A tutti voi che passate da qui: BENVENUTI
Se avete desiderio di capire che cosa insegna la Bibbia che il Magistero della Santa Chiesa, con il Sommo Pontefice ci insegna, questo Gruppo fa per voi. Non siamo "esperti" del settore, ma siamo Laici impegnati nella Chiesa che qui si sono incontrati da diverse parti d'Italia per essere testimoni anche nella rete della Verità che tentiamo di vivere nel quotidiano, come lo stesso amato Giovanni Paolo II suggeriva.
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page

Gianna sopravissuta ad un aborto, racconta la sua esperienza.... FATE CONOSCERE!

Last Update: 5/18/2017 11:27 PM
Author
Print | Email Notification    
OFFLINE
Post: 39,864
Gender: Female
9/12/2010 4:33 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote


Mi chiamo Gianna Jessen.
Vorrei dirvi grazie per la possibilità di parlare oggi. Non è una piccola cosa dire la verità. Dipende unicamente dalla grazia di Dio il poterlo fare. Ho 23 anni. Sono stata abortita e non sono morta. La mia madre biologica era incinta di sette mesi quando andò da Planned Parenthood nella California del sud e le consigliarono di effettuare un aborto salino tardivo.

Un aborto salino consiste nell’iniezione di una soluzione di sale nell’utero della madre. Il bambino inghiottisce la soluzione, che brucia il bambino dentro e fuori, e poi la madre partorisce un bambino morto entro 24 ore.

Questo è capitato a me! Sono rimasta nella soluzione per circa 18 ore e sono stata partorita VIVA il 6 aprile 1977 alle 6 del mattino in una clinica per aborti della California. C’erano giovani donne nella stanza che avevano appena ricevuto le loro iniezioni ed aspettavano di partorire bambini morti.

Quando mi videro, provarono l’orrore dell’omicidio. Un’infermiera chiamò un’ambulanza e mi fece trasferire all’ospedale. Fortunatamente per me il medico abortista non era alla clinica. Ero arrivata in anticipo, non si aspettavano la mia morte fino alle 9 del mattino, quando sarebbe probabilmente arrivato per il turno d’ufficio.
Sono sicura che non sarei qui oggi se il medico abortista fosse stato alla clinica dato che il suo lavoro è togliere la vita, non sostenerla. Qualcuno ha detto che sono un “aborto mal riuscito”, il risultato di un lavoro non ben fatto. Fui salvata dal puro potere di Gesù Cristo. Signore e Signori, dovrei essere cieca, bruciata… dovrei essere morta! E tuttavia, io vivo! [SM=g1740722]

Rimasi all’ospedale per circa tre mesi. Non c’era molta speranza per me all’inizio. Pesavo solo nove etti. Oggi, sono sopravvissuti bambini più piccoli di quanto lo ero io. Un medico una volta mi disse che avevo una gran voglia di vivere e che lottavo per la mia vita. Alla fine potei lasciare l’ospedale ed essere data in adozione.
Per via di una mancanza di ossigeno durante l’aborto vivo con la paralisi cerebrale. Quando mi fu diagnosticata, tutto quello che potevo fare era stare sdraiata. Dissero alla mia madre adottiva che difficilmente avrei mai potuto gattonare o camminare. Non riuscivo a tirarmi su e mettermi a sedere da sola
.

Attraverso le preghiere e l’impegno della mia madre adottiva, e poi di tanta altra gente, alla fine ho imparato a sedere, a gattonare e stare in piedi. Camminavo con un girello e un apparecchio ortopedico alle gambe poco prima di compiere quattro anni. Fui adottata legalmente dalla figlia della mia madre adottiva, Diana De Paul, pochi mesi dopo che cominciai a camminare. Il Dipartimento dei Servizi Sociali non mi avrebbe rilasciato prima per essere adottata.
Ho continuato la fisioterapia per la mia disabilità e, dopo in tutto quattro interventi chirurgici, ora posso camminare senza assistenza. Non è sempre facile. A volte cado, ma ho imparato a cadere con grazia dopo essere caduta per 19 anni. [SM=g1740722]

Sono così grata per la mia paralisi cerebrale. Mi permette di dipendere veramente solo da Gesù per ogni cosa.
Sono felice di essere viva. Sono quasi morta. Ogni giorno ringrazio Dio per la vita. Non mi considero un sottoprodotto del concepimento, un pezzo di tessuto, o un altro dei titoli dati ad un bambino nell’utero. Non penso che nessuna persona concepita sia una di quelle cose.

