DIFENDERE LA VERA FEDE
printprintFacebook

A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Facebook  

Dialoghi UFFICIALI fra la Chiesa e la FSSPX (informazione e aggiornamenti)

Last Update: 4/1/2011 12:38 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 37,370
Gender: Female
10/5/2010 10:22 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

I vertici della FSSPX "Rischio di compromessi nei colloqui dottrinali? Ubbie da sedevacantisti!"

DICI, agenzia di stampa ufficiale della Fraternità San Pio X, ha appena pubblicato un'intervista con il rev. Niklaus Pfluger, primo assistente della FSSPX. Ecco un estratto delle sue parole, particolarmente significative poiché provengono dal "comando" della Fraternità. Sottolineature nostre (Blog Messainlatino)

 

[..]
-Ha l'impressione che la FSSPX stia crescendo?
Certamente nel numero. L'apostolato nelle scuole e missioni è in crescita in tutto il mondo, oltre all'apostolato della parola stampata e della catechesi su internet. In alcune regioni, è in aumento il numero dei fedeli: gli Stati Uniti, Francia, Italia, Polonia, Asia e Africa. Negli ultimi due anni abbiamo avuto un numero di ordinazioni sacerdotali, che è superiore alla media. Infine, nuove case sono aperte ogni anno, il che significa che deve essere intensificata l'attività pastorale.
Una particolare crescita è proveniente dalle famiglie, vale a dire, bambini e giovani. Inoltre, dopo il Summorum Pontificum nel 2007, molti cattolici provengono dal Novus Ordo alla Tradizione e alla Messa tradizionale. Questo in particolare mi ha colpito in America, dove ho potuto visitare diverse cappelle in agosto. Ci sono anche singoli sacerdoti che hanno rinunziato alla celebrazione della nuova Messa per lavorare con noi.
La devastazione che è una conseguenza della crisi nella Chiesa e nella società cresce ogni anno. C'è quindi un campo più grande da lavorare per la FSSPX. Di conseguenza, abbiamo bisogno di più vocazioni sacerdotali e religiose, in particolare nelle missioni.

- Che mi dice della crescita in qualità?
Una evoluzione di tipo molto diverso è la crescente influenza della FSSPX sulla Chiesa universale. Questo non è solo il caso per molti sacerdoti giovani, conservatori, che hanno cominciato a celebrare la Messa Tridentina in tutto il mondo. Per loro, la FSSPX è un segno di speranza reale e fornisce stabilità nel caos teologico e pastorale odierno.
Le discussioni teologiche con Roma soprattutto mostrano che, dopo tutto, quale ne sia il motivo, il Papa ci prende sul serio. Cinque anni fa sarebbe stato impensabile discutere il Concilio ufficialmente o anche solo metterlo in questione. Roma sta facendo marcia indietro e sta cercando di fornire una nuova interpretazione al fine di salvare il salvabile del Concilio. Ciò che era incontrastato in passato improvvisamente deve essere giustificato: il Concilio e i suoi frutti presunti. Questa è una novità. Senza la FSSPX, ciò sarebbe stato impensabile fino a poco fa. La FSSPX è sempre stato una pietra d'inciampo. Ma ora dobbiamo essere presi sul serio e non è più possibile ignorarci.
Gli eventi degli ultimi mesi e soprattutto dello scorso anno, in Europa, mostrano che i vescovi modernisti non possono più ignorarci. Ora e allora alcuni di loro danno l'impressione di odiare noi e la Tradizione. Vale a dire, devono aver paura di noi. Che i media ci attacchino vilmente di tempo in tempo - penso alla trasmissione TV Les Infiltrés in Francia o alla campagna di stampa nel 2009 – è un'indicazione che essi non possono più ignorare la Tradizione; sono invece costretti a prenderci sul serio.
E, ultimo ma non meno importante: anche se normalmente non è menzionato, vi sono molti membri della FSSPX in tutto il mondo, religiosi e molti laici, che camminano con la grazia di Dio nella via della santità. Questo è un dono speciale di Dio al nostro tempo.
[..]
- Alcuni hanno accusato la FSSPX di lavorare per un compromesso. Vede ragioni per tali paure?
Quelli sono timori senza fondamento. Sono principalmente le accuse da parte di persone esterne alla Fraternità, che credono di poter giudicare questioni interne della stessa. Sono paure che non testimoniano uno spirito di fede. Gli autori di tali insinuazioni – di solito vicini a idee sedevacantiste – semplicemente non vogliamo ammettere che qualcosa è cambiato.
Oppure semplicemente hanno un'idea sbagliata di come superare questa terribile crisi di fede. Essi pensano che la chiesa moderna ritornerà ad essere nuovamente cattolica in un solo giorno; è l'illusione che uno si addormenti da modernista e si risvegli cattolico. Se fosse così facile! Un ritorno all'ortodossia, una vera riforma, è un percorso lungo e arduo. Ci sono voluti decenni prima che i decreti di riforma del Concilio di Trento fossero applicati in qualche modo. Le regioni che si erano volte all'arianesimo sia in Occidente che in Oriente solo lentamente e gradualmente divennero nuovamente cattoliche.
La FSSPX non fa compromessi. Mons. Fellay non ha alcun piano segreto, strategia o politica per quanto riguarda la Fede nel trattare con Roma. Dobbiamo rispondere a una situazione nuova. Dobbiamo dire a questa "Chiesa conciliare": "Stop! Non è possibile continuare in questo modo. C'è un grosso problema nella Chiesa. Il Concilio è la ragione di questa apostasia e non la soluzione alla crisi." Alcuni vogliono ritirarsi in una sorta di ghetto, pensando di poter aspettare fino a quando la crisi sia finita. Questa non è una posizione cattolica; è piuttosto una debolezza della Fede. La luce deve essere posta su un lucernario e non deve essere nascosta sotto un moggio, dice il Signore nel discorso della montagna.
In realtà è solo una piccola minoranza di sacerdoti e fedeli che ha paura. La grande maggioranza ha fiducia nella direzione della FSSPX e nel Superiore Generale. Ai primi di luglio abbiamo avuto un incontro per diversi giorni tra tutti i superiori della FSSPX a Ecône. Dobbiamo ringraziare Dio per l'unità profonda della FSSPX in tutte le questioni essenziali. Questo non è facile in questi momenti tempestosi.

-Alcuni accusano la FSPX di essere "fondamentalista". Che cosa risponderebbe?
Il problema non è il fondamentalismo in sé, ma piuttosto da quale fonte trae i suoi principi e in quale direzione va. Un fondamentalista musulmano è, ovviamente, un problema perché dobbiamo temere attacchi terroristici. Un fondamentalista cristiano non è, di per sé, un problema perché la nostra religione è la religione dell'amore.
Ciò significa che il mondo moderno, cioè, il liberalismo, è lontano da Dio. Pertanto, essi devono giustificare loro principi e valori da se stessi. Ecco perché il mondo finisce lontano dal cristianesimo, lo combatte o, nel migliore dei casi, non lo comprende. Chiamano "fondamentalista" ciò che è fondamentale e radicale. Quando un cristiano lascia il suo fondamento, che è Cristo, non sarà come i fondamentalisti musulmani, ma piuttosto come sale che perde il suo sapore.
Il miglior esempio di questo "cristianità senza principi" sono molti cristiani moderni. Non è necessario lottare contro di loro, e non saranno perseguitati. Cadono dalla loro fede come foglie secche dall'albero. D'altro canto, cristiani convinti e missionari sono l'orgoglio della Chiesa. Li chiamiamo martiri, perché hanno dato testimonianza della loro fede in Cristo.
[..]
-Vede segni che suggeriscono che Roma è alla ricerca di qualche tipo di restaurazione?
Chi o che cosa è Roma? Il Papa, la curia, i Cardinali, alcuni prelati? È difficile valutare; una distinzione è urgente. Possiamo giudicare le cose dall'esterno, dove vediamo segnali evidenti: il motu proprio sulla liberazione della Messa Tridentina, il ritiro della ridicola scomunica del 1988, la volontà del Papa di discutere questioni teologiche con noi. Tutto questo è insufficiente, certo, ma c'è ed è reale.
Anche se uno cerca — e non lo si dovrebbe mai fare - di ipotizzare recondite intenzioni del Papa, quello che ha fatto è evidente. L'attacco contro Benedetto XVI da parte di vescovi, dei media e perfino del Parlamento ha rivelato che il mondo non ha gradito quei passi. Anche il pur insufficiente documento Dominus Jesus circa l'unicità della Chiesa ha portato i vescovi ecumenici in Germania e Svizzera a schiumare di rabbia.
E c'è di più: il Papa ha lanciato un dibattito che è inarrestabile. Anche se le discussioni teologiche con noi finissero domani, anche se fosse irrogata una nuova scomunica contro la Tradizione, anche se non emergesse alcun risultato tangibile: il ritorno alla Tradizione è inarrestabile all'interno della Chiesa. Il danno che ha fatto questo Concilio è troppo grande. È come il "crepuscolo degli dèi": i sacerdoti e i cattolici di buona volontà che vogliono rimanere cattolici si avvicinano sempre di più alla Tradizione. Forse lentamente e non in grandi numeri, ma è costante ed inesorabile. I modernisti lo sanno e così anche il mondo. Ecco perché vediamo tali attacchi concentrati nei confronti del Papa e della Chiesa.
[..]

- È una coincidenza, o è il risultato degli sviluppi nella Chiesa, che i vescovi cattolici in molti paesi non prendano una posizione chiara in questioni di diritto naturale, come l'aborto o l'insegnamento cattolico in materia sessuale?
Talvolta questo errore può effettivamente essere una conseguenza di un atteggiamento modernista: una nuova fede genera una nuova morale. In realtà, essi sono da compiangere: la loro fede illuminata e moderna è così banale, debole e ridicola. Seguono un Gesù che non credono sia davvero resuscitato dai morti, che la tomba sia effettivamente vuota, e che Gesù sia il vero Dio! Una vecchia battuta mi torna alla mente: un gesuita chiama il Generale dei gesuiti e dice: "Ascolta, abbiamo trovato la tomba di Gesù, ma non è vuota". Segue un lungo silenzio. Alla fine, il Generale dice: "Vorresti dire che è esistito per davvero??".
Il tipo moderno di fede adattata è senza convinzione e potenza. Ma ci possono essere molti altri vescovi che semplicemente non hanno il coraggio di proclamare la verità. Il potere dei media e la paura dell'opinione pubblica sono maggiori della fedeltà a Cristo e dell'amore per la verità. Un noto critico del periodo post-conciliare, in Germania, prof. George May, ha detto "la spina dorsale della maggior parte dei Vescovi è come il tubo interno di una bicicletta". Ci vuole molta preghiera per il Papa e per la Chiesa!
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Secondo stint su WoW e taciti accordiAnkie & Friends - L&#...14 pt.10/22/2019 9:42 AM by anklelock89
Il Lago dei CigniEFP13 pt.10/21/2019 10:08 PM by molang
Sara Benci di Sky SportTELEGIORNALISTE FANS FORU...11 pt.10/21/2019 10:31 PM by giovannantonio.p@tiscali.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:15 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com