, del seminario del Gianicolo, ed egli li interrogò. «Domandai», egli racconta, «a un di loro», un giovane di Detroit, «se nel loro seminatio si studia latino e si canta in gregoriano. «Perché vuol sapere questo? Perché ho bisogno d'un inno perduto. Tanti anni fa aggiunsi - l'Italia, che era stata per lungo tempo divisa in due dalla guerra, tornò a riunirsi. Si riapriva il Parlamento; ma subito, alle prime battute, ci si avvide come e quanto il Paese fosse ancora diviso». La divisione era circa il modo di «solennizzare l'evento» e tra i modi ci fu appunto, continua il Ghirotti, quello proposto dal più autorevole fra i membri del consesso: «Tra questi pareri discordi, si alzò infine la voce d'un vecchio filosofo liberale, Benedetto Croce, che, da posizioni di insospettabile laicismo, suggerì che parlamentari d'ogni partito e d'ogni idea intonassero, nell'atto di aprire la pagina della nuova storia, un inno, il Veni Creator Spiritus. Ora anch'io», il Ghirotti sèguita (e mi si lasci, per quel che ho detto, seguitare con lui) «avevo bisogno d'un inno, di quell'inno: m'aiutassero a ripescare dalla memoria il Veni Creator... Il giovane venuto da Detroit se lo ricordava: l'aveva cantato - ragazzo - nel coro della parrocchia. Mi prese per le mani: lo cantammo insieme sottovoce, forse un po' commossi. Alle parole "accende lumen sensibus", l'infelice signor Saverio» (il vicino di letto) «aveva già i lucciconi».[SM=g1740734]

Prima di Croce un altro «laico» (e che «laico», in tempi di che laicismo!) aveva insegnato ai nostri legislatori e governanti d'oggi, e dico nostri riferendomi principalmente ai cattolici, il Nisi Dominus aedificaverit... Nisi Dominus custodierit... Insegnato, insegnando loro a vincere il rispetto umano, la vile vergogna di rammentare, di pronunziare il Nome di Dio, pur se membri di una parte politica che si cognomina «cristiana». Non se ne vergognò il fondatore e fu il solo: dopo di lui, decine di uomini eletti coi voti dei cattolici, raccomandati dai Vescovi si sono succeduti al suo posto di capo del Governo, decine e decine sono stati ministri, pronunziando, in centinaia e centinaia di discorsi, milioni e milioni di parole, senza che quella parola di tre lettere, senza che quel Nome sia uscito da quelle bocche una sola volta.

Ed ecco il «laico», ecco il Carducci (del discorso, più celebre che conosciuto, di San Marino):
«Dio volle si rifacesse da povera gente latina quassù ciò che è anima e forma primordiale nel reggimento del popolo italiano... Dio volle e vuole che questo San Marino rimanga, memoria, testimonianza, ammonizione». E sollevando, come lo vediamo, con la fronte la voce: «Iddio dissi, o cittadini: perocché in repubblica buona è ancora lecito non vergognarsi di Dio; anzi da lui ottimo, massimo, si conviene prendere i cominciamenti e gli auspicii, come non pure i nostri maggiori dei comuni, ma usavano gli antichi nostri di Roma la grande e di Grecia la bella».

«Superstizione» da un lato, e dall'altro «orgoglio di osservatori... troppo fidati nelle vittorie del naturale esteriore, hanno quasi diseducato le genti latine dall'idea divina», ma né quella né questo «sequestrerà Dio dalla storia. Dio, la più alta visione a cui si levino i popoli nella forza di loro gioventù; Dio, sole delle menti sublimi e dei cuori ardenti...» E sul nome di Dio, del Dio cristiano e cattolico, il Dio di Dante, che «lo annunzia col più alto dei canti umani», il poeta, qui da politico, conclude: «Ove e quando ferma e serena rifulge l'idea divina, ivi e allora le città surgono e fioriscono; ove e quando ella vacilla e si oscura, ivi e allora le città scadono e si guastano»; per terminare, con un quasi grido di vanto: «Dio fu col principio della nostra repubblica, o cittadini».

Se in repubblica buona è lecito a un «laico» parlar così, in repubblica italiana è illecito, come s'è visto, a cattolici nominar Dio, con tutto ciò che ne consegue, e così si spiega il divorzio (concesso dai cattolici per non rompere il matrimonio con la bella dagli occhi guerci, l'alleanza centro-sinistra), così si spiegherà l'aborto, così la droga e tutte le altre turpitudini per cui «le città scadono e si guastano» e i delitti più immani e inumani possono diventare insignificante cronaca quotidiana. Si obliti sumus Nomen Dei, nonne Deus requiret ista? Se avremo dimenticato il nome di Dio, forse che Dio non ce ne chiederà conto?

Il tragico di questa dimenticanza, di questo pratico vergognarsi di Dio, di questo laicismo così astraente da ciò che un Proudhon riconosceva e affermava, che «in ogni questione politica vive una questione teologica», è per l'appunto che questo sia il fatto di cattolici, che come han voluto «laico» il principio, laico han voluto e vogliono il seguito della nostra repubblica, sostituendo all'«idea divina» l'«idea democratica», senza Dio, sia pur, infine, contro Dio.

Il tragico, ho detto, ricordando ciò che Gesù disse del sale svanito, che sarà gettato fuori ut conculcetur ab bominibus, perché sia pestato dagli uomini, e chiedendomi se non siano già in marcia i piedi destinati a questo.
Quando saranno arrivati, quando il Comunismo avrà piantato la sua bandiera sul Campidoglio, aspettando l'ora d'issarla sulla cupola di San Pietro - nuovo, più maestoso Cremlino su una nuova più larga Piazza Rossa - la medaglia di Lenin andrà di diritto a questi «cattolici democratici» che, servi dei suoi servi, lo avranno principalmente servito ai danni dell'avversario finale, l'unico, secondo la sua satanica intuizione del futuro: «Non ci saranno, ben presto, che due campi e due lottatori: il Cattolicismo e il Comunismo» (Lenin).

Che i piedi possan esser gialli, asiatici, la cosa non cambia, e chissà che non ne sia il preannunzio in quell'«esercito di duecento milioni» che Giovanni vide pronto a passare «il gran fiume Eufrate», fra l'Asia e l'Europa, «Exercitus vicies millies dena millia», che non par più un'iperbole per significare un gran numero, dacché abbiamo sentito, or è poco, Mao dirsi precisamente in grado di mobilitare esattamente «duecento milioni di cinesi».

Per diviso che sembri e diviso marci, il Comunismo è infatti uno solo, come una sola è la meta: abbeverare i suoi cavalli alle fontane in cospetto del Vaticano.


[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 10:02 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Prima di leggere la prossima pagina di Tito Casini, vorrei che leggeste queste parole del Card. Biffi dal suo libro, uscito l'anno scorso: "Memorie di un cardinale italiano" dove dedica al tema in corso quanto segue:

Sul comunismo aveva ragione papa Wojtyla:
il Concilio non doveva tacere


(pp. 184-186)


Comunismo: il Concilio non ne parla. Se si percorre con attenzione l’indice sistematico, fa impressione imbattersi in questo categorico silenzio.

Il comunismo è stato senza dubbio il fenomeno storico più imponente, più duraturo, più straripante del secolo ventesimo; e il Concilio, che pure aveva proposto una Costituzione sulla Chiesa e il mondo contemporaneo, non ne parla.

Il comunismo, a partire dal suo trionfo in Russia nel 1917, in mezzo secolo era già riuscito a provocare molte decine di milioni di morti, vittime del terrore di massa e della repressione più disumana; e il Concilio non ne parla.

Il comunismo (ed era la prima volta nella storia delle insipienze umane) aveva praticamente imposto alle popolazioni assoggettate l’ateismo, come una specie di filosofia ufficiale e di paradossale “religione di stato”; e il Concilio, che pur si diffonde sul caso degli atei, non ne parla.

Negli stessi anni in cui si svolgeva l’assise ecumenica, le prigioni comuniste erano ancora luoghi di indicibili sofferenze e di umiliazioni inflitte a numerosi “testimoni della fede” (vescovi, presbiteri, laici convinti credenti in Cristo); e il Concilio non ne parla.

Altro che i supposti silenzi nei confronti delle criminose aberrazioni del nazismo, che persino alcuni cattolici (anche tra quelli attivi al Concilio) hanno poi rimproverato a Pio XII!

In quegli anni, pur percependo la grande anomalìa di questo riserbo soprattutto da parte di un’assemblea che aveva discorso quasi di tutto, non mi sono affatto scandalizzato. Anzi, devo dire che capivo gli aspetti positivi di quella linea. E non tanto per la possibilità, che così si profilava, di trattare con i regimi comunisti l’auspicabile partecipazione al Concilio dei vescovi da loro controllati, quanto per la previsione che una qualunque presa di posizione, anche la più blanda e la più sorvegliata, avrebbe scatenato un inasprimento della persecuzione, così da appesantire la croce di quei nostri fratelli perseguitati.

In fondo, c’era in tutti, almeno inconsciamente, il convincimento che il comunismo fosse un fenomeno tanto consistente da essere ormai irreversibile: con esso bisognava dunque per forza di cose abituarsi a fare i conti, chissà per quanto tempo ancora.

A ben guardare questa era in sostanza la giustificazione anche dell’Ostpolitik (“politica di dialogo e di augurabili intese con i Paesi dell’Est”) della Santa Sede di Giovanni XXIII e di Paolo VI; tale politica ci pareva sanamente realistica e storicamente opportuna.

Chi non ha mai condiviso questa prospettiva è stato Giovanni Paolo II (come ho capito da un colloquio avuto nel 1985). Ha avuto ragione lui.

I Libri del cardinale Giacomo Biffi (da non perdere)

[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]


Ora leggiamo Tito Casini che scrive quanto segue nel 1972

"La negazione del Cristianesimo"


Che in Vaticano si agevoli ai cavalli l'accesso, favorendo nel Comunismo il nemico della Chiesa più esiziale e risoluto, è l'incredibile, il «mistero», ed è la realtà.
In armonia, come sembra, col Quirinale (dove il Comunismo, «corpo pseudomistico di Satana», come lo definì, esperto per vicinanza, il vescovo slovacco Hnilica, e come Satana astuto, è riuscito a farsi dimenticar perfino di nome e l'unica cosa da cui guardarsi, l'unica paura par sia quella di un morto: il fascismo), in Vaticano lo si ignora, infatti, come nemico, s'ignora il trotto di quei cavalli e si condanna all'oblio chi osò condannarlo, addirittura scomunicarlo, come un Pio XII o un Pio XI (anche se nessuno di questi ebbe, nel farlo, nel dimostrarne l'intrinseca perversità, parole più decise di quelle avute da Paolo VI alle Catacombe di Domitilla).


L'oppio marxista fa, così, nella Chiesa ciò che Marx accusava la Chiesa di far con la religione nei popoli, con le conseguenze descritte nel libro di un inglese, John Eppstein, dal titolo La Chiesa è impazzita? e il suo contegno nei riguardi del Comunismo ne sarebbe precisamente un dei sintomi (fra i quali, dimostrandone la correlazione, l'autore include l'abbandono della sua liturgia, «della splendida Messa in latino, in favore di un indescrivibile servizio in vernacolo»).

Il Comunismo ha effettivamente motivo d'esser riconoscente al Vaticano per questo suo atteggiamento: riconoscente per il silenzio che permette ai suoi cavalli di avanzar sempre più sicuri, di portar sempre più avanti le proprie insegne, trovando addormentate le sentinelle, amici e cooperatori dove si aspettava nemici, nelle file e tra i comandanti; riconoscente per la sua collaborazione attiva alla sovietizzazione dell'Europa mediante quella «politica dell'Est», di apertura alla Russia, che ha il suo agente - il suo Kissinger, come già lo si definisce - nel monsignor Casaroli.

A lui, alla sua opera di «mediatore», il Comunismo deve già un grande servizio: quello di avergli ottenuto, sul piatto della Ostpolitik, la testa di Mindszenty, decapitato, «deposto», propter Herodiadem, in punizione della sua fermezza, dei suoi non licet all'adulterio, della sua fedeltà alla Chiesa, e dobbiam credere, nel nostro stesso amore alla Chiesa, che si possa pur dire, di chi con mano esitante sottoscrisse il verdetto: Et contristatus est rex propter iusiurandum.

Crediamo infatti al dolore di Paolo VI per il sacrifizio di Mindszenty, di questo campione della Fede, alla causa dei suoi nemici più radicali, come gli credemmo quando, arcivescovo di Milano, chiedeva agli «aperturisti» di allora: «Dove sono i Cardinali Mindszenty e Wvszvnsky? E perché ancora è segregato il Cardinale Stepanic? Dove si trova e quale sorte ha avuto il degnissimo Arcivescovo di Praga, Monsignor Beran? Dove sono tutti i Vescovi della Romania? Dove quelli della Lettonia, della Lituania, dell'Estonia, ed altri che in paesi che si credono esaltati da una cosiddetta democrazia progressiva, non hanno più alcuno dei diritti fondamentali dell'uomo, quello di pensare, di parlare, di pregare, di difendersi, di vivere, per il solo fatto d'esser esponenti della Chiesa cattolica e ad essa fedeli...?»

Dove sono? Alla domanda rispondeva, allora - per chi non era passato dal carcere o dal «lager» al cimitero -, l'Annuario Pontificio con l'annotazione «impeditus», e la risposta, per Mindszenty, è di fatto ancora quella: «impedito», ma con l'aggiunta, tristissima: dalla Chiesa.

A che pro? Con quale frutto per la Chiesa nei territori dov'essa realizza con più sofferenza il suo «quarto titolo», come fu detto: «cattolica, apostolica, romana e perseguitata»? Accettando di togliere, col proprio esilio, l'«ostacolo» che il giornale vaticano vedeva nella sua persona ai buoni rapporti fra Stato e Chiesa, Mindszenty aveva da poco detto addio, per Roma, alla sua amata Ungheria, quando il coesule suo confratello di episcopato e di martirio, il cardinale Slipyi, levava in Sinodo la voce, affievolita dai diciotto anni di lavori forzati in Siberia, per denunziare l'acuita ostilità del regime contro la religione, «col pericolo di una sua cancellazione totale».

Non dissimilmente aveva parlato dieci anni avanti colui che, Vescovo dei Vescovi, sedeva ora fra i duecento ascoltando il confratello ucraino come un tempo si ascoltavano nelle catacombe coloro che portavano nelle carni i segni della testimonianza resa a Gesù nelle carceri o nelle miniere.

Papa da un biennio, giovane, quindi, e libero di cingersi e andare dove voleva, egli era andato alle Catacombe sacre alla vergine martire nipote di Diocleziano, e vi aveva detto quelle parole: «Per troppo facile associazione di idee qui penseremo a quelle porzioni della Santa Chiesa che ancor oggi vivono nelle catacombe... Le analogie reali fra la Chiesa che oggi stenta, soffre e a mala pena sopravvive nei paesi a regime totalitario sono evidenti. Identico è il motivo della resistenza della Chiesa di allora e di oggi: difendere la Verità e insieme rivendicare il sacro diritto di ogni uomo ad ogni sua propria responsabile libertà, soprattutto nel campo fondamentale della coscienza e della religione. Identico l'intento degli antichi e moderni persecutori, che, con la violenza fisica o con il peso di un apparato legale, giudiziario o amministrativo, vogliono imporre la loro "verità" e soffocare ogni contraria manifestazione del pensiero».

Vi aveva denunziato, dei moderni persecutori, il conato di «asfissiare la libera vita religiosa del popolo e delle singole persone», il «proposito deliberato, anche se taciuto, e la ingenerosa speranza, verso la Chiesa, di farla morire», intralciando «il normale esercizio del governo pastorale, quando non sia possibile piegare clero, religiosi e fedeli a "collaborare" con il regime», e monopolizzando, allo scopo, «tutti i mezzi a disposizione dell'organizzazione totalitaria», con la meta di «togliere la gioventù alla Chiesa e imporle il verbo marxista».

Aveva infine ammonito, «i cattolici che per grazia di Dio vivono in libertà, di ricordarsi dei cattolici che vivono nelle moderne catacombe e non dimenticare quanto triste, umanamente parlando, sia la loro sorte, riflettendo che, senza vigilanza e concordia, simile sorte potrebbe diventare comune».

Così Paolo VI, il 12 settembre 1963, e ciò che allora era vero oggi lo è più che allora, più che mai sia stato. Il Comunismo, «la negazione del Cristianesimo», «la più terribile empietà di tutti i tempi», non è cambiato, da allora - da quando così lo definiva lo stesso Montini - e più che mai valido, più che mai urgente è oggi l'invito a riflettere, oggi che, col 15 giugno, la minaccia di quella comune sorte ci ammonisce tanto più da vicino, più da vicino ci giunge il nitrite di quei cavalli, sitibondi di abbeverarsi a quelle fontane.

[SM=g1740720]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 10:19 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Qui Tito Casini riprende a scrivere dopo qualche tempo come spiega lui stesso....


Responsabilità
(Tito Casini descrive, dopo aver commentato la vittoria elettorale dei comunisti, la delusione della nomina a vescovo di Bugnini, responsabile del decadimento liturgico per altro denunciato già da Paolo VI, eppure incomprensibilmente egli viene nominato vescovo....)

Giugno 1975

Riprendo - come Dio mi concede, dopo un forzato lungo riposo - il mio posto in linea, col cuore di quando, feriti in guerra, chiedevamo, nel nostro ardore di ventenni, di anticipare la fine della convalescenza per tornare a servir la patria in pericolo.

Riprendo mentre il Comunismo - il nemico della patria come della Chiesa - festeggia la sua avanzata in Italia, allineando a quella del 12 maggio la sua nuova grande vittoria del 15 giugno.

Grande vittoria per quelli, amaro scacco per noi - dico per i cattolici italiani, logicamente, coerentemente, come cattolici e come italiani, anticomunisti - reso, come l'altro, più amaro dal fatto di avervi, come per l'altro, contribuito e si sa in che misura.

Si sa. Senza negare al polledro sardo e al suo trapelo campano la loro parte nel trar lo sforzo, la parte principale va riconosciuta ai cattolici, e per essi alla Gerarchia, che ancora una volta, tacendo e non facendo tacere, lasciando ai traditori la libertà di subornare i fedeli, ha permesso e agevolato agl'infedeli un successo che rimette potenzialmente in marcia verso l'Italia e piazza San Pietro i carri armati sostanti a motore acceso sui confini cecoslovacchi.

Ci duole, e quasi ci vergogniamo, di parlare così, di responsabilità, ai nostri sacri pastori, di dire, di ripeter loro, come per il 12 maggio: Vous l'avez voulu... ma la verità impone che si dica: la verità è che si deve a loro se, ai paschi d'Engaddi e di Saron, troppi, ingannati dai mercenari, han preferito le lande della Siberia europea o asiatica, rispondendo ancora no alla voce della coscienza cristiana e italiana, con un'incoscienza nel fare, pari alla demenza nel valutare i risultati del fatto.

Col 15 giugno il Comunismo montante ha raggiunto infatti, da noi, quasi il livello di guardia, e noi danziamo, allegri, come i passeggeri del Titanic in procinto di sprofondare, senza che nessuno intoni almeno la preghiera: chi dovrebbe farlo danza infatti con gli altri, i preti partecipano alle feste dell'Unità, e i vescovi... i vescovi, che hanno disprezzato come allarmista chi denunziava l'avvicinarsi dell'iceberg e suggeriva e gridava di cambiar rotta, onde evitare con l'impatto il disastro... i vescovi, come si disse e fecero per il divorzio, stanno a guardare.

Era il loro ufficio, guardare: guardare, nel significato pastorale del termine - Episcopos, colui che guarda, che sorveglia - e lo hanno dimenticato nei riguardi di ciò che Paolo VI definiva, giova ripetere, «la negazione del Cristianesimo» e «la più terribile empietà di tutti i tempi»: quel comunismo «intrinsecamente perverso», che ha, «verso la Chiesa, il proposito deliberato e la speranza di farla morire».

Disperata speranza, è vero, questa di far morire la Chiesa («Non ci siamo riusciti noialtri preti!» fu argutamente risposto al superbo che minacciò già di farlo, e il presente non potrà che dare maggior forza all'argomento), ma è pur vero ciò che il poeta le cantava nella sua Pentecoste: Tu, che da tanti secoli soffri, combatti e preghi; - che le tue tende spieghi - dall'uno all'altro mar... ed è il Comunismo che combattendola, perseguitandola nei suoi figli, costringendola in tanta parte del mondo a ripiegar nelle catacombe le proprie tende, ne perpetua ai nostri giorni il soffrire, senza il conforto, in troppa parte, della solidale preghiera di quelli che ancora e per ora «vivono in libertà», quando non anche nell'amarezza di vederli solidarizzar coi loro oppressori.

È un fatto, un'onta nota a chiunque ha orecchi e va in chiesa, ciò che il cattolico André Martin rilevava scrivendo di un suo degno confratello russo, Andrej Sacharov: «il rifiuto più o meno velato d'includere quelli che soffrono per la loro fede entro le Chiese del silenzio, nella preghiera universale durante la celebrazione eucaristica», A questo «rifiuto», a questa esclusione della Chiesa che tace dai memento di quella che può ancora parlare, fa riscontro l'inclusione, più o meno aperta, di «preghiere» con le quali si vorrebbe metter di mezzo Iddio («Ascoltaci, Signore!») per la sconfitta di chi, al prezzo della vita, sostiene con la libertà di tutti ben anche quella di pregare.

Politica, Ostpolitik, anche in questo? Sacharov lo dice, il perché, ed è, in versione italiana, il perché di don Abbondio, «ne va della vita», pur se riferito alla religione ossia da intendersi come un «ne va della pace», quella «pace religiosa» nel cui nome, minacciando la guerra, già si pretese il divorzio: «I dignitari della Chiesa occidentale conoscono la situazione (nell'Urss). Ma una prudenza, che è un bene di questo mondo, li induce a stendere un velo su quanto accade nei paesi dell'Est».

A questa «prudenza» («prudentia carnis», come l'Apostolo la definisce e con Isaia la riprova: «Prudentiam prudentum reprobabo»), dobbiamo appunto, dopo il 12 maggio, il 15 giugno: dobbiamo la libertà lasciata a preti e frati di professare e predicare come verbo di Dio il «verbo marxista», incuranti, a loro stesso danno, della lezione che Pio XI deduceva dalla storia: «Se taluni indotti in errore cooperassero alla vittoria del comunismo nel loro paese, cadranno per primi come vittime del loro errore».
Voi lo avrete voluto, e ne avrete voluto tutte le logiche conseguenze, nei riguardi dei campanili come delle torri civiche, delle nostre anime come delle nostre persone, e voglia Dio che da quelli e da queste, umiliati a supporti di bandiere color del sangue, non venga un giorno la voce che contro un vostro confratello si levò un giorno dal rogo di Rouen: «Évêque, c'est par toi que je meurs: vescovo, è per causa tua che io muoio».

So di dire, ripeto, così scrivendo, una cosa grave e non senza sforzo lo faccio, non senza pena io accuso, rivolgendo a me stesso la domanda che mi sembra di sentirmi rivolgere: Or tu chi se, che vuoi sedere a scranna? E mi fa sperare nell'indulgenza, a mio riguardo, il fatto che alcuni degli stessi vescovi si siano implicitamente accusati, attribuendo il disastro al dilagare del «permissivismo» da essi favorito, per debolezza, tra i fedeli e specialmente fra il clero
.

Indulgenza io improto, comecché sia, dal vescovo di Diocleziana, monsignor Bugnini, che non a caso e non per poco entra nel discorso che sto facendo, considerata la discendenza, che io vedo, del 15 giugno e del 12 maggio dal 7 marzo, l'altra «data storica» i cui sviluppi sono appunto sotto i nostri occhi, nel «permissivismo», nelle licenze, negli arbitri, nelle ribellioni d'ogni specie cui la nuova legge del pregare diede il via in ogni campo con tutti quei suoi «permittitur», «licet», «potest» e successive «istruzioni» equivalenti a sempre nuove falle, nuove aperture, nuove «fessure» nelle pareti del Tempio.

A Sua Eccellenza che mi conosce per avversario e forse per questo mi sta in cagnesco, io faccio, come tale, da buon cavaliere, i miei rallegramenti per l'alta nomina, salvo che per il titolo della diocesi che gli è stata assegnata: un titolo che lo associa, nominalmente e certo non intenzionalmente, al più spietato persecutore della Chiesa, quel Diocleziano, per l'appunto, che, convinto di averla definitivamente spacciata, fece coniare a ricordo la famosa medaglia con le parole «Deleto nomine christiano». Non per far paragoni, s'intende, anche se, vedendo nel futuro vescovo di Diocleziana lo sterminatore della lingua che Pilato volle in cima alla croce e che da ogni croce domina sui nostri altari, mi venne di scriver quella pagina, che non gli sarà piaciuta, intitolata per analogia «Deleto nomine latino»: pagina scoppiata dal cuore, in un impeto di dolore e d'indignazione, a quel loro trionfale annunzio: «Con la recita del canone in lingua italiana, è l'ultimo baluardo della celebrazione della Messa in latino che viene a crollare: una data storica!»

A Sua Eccellenza, comecché fosse, io predissi già questa nomina, le sacre infule episcopali, predicendogli fin anche la porpora cardinalizia, e porgo dunque di buon diritto le mie, seppure amare, felicitazioni, pur ricordandogli, in tutta umiltà, nello spirito di quel sic transit simboleggiato da quella stoppa, un episodio ch'egli forse conosce perché fa parte della vita di un santo che, bontà sua, e gliene siamo particolarmente grati noi fiorentini, non è stato radiato dal Calendario...

A un chierico che gli confidava la sua speranza di far carriera nella Chiesa, dicendogli via via tutti i gradi gerarchici che poteva, un dopo l'altro, raggiungere, il santo, Filippo Neri, chiedeva via via: «E poi...? E poi...? E poi...?» fino a che quello, toccato con la tiara di papa il supremo vertice, dovette infine rispondere che poi... poi non c'era altro, non c'era che da morire, e Filippo lo invitò a pensare, a meditare su questo e vivere tenendo conto di questo: che si deve morire.

È ciò che con altro spirito dice anche quella birba del Giusti in una sua celebre poesia pur con due spropositi (perdonabili alla sua poca pratica di chiesa) come quelli di scambiar per salmo una sequenza e per Breviario il Messale: Tra i salmi dell'ufizio - c'è anco il Dies irae: - o che non ha a venire - il giorno del giudizio?
Giustappunto il Dies Irae... Per quanto l'abbiano estromessa, la sublime sequenza - sublime nelle parole del Celano come nelle note del gregoriano o del Verdi - perché non ci ricordasse ciò che appunto vuol ricordarci, e per quanto, allo stesso fine, si sia bandito un colore, il «niger», dai paramenti liturgici, quel giorno ha da venire, verrà per tutti, anche per i vescovi, anche per il vescovo di Diocleziana, il grande riformatore, lo sbanditore della lingua nostra, del culto; e mi domando se, visti i frutti, considerati gli effetti, questo pensiero, quella domanda - Quid sum, miser, tunc dicturus...? - non venga mai a turbare i suoi sonni: s'egli si senta, in coscienza, soddisfatto e tranquillo.

(Una domanda che non farei, che sarebbe oziosa, se non avessi per calunnia ciò che si sussurra di lui: ch'egli servirebbe, nella Chiesa, tutt'altra causa che quella affidatagli dal Papa, avanzando in una carriera dove si procede per gradi che van dal 3 al 33... Calunnia, voglio credere, ed è perciò che mi domando, egli mi perdoni, quello che ho detto: soddisfatto e tranquillo?)


P.S
Bugnini non diventò mai cardinale....

[SM=g1740720]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 10:41 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Vi ricordiamo che la lettura del seguente thread è sequenziale, i testi vanno letti uno dietro l'altro per una miglior comprensione...


"In piena rivoluzione"



Tranquillo? Soddisfatto?

Non sembra lo sia del tutto colui che della Riforma fu il padre e se ne compiacque tanto da vedere in essa quasi un «passaggio del Signore», transitus Domini, foriero di frutti quali la Chiesa, prigioniera della «sua tradizione», della «sua lingua», del «suo canto», dei «suoi riti», non poteva fin qui sognare e che avrebbero superato ogni più bel sogno. Ed ecco, in men di un decennio, ecco i frutti, ecco la realtà, ecco l'amata confessione di chi, liquidata la tradizione, dando per passato il passato, sembrava dirci, quel 7 marzo: Magnus ab integro saeclorum nascitur ordo... senza per anche pensare a un « nuovo ordine della Messa » che avrebbe rappresentato il suo massimo trionfo d'innovatore.


È lui, il cardinale Lercaro, «pionnier du mouvement liturgique, l'un des chefs de file du "renouveau"» (come scrive un giornale belga, La libre Belgique, riportandone un'intervista), che vede con apprensione, «s'inquiète», ciò che avviene oggi nella Chiesa e, di riflesso, nella società. «Nous traversons» (noi attraversiamo), egli dichiara, «une crise de la foi... Nous sommes en pleine révolution, Le monde pénètre dans nos foyers...» (una crisi della fede... Noi siamo in piena rivoluzione, Il mondo entra nelle nostre case...) e il doloroso sfogo continua lamentando il pullular dei contestatori, «petits schismatiques» turbolenti i quali «font l'impression de donner dans l'ypercritique et de pratiquer la destruction pour elle-même», pretendendo così«le renouveau de l'Église par la ruine des institutions...»

Il giornale vede in questa dichiarazione come un'autocritica di chi, onorandosi del titolo d'«innovatore», lanciò con tanta foga i cavalli della Riforma, che non han finito di correre, di galoppare, in ogni campo della Chiesa, e così commenta: «Il n'est jamais trop tard pour faire amende honorable... Il s'aperçoit maintenant des effets désastreux de la révolution dans l'Église, prophetisée par...» (Non è mai troppo tardi per fare una ammenda onorevole... Si realizzano ora gli effetti disastrosi della rivoluzione nella Chiesa, profetizzati da....)
Non sono io il profeta a cui qui si allude (e voglio, qui, tra parentesi, dir che il titolo, con tutto il profetismo in giro, tanto che trovare un «profeta», nella Chiesa d'oggi, è più facile che un ciarlatano in piazza alle fiere d'un tempo, non mi va niente a genio): è vero però che in quel mio libello io avevo previsto questo, e non per vanità torno a dirlo ma per ciò che un riconoscimento del genere vale allo scopo per cui scesi e torno in campo.

Torno, confortato da una non meno autorevole, significativa testimonianza, che il giornale belga avrebbe potuto produrre senza uscir di casa.
Si tratta, infatti, del Primate del Belgio, l'arcivescovo di Malines, il ben noto cardinal Suenens, riformista innovatore così«aperto», spalancato ai «segni dei tempi», così proteso a spiantar la Chiesa dei nostri, che il confratello bolognese è al confronto un timido untorello...

Patito come lui del Concilio - il cui «bilancio globale era largamente positivo e invitava all'euforia» - egli non ha avuto meno la sincerità di riconoscere la susseguente «crisi di fede», pur non vedendone il nesso e manifestandone stupore. «Venne il dopo-Concilio», egli dice in un suo libro uscito or ora in Italia, «e con sorpresa di tutti un vento di desolazione e di devastazione scosse la Chiesa di Dio. Cominciava un Venerdì Santo: fu il tempo della morte di Dio, della negazione di Gesù come Figlio unico di Dio, della contestazione della Chiesa come sacramento di salvezza. Allo stesso tempo un'ondata di immoralità, forte quanto un maremoto, inondava il mondo: i mass-media accentuavano la grande decadenza morale senza che vi fossero reazioni da parte d'una società che vuol essere permissiva e con la complicità silenziosa di troppi cristiani preoccupati prima di tutto di dimostrarsi comprensivi... Altre ragioni di tristezza: la diminuzione costante e universale della pratica religiosa dopo la fine del Concilio; la preoccupante diminuzione delle vocazioni» (ciò che il vescovo di Ragusa, monsignor Pennisi, chiamava «fra tanti pericoli quello mortale per la Chiesa, e il castigo più tremendo di Dio»); «genitori profondamente cristiani che vedono i loro figli grandi rompere con la religione; focolari che non sono più riscaldati dalla preghiera comune; cristiani smarriti dall'evoluzione conciliare»

Questa la realtà, questo il quadro - pur incompleto, com'egli stesso dichiara - di ciò ch'egli chiama, col Papa, «l'inverno postconciliare», e la nostra meraviglia, lieta meraviglia, è che lui se ne meravigli.

Nessuna meraviglia, al contrario, in colui che, come segretario del Vaticano Il, ne conosce meglio di chiunque altro la storia. «Io che ho vissuto il Concilio momento per momento», disse nel decimo anniversario della sua apertura il cardinale Felici», «ed ho potuto notare i fermenti che agitavano gli spiriti, non sono rimasto affatto meravigliato delle manifestazioni postconciliari e dell'abuso che si è fatto del nome del Concilio. Ma proprio l'esistenza di forze avverse», aggiungeva, «deve renderci più svegli nel tenere lontani i seminatori di zizzania. Dove trionfa la confusione il diavolo c'entra sempre o per suscitarla o per approfittarne. E la confusione oggi disturba tantissimo. Piccoli manipoli tentano di sconvolgere tutto e molti sono invasi da timore. Dobbiamo avere il coraggio di non farci spaventare da certi dirottatori dello spirito».

Iddio mi dà, per la mia modesta parte nell'opera, questo modesto «coraggio» (modesto perché i dirottatori con cui ho avuto fin qui e avrò fors'anche a che fare non hanno usato contro di me altr'arma che questa mia, una innocua penna, né io, sorretto da tanti socii passionum, ho avuto o avrò da soffrire ciò che il Suenens allinea fra le tristezze del Concilio: «la solitudine di chi s'impegna da solo a servire ciò che crede il bene della Chiesa»), e sarei perciò inescusabile se non obbedissi al richiamo di Chi vede nel presente le premesse di «una notte senza stelle distesa sui destini umani».

Obbedisco, dietro l'appello, il grido lanciato poco fa in San Pietro dal Papa, con un crescendo di forza che ne faceva sentire la sincerità e la pena: «Basta! Basta con il dissenso interiore alla Chiesa! Basta con una disgregatrice interpretazione del pluralismo! Basta con l'autolesione dei cattolici alla loro indispensabile coesione! Basta con la disubbidienza qualificata come libertà...!»

Obbedisco, rimanendo al mio posto, confermato e rafforzato nel proposito, dopo la libecciata del 15 giugno che ha nuovamente, dopo il 12 maggio, deluso gli ameni inganni di chi aveva visto nel 7 marzo l'inizio di una nuova primavera cristiana.

Deluso, come mi confessava, quasi piangendo, un parroco mio amico, convinto della Riforma non così da inghiottire senza disgusto i nuovi testi e i nuovi canti «di chiesa» ma assai per credere ch'essa fosse un bene, un vantaggio per le anime e per la Chiesa, a cui si doveva senza discussioni e rimpianti sacrificare il latino, il gregoriano, il Palestrina, il Perosi e quant'altro dell'antico patrimonio liturgico prescrivevano o proscrivevano le «istruzioni» emanate a getto continuo dai neo-gestori del culto.

Conformemente, con sua non poca pena, aveva, a imitazione dei parroci suoi viciniori, abolito i Vespri domenicali, sostituendoli con la Messa vespertina e consolandosi con le molte comunioni di più che venivano fatte rispetto a prima, grazie anche alla nuova disciplina del «digiuno» eucaristico, per cui si poteva mangiare e bere senza limiti di qualità e di quantità fin quasi al momento d'ingerir la particola.

Questo maggiore afflusso all'altare - riscontrabile in ogni chiesa, senza, è pur vero, un adeguato maggiore afflusso al confessionale - era il suo principale argomento in favore della Riforma. Certo, non potest arbor mala bonos fructus facere... e io osavo appena chiedergli se ciò bastasse, se più comunicanti volesse dir più coerenti cristiani, a parte il motivo e il modo di fare quel che in effetti alcuni facevano come per dovere, nella convinzione, dovuta a eccessivo zelo di sacerdoti nell'inculcare la pratica, che senza quello la partecipazione alla Messa non fosse completa e quindi non completamente assolto il precetto festivo.

Il 12 maggio poteva, appunto, essere una riprova... e la riprova lasciò affranto il mio amico, che non si era dato riposo, non aveva badato a «prudenza», né in chiesa né fuori, per dimostrare ai parrocchiani il loro dovere di coscienza di votar da cattolici. Nonostante l'evidenza di questo, e contro ogni sua previsione, il paese-parrocchia del mio amico votò divorzio, e fu facile quanto triste per lui constatare che tra i molti del «no» molti erano stati quelli che la mattina s'eran pur confessati cattolici rispondendo «sì», amen, a chi, senza diaframma di lingua (in volgare, anche troppo), offriva loro, in quella particola, «il corpo di Cristo».

Il 15 giugno - l'esame, per così dire, di riparazione - ha confermato e peggiorato le cose, e l'aggravante è che a determinare il forte balzo in avanti del marxismo, ateo e ateista, avvertitamente voltando le spalle alla Chiesa e rinnegando col fatto il loro battesimo, sono stati i «diciottenni», i figli e allievi della Riforma, allattati alle sue mammelle e venuti su alla sua scuola.

È dimostrato, anche così, come avesse ragione chi ammoniva, all'inizio, come fosse illusorio attendersi la conversione delle coscienze dall'inversione degli altari e dalla versione del Messale (cui avrebbe potuto aggiungere il ricevere in piedi, alla pari, Colui che, pari al Padre, Lo pregò sempre, come attestano concordi i Vangeli, «positis genibus», in ginocchio).

Così disse, allora, l'arcivescovo di una grande città e diocesi, il cardinale Colombo, non pensando, non prevedendo egli stesso quanto avrebbe avuto ragione, di quale perversione, di quale «rivoluzione» sarebbe stato indizio e inizio quel rivolgere le spalle a Dio per rivolgere la faccia agli uomini, a quale «confusione di lingue» avrebbe portato il ripudio della «lingua cattolica», che Paolo VI avrebbe chiamato «divina» e paragonato, col gregoriano, a un «cero» il cui spengimento avrebbe afferto «toti Ecclesiae Dei aegritudinem ac maestitiam»,

Le lingue che a Milano, in Duomo, hanno ad alte strida rivendicato alla donna il diritto di ripudiar con l'aborto la propria creatura, inveendo contro la Chiesa, che ripete il suo Non occides, sono nell'ordine di quel ripudio, come l'insulto fatto in effige a Paolo nella sua Brescia, rinnovellando lo schiaffo, l'aceto e il fiele rinnovellati in Bonifacio a Cristo in Anagni.



Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 11:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Vergognosa eccezione

(Tito Casini spiega e descrive la situazione in preparazione del voto per legalizzare l'aborto...aveva previsto che dopo il referendum sul divorzio, si sarebbe legalizzato l'aborto, ormai la coscienza cattolica non c'era più...Inoltre descrive la questione sulla deriva liturgica e l'iniziativa di Paolo VI che chiede ai vescovi di spingere i fedeli a non abbandonare la ricerca della preghiera e dei canti in latino...)
 

Questo dolore e mestizia, non sentiti dai nostri, sono sentiti, onore a loro! dai Vescovi tedeschi. Onore a loro e gratitudine anche per noi - noi italiani che per ogni ragione, noi i più vicini, avendone fra noi la sede, al cuor della Chiesa, noi per i quali la «sua lingua», sposa da sempre del «suo canto», è «la lingua nostra» - avremmo dovuto essere i primi, in questo, e non lo siamo neanche ora: ora a un anno dacché il giornale della Santa Sede dava con risalto quella notizia: «Rivolgendosi recentemente al Santo Padre con una lettera firmata da tutti i Vescovi, la Conferenza Episcopale della Germania ha auspicato che la lingua latina sia conservata nella Liturgia».

Unanimi e certi, come già sanno, che quanto chiedono sarà accolto «magna cum satisfactione» da tutti i loro sacerdoti, essi, i Presuli tedeschi, solennemente, episcopalmente, dichiarano: «Arbitramur nempe linguam latinam, illam linguam vetustam in Ecclesia catholica, quae per saecula fuit vinculum quoddam praestans unitatis cum Sede Romana, retinendam esse in usu liturgico», e il Papa non ha potuto non consolarsi che nel paese di Lutero si voglia, si faccia questo, come non in Italia, il paese cattolico e latino di cui egli è il Primate.

Non in Italia, no, non i nostri Presuli, e non sarò io - quell'io...! - a sottolineare questa non onorifica assenza: sarà un amico e collaboratore dei nostri, sarà il Pieraccioni, che recependo, magna cum satisfactione, la notizia e rilevando come «il ritorno del buon senso», col ritorno del latino, sia in atto «non solo nei paesi dell'area romanza come la Francia, ma anche in paesi di lingue anglosassoni come appunto la Germania, o di lingue slave come la Polonia o la Cecoslovacchia» (i due da me plurimentovati compagni italo-maoisti l'han ritrovato, con loro orrore, perfino in Cina), lamenta e commenta: «Unica eccezione è per ora l'Italia: nella recentissima edizione italiana del rito delle esequie sono scomparsi testo e musica gregoriana di canti responsori antifone che erano da tutti cantati da tempi immemorabili... In paradisum deducant te angeli... Chorus angelorum te suscipiat... Ego sum resurrectio et vita... mirabili antifone, testi incomparabili, o diciamo meglio intraducibili, tanto bene significano da sé quello che intendono dire: le esequie senza canto... sono come una Pasqua senza alleluia».

Il che è vero, ma è pur vero, sia detto a loro discolpa, che per godere di un canto bisogna avere il dono dell'udito, come per godere di un prato in fiore o di una notte stellata occorre quello della vista: il dono del gusto, in una parola, che i nostri riformisti non hanno e, deridendoli come «estetisti», compiangon altri di avere.

Onore dunque, e gratitudine, anche per noi, a questi Vescovi della Germania che han dimostrato di averlo, il dono, come già avevano dimostrato di possedere il senso della dignità rifiutando un'onorificenza considerata inaccettabile, per le mani che gliela offrivano, dal loro onore... «Il vescovo di Ratisbona, monsignor Rudolf Graber», come apprendiamo infatti dall'Asca, «ha rifiutato la Gran Croce al merito, la massima onorificenza civile della Bundesrepublik, assegnatagli dal presidente Gustav Heinemann, dopo che questi aveva firmato la legge sull'aborto», mentre, per lo stesso motivo, altri, già parimente decorati, rimandavano al Presidente le insegne; e vogliamo qui aggiungere cio che il vescovo rispondeva a un italiano che si rallegrava per il suo «gesto»: «Credo sia tempo che tutti, sacerdoti e laici, in tutti i paesi, debbano formare un fronte comune contro l'indebolimento morale e contro ogni modernismo».

Il «gesto», infatti, è giovato, se si deve - come non vi è dubbio - anche a quello il «voto in favore della vita», come i cattolici, suoi propugnatori, han definito la sentenza del Tribunale Federale Tedesco, che ha annullato come incostituzionale la Fristenloesung, la libertà di abortire, votata dal parlamento. E anche questo sia detto mentre da noi il «cattolico» Moro, l'insostituibile capo di governo di un partito «cattolico», rinunciatario già sul divorzio, si prepara a rinunziare, a far zona B del diritto di chi vive alla vita, dichiarando, con riferimento all'aborto: «Vi sono cose che la moderna coscienza pubblica attribuisce alla sfera privata e rifiuta siano regolate dalla legislazione ed oggetto dell'intervento dello Stato», per cui, al momento di decidere, «prevarranno la duttilità e la tolleranza», vale a dire, con tragica incosciente ironia, la conservazione della poltrona governativa in cambio della libertà di ammazzare, largita da chi professa di credere nei Comandamenti divini, senza scrupolo, senza terrore del grido, Vindica, Domine, sanguinem nostrum, che si leverà, che già si leva contro essi, già intenzionalmente omicidi, già, proditoriamente, assassini...

Auguriamo a Leone la forza di rifiutare una firma come quella per cui i Vescovi tedeschi rifiutarono le loro onorificenze: glielo auguriamo, per la sua pace, qualunque cosa accader dovesse, che non sarà mai come legalizzare il delitto, offrendo alla sua meditazione d'uomo civile e cristiano queste parole di un sacerdote francese, George De Nantes, per la sua patria: «La legittimazione dell'aborto proverebbe l'illegittimità del regime, laico e materialista... Pur che vivano gl'innocenti e viva la Francia, crolli pur la repubblica, in Nome di Dio!»

Dopo di che, con quei nostri Vescovi della Germania, torniamo al latino, torniamo al discorso da cui abbiamo solo apparentemente deviato, ricordando il «dono» che, nella persona dei Vescovi, il Papa fece, il giorno di Pasqua, l'anno scorso, a tutti i fedeli, il «dono personale» del libro Iubilate Deo, fatto appositamente stampare e contenente un «repertorio di canti gregoriani in lingua latina» (ventiquattro, fra cui tutta la Messa) al fine che si ripristinassero come «minimo» in tutta la Chiesa, in applicazione, anche, del disposto conciliare che ordina di «provvedere a che i fedeli possano insieme dire e cantare in latino tutte le parti della Messa loro spettanti»: quel latino che, col gregoriano, «per tanti secoli ha accompagnato le celebrazioni sacre nel rito romano, ha nutrito la fede e alimentato la pietà, ha raggiunto una perfezione artistica tale da essere meritamente considerato dalla Chiesa come un patrimonio di inestimabile valore, ed è stato riconosciuto dal Concilio come "proprio della liturgia romana".

Il dono è accompagnato da una lettera del Prefetto della Congregazione del Culto che raccomanda vivamente alle Loro Eccellenze l'iniziativa del Santo Padre... e che ci fa ricordare, per il conto che se n'è fatto e si fa, le gride del governatore di Milano contro i portatori del ciuffo... Absit iniuria, e voglio sperar, caro Pieraccioni, che l'Italia rappresenti anche in questo l'«unica eccezione»; ma dimmi tu, se sbagliassi, tu, l'amico dei Vescovi, quanti di loro, da noi, si son curati di obbedire comunicando ai loro preti il superiore volere: dimmi tu in quante chiese il «cero», spento dagli scaccini della Riforma, s'è riacceso, in ossequio al Papa, o se il dono non sia dovunque finito come presumibilmente lassù a Camaldoli per le mani di quell'Abate Generale, per il quale il latino e il gregoriano sono dei morti, più che quatriduani, che nessuno - neanche, per ipotesi, Nostro Signore - deve risuscitare.

Ci avevo sperato - ingenuo per troppo amore! - in questa risurrezione voluta dal Capo della Chiesa con quel suo Iubilate Deo, e il nuovo disinganno, il veder Lui, per questo, così deluso e deriso, Lui già beffeggiato in tanti altri modi, Lui passivo zimbello della variopinta ciurma che lo circonda, mi riporta a mente - fìgùrati un po', caro Pieraccioni - ciò che il nostro Papini, nella sua Storia di Cristo, racconta di Clodoveo... Gli leggevano, un giorno, la storia della Passione «e il feroce re sospirava e lagrimava, quando, ad un tratto, non potendo più reggere, mettendo la mano sull'impugnatura della spada, gridò: Oh fossi stato là io, coi miei Franchi!"»

A Paolo VI, se fossi io là - là al sommo della Chiesa, dove la passione di Cristo si rinnova e più obbrobriosa, in quella della sua Sposa - direi d'impugnar lui la «spada», come Gesù impugnò nel Tempio la frusta, e cacciar la banda che usurpandone in terra il loco, arrogandosene quasi le chiavi, parla e agisce in suo nome, in suo nome fa e disfà, riforma e deforma, nel furore di una rivoluzione che non rispetta neppur se stessa ma decapita e divora oggi - simile alla lupa dantesca che mai non empie la bramosa voglia e dopo il pasto ha più fame che pria - ciò che pur ieri, in odio al passato, intronizzò, innovò, pose sull'altare.

In suo nome, come afferma Jean Madiran denunziando (nella sua Réclamation au Saint-Père) i misfatti, in campo liturgico e dottrinale, perpetrati «da una burocrazia collegiale, dispotica ed empia, che pretende d'imporsi in nome del Vaticano Il e di Paolo VI».

A torto o a ragione? egli si chiede, e per noi la risposta non può esser dubbia: a torto, A torto, come vuol provare, per il latino e il gregoriano, questo Iubilate Deo mandato ai Vescovi in dono pasquale perché splendesse inestinguibile nella Chiesa quel «cereus», perché non cessasse di risonar quella «psalmodia et hymnodia quibus horae, dies, anni tempora religionis sacrantur pietate» (e per cui un pagano, l'autore del Faust, invocava: «Oh, seguitate a risonare in coro, celesti melodie!»)

Che i Vescovi, come i nostri, non ne abbiano tenuto conto, che alle loro orecchie suonino più allettanti sirene quelle che il Papa, nella sua Sacrificium Laudis, chiamò già «le cantilene oggi alla moda» (stupefatto, per l'appunto, che il gregoriano si volesse «commutare» con quelle, «cum cantilenis hac aetate conditis»: e la moda, da allora, non ha fatto che progredire, in barbarie) è questione di disciplina o, come ripetiamo, di gusto, un dono, questo, un carisma non a tutti largito dallo Spirito Santo o mediatamente dal Papa: resta, però, che questa è la sua volontà, e la sua è, in questo, la volontà della Chiesa.

Certi, come siamo, di questo, noi non lasceremo il campo, noi continueremo da soli a batterci, come soldati a cui in battaglia sono venuti meno i capi ma risoluti ugualmente a non gettare le armi, a resistere fino alla vittoria o alla morte.

Rettorica? Lo dica pure chi non sa per prova che cosa sia la gioia di piangere ascoltando, parole e note, cose come la Sequenza di Pentecoste o il Prefazio dei Defunti... Quanto a me, leggo senza stupore (e non certo per simpatia politica!) ciò che i giornali han scritto della celebre Caterina Fursteva, ministro della Cultura sovietica, morta or è poco: che una sola volta nella sua vita è stata vista piangere in pubblico: quando ha sentito, a Mosca, il coro della Scala cantare il Va', pensiero.
Dalla Russia all'Affrica, dalla Scala a una capanna di negri: lontano, come si vede, da Roma, dalla sua lingua e dalla sua cultura: laggiù, intendo, dove il «volgare» e il «pluralismo», in chiesa, avrebbero apparentemente più ragion di valere.

È una testimonianza che non ci sentiamo di omettere: l'impressione di uno scrittore che avendo percorso da giornalista il mondo intero, d'impressioni, le più svariate, ne ha provate ben la sua parte.

E Vittorio Rossi, uno scrittore cattolico cui un intervistatore ha rivolto fra le altre questa domanda: «Ha mai pianto di commozione nella sua vita?» Ed ecco la sua risposta: «Sì, ma solo una volta. E sa quando? Quando, capitato nel cuore dell'Africa equatoriale, in un villaggio brulicante di bambini nudi, li vidi intorno ad un altare, accanto a un missionario, che cantavano la Messa degli Angeli, in perfetto gregoriano e in passabile latino. Non sapevano quello che dicevano ma "sentivano" ed erano felici: era il più innocente e sconvolgente atto di fede che io abbia udito nella mia vita».[SM=g1740734]

Non credo che una sola lacrima, in tutto il mondo, sia stata versata da un fedele assistendo a una messa riformata (salvo che di pena, di rimpianto, di nostalgia per il perduto, come quelle degli ebrei sui fiumi di Babilonia) e lo stesso Rossi ce ne addita la ragione proprio in quella razionalità (madre del razionalismo) nel cui nome si è irrazionalmente sfrattato dalla preghiera la poesia, si è sfrattato il mistero, senza cui essa non parla più al cuore né illumina che di fredda luce la mente. «Credo nella poesia», egli dice, «e proprio perché amo le cose chiare e genuine, ho bisogno di avere alle spalle una grande ombra, più fertile e feconda di tutte le chiarezze, fertile come la verità: il mistero. Se non sento il mistero intorno a me, nel cielo e sulla terra, mi sembra di essere nudo, di essere inutile, di essere morto».

La razionalità, il ripudio di ciò ch'è stato per «esser d'oggi», per «rispondere ai gusti d'oggi» o "per andare incontro al popolo", frase di cui gli addetti alla cultura fascista si servirono abbondantemente» (ed è il Dalla Piccola che lo ricorda, chiedendo se «è aumentata la fede da quando la messa viene recitata in italiano»), ci ha condotto, di passo in passo, dalle «cantilene» lamentate dal Papa dieci anni or sono, a ciò che lo stesso Rossi, lasciando alla sua penna libero corso, scriveva nella sua indignazione lo scorso maggio:
«Tutto il lavoro delle grandi teste in tanti secoli, la Chiesa dei preti vestiti da stagnini e dei vescovi con le croci di legno lo ha buttato nel ripostiglio degli stracci; e quando si sentono salire a Dio quei canti di adesso, si pensa alla faccia di Dio quando gli angeli, tappandosi il naso, glieli metteranno ai piedi del trono d'oro...
La Chiesa ha buttato via l'augusta densità del latino, ha buttato via le stupende musiche e canti pieni di religione, pieni di paradiso; essi erano anche la tradizione, cioè le cose che durano, dentro il tempo che distrugge tutto; erano la poesia, cioè la scala per salire al cielo, anche solo per qualche ora, ma salire, anche in questi tempi di bassa marea. Ma hanno detto che quella era antiquaria, e ora ci volevano le cose nuove. Le cose nuove erano quelle che non può essere una religione antica, cioè essere una cosa nuova. Se la religione è esposta al tempo, essa non si può occupare della cosiddetta eternità...»

Scriveva, via via più indignato: «I canti che si cantano adesso nelle chiese dànno una sofferenza indicibile; è come sentirsi grattugiare la pancia con una grattugia nuova ogni domenica; quelle voci di saracinesca, quelle cose puerili e stupide fino alla nausea sembrano uscire da una scatola di sardine guaste». E si sa che per non sentir quella sofferenza, per non provar quella nausea, molti sono tentati di dimenticar la domenica, molti hanno cessato di ricordarla: ciò che non era, si deve credere, nelle intenzioni anche se doveva essere nelle previsioni dei riformanti.

«L'abolizione del latino», scriveva Bergerac in un articolo intitolato Ite missa erat, «è stata decisa per una ragione demagogica, e anche perché si pensava che, più fosse stata compresa e meglio sarebbe stato per la fede. Invece, è stato dimostrato che più la Messa era e rimaneva un mistero, e più la gente ne restava affascinata. E più invece capisce cosa dice il prete sull'altare più se ne disinteressa: piaccia o non piaccia questa è la situazione... Si è detto: ma vedrete gli stranieri, che di latino non ne capiscono un'acca, come saranno contenti di sentirsi spiegare finalmente tutto in francese, in tedesco o in inglese. Neppure per sogno»,

 e riferisce, per l'America, ciò che ha scritto un famoso settimanale di New York: «Per molti la traduzione in inglese della messa in latino è stato come osare di ridisegnare Notre Dame o Chartres sui modelli di un grattacielo d'uffici di Manhattan. La versione latina, con la sua patina di secoli e secoli, ha una qualità rituale maestosa che il vernacolo riduce ad una avvilente sciatteria», e «il risultato di tale convincimento», egli aggiunge, «è che in America le poche messe in latino sono frequentatissime: la gente si mette addirittura in treno da lontani paesi e città e fa centinaia e centinaia di chilometri per poterle ascoltare».

E citata, per l'Inghilterra, la lunga lettera pubblicata dal Times, nella quale un centinaio di personalità (dallo scrittore Graham Green al violinista Yeudi Menuhin alla cantante Joan Sutherland) affermano, invocandone il ripristino, che «il rito latino appartiene non solo agli uomini della Chiesa e ai cristiani ma alla stessa cultura universale», conclude: «Detto dagli stranieri agli italiani che hanno avuto la bella idea di castrarsi della propria lingua madre per far piacere agli altri, rappresenta una bella lezione».

Una bella lezione, va proprio detto, ripetutaci, come s'è visto, da quei Vescovi lassù, per i quali e i loro fedeli il latino non è «la propria lingua materna» e Introibo ad Altare Dei è meno facile all'orecchio che Ich trete bin zum Altare Gottes...

Una bella lezione, e io vorrei nuovamente illudermi, anche per questa: illudermi che dietro il loro esempio e l'esortazione del Papa torniamo anche noi a pregare, con essi e con tutta la famiglia cattolica, in quella che per noi nati e viventi all'ombra di Roma è doppiamente lingua materna. Pregare cantando, giubilando a Dio con le note che ai loro padri, come scrisse del gregoriano san Paolino da Nola, facevano sentire il Cristo a cui s'erano convertiti: «Barbari dicunt resonare Christum in corde romano» e a Cristo han portato, per saeculorum decursum (è Paolo VI, ancora, che parla), tanti a cui il cuore, precedendo la ragione, ha aperto la strada.


[SM=g1740722]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/22/2009 11:35 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Dalle Profezie della Beata Caterina Emmerich:

"Vidi ancora una volta che la Chiesa di Pietro era minata da un piano elaborato dalla setta segreta, mentre le bufere la stavano danneggiando. Ma vidi anche che l’aiuto sarebbe arrivato quando le afflizioni avrebbero raggiunto il loro culmine. Vidi di nuovo la Beata Vergine ascendere sulla Chiesa e stendere il suo manto su di essa."


"Vedo altri martiri, non ora ma in futuro... Vidi le sette segrete minare spietatamente la grande Chiesa. Vicino ad esse vidi una bestia orribile che saliva dal mare... In tutto il mondo le persone buone e devote, e specialmente il clero, erano vessate, oppresse e messe in prigione. Ebbi la sensazione che sarebbero diventate martiri un giorno. Poi vidi un'apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande. Aggiunse che queste persone devono pregare ferventemente... Devono pregare soprattutto perché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma." (25 agosto 1820)


"La Chiesa è completamente isolata ed è come se fosse completamente deserta. Sembra che tutti stiano scappando. Dappertutto vedo grande miseria, odio, tradimento, rancore, confusione e una totale cecità. O città! O città! Cosa ti minaccia? La tempesta sta arrivando; sii vigile!" (7 ottobre 1820)



"...L’opera del diavolo si insinuerà anche nella Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi. I sacerdoti che mi venerano saranno disprezzati e ostacolati dai loro confratelli...chiese ed altari saccheggiati; la Chiesa sarà piena di coloro che accettano compromessi, e il demonio spingerà molti sacerdoti e anime consacrate a lasciare il servizio del Signore. Il demonio sarà implacabile specialmente contro le anime consacrate a Dio. Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della Mia tristezza. Se i peccati aumenteranno in numero e gravità, non ci sarà perdono per loro..."


13 Ottobre 1973, messaggio della Vergine Maria a Suor Agnese Sasagawa, Akita

                                           

    

Nel giugno del 1988 il Cardinale Ratzinger, Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede presso la Santa Sede (oggi Benedetto XVI), espresse un giudizio definitivo sulla vicenda definendo gli eventi di Akita attendibili e degni di fede.





                                        [SM=g1740720]


Le ragioni del cuore  [SM=g1740717]

(difesa della Messa in latino e del Rito san Pio V. Tito Casini segnala come ci furono suppliche rivolte a Paolo VI per ripristinare l'antico rito, ma non rispose...si è dovuto attendere Benedetto XVI nel 2007 dopo circa 40 anni di sofferenze...)



Il cuore, infatti, ha ragioni - diremo parafrasando Pascal - più forti o più suasive che la ragione non abbia, e la bellezza è di queste. Amor, che a nullo amato amar perdona... e dal cuore, prima che dalla ragione, è sorto il grido d'angoscia per il latrocinio di cui la Messa è stata oggetto, sorta la supplica a Chi può perché ci sia restituita, come ci è stato restituito il capolavoro che un folle aveva, a colpi di martello, mutilato e sfigurato, in San Pietro, nel conato di distruggerlo.

Quella del Madiran non è che una delle più recenti e accorate fra le implorazioni che l'amore ferito ha levato in alto: «Santissimo Padre, rendeteci la Messa cattolica tradizionale, latina e gregoriana, secondo il Messale di san Pio V. Si dice che sareste stato Voi a interdirla, il che è assurdo, perché nessun Pontefice potrebbe, senz'abuso di potere, colpire d'interdizione il rito millenario della Chiesa, canonizzato dal Concilio di Trento. Ma, vero o no che ciò sia, che sia stato col vostro o contro il vostro consenso che la Messa tradizionale ci è stata tolta, a grado a grado, sotto il vostro pontificato, ciò non importa: ciò che importa è che Voi, Santissimo Padre, ce la rendiate. Voi lo potete e i vostri figli lo reclaman da Voi...»

Le ragioni del cuore sono quelle, precipuamente, che in difesa della Messa fanno schierar - senza invito e pur contro invito - laici d'ogni categoria, di chiaro e di oscuro nome, competenti o come me incompetenti di teologia, unicordi, in questo, coi tanti fedeli di nessun nome e di molta fede (quella che una volta si definiva, ammirando, «la fede del carbonaio»), per i quali il latino non era il «diaframma» ma il velo, ma la sacra nube che circonfulge il divino, e averlo tolto è quasi un aver presunto di penetrare l'impenetrabile, di squarciare il mistero.

«Il testo splendido della Messa latina», così Luigi Dalla Piccola, il musicista, «è il risultato di secoli di meditazione e latino doveva rimanere. Mia madre non sapeva il latino, ma è stata sempre in grado per la sua fede di seguire la cerimonia»; e Mario Luzi, il poeta: «Per chi non ha senso religioso la messa latina è tutt'al più una splendida forma rituale che insieme ad altre forme, come il canto gregoriano, costituiscono una tradizione da non disperdere. Ma chi ha senso religioso sa che il linguaggio della messa non è parafrasabile in nessun altro linguaggio... Non nego che abbiano avuto un certo peso nella mia adesione l'estetica, il sentimento, il génie du christianisme, insomma. Ma dovrei vergognarmene?»

E Giacomo Devoto, il filologo: «I simboli che la lingua liturgica impersona sono due: l'universalità, l'eternità. Essa afferma che in qualsiasi parte del mondo la formula religiosa è la stessa, sia intelligibile o meno, sia pronunciata correttamente o meno. Nel fluire del tempo poi, mentre tutto muta, la formula religiosa rimane... Essa è un atto di fede...»

Aggiungiamo a queste testimonianze ciò che Giovanni Mosca, con la sua lepida penna, scriveva sul Corriere della Sera confrontando testi e traduzioni... Si tratta, ancora, delle ragioni del cuore, della bellezza, e fa al caso quel minimo, quel «discorde accento» che basta, secondo Leopardi, a guastare, a «tornare in nulla», la più bella armonia.

«Per quale ragione», Mosca si chiede, «sembra che Orate, fratres, scenda più dolce al cuore che «Pregate, o fratelli?» Perché Sanctus, Sanctus, Sanctus Dominus Deus Sàbahot è più grandioso ed esaltante di «Santo, santo, santo è il Signore Dio dell'universo?» Credo dipenda dal pacifismo della traduzione italiana che non ha osato conservare all'ebraico Sàbahot il significato di eserciti, Troppo bellicoso. Liturgia guerrafondaia. Per cui lo splendido «Signore Dio degli eserciti» (eserciti d'angeli, beninteso) è stato sacrificato».

E prevedendo, per chi ci bada, il sorriso di chi non bada a queste farfalle sotto l'arco della nuova Messa (farfalle, inezie cui sicuramente non bada il «Signore Dio dell'universo»), sorride e sèguita: «Io sono tra questi buffi e commoventi nostalgici. Mi sembra di esprimergli più sentitamente e profondamente la mia riconoscenza dicendo Deo gratias che non usando l'ampolloso e ginnasiale "Siano rese grazie a Dio".

Quel semplice Gloria in excelsis va più su che non il complicato " Gloria nell'alto dei cieli ". Et iterum venturus est iudicare vivos et mortuos mi fa più paura del " Verrà di nuovo... "

Il risonare del petto battuto tre volte dalla mano viene meglio reso da Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa o da " Per mia colpa, per mia colpa, per mia grandissima colpa "?

Solo che senta dire Agnus Dei, una mano invisibile mi solleva dal suolo, all'Et in terra pax hominibus bonae voluntatis mi rivedo bambino intento a seguire voli di angeli, con Miserere nobis dico tutte le lagrime del mio infinito bisogno di pietà, all'Ite, missa est avverto qualche cosa di definitivo, di irreparabile, una porta che si chiude, rimango solo, indifeso» (e che conforto, aggiungo, che gioia, nell'antica Messa, sentire, dopo quell'Ite, che no, la porta non si era chiusa, che non si era alla fine ma solo, ma ancora, ma sempre al principio: In principio erat Verbum ... et Verbum erat apud Deum... et Deus erat Verbum... Finiva così, la Messa antica; ed era come sentire il primo odore di fiori, come vedere le prime rondini tornare sul finir di marzo).

Si dirà, per questo, che Missa est, come Mosca intitola l'articolo, o Missa erat come l'altro, con lo stesso significato, intitola il suo? Infelici noi, se così fosse, se il Papa non avesse risposto no, all'eresia esterna e interna alla Chiesa, che gli chiedeva d'interdirla. Sarebbe davvero la fine della Messa e con essa della Chiesa, secondo le assurde speranze del suo più viscerale nemico.

È alla messa «tridentina», ante litteram, la «messa papista», ch'egli, Lutero, si riferisce allorché incitando ad abbattere l'odiato, il vituperato baluardo, dice: «Quando la messa sarà stata rovesciata, io penso che avremo rovesciato il papato: triumphata missa, puto nos totum papam triuphare. È sulla messa, come su una roccia, che il papato interamente si appoggia... Tutto crollerà necessariamente quando crollerà la loro messa...»

Assurde speranze, dico, purtroppo alimentate, come sappiamo, dagli autori della «nuova messa», che hanno chiamato in aiuto, a demolire e rifabbricate, proprio quelli, i discepoli di Lutero, che non credono nella Messa e disprezzano coerentemente la Chiesa che la sostiene e n'è sostenuta, con amaro stupore di un vescovo, Marcel Lefèbvre
*, non per nulla a questi e a quelli ugualmente inviso: «Ma come possiamo immaginare che dei protestanti, che non hanno la nostra fede, siano invitati a far parte di una commissione per la riforma della nostra Messa, del nostro sacrifizio, di ciò che noi abbiamo di più bello, di più ricco in tutta la nostra Chiesa, l'oggetto più perfetto della nostra fede?»

Come? È ciò che gli stessi protestanti si chiedono, chi rallegrandosi - com'è logico, dietro quel puto nos del maestro - chi dolendosi, come al mancar di una luce verso cui, delusi e smarriti nella giungla del «libero esame», guardava con desiderio e speranza. «Cosa ben triste! Comincio a scoprire le magnificenze della Messa romana, e molti altri con me, nel momento in cui i cattolici sembrano volerle perdere». Sono di un pastore protestante queste parole - già da noi citate - scritte a un sacerdote cattolico a proposito della «nuova messa»: neanche «nuova», per verità - non ne dispiaccia ai «novatori» - perché, egli dice e dimostra, «il vostro "Novus Ordo Missae" già esisteva quasi per intero nel Secolo dei Lumi» (la riforma liturgica era auspicata già allora, ai propri fini, dalla massoneria) ed è così, egli aggiunge, che la mia prima impressione nell'esaminare i nuovi formulari della Messa è stata questa: I cattolici commettono esattamente gli errori che noi abbiamo commesso in passato».

È noto che Lutero gode di un, ottima riputazione nella Chiesa o fra gli ecclesiastici, meno o più alto locati, d'oggi. Per dirlo ai suoi, il cardinale Willebrands, con tutto il da fare che aveva a Roma, è andato apposta a Evian-les-Bains, all'Assemblea Luterana, dove ne ha fatto il panegirico presentandolo, in sintesi, come «una persona profondamente religiosa, che con onestà e dedizione ricercò il messaggio del Vangelo, e della quale occorre saper dare un più corretto apprezzamento negli sforzi per ricostituire la perduta unità»: cosa che può lasciare alquanto perplessi, anche in tempi, come il nostro, di sconfinato «ecumenismo», chi ricordi, a mo' d'esempio, il suo ferro-e-fuoco (da precursore di Hitler) contro gli ebrei, le sue condanne a morte dei preti che seguitassero a dir la «messa papista», o le parole con cui (antesignano di Stalin) invitava i principi tedeschi a liquidar la rivolta dei contadini: «Scatenatevi, cari signori, salvateci. Trafigga, colpisca, strozzi, chiunque può farlo. Noi viviamo in tempi così straordinari, che un principe può meritarsi il cielo versando il sangue assai più facilmente che altri pregando»: parole che, com'è storico, quei cari signori non intesero a sordo.

Bazzecole, queste e altre simili, che in mano all'avvocato del diavolo potrebbero tutt'al più ritardare quella canonizzazione che alcuni sembrano desiderare, e possiamo metter fra questi un altro pezzo grosso della Chiesa odierna, postconciliare, quel padre Congar che del Concilio è riconosciuto «uno dei principali ispiratori» e ha avuto le mani in pasta nella faccenda della riforma liturgica. I titoli, secondo il celeberrimo padre, per collocar nel firmamento celeste l'uomo di Wittenberg sono tanti e tali da offuscare, al confronto, stelle di prima grandezza, nello stellato dei Santi, quali l'autore del De Civitate e quel della Summa, nonché pensatori come quello delle Pensées.

Sentite: «Lutero è uno dei più grandi geni religiosi di tutta la storia. Io lo metto, a questo riguardo, sullo stesso piano di sant'Agostino, san Tommaso d'Aquino e Pascal. In certa maniera egli è ancora più grande. D'une certaine manière il est encore plus grand. Egli ha ripensato tutto il cristianesimo. Lutero fu un uomo di Chiesa...»
Lo riferiscono (da Le Mond del 29 marzo passato) Itinéraires, che pare sian di parer contrario, così commentando fra l'altro le ultime parole: «Quanto a vedere in lui "un uomo di Chiesa" è un pigliare in giro la gente, se moquer du mond, perché si sa che tutta la sua opera non tende che alla demolizione della Chiesa»: la quale, giova ripetere, poggia, secondo lui e siam d'accordo, sul papato, e il papato, sempre d'accordo, sulla Messa (nostra, cattolica). Si può, perciò, esser certi che Paolo VI non accoglierà i voti, non santificherà non riabiliterà Lutero e risponderà Vade retro a chi lo tenterà di autodemolirsi demolendo la «roccia» su cui si fonda, sacramentalmente, il suo trono.

Resta che Lutero, resta che il nemico occupa tuttavia la «spianata», cingendo d'assedio la «rocca» (come propriamente definite, lo ripetiamo, le aree della Liturgia e della Fede) all'intento di valersi di quella per la conquista di questa e con punte e con ausiliari già dentro, già inframmessi al presidio in funzione di persuasori, purtroppo ascoltati, di ciò che il pio Enea narrava della sua infelice città: Dividimus muros et moenia pandimus urbis... et monstrum infelix sacrata sistimus arce...

La «messa nuova», «riformata», da intronizzare sull'arce detronizzando ed espellendo, interdicendo la Messa, non sarebbe e non è, nei piani degli attaccanti, che l'ultim'atto, l'atto conclusivo della battaglia contro la Chiesa, e poiché, come già si è detto, è sulla spianata che la rocca si difende, che la battaglia si decide, è d'importanza capitale che il nemico ne sia cacciato, che sulla spianata, nella sua dolce liturgia, la Chiesa torni a festeggiar le sue sagre, tornino, tornati al loro oggetto, i suoi cori, simile a ciò che l'esule rivedeva narrando: Pueri circum innuptaeque puellae sacra canunt... con lacrime, d'altro ma non dissimile genere, anche a noi non ignote.



*Il Casini scriveva queste cose prima che Mons. Lefebvre venisse sospeso a divinis. L'amore di Tito Casini - sempre obbediente - per la Chiesa e per l'autorità e assai distante dalle posizioni prese del presule francese negli ultimi anni della sua vita (n.d.r.)

Ricordiamo che Benedetto XVI dopo aver promulgato il MP che libera la Messa antica, ha tolto anche la scomunica ai vescovi nominati da mons. Lefebvre, nomina dalla quale scaturì la scomunica!

[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/23/2009 10:30 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Compagni di pena


Anche a noi e, aggiungiamo, non a pochi, pur non volendo dir della nostra ciò che Melantone, l'amico e socio di Lutero, scrisse della loro rivoluzione: «Tutte le acque dell'Elba non basterebbero per piangere la sventura della Riforma».

Aggiungiamo pure che il piangere, di dolore, sul latino o sul gregoriano, sulla Messa o sul Vespro, su tutto ciò che ieri faceva pianger di gioia, è malvisto, dagli eversori al potere, come ogni rimpianto in regime di dittatura, con conseguenze pericolose per noi, i nostalgici, come Mosca, in quel suo Missa est, s'è divertito a immaginare, scrivendo, dopo aver partecipato a una di quelle: «Roma, domenica, chiesa di San Silvestro, sei e mezzo del pomeriggio... Che Iddio li protegga. Assisto alla messa in latino. La celebra un prete americano. La legge, il latino, non lo proibisce ancora, perciò nessun pericolo di fermo o d'arresto, ma è prudente non farsi riconoscere: fra tre anni o fra cinque si potrebbe esser chiamati in qualche ufficio, e interrogati: "Lei, alle diciotto e trenta dell'ultima domenica di maggio e della prima di giugno... dov'era? e perché? conosce il latino? le piace? da chi ha saputo che spero, promitto e iuro vogliono l'infinito futuro? "Saranno agenti di non so quale potenza, vestiti di celeste o forse di rosso, sorridenti ma terribili, premeranno un bottone e...»

E sarà, verrebbe a dir Mosca, ciò che fu detto un giorno a quei dodici, per essi e per noi: «Viene l'ora in cui chi vi uccide crederà di rendere un culto a Dio», come han creduto, sicuramente, quei bravi vescovi svizzeri e austriaci che non hanno ucciso, no, ma han messo alla fame, privandoli del benefizio e lasciandoli senza un sussidio, come quello di cui godono gli spretati, i parroci che «si rifiutavano di dare la Comunione nella mano» (come riferisce e documenta, in Chiesa viva, Edith Schubart).

Comecché si mettan le cose, ci conforta questo non esser soli né pochi a riandar col cuore quei cori (piaccia o dispiaccia ai teneri che hanno in uggia Cassandra, salvo ricordarla, domani, quando Ilio sarà in fiamme). Solatium miseris socios babere poenantes, specie se di «soci» si tratta che non se ne stanno lì a sospirare, o a coniugare i verbi che vogliono l'infinito futuro, ma a lavorare, a combattere, nel presente, contro un futuro che potrebbe esser prossimo - il 15 giugno è un forte passo su questa strada - in cui gli agenti di quella tale potenza non si limiteranno a inquisire se siamo stati alla messa in latino ma alla messa quale che sia, se siamo stati, cioè, in chiesa, se crediamo e insegniamo a credere in Dio.

Il che se avvenga, non sarà ciò che personalmente potrà avvenirci la nostra maggior disgrazia (per aver battezzato un bambino, un prete in Albania è stato poco fa fucilato; per aver detto messa, un altro, in Russia, è stato, di questi giorni, impiccato: ma di questo essi ibant gaudentes, queste sono, per noi, vittorie), bensì la nostra responsabilità in questo, dico nella persecuzione della Chiesa, dice, nell'apostasia di cui sarebbe il portato.

Credo mio dovere, parlando di soci nella pena che non si son chiusi in questa ma han fatto, han parlato e scritto contro le cause e per i rimedi, darmi il piacere di render note queste quasi estreme parole di Eririco Medi, l'uomo di scienza che non fu meno uomo di fede, che c'intrattenne sulla Luna col cuore forse rivolto a Colei di cui il dolce astro è per la Chiesa una delle tante immagini - pulchra ut Luna -; che scrisse sul Rosario e il rosario disse tutti i giorni, attento a non uscir mai di casa, per la scuola o per il parlamento, senza che la corona fosse nelle sue tasche; che, malato a morte, si rimproverò di troppo desiderarla, non come la fine di questa vita, coi suoi dolori, ma come inizio dell'altra, della vera, della sola desiderabile. [SM=g1740734]

Il suo amore per la Chiesa fu il suo dolore nel grande sbandamento seguito e conseguente al Concilio, e gli tolse dal cuore, prima che dalle labbra, espressioni come queste, appunto, che riportiamo, pronunziate in limine, col pensiero già oltre la soglia, per degli amici fra i quali chi me le ha fatte conoscere:

«Sta passando la bufera sulla Chiesa, come ai tempi delle grandi eresie, degli iconoclasti ... un periodo in cui si vede che la Chiesa è di Dio e non degli uomini, se no sarebbe distrutta... Noi non siamo del mondo, siamo contro il mondo... Qui il grande errore, il grande equivoco anche del Concilio (scusatemi perché non è parte dogmatica). Quando mai Gesù ci ha detto di andare incontro al mondo? Ha detto: "Io per il mondo non prego: non pro mundo rogo... " e siccome lui è l'unico intercessore... se non c'è la sua preghiera è maledizione... Mai il Signore ... anzi ha detto: "Il mondo ha odiato me e odierà voi ... vi metteranno a morte, opinantes dare gloriam Domino..." Siamo arrivati a questo... Sono parole chiare, parole che la Chiesa ha insegnato per duemila anni, non sono scoperte da manoscritti usciti fuori adesso... Quindi la società moderna è tutta costruita come una fortezza contro la Chiesa: il capitale, il lavoro, il comunismo, la concezione delle macchine, il denaro... tutto è concepito con mente diabolica contro la Chiesa...»

E pensando, in particolare, a quella parte della Chiesa che particolarmente egli amava - come Gesù la sua terra - perché sua terra, ne lamentava l'avvilimento e l'asservimento, per cui «non sappiamo più cosa vuol dire lavoro, cosa la scuola, cosa la famiglia, non sappiamo neppure quali siano i confini della nostra patria» (cosa, questa, su cui abbiamo or ora tolto ogni incertezza rinnegando e regalando al nostro dirimpettaio rosso, antitaliano e anticristiano, le case e le anime di trecentomila nostri fratelli di sangue e di fede, invano difesi da un vescovo per il quale eran figli). «Questa è l'Italia...»

Infermo dello stesso male ma forte della stessa fede di Medi, scriveva ai soci di Una Voce, incoraggiandoli a perseverare nella loro battaglia «per la salvaguardia della liturgia latino-gregoriana», l'umile cappuccino, dimissionario, per il convento, da una gloriosa cattedra di belle lettere, che già col suo saio, il suo cordone, i suoi sandali, in tanto secolarismo, in tanta corsa allo spogliarello pretesco e fratesco, convinceva di ciò ch'era per dire, in televisione, ai tanti che in ogni parte del mondo (anche in Russia, come si poteva e nonostante il rischio) aspettavano quel giorno della settimana per ascoltarlo, per esserne illuminati e consolati: quel padre Mariano (Tito Casini sta parlando del famoso Frate Indovino, difensore appunto della sana Tradizione -nota mia) la cui mitezza francescana, il cui Pace e bene a tutti (ora laicizzato, dai suoi successori in borghese, nel borghese Buona sera) non gl'impediva, appunto, di schierarsi così con noi: «Condivido sentimenti, apprensioni, ribellioni, contro i profanatori della nostra fede».

E fu con noi, ossia noi fummo con lui, ruvido, più che severo, contro i profanatori, un altro la cui partecipazione ci rallegrò e rallegra fra tutte, guardando al «sigillo» impresso dal cielo nelle sue mani: quelle mani che tremavano di timore e di amore stringendo fra le dita l'ostia su cui aveva detto quelle parole... Diciamo di padre Pio, che tante anime riformò senza riformare le forme e al Papa chiese e ne ottenne una sola grazia: quella di poter continuare a dir la sua Messa come sempre l'aveva detta dal suo primo Introibo ad Altare Dei.
Ciò che si vedeva, in lui, di particolare era il modo di dirla, e quel modo, quel fervore, la rendeva intelligibile a tutti, senza che il latino rappresentasse un ostacolo o il dirla rivolto al Tabernacolo, facie ad Deum, paresse mancanza di rispetto per i fedeli, così come ora parrebbe, ora che al Tabernacolo il celebrante volta la schiena e può così vedere i fedeli, ma ne vede un numero sempre più ridotto, cosa ammessa dallo stesso ben noto padre Rotondi, il paladino, s'altri ce n'è, della messa rigenerata (o «rinnovata», come lui vuole), al quale m'auguro non dolga perch'io un poco a ragionar un'inveschi ancora con lui, come ho fatto qua addietro, anche perché non si creda che io creda che i buoni e bravi si trovino soltanto fra quelli, preti o frati, che vestono da preti o da frati e dicono la Messa in latino, pur se quelli mi sembrano, dico il vero, più preti o frati e li ho più in simpatia.


[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/23/2009 10:47 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Regali del Concilio  (Tito Casini descrive qui i responsabili della deriva del post Concilio...e descrive come i testi in latino tradotti in italiano NON donano l'immediata comprensione a ciò che si sta celebrando...e sottolinea la responsabilità di NON obbedire ai vescovi quando danno ordini contrari AL MAGISTERO DELLA CHIESA...[SM=g1740722] )



Come il padre Rotondi vesta - se in tonaca e collare o in pantaloni giacca e cravatta... come quel tale Gesù di Famiglia cristiana che non scaccia più i mercanti dal tempio perché ci fa anche lui i suoi affari - a me non è noto, ma che sia buono e bravo è fuori di dubbio, e gli si può perciò chiedere, dato che fabbrica in piazza, scrivendo su un famoso giornale, che sia coerente, che non manchi di rispetto, voglio qui dire, a chi ha messo già sull'altare.

Mi riferisco a un suo articolo (Il Tempo, 23 marzo scorso) contro i «giovannisti», accusati di tradimento, in parole e opere, nei riguardi di colui ch'essi antepongono e oppongono a tutti i papi succeduti a san Pietro, se non compreso anche lui, ed egli, Rotondi, considera «un santo vero» (non per dire, diamine, che gli altri siano fasulli), senza timore ch'essi, i «giovannisti», gli ritorcessero l'imputazione ricordandogli il suo disprezzo, implicito nella sua passione di riformista vernacolista, per ciò che Giovanni XXIII aveva così liricamente glorificato e fieramente difeso nell'Atto più solenne e più caro, per lui, del suo breve pontificato: quella Veterum sapientia esarata in esaltazione del latino, contro i «novatori» suoi avversari, ai termini della quale egli, il padre Rotondi, se la sarebbe vista brutta coi suoi superiori, severamente ammoniti, al pari dei Vescovi - «Sacrorum Antistites et Ordinum Religiosorum Summi Magistri» - di stare in guardia a che nessuno dei loro soggetti osasse levar la penna contro il latino in liturgia: «Ne quis... contra latinam linguam in sacris babendis ritibus usurpandam scribant»!

Item nei riguardi dell'altro grande pontefice, Pio XII, che il padre Rotondi venera (e vedere ciò ch'egli scrive circa «la sua santità, il suo atteggiamento di assoluta fedeltà a Dio», nell'articolo dello stesso giornale I miei incontri con Papa Pacelli), senza ricordare, né certo per amnesia, i suoi analoghi decisi veto, i suoi altolà a chi, con «temerario ardimento, si fa lecito di usar la lingua volgare nella celebrazione del Sacrificio Eucaristico», ammonendo che «sarebbe superfluo il ricordare che la Chiesa ha serie ragioni per conservare fermamente nel rito latino l'obbligo incondizionato per il sacerdote celebrante di usare la lingua latina».

Che il padre Rotondi sostenga con tanta sicurezza ciò che con tanta fermezza i due papi condannano, può davvero lasciar perplessi; perplessi e quasi sgomenti al vedere in questo, nell'esaltazion del vernacolo trionfator del latino, lui, padre Rotondi, a braccetto (per modo di dire, s'intende!) con la Zarri e il Balducci, per non citare che due antilatinisti miei famosi avversari, e dico con una che al titolo di campionessa del divorzio aggiunge, ora, quello di vessillifera dell'aborto; dico con uno, «teologo» come lei «teologa», che al pari di lei non crede nel diavolo e ride pubblicamente, impudicamente del Papa che professa di crederci: cosa in cui il padre crede, di cui teme, senza dubbio, la nequizia e le insidie, nonostante il suo benestare al licenziamento dell'Arcangelo armato dal servizio di guardia.

Povero padre Rotondi che, già viziato al bello dalla sua lunga consuetudine coi testi liturgici ora proscritti, come da quella dei suoi studi umanistici (una volta tanto in onore fra i Gesuiti!) non riesce a nascondere qualche involontario rimpianto, come allorché, costretto a citare, per chiarire un proprio pensiero, la preghiera, «non nuova, antica, antichissima, che rivolgendosi a Dio dice: Deus qui omnipotentiam tuam parcendo maxime et miserendo manifestas», gli scappa di aggiungere: «Questo bellissimo latino non si riesce a tradurlo bene, purtroppo!» E quante cose in questo esclamativo, questo «purtroppo» che vale, purtroppo, per tante altre preghiere, tante altre sacre bellezze, altre perle buttate come ghiande ai suini!

Povero padre Rotondi, costretto, dalla sua cotta vernacolare, a ignorar perfino il Concilio (col suo netto «servetur», si conservi, nei riguardi del latino liturgico) e dico «perfino», considerati i grandi meriti che, sempre in campo liturgico, et quidem della Messa, gli attribuisce, lui «giovanneo» come tiene a dirsi, in polemica coi «giovannisti», da cui tiene a distinguersi, come gli Zizola e compagni più o meno scarlatti. profittatori d'esso Concilio per le loro inconciliabili idee e azioni: «Il buon "giovanneo" gode nell'anima perché il Concilio - il Concilio convocato da Papa Giovanni - gli ha messo nelle mani 4 canoni, 82 magnifici prefazi, innumerevoli formulari di orazioni proprie e un patrimonio ricchissimo di letture...»

Tutti «meriti», questi e altri (numerosi come i farmaci del dottor Dulcamara), che al buon papa Giovanni, latinista e uomo di gusto, avrebbero ricordato il ne quid nimis, sapendo come il «troppo», l'inflazione, svalorizzi la moneta, e non vi è dubbio, non vi può esser dubbio ch'egli si sarebbe opposto, a costo di non indirlo, il Concilio, o disdirlo senza rimpianto, se avesse potuto prevedere certi arricchimenti del patrimonio come quelli che ci ha messo nelle mani, nelle mani di tutti, grandi e piccini, come tutti, grazie al vernacolo e agli altoparlanti, siam posti in grado di ricevere (e guai a chi, invece d'ascoltate, dicesse poniamo la corona!)

Mi riferisco precisamente alle «letture» e chiedo a padre Rotondi per i suoi novizi, chiedo a zio Virginio per i suoi nipoti e pronipoti, bambini e bambine, adulti e giovani, se veramente gode nell'anima sapendo ch'essi ascolteranno, in chiesa, nel cuor della Messa, a pochi momenti dalla Consacrazione e dalla Comunione, verso cui i loro pensieri, come quelli del celebrante, dovrebbero convergere non invischiati da immagini come quelle contro cui il sacerdote, nel salire all'altare, fin qui pregava: «... ut ad Sancta sanctorum puris mereamur menlibus introire»; domando al «giovanneo» che aveva, a nostra edificazione, citato quelle parole di lui, «in tutta la mia vita non ho mai consentito a un pensiero impuro», e riferito, di lui, che «quando sul video appariva qualcosa di un po' scabroso chiudeva gli occhi»; domando se gli sembrano edificanti, cose da rallegrarsi e ringraziarne i riformatori della Messa, letture come, a mo' d'esempio, questa della terza settimana: «... ti ho dato la casa del tuo padrone e ho messo nelle tue braccia le donne del tuo padrone» (ognun capisce, ognun vede in che costume e in che atto); o come questa della settimana ventiquattresima: «C'è un tempo per gemere e un tempo per ballare, un tempo per abbracciare e un tempo per astenersi dagli abbracci» (e tutti intendono di che abbracci si tratti: non quelli, forse, con cui zio Virginio accoglie i suoi nipotini quando vanno a trovarlo);

o come questa della diciannovesima, buona per le levatrici, che metterà fra l'altro in un bell'imbarazzo, quando i figlioli domanderanno cosa vuol dire, le mamme ... anteconciliari rimaste forse alla didattica della «cicogna», antica quanto la sapienza pagana che ammoniva, con Giovenale, Maxima debetur puero reverentia e sul fanciullo cantilenava, rincalzando il lettino: Blande Somne, Somne, veni, claude Marco nostro ocellos... mentre quella cristiana d'ora, postconciliare, riformata, li vuole aperti, gli occhi, i cari occhini di Marco o Marcella che sia, crudendoli come appunto qui, in chiesa, alla Messa, nella lingua ch'essi possono e devono intendere: «Alla tua nascita, quando fosti partorita, non ti fu tagliato l'ombelico e non fosti lavata con l'acqua per purificarti; non ti fecero le frizioni di sale, né fosti avvolta in fasce... Come oggetto ripugnante fosti gettata via in piena campagna, il giorno della tua nascita. Passai vicino a te e ti vidi mentre ti dibattevi nel sangue... Crescesti e ti facesti grande e giungesti al fiore della giovinezza: il tuo petto divenne fiorente ed eri giunta ormai alla pubertà; ma eri nuda e scoperta. Passai vicino a te e ti vidi: ecco, la tua età era l'età dell'amore; io stesi il lembo del mio mantello e coprii la tua nudità... Ti lavai con acqua, ti ripulii del sangue» eccetera eccetera.

Per padre Rotondi questo va bene, deve andar bene, anche se quelle donne, se quegli abbracci, quei teneri fiori di carne dovessero restare nella mente di chi ha letto o ascoltato, o riapparirvi mentre per le parole del sacerdote il Santo dei Santi è per scendere sull'altare o entrar sotto il nostro tetto per farsi una sola cosa con noi.

Quanto a me, pensando a quel «vae!» e a quella «mola» di cui in San Matteo, confesso che non vorrei esser, davanti a Dio, in quelli che hanno immesso nel Sanctum Sacrificium queste e altre simili cose, queste occasioni di distrarsi, per il celebrante - un uomo, anche lui! - come per i fedeli, disarmati, senza sospetto contro il pericolo, dalla loro stessa fiducia nella persona, nel luogo, nel libro e in chi lo scrisse.

A ciò pensando, molti sacerdoti, come sappiamo, hanno sdegnato quelle letture, ed è buon segno, è obbedienza, anche se apparentemente il contrario: obbedienza a Colui cui obedire oportet magis quam homimbus e vuole che l'obbedienza, l'ossequio, sia ragionevole, «rationabile», come non sarebbe il consentire, per passivismo, a che il Messale, opera d'uomini, sia il «galeotto», il mezzano, fosse pure per «solo un punto», fosse pur d'un solo peccato.

Buon segno, obbedienza a Dio, come il rifiuto di cui Sandro Dini riferiva, sul Tempo, sotto il titolo I preti di Milano durante la Messa hanno ignorato i problemi sessuali: «In tutte le chiese di Milano e della Lombardia (ma anche del Veneto) i celebranti, per esortazione dei vescovi, avrebbero dovuto parlare, ieri, durante la Messa, dei problemi dell'educazione sessuale, illustrandone i temi più scottanti, quali il controllo delle nascite, l'onanismo, i rapporti prematrimoniali... Per la prima volta nella Casa di Dio si sarebbe dovuto parlare "chiaramente" di questi temi, considerati sino a ieri argomento della "casa del Diavolo" o quanto meno riservati alla segretezza e alla discrezione del confessionale. Ma l'«esortazione» dei presuli ai pastori di anime non è stata, a Milano, accolta, ad eccezione di qualche parrocchia della periferia, di qualche paesino lontano dalla città...»

Interrogati dal medesimo giornalista, alcuni di questi preti han dichiarato, «anche in termini piuttosto energici», le ragioni di questa loro sacrosanta contestazione (l'opposto di quell'altra), di questo loro no al sesso in chiesa, alla Messa, riassumibili in queste parole d'un di loro, don Luciano Spreafico: «Ci mancherebbe altro che ci mettessimo a parlare di queste cose dal pulpito. In una società pansessuata come l'attuale sarebbe come buttare olio sul fuoco. No, non tratterò mai di queste cose nel corso della Messa. In confessionale, certo, ma durante il Sacrificio mai».[SM=g1740722] [SM=g1740721]

Ci mancherebbe altro, ed è così che han ragionato, anche loro, i correligiosi milanesi di padre Rotondi, trattando tamquam non esset l'ordinanza episcopale Ionibardo-veneta: «Neppure una frase», rapporta infatti lo stesso Dini, «è stata pronunciata nella Chiesa di Sant'Ignazio dai padri gesuiti del Leone XIII, che pure sono considerati fra i più aperti e più attenti ai problemi, specie della gioventù».

Anche loro, e chissà se in questo sarebbe stato con essi il confratello romano, aperto anche lui ai problemi dell'oggi ma chiuso a ogni rimostranza sull'azione o l'inazione dei vescovi, i quali, sembra dica, han sempre ragione, o almeno gli si deve dare, ossia si deve «rispetto e filiale obbedienza» qualunque cosa insegnino o facciano, o lascino che s'insegni o si faccia: in parole sue, e senza riferimento a una famosa massima vigente un tempo in caserma, «non solo quando si è d'accordo, ma anche - direi soprattutto - quando ci si trova in disaccordo».

E ciò che risponde, così semplicemente, a chi, da genitore cristiano, gli chiede se, per il bene dei figli, la «ribellione», in certi casi, non sia «un dovere»: se sia lecito, in altri termini, «tollerare che dei sacerdoti insegnino, ai figli loro affidati attraverso la parrocchia, delle menzogne e delle eresie», [SM=g1740722] [SM=g1740721] come quelle che «è sacramento anche il matrimonio celebrato con il solo rito civile; che per la remissione dei peccati basta il pentimento e non serve la confessione; che i figli sarebbe bene battezzarli a trent'anni come Gesù»: menzogne, eresie, «tradimenti», di cui «la responsabilità risale ai vescovi», con la loro tolleranza verso i maestri, lasciati senza riprensione ai loro posti, alle loro cattedre di pestilenza, con l'aggravante che «quei sacerdoti, attraverso la scala gerarchica, parlano in nome del Papa, vescovo di Roma».

Ed è un vescovo, il cardinale Poletti, vicario del Primo Vescovo, che convalida in certo modo l'accusa del semplice laico parlando - non senza, io penso, battersi ruvidamente il petto, sia in latino o in volgare, se più gli aggrada, il Confiteor - di «nostra responsabilità» in ciò che potrebbe accader fra breve, e Dio voglia non sia troppo tardo l'allarme, in Roma, e sarebbe il peggiore dei suoi mali: la «città di Dio» caduta in mano dei senza-Dio, l'insegna della falce-e-martello, la sanguigna bandiera dei nemici di Cristo, issata, con l'aiuto di mani e braccia cattoliche, laiche ed ecclesiastiche, in faccia alla Croce di Cristo per rimanervi meno fuggevolmente di quel che già non presunse l'uncinata croce hitleriana.

Il padre Rotondi - a cui ritorno per mia difesa perché anch'io sono, com'egli vede, un «ribelle» - deplora anche lui quei «casi», esclamando: «dove siamo arrivati!» senz'aggiungere, che sarebbe troppo, per lui, «dopo il Concilio», ma il suo consiglio è di «dirottare altrove», verso altri preti, i figlioli in pericolo d'esser dirottati dai «loro preti», anziché pretender dai vescovi che dirottino i dirottatori verso dove sarà meglio per essi e i fedeli... magari verso una casa di esercizi spirituali secondo il metodo di sant'Ignazio.

Ai vescovi, egli dice, «non dobbiamo noi insegnare come si governa la loro Chiesa», e siam d'accordo, ma non d'accordo quand'egli vuol giustificare col numero il torto aggiungendo che se così fan tutti, o i più, «se questo atteggiamento, diciamo così, remissivo dei vescovi, è quasi generale, una qualche ragione dovrà pur esserci» e noi padroni di stridere ma non di criticare o resistere.

Buon per noi, per la Chiesa, che così non ragionarono, dopo Nicea, gli Atanasio, Ilario, Cirillo, rimasti con pochi laici a sostenere la dottrina cattolica, pagando con l'esilio la fedeltà, allorché non «quasi» ma «tutto il mondo», universus orbis, con la quasi totalità dell'episcopato, se arianum esse miratus est; buon per noi, per la Chiesa, che così non ragionarono Giovanni Fisher, un vescovo, e Tommaso Moro, un laico, che contro «tutti gli altri vescovi, teologi, nobili, senatori del Concilio, degli stati e di tutto il regno» (come dall'atto di accusa, citato dal Davanzati), dissero no, in Inghilterra, al divorzio e allo scisma e lo pagarono con la testa. [SM=g1740722] [SM=g1740721]

Così, salendo lietamente il patibolo, essi scontarono la loro ribellione al re ribelle alla Chiesa, anziché chiedersi, davanti a una defezione degli altri così generale, se una qualche buona ragione non dovesse pur esserci. Cosa che, umanamente, sarebbe loro giovata.


[SM=g1740717] [SM=g1740720] [SM=g1740717]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/23/2009 11:06 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

"Disobbedire per obbedire"

Tito Casini dopo aver spiegato l'importanza di una disobbedienza alla deriva della Tradizione pur restando con sofferenza obbedienti nella Chiesa...fa una grande profezia IL RITORNO DELLA MESSA ANTICA....e siamo nel 1975[SM=g1740717] [SM=g1740720]



C'è bensì nel permissivismo che fa tutto licet nella Chiesa una ragione, non buona, ed è quella che abbiam dato per titolo a queste pagine: è il fumo di Satana penetrato nei presbiteri, nei seminari, nei conventi, negli episcopii, nelle Congregazioni, in Vaticano, a intorbidare e sviare; è lui, Satana, il grande Scaltro che «con proditoria astuzia» (per dirlo ancora una volta con Paolo VI) lavora per sé simulando di farlo ai propri danni, a pro del Nemico;
- che mira alla morte di Dio ingegnandosi di far credere nella propria, nella sua non esistenza;
- che in nome di Dio ne attacca la Madre come usurpatrice del culto che a lui solo si deve, come Colei da cui «lo Spirito Santo fu oscurato, relegato all'ultimo posto e, quindi, svalorizzato» (Suenens), e in nome dello Spirito Santo lancia una nuova religione (i Pentecostali) a base di balli e amplessi e grida da forsennati, che avrà in San Pietro, sulla tomba dell'Apostolo, la sua massima sagra;
- Satana, il «padre della menzogna», l'«insidiatore sofistico», che predica, che inculca: obbedite! all'intento di farci disobbedire, come dice per l'appunto un vescovo, che vede in questo il massimo della sua abilità d'ingannatore, dopo ciò che il Baudelaire chiamò «la plus belle ruse du Diable» (e si è detto): «nous persuader qu'il n'existe pas».

«Il capolavoro, le coup magistral, di Satana», dice infatti monsignor Lefèbvre(1)
, «è l'esser riuscito a gettare nella disobbedienza in nome, par la vertu, dell'obbedienza», e, dimostrato con l'esempio come il consentire equivarrebbe a dissentir dalla legge, dalla Tradizione, da Dio, conclude: «L'obbedienza, nel caso, dovrebbe essere un rifiuto categorico: l'obeissance devrait étre un refus categorique, perché l'autorità, anche legittima, non può comandarci un atto riprensibile, cattivo, perché nessuno ha il diritto di farci diventare protestanti o modernisti».[SM=g1740722] [SM=g1740721]


O comunisti, aggiungiamo mentre il Papa aggiunge a quella del suo vicario la voce propria chiedendo, come noi ci chiediamo: «perché dovremmo attingere da altre infide sorgenti l'acqua sempre limpida e fresca che ancora ci elargiscono le fontane del romano e cristiano umanesimo?»
Una domanda, un'immagine che ai «patiti», come noi, di quell'umanesimo ricorda per connessione un altro celebre discorso di papa Paolo: quello sulle «torbide sorgenti» a proposito di «riforma liturgica», di «culto comunitario», che minacciando la limpidezza, la genuinità, l'integrità del nostro litare, avrebbe «fatalmente» portato a quella del credere, dato il loro stretto connubio riaffermato dal Papa stesso, «cum prorsus oporteat ut lex orandi cum lege credendi concordet», e confermato, al negativo, da quei «cattolici democratici» d'ogni obbedienza che il Cardinale Vicario comprese nel suo grande abbraccio di or fari due anni e che preferendo, per loro conto, l'acqua del fognone marxista, gli abbaiano, ora, addosso, con tutti i botoli del laicismo d'ogni pelo, perché si adopra a ostacolarne lo sbocco nel Tevere, a impedire, in altre parole, che l'umanesimo romano e cristiano sia sopraffatto, in Roma, alle sue sorgenti, dall'avvento della barbarie più inumana e anticristiana, quale quella che confina in Siberia o chiude nei manicomi gl'intellettuali ribelli e impicca i sacerdoti sorpresi a dir Messa.

A chi con tanta venerazione ricorda papa Giovanni mi sia permesso ricordare, parlando di barbarie, che per lui barbarie era la guerra, barbarie l'oppressione di cui il latino aveva potuto esser vittima, guerra tuttavia sempre vinta, oppressione da cui era pur sempre risorto - «iacuit pluries, at rursus fioruit semper» -: ciò che rafforza in noi la speranza che così sarà ancora e il proposito di lavorare onde sia, rassegnati, se così sarà giocoforza, se non si esaudirà in cielo il voto, O mihi tam longae maneat pars ultima vitae! a non vedere coi nostri propri occhi il giorno o l'aurora, ma restando, per chi verrà, in campo, memori del pur virgiliano Sic vos non vobis nidificatis, aves; sic vos non vobis mellificatis, apes, o meglio dell'evangelico Alius est qui seminat et alius est qui metit.

Fu in quest'animo, fu per quelli che verrano, che io scrissi, ed è in quest'animo che ricordo, per i miei amici, quel mio articolo intitolato Resurget che parve a molti il frutto di un sogno più che di una fondata speranza.

(la profezia sul ritorno della Messa antica[SM=g1740734]  )

Risorgerà, vi dicevo, collegando alla sua lingua la Messa; risorgerà, come rispondo ai tanti che vengono da me a sfogarsi (e lo fanno, a volte, piangendo), e a chi mi chiede com'è che io ne sono certo, rispondo (da «poeta», se volete) conducendolo sulla mia terrazza e indicandogli il sole... Sarà magari sera avanzata e là nella chiesa di San Domenico i frati, a Vespro, canteranno: Iam sol recedit igneus; ma tra qualche ora gli stessi domenicani miei amici canteranno, a Prima: Iam lucis orto sidereÖ e così sarà tutti i giorni. Il sole, voglio dire, risorgerà, tornerà, dopo la notte, a brillare, a rallegrar dal cielo la terra, perché... perché è il sole e Dio ha disposto che cosìfosse a nostra vita e conforto. Così, aggiungevo, è e sarà della Messa - la Messa «nostra», cattolica, di sempre e di tutti: il nostro sole spirituale, così bello e santo e santificante - contro l'illusione dei pipistrelli, stanati dalla Riforma, che la loro ora, l'ora delle tenebre, non debba finire; e ricordo: su questa mia ampia terrazza eravamo in molti, l'altr'anno, a guardar l'eclisse totale del sole; ricordo, e quasi mi par di risentire, il senso di freddo, di tristezza e quasi di sgomento, a vedere, a sentir l'aria incaliginarsi e addiacciarsi via via, ricordo il silenzio che si fece sulla città, mentre le rondini, mentre gli uccelli scomparivano, impauriti, e ricomparivano svolazzando nel cielo i ripugnanti chirotteri. A uno che disse, quando il sole fu interamente coperto: - E se non si rivedesse più? - rammento che nessuno rispose, quasi non si addicesse, in questo, lo scherzo... Il sole si rivide, infatti, il sole risorse, dopo la breve diurna notte, bello come prima e, come ci parve, più di prima, mentre l'aria si ripopolava di uccelli e i pipistrelli tornavano a rintanarsi.
Come prima, lucente e bello, e, pur essendo il medesimo, più di prima il sole ci parve, per la legge leopardiana del piacer figlio d'affanno, o per quella evangelica della dramma perduta e rinvenuta.

Come prima e più di prima: così sarà della Messa, così la Messa parrà ai nostri occhi, colpevoli di non averla, avanti l'eclisse, degnamente stimata; ai nostri cuori colpevoli di non averla abbastanza amata.

Così dicevo e ripeto, estendendo a tutta la liturgia ciò che allora della Messa, la vittima prima, per eccellenza, della rivoluzione che cominciò con l'inibirle la sua lingua e il suo canto per toglierle via via ogni amabilità, ogni bellezza, con un succedersi indesinente di spogliazioni, di demolizioni, che ricorda il pianto del profeta davanti alle rovine di Sion: tetendit funiculum suum et non avertit manum suam a perditione.

[SM=g1740720]

Sfigurata, immiserita, depoetizzata, detta da preti senza «veste» ad altari senza Tabernacolo, senza «pietra», senza croce, senza lumi, senza fiori, con l'aiuto di donne senza decoro femminile, la Messa era almeno tuttora Messa, tuttora sacrifizio e non «cena», immolazione e non «commemorazione», non cosa che gli eretici - come da loro dichiarato - possono accettare, far loro restando «loro», e i cattolici domandarsi e discutere se sia o non sia tuttora Messa
.

Le cose, da allora, sono andate e van peggiorando: l'abisso ha chiamato e chiama con più forte voce l'abisso: il forno di Satana, penetrato dalla «spianata» nella «rocca», ha raggiunto la cittadella l'«arce sacra», avvolgendola - sua suprema astuzia - col dubbio, circa l'ortodossia del Nuovo Ordine della Messa, più utile ai suoi fini di distruzione, più pernicioso alla conservazione della fede, della patente eresia.


Dopo aver detto e dimostrato che la nuova messa è non eretica ma forse peggio, «equivoca, flessibile in diversi sensi, flessibile a volontà, la volontà individuale che diviene così la regola e la misura di ogni cosa», dichiara infatti uno strenuo difensore della Messa che non suscita né suscitò mai dubbi in chi nel corso di tanti secoli la celebrò e l'ascoltò, il teologo sacerdote Raymond Dulac: «L'eresia formale e chiara è un colpo di pugnale - l'equivoco è un lento veleno... L'eresia attacca un articolo preciso del dogma - l'equivoco lede l'habitus stesso della fede e vulnera così tutti i dogmi... Si diventa formalmente eretici solo volendolo - l'equivoco può demolire la fede di un uomo a sua insaputa... L'eresia afferma quello che nega il dogma o nega quello ch'esso afferma - l'equivoco distrugge la fede altrettanto radicalmente astenendosi dall'affermare e dal negare, facendo della certezza rivelata una libera opinione... L'eresia è ordinariamente un giudizio che contraddice a un articolo di fede - l'equivoco resta al margine della fede, al margine, anche, della ragione, della logica».

Quanto dire che la nebbia è, per chi viaggia, più pericolosa del buio, e a diradarla dal Novus Ordo, a toglierne le «tante incertezze» già pur rilevate dal Papa, ci s'è difatti adoprati, dietro le tante proteste, con correzioni che non hanno però chiarito, non hanno sostanzialmente disperso il dubbio.
«Questo rito», conclude infatti il Dulac, «continua a portare un peccato originale che nessuna circoncisione sarà capace di sopprimere: il peccato di aver voluto fabbricare una «messa passe-partout, atta ad essere celebrata da un cattolico come da un protestante».

Recensendo su una rivista di là (Christian Order, aprile 1974) l'edizione inglese di un mio sofferto scritto in materia (da lui significativamente definito Grido del cuore) e risalendo agl'inizi della Riforma di cui il Novus Ordo non è che l'ultimo portato, il padre gesuita Paul Crane si chiede, non diversamente da ciò che Paolo VI lamentò ai suoi primi passi, se di «una nuova liturgia» si possa parlare o non piuttosto di una «non-liturgia, dove ognuno può far le cose più grottesche che vuole, mentre dappertutto si ammucchiano intorno a noi le rovine della bellezza».

Il martello, da allora, non ha cessato, come si è detto, di demolire: «il processo», egli aggiunge, «non si è arrestato: è apparso l'altro giorno un altro decreto - opera senza dubbio dell'infaticabile Arcivescovo Bugnini - che, se ho ben capito, permetterà presto all'iniziativa privata nella Chiesa di redigere le proprie Preghiere Eucaristiche. E che», conclude, «costituirà, a mio avviso, l'ultimo chiodo della bara della Messa che noi abbiamo conosciuto ed amato nei secoli e per la quale morirono i nostri martiri: This will mean, as I see il, the final nail in the coffin of the Mass, as we have known and loved il over the centuries and lor which our martyrs died».

La bara - e rinunzieremo dunque a credere e a fare, piangendo senza speranza su ciò che tanto amavamo? Così piangeva, dietro la bara, la vedovella naimita a cui l'unico figlio era morto. Ma Gesù la vide e quelle lacrime lo commossero, s'avvicinò, toccò la bara e il morto si levò a sedere; poi si mise a parlare ed Egli lo restituì a sua madre.
Così Gesù - per il quale non ci son chiodi che tengano - restituirà a sua Madre, la Chiesa, l'oggetto di tanto suo e nostro amore: la Messa, col suo parlare, per la quale morirono i martiri... come quelli, inglesi, di cui Paolo VI cingeva pur di recente il capo di aureola; come quelli, russi, albanesi, ungheresi, ucraini, vietnamiti, cinesi... che la testimoniano ai nostri giorni ricevendone, bianca o rossa la stola, coronas decoris de manu Dei
.

[SM=g1740717] [SM=g1740720] [SM=g1740717]


SUBLIME!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

(1) Monas. Lefebvre: il Casini scriveva queste cose prima che Mons. Lefebvre venisse sospeso a divinis. L'amore di Tito Casini - sempre obbediente - per la Chiesa e per l'autorità fu sempre distante dalle posizioni prese del presule francese negli ultimi anni della sua vita (n.d.r.)


[SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739] [SM=g1740739]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/26/2009 3:04 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Sulla via del passato


Solo che crediamo e preghiamo e operiamo, la «bara» non infrangerà dunque la nostra speranza: la nostra Messa tornerà ad allietare la nostra giovinezza, a dirci Ite, est, per riprendere e continuare In principio erat... come da secoli per tutti i secoli... Considerando i risultati di un decennio e deducendone che «la riforma liturgica è stata un fallimento spaventoso», il padre Crane avverte per altro che «non è ancora troppo tardi per ritornare sulla via del passato, It is not too late to return to the ways of the past», e vede nella mia opera «un appello pressante perché la Chiesa lo faccia senza indugio».

Perché lo faccia occorre intanto che lo facciano - e tutta la mia opera, dalla Tunica stracciata a questo Fumo di Satana, dimostra con argomenti e documenti inoppugnabili perché della Chiesa stessa, Tradizione, Papi e Concili, ch'essi possono e devono farlo - coloro che nella Chiesa reggono e guidano direttamente i fedeli.

Parlo dei sacerdoti e particolarmente dei parroci, che io venero, per tutto quello che ne ho avuto e mi aspetto, da quello che un lontano giorno mi disse: Ego te baptizo, ai tanti che via via mi han detto: Ego te absolvo, a quello che mi dirà, al capezzale: Proficiscere, Vai, e sulla bara mi ridirà, mi canterà dove: In Paradisum deducant te Angeli...

A tanti sacerdoti - e vescovi e cardinali! - io devo gratitudine per i memento di cui mi so quotidianamente beneficiato e da cui non dubito mi provenga l'aiuto, la forza e la serenità con cui persevero in questa battaglia pro Ecclesia, nella quale se mi consola l'aver tanti e tali amici, mi amareggia l'aver «nemici» come me appartenenti e affezionati alla Chiesa ma divisi nel modo di riconoscerla, di amarla e di servirla, in tanto smarrimento come il presente coi tanti «profeti» e «cristi» in giro a dire: «Ecce, hic est».

Auguro a questi di riconoscere ch'essa, la Chiesa - la vera, la nostra, una santa cattolica apostolica - è dov'è sempre stata, o è tornata dopo ogni trasmigrazione o deportazione subita a opera degli uomini; e spero in quelli per il suo ritorno, dalla presente cattività in terra aliena, sui lacrimati fiumi babilonesi, al Tevere, a quella romanitas che Paolo VI, con riferimento alla liturgia, chiamò «fundamentum nostrae catholicitatis».

Sappiamo che non pochi di loro sono restati e restano, nell'esilio, fedeli alla patria - sì bella, è vero, e perduta -, fedeli ai canti di Sion, a quella Tradizione di cui il santo Pio X equiparava il valore a quello della parola di Dio rivelata e ne inculcava l'osservanza con specialissimo riguardo «alle parole e ai riti della Sacra Liturgia».

Il loro merito è grande: essi fanno, così, in vista e in attesa del «ritorno», ciò che i «pii sacerdoti» detti nel libro dei Maccabei fecero al tempo che gli ebrei furono schiavi in Persia, custodendo in luogo sicuro il fuoco del Sacrifizio fino a tanto che «piacque a Dio» liberarli e il fuoco, così tenuto in vita, continuò a vivere in Israele, dopo aver fatto, per ordine di Neemia, la sua trionfale riapparizione sull'Altare con una festa che sciolse lacrime di gioia mentre anche il sole, nota il sacro cronista, «il sole, che prima era tra le nuvole, mandava nuovamente fuori i suoi raggi».
Non sappiamo chi sarà il Neemia, il Sommo Sacerdote che farà di nuovo uscir dalle nubi il sole restituendo a Israele, alla Chiesa, il suo Sacrifizio.

Nell'attesa, la nostra gratitudine va a loro, tanto più sentita quanto più sappiamo che non è senza contrasto questa loro perseveranza nella custodia del «fuoco», seppur confortata da ciò che il Manzoni, con san Paolo, chiama «il testimonio consolante della coscienza». Non li diremo, per questo, eroi - lasciando il titolo a chi per la Fede fa e sostiene ben altro, nel grande bagno penale di là dal Muro e dalla Muraglia - se per eroismo si vuole intendere qualche cosa di più che fare il proprio dovere; né li compiangeremo troppo per la loro solitudine, in mezzo a tanti confratelli il cui «ossequio» rinunzia a esser «ragionevole» per esser solo conforme, ciecamente conforme, sia pure palesemente difforme dalla legge e dalla ragione.

Non sottovalutiamo la pena di questo dover disobbedire per obbedire - disobbedire agli uomini per obbedire a Dio, alla coscienza -, ma «à periode tragique réactions héroiques», come scrive uno dei più autentici servi della Chiesa in Francia, l'abate Louis Coache, in un suo forte appello ai primi responsabili della tragedia, che non teme d'intitolare Evéques, restez catboliques! Un appello che noi, per i nostri, e al fine specifico per cui scriviamo, ci limitiamo tradurre: Vescovi, restate vescovi, restate voi, credete a voi, alla vostra parola, ai vostri «servetur» o «ne innovetur», o almeno non riprendete, non condannate, non date la caccia ai custodi di quel «fuoco sacro» (si tradiscano con un Dominus vobiscum o con una genuflessione) che vi credono e fanno questo credendo che anche voi ci crediate.

Per questo io reagisco, senz'altro rischio, per dire come di sé il Bernanos (l'autore del Sole di Satana: i nostri titoli si richiamano), che quello di «sentirmi rifiutare il nome di cattolico da della povera gente più ricca di vanità che di scienza e che farebbe bene a tornare al catechismo... Rifiutare a me che non vivrei cinque minuti fuori della Chiesa e se ne fossi cacciato vi tornerei subito, a piedi scalzi, con la corda al collo; a me che per nessuna ragione al mondo, essi lo sanno, scriverei una sola parola contro la Chiesa».[SM=g1740722]

La Riforma, quando il Bernanos scriveva così - quando diceva della Chiesa, nella sua passione di figlio che la voleva santa e bella, «io l'amo dolorosamente, l'amo come la vita» - la Riforma, la rivoluzione di marzo, era ancora lontana e mi domando che cosa avrebbe detto se ci si fosse trovato, che cosa avrebbe fatto scrivere nel suo Diario al suo Curato di campagna.

[SM=g1740717] [SM=g1740720] [SM=g1740717]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/26/2009 3:09 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

"Contra spem in spem"



Me lo domandavo ieri assistendo, nella nostra grandiosa basilica di San Miniato al Monte, alle esequie di uno che ha pure scritto un suo Diario d'un immaginario parroco mugellano, il caro amico Nicola Lisi.

Faceva freddo, lassù, col vento decembrino che penetrava nella chiesa, ma nulla di simile al freddo, al gelo da cui ci sentivamo presi l'anima e l'ossa (m'era vicino l'amico scultore Antonio Berti e mi guardava come per chiedermi s'era possibile), seguendo quella nuova liturgia funebre, letta, non più cantata, in una prosa, un volgare squallido quanto sublime - prima - il latino nella sua angelica melodia gregoriana: una liturgia, ripeto, così diaccia e addiacciante (fra quelle muta olivetane use a tutt'altri riti) che ci fece parer tepida, allorché uscimmo, quell'aria di tramontana della collina senza riparo...

Mi giovò, allora, l'amico D'Osio che, levandosi di tasca e dandomi a leggere su Les Nouvelles Litteraires l'appunto di uno scrittore che aveva assistito a una funzione del genere, mi confermò che non ero il solo a provar tali sentimenti e che simili riforme raggiungono egregiamente lo scopo di respingere, per repulsione del brutto, quelli che la seduzione del bello doveva attrarre e attraeva un tempo alla Chiesa.

È di Gabriel Natzneff, un ortodosso, e credo utile riportarlo: «Domenica 21 settembre. Nella chiesa di Villasimius, sulla punta estrema della Sardegna meridionale, messa per il riposo dell'anima di... I miserabili, che cosa han fatto del culto cattolico, che cosa han fatto della loro Chiesa! Io non sono cattolico e ciò non mi concerne, ma non posso impedirmi d'essere invaso di tristezza davanti a uno spettacolo di una tale miseria, di una tale deliquescenza. Come possono i cattolici riuscire ancora a pregare con una tale liturgia? Io non ne sarei capace...»

Come possono? Soffrendo e sperando. [SM=g1740720] [SM=g1740721]
Sperando, contra spem in spem, in Colui che - come ammonì un santo papa, Pio X - vuol essere pregato «in bellezza» e incuora a perseverare coloro che non abbiamo chiamato eroi anche perché in quel pregare è la loro gioia.

Per rimanere e finir con Lisi nella sua terra, io ricordo quanto mi fosse di cagione a bene sperare ciò che a lui stesso raccontavo in uno dei nostri ultimi incontri.
Passavo da Sant'Agata, un vecchio borgo del suo Mugello, una domenica dell'altra estate, quando, nell'avvicinarmi all'antica pieve, sentii dalla chiesa venir col suono dell'organo un canto, poco meno che a solo, che subito riconobbi e mi fece affrettare il passo per non perderne e unirmi a quanto ne rimaneva...

Era il Vespro, era l'ultimo salmo, In exitu Israel de Aegypto, e alla mia contentezza fu pari la mia meraviglia nel vedere che a cantarlo era, con pochi bambini e una diecina fra uomini e donne, il pievano. Quasi solo, dunque (non ricordo che insolito avvenimento aveva spopolato il paese), e, nonostante, egli non aveva rinunziato, non rinunziava al suo Vespro, a quei bei salmi, a quel bell'inno, a quel Magnificat (che aveva, un giorno, a Notre Dame, convertito Claudel), soddisfatto di soddisfare a un dovere, «servetur», di cui sentiva evidentemente il piacere, conservando una tradizione, di fede e di bellezza congiunte, ricevuta dai secoli, attraverso le generazioni che in quella chiesa avevano così pregato, così cantato, coi canti di David, per essere inoltrata nei secoli, più forte di ciò che il verno de la barbarie le avesse o le avrebbe potuto contro.

Tradita tradere... e al pievano (che salutai poi festante con l'alcaica di Orazio, Iustum et tenacem propositi virum ...) io dico, io ripeto grazie, anche di qui, per lui e per il piccolo coro che cantava con lui quelle grandi cose.

«In exitu Israel de Aegypto...» Lo cantavano giubilanti le anime viste dal poeta approdare alle sponde del Purgatorio; lo cantavano «con quanto di quel salmo è poscia scripto», domus Iacob de populo barbaro, e mi pareva, in quel momento, scritto per me, per il mio godimento e la mia speranza: per me che, digiuno da tanto tempo di quel canto, lo ascoltavo come il poeta tornato a veder le stelle ascoltava l'amico ritrovato fra quelle anime appena giunte dall'esilio terrestre.
Mare vidit et fugit, il mare vide e si ritrasse, Iordanis conversus est retrorsum, il Giordano rivolse indietro il suo corso...

Occorrerà, così come cantavamo, un prodigio, come Dio fece per il suo popolo al Mar Rosso, perché Israele, perché la Chiesa possa intonare il suo In exitu? Quand'anche, noi non perderemo la fede, fidenti come siamo in Lui e negli uomini di cui Egli nonha bisogno ma può servirsi a nostro conforto, non fosse che con la voce di un organo e le voci di un piccolo coro di campagna fatte giungere al nostro orecchio, nel vespro di una solitaria domenica, mentre noi passiam per la strada.

La passione della Chiesa ai giorni in cui ci troviamo a vivere - mentre siamo per deporre la penna, dei sacerdoti, nella terra di san Francesco, ricevono il Vescovo, come un tempo al canto dell'Ecce sacerdos magnus, al canto dell'Internazionale, l'inno dei senza-Dio, rispondendo col pugno chiuso alla mano che s'è aperta per benedire - richiama per somiglianza quella del popolo di Dio ai giorni di Elia e ci fa pensare a lui, il grande campione che davanti all'imponenza del male - l'apostasia d'Israele, la distruzione degli altari, la persecuzione dei profeti... - fu pur tentato di abbattimento, provando il tedio di vivere: «Temette pertanto Elia e levatosi se n'andò nel deserto; sedette sotto un ginepro e chiese di morire dicendo: "Basta, Signore: prendi l'anima mia, poiché io non sono migliore dei padri miei". Poi si sdraiò e dormì all'ombra del ginepro». Ma non glielo concesse il Signore, che lo svegliò e rincorò per bocca di un angelo dicendogli: «Lèvati e va'... Mi son lasciato settemila uomini che non han piegato il ginocchio davanti a Baal», e a rinvigorirsi gli ordinò di mangiar del pane che aprendo gli occhi si vide accanto.

Settemila o più o fosse pur meno, i fedeli all'Altare sanno in Chi credono e continuano e continueranno perciò a credere, fortificati dal Pane che Dio volle in quello prefigurato ed è l'Eucaristia, è il Sacrifizio, è la Messa.
La nostra Messa, l'oggetto supremo del nostro Culto, che il fumo di Satana ci vuol nascondere e così rapirci, a conclusione di una Riforma - CONDOTTA DA UN BUGNINI CHE SI È INFINE SCOPERTO PER CIÒ CHE SI SOSPETTAVA: M A S S O N E
* - cui non mancherebbe che questo perché la sua vittoria fosse completa, assoluto il suo regno.

Dio non lo permetterà... Termino in questo punto di leggere l'ultimo libro di Solgenitsin e faccio mie, per noi, le parole con cui incuora a non disperate i suoi fratelli di sangue che a tanto sono arrivati - come il libro stesso rivela - nelle sofferenze della loro schiavitù più che semisecolare: «Forse qualcuno di voi si domanderà se non esiste veramente, al disopra di tutti noi, Colui che chiederà conto di tutto? Non dubitate: esiste!»

Esiste, e disperderà dal suo Tempio il fumo diabolico, facendone levar di nuovo, come Giovanni vide, l'incenso del Suo Sacrifizio: «Et alius angelus venit habens thuribulum aurcum... et ascendit fumus incensorum de orationibus sanctorum».
È su questa visione che queste pagine vogliono chiudersi, nella preghiera di Giovanni che si leva incessante dai nostri cuori: «Egli dice: " Sì, io vengo presto". Amen! Vieni, Signore Gesù!»

Veni, Domine Iesu. E sia benigna alla nostra fretta Colei di cui in Giovanni fu detto a tutti noi, per tutti noi, dalla Croce: «Ecco tua Madre».


Firenze, In Purificatione Beatae Mariae Virginis, 1976.

FINE


* Non abbiamo elementi certi per fare nostra l'opinone del Casini (n.d.r.)



[SM=g1740717] [SM=g1740720] [SM=g1740717]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
5/26/2009 3:19 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

SUPER FLUMINA BABYLONIS
lettere dall'esilio

Firenze, 1969


di Tito Casini

Tito Casini

INDICE


«
Ex provocatione victor»
«Contra spem in spem»
«
Per Ieremiam prophetam»
«
Deleto nomine latino»
«
Consummatum est»
«
Licet» e «Libet»
«
La veste del sacerdote»
«Redime me a calumniis hominum»
La messa-pranzo e altre cose



il resto del libro verrà pubblicato, a Dio piacendo, nei prossimi mesi

[SM=g1740717] [SM=g1740720][SM=g1740717] 



[Edited by Caterina63 5/26/2009 4:08 PM]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
6/21/2010 10:12 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

risorgerà la Messa «nostra», cattolica, di sempre e di tutti

NEL FUMO DI SATANA VERSO L'ULTIMO SCONTRO
di Tito Casini




(il brano che segue possiamo definirlo profetico....perchè molti cambiamenti sono avvenuti ed altri prospettati in questo brano, stanno avvenendo...)



Risorgerà, .... la Santa Messa Tridentina risorgerà, come rispondo ai tanti che vengono da me a sfogarsi (e lo fanno, a volte, piangendo), e a chi mi chiede com'è che io ne sono certo, rispondo (da «poeta», se volete) conducendolo sulla mia terrazza e indicandogli il sole... Sarà magari sera avanzata e là nella chiesa di San Domenico i frati, a Vespro, canteranno: Iam sol recedit igneus; ma tra qualche ora gli stessi domenicani miei amici canteranno, a Prima: Iam lucis orto sidere e così sarà tutti i giorni.

Il sole, voglio dire, risorgerà, tornerà, dopo la notte, a brillare, a rallegrar dal cielo la terra, perché... perché è il sole e Dio ha disposto che così fosse a nostra vita e conforto. Così, aggiungevo, è e sarà della Messa - la Messa «nostra», cattolica, di sempre e di tutti: il nostro sole spirituale, così bello e santo e santificante - contro l'illusione dei pipistrelli, stanati dalla Riforma, che la loro ora, l'ora delle tenebre, non debba finire; e ricordo: su questa mia ampia terrazza eravamo in molti, l'altr'anno, a guardar l'eclisse totale del sole; ricordo, e quasi mi par di risentire, il senso di freddo, di tristezza e quasi di sgomento, a vedere, a sentir l'aria incaliginarsi e addiacciarsi via via, ricordo il silenzio che si fece sulla città, mentre le rondini, mentre gli uccelli scomparivano, impauriti, e ricomparivano svolazzando nel cielo i ripugnanti chirotteri.

A uno che disse, quando il sole fu interamente coperto: - E se non si rivedesse più? - rammento che nessuno rispose, quasi non si addicesse, in questo, lo scherzo... Il sole si rivide, infatti, il sole risorse, dopo la breve diurna notte, bello come prima e, come ci parve, più di prima, mentre l'aria si ripopolava di uccelli e i pipistrelli tornavano a rintanarsi.

[Edited by Caterina63 9/14/2011 11:49 AM]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
ONLINE
Post: 39,812
Gender: Female
1/30/2012 4:25 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote


AGLI ASSASSINI DELLA LITURGIA

di Monsignor Dominici Celada, apparso su "Vigilia Romana" nel Novembre 1971 e, riproposto alla lettura ed alla riflessione e come profezia in parte avverata, da Chiesa Viva nel 2006.... 


E' da tempo che desideravo scrivervi, illustri assassini della nostra santa liturgia.
Non già perch'io speri che le pie parole possono avere un qualche effetto su di voi, da troppo tempo caduti negli artigli di Satana e divenuti suoi obbedientissimi servi, ma affinché tutti coloro che soffrono per gli innumerevoli delitti da voi commessi possano ritrovare la loro voce.

Non illudetevi, signori! Le piaghe atroci che voi avete aperto nel corpo della Chiesa gridano vendetta al cospetto di Dio, giusto Vendicatore. II vostro piano di sovversione della Chiesa, attraverso la liturgia, è antichissimo. Ne tentarono la realizzazione tanti vostri predecessori, molto più intelligenti di voi, che il Padre delle Tenebre ha già accolto nel suo regno. Ed io ricordo il vostro livore, il vostro ghigno beffardo, quando auguravate la morte, una quindicina di anni fa, a quel grandissimo Pontefice che fu il servo di Dio Eugenio Pacelli, poiché questi aveva compreso i vostri disegni e vi si era opposto con l'autorità del Triregno.
Dopo quel famoso convegno di "liturgia pastorale", sul quale erano cadute, come una spada, le chiarissime parole di Papa Pio XII, voi lasciaste la mistica Assisi schiumando rabbia e veleno.
Ora, ci siete riusciti. Per adesso, almeno.
Avete creato il vostro "capolavoro": la nuova liturgia. Che questa non sia opera di Dio è dimostrato, innanzittutto, (prescindendo dalle implicazioni dogmatiche) da un fatto molto semplice: è di una bruttezza spaventosa!
È il culto dell'ambiguità e dell'equivoco, non di rado il culto dell'indecenza. Basterebbe questo per capire che il vostro "capolavoro" non proviene da Dio, fonte di ogni bellezza, ma dall'antico sfregiatore delle opere di Dio.
Sì, avete tolto ai fedeli cattoici le emozioni più pure, derivanti dalle cose sublimi di cui s'è sostanziata la liturgia per millenni: la bellezza delle parole, dei gesti, delle musiche.

Cosa ci avete dato in cambio?
Un campionario di brutture di "traduzioni" grottesche (com'è noto, il vostro padre, che sta laggiù, non possiede il senso dell'umorismo), di emozioni gastriche suscitate da miagolii delle chitarre elettriche, di gesti e di atteggiamenti a dir poco equivoci. Ma se non bastasse, c'è un altro segno che dimostra come il vostro "capolavoro" non viene da Dio. E sono gli strumenti di cui vi siete serviti per realizzarlo: la frode e la menzogna.
Siete riusciti a far credere che un Concilio avesse decretato la disparizione della lingua latina; l'archiviazione del patrimonio della musica sacra, l'abolizione del Tabernacolo, il capovolgimento degli altari, il divieto di piegare le ginocchia dinnanzi a Nostro Signore presente nell'Eucaestia, e tutte le altre vostre progressive tappe, facenti parte (direbbero i giuristi) di un unico atto criminoso.
Voi sapevate benissimo che la "lex orandi" è anche la "lex credendi", e che perciò mutando l'una, avreste mutato l'altra. Voi sapete che puntando le vostre lance avvelenate contro la lingua viva della Chiesa avreste praticamente ucciso l'unità della Fede. Voi sapevate che, decretando l'atto di morte del canto gregoriano della polifonia sacra, avreste potuto introdurre, a vostro piacimento, tutte le indecenze pseudo musicali che dissacrarono il culto divino e gettano un'ombra equivoca sulle celebrazioni liturgiche.
Voi sapevate che, distruggendo Tabernacoli, sostituendo gli altari con le "tavole per la refezione eucaristica", negando al fedele di piegare le ginocchia davanti al Figlio di Dio, in breve, avreste estinto la Fede nella Reale Presenza divina.
Avete lavorato ad occhi aperti. Vi siete accaniti contro un monumento, al quale avevan posto mano cielo e terra, perché sapevate di distruggere, con esso, la Chiesa. Siete giunti a portarci via la Santa Messa, strappando addirittura il cuore della liturgia cattolica.
(Quella Santa Messa, in vista della quale noi fummo ordinati sacerdoti, e che nessuno al mondo ci potrà mai proibire, perché nessuno può calpestare il diritto naturale).

 Lo so, ora potete ridere per quanto sto per dire. E ridete pure. Siete giunti a togliere dalle Litanie dei Santi l'invocazione "a flagello terremotus, libera nos Domine", e mai come ora la terra ha tremato in ogni latitudine. Avete tolto l'invocazione "a spiritu fornicationis, libera nos Domine", e mai come ora siamo coperti dal fango dell'immoralità e della pornografia nelle sue forme più repellenti e degradanti. Avete abolito l'invocazione "ut inimicos sanctae Ecclesiae umiliare digneris", e mai come ora i nemici della Chiesa prosperano in tutte le istituzioni ecclesiastiche ad ogni livello.

 Ridete, ridete! Le vostre risate sono sguaiate e senza gioia. Certo è che nessuno di voi conosce, come noi conosciamo, le lacrime della gioia e del dolore. Voi non siete neppure capaci di piangere. I vostri occhi bovini, palle di vetro o di metallo che siano, guardano le cose senza vederle. Siete simili alle mucche che guardano il treno. A voi preferisco il ladro che strappa la catenina d'oro al fanciullo, preferisco lo scippatore, preferisco il rapinatore con le armi in pugno, preferisco persino il bruto e il violatore di tombe.
 Gente molto meno sporca di voi, che avete rapinato il Popolo di Dio di tutti i suoi tesori.
In attesa che il vostro padre che sta laggiù accolga anche voi nel suo regno, "laddove è pianto e stridor di denti", voglio che voi sappiate della nostra incrollabile certezza che quei tesori ci saranno restituiti.
E sarà una "restitutio in integrum"! 
Voi avete dimenticato che Satana è l'eterno sconfitto!

+ mons. Dominici Celada



[SM=g1740733] possiamo dire senza pericolo di smentite che, con l'avvento di Benedetto XVI, questa speranza e questo ritorno al sacro è in parte stato restituito....



[SM=g1740720]





Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 5:20 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com