Ho incontrato altri sopravvissuti all’aborto. Sono tutti grati per la vita. Solo alcuni mesi fa ho incontrato un’altra sopravvissuta all’aborto. Si chiama Sarah. Ha due anni. Anche Sarah ha la paralisi cerebrale, ma la sua diagnosi non è buona. È cieca ed ha delle gravi crisi . L’abortista, oltre ad iniettare nella madre la soluzione salina, la inietta anche nelle piccole vittime. A Sarah l’ha iniettata nella testa. Ho visto il punto della sua testa dove l’ha fatto. Quando parlo, non parlo solo per me stessa, ma per gli altri sopravvissuti, come Sarah, ed anche per quelli che non possono parlare…

Oggi, un bambino è un bambino, quando fa comodo. È un tessuto o qualcos’altro quando non è il momento giusto. Un bambino è un bambino quando c’è un aborto spontaneo a due, tre, quattro mesi. Un bambino è chiamato tessuto o massa di cellule quando l’aborto volontario avviene a due, tre, quattro mesi. Perché? Non vedo differenza. Che cosa vedete? Molti chiudono gli occhi…
La cosa migliore che posso farvi vedere per difendere la vita è la mia vita. È stata un grande dono. Uccidere non è la risposta a nessuna domanda o situazione. Fatemi vedere come possa essere la risposta.

C’è una frase incisa negli alti soffitti di uno degli edifici del parlamento del nostro stato [la California]. La frase dice: “Ciò che è moralmente sbagliato, non è corretto politicamente”. L’aborto è moralmente sbagliato. Il nostro paese sta spargendo il sangue degli innocenti. L’America sta uccidento il suo futuro.
Tutta la vita ha valore. Tutta la vita è un dono del nostro Creatore. Dobbiamo ricevere e conservare i doni che ci sono dati. Dobbiamo onorare il diritto alla vita
. [SM=g1740721]

Quando le libertà di un gruppo di cittadini indifesi sono violate, come per i nascituri, i neonati, i disabili e i cosiddetti “imperfetti”, capiamo che le nostre libertà come NAZIONE e Individui sono in grande pericolo.

Vengo oggi a parlare in favore di questa legge a favore della protezione della vita. Vongo a parlare per conto dei bimbi che sono morti e per quelli condannati a morte. Learned Hand, un giurista americano rispettato (del nostro secolo) disse: “Lo spirito della libertà è lo spirito che non è troppo sicuro di essere giusto; lo spirito della libertà è lo spirito che cerca di capire le opinioni degli altri uomini e donne; lo spirito della libertà è lo spirito che pesa i loro interessi insieme ai propri, senza pregiudizi; lo spirito della libertà ci ricorda che neanche un passero cade a terra inosservato; lo spirito della libertà è lo spirito di Colui che, circa 2000 anni fa, ha insegnato all’umanità la lezione che non ha mai imparato, ma non ha mai dimenticato; che c’è un regno dove gli ultimi saranno ascoltati e considerati accanto ai più grandi.”
Dov’è l’anima dell’America?! Voi membri di questo comitato: dov’è il VOSTRO cuore? Come potete trattare le questioni di una nazione senza esaminare la sua anima? Uno spirito omicida non si fermerà davanti a nulla finché non avrà divorato una nazione.

Il Salmo 52,2-4 dice: “Lo stolto pensa: «Dio non esiste». Sono corrotti, fanno cose abominevoli, nessuno fa il bene. Dio dal cielo si china sui figli dell’uomo per vedere se c'è un uomo saggio che cerca Dio. Tutti hanno traviato, tutti sono corrotti; nessuno fa il bene; neppure uno.”

Adolf Hitler una volta disse: “L’abilità ricettiva delle grandi masse è solo molto limitata, la loro comprensione è piccola; d’altro lato la loro smemoratezza è grande. Essendo così, tutta la propaganda efficace deve essere limitata a pochissimi punti che a loro volta dovrebbero essere usati come slogan finché l’ultimo uomo sia capace di immaginare che cosa significhino tali parole”. Gli slogan di oggi sono: “Il diritto di una donna di scegliere”, “Libertà di scelta”, eccetera.

C’era una volta un uomo che parlava dall’inferno (ne parla il capitolo 16 di Luca) che disse: “Sono tormentato da questa fiamma”. L’inferno è reale. Così lo è Satana, e lo stesso odio che crocifisse Gesù 2000 anni fa, ancora si trova nei cuori dei peccatori oggi. Perché pensate che questa intera aula tremi quando menziono il nome di Gesù Cristo? È così perché Egli è REALE! Egli può dare grazia per il pentimento e perdono a voi ed all’America. Noi siamo sotto il giudizio di Dio – ma possiamo essere salvati attraverso Cristo.

Dice la Lettera ai Romani: 5,8-10: “Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi perché, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi. A maggior ragione ora, giustificati per il suo sangue, saremo salvati dall’ira per mezzo di lui. Se infatti, quand’eravamo NEMICI, siamo stati riconciliati con Dio per mezzo della morte del Figlio suo, molto più ora che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita.”
La morte non ha prevalso su di me… ed io sono così grata!!!


Testimonianze di Gianna Jessen rilasciate il 22 aprile 1996 ed il 20 luglio 2000 davanti al Sottocomitato Giudiziario del Congresso sulla Costituzione
www.abortionfacts.com/survivors/giannajessen.asp
www.godandscience.org/doctrine/jessen.html
GiannaJessen.com


www.youtube.com/watch?v=D88Y5HIq0Pk



FONTE: Sindrome Post-Aborto







[SM=g1740738] [SM=g1740720] [SM=g1740750] [SM=g1740752]

[Edited by Caterina63 5/18/2017 11:27 PM]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
OFFLINE
Post: 39,864
Gender: Female
9/13/2010 1:05 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

[SM=g1740733] Vi condivido uno scambio email sulla questione sopra riportata, riflessioni che ci aiuteranno a capire il dramma dell'aborto...


Carissima Caterina,
ti ringrazio per i tuoi messaggi.
L'aborto è un orrore. Spesso penso che sia un'offerta della vita al demonio, dal punto di vista di chi odia. Ma sono sicura che, da parte di vista di Dio, che fa nuove tutte le cose, sono sacrificio che Egli accoglie. Egli salva ogni piccolo essere umano e lo conduce nel suo Regno in Cielo.
Sto cercando di capire sempre meglio quanto avviene nel seno della madre e di questo ne parlo spesso con padre ****.
Mi sembra che nel seno della madre avvengano cose grandiose: l'infusione dell'anima umana al momento del concepimento e anche, io penso, il momento della redenzione dal peccato originale. Ogni concepito da donna, riceve l'anima spirituale direttamente da Dio e perchè non può ricevere anche la salvezza, dato che "tutti siamo stati battezzati in Cristo Gesù"?
Questo senza negare la necessità del battesimo sacramentale per chi conosce la Chiesa.
Io penso che dobbiamo pensare anche a questo aspetto.
Questi figli, fin dal primo istante del concepimento, sono figli di Dio Padre in Gesù Cristo, tutti gli uomini.
La loro morte prematura quindi non equivale ad una offerta a Satana. Forse, se si fa luce anche su questo aspetto, si potrà fermare queste mani omicidie, spinte dall'odio contro la vita e la fede.
Tu cosa ne dici?
In famiglia tutto bene?
Ciao. Sr. ******


[SM=g1740750] [SM=g1740752]

Cosa ne penso?
che sarebbe bello che nelle Parrocchie si parlasse di questi temi ^__^
La vita è di per se un mistero e il termine stesso già ci dice la complessità di ciò che è e sarà questa persona... pensare che essa possa essere dannata senza aver visto neppure la luce perchè qualcuno ha ritenuto un diritto ucciderla, è senza dubbio fuori dai pensieri di Dio...
Dio si è Incarnato non semplicemente diventando Uomo, ma incarnandosi nella nostra umanità per portarci il SUO umanesimo, quello di un Dio che viene a regalarci la vita eterna...

Il Peccato Originale da una parte ha complicato le cose, ma dall'altra parte ci ha permesso di conoscere Dio FACCIA A FACCIA ^__^
anzi, ha permesso Dio di sollevarci dal fango del Peccato Originale...
Ora, senza dubbio il Battesimo è indispensabile, ma ritengo dispensabile soprattutto ai fini del Progetto di Dio su quel "Popolo eletto" attraverso il quale farsi conoscere.... il che non significa che "noi singolarmente" siamo migliore degli altri, ma senza dubbio siamo FIGLI in senso pieno, in modo più completo rispetto ai figli non battezzati, ma tutti ugualmente amati da Dio...
Credo che dobbiamo fare attenzione (non lo dico per le tue parole che condivido, ma per una certa moda di oggi) al concetto odierno di "uguaglianza" che pretenderebbe invece l'appiattimento anche della vocazione e dell'eredità a Figli... in tal senso si è sviluppato nel nostro tempo, infatti, una sorta di menefreghismo verso il Battesimo: "tanto siamo già tutti figli di Dio!" e genitori che del figlio dicono: al limite lo faccio battezzare da grande... dimenticando il DONO di questa ADOZIONE....

Lo stesso san Paolo è chiaro, come Gesù in Marco che dice: battezzate tutte le genti... Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato...interessante che Gesù non dice prettamente "chi non sarà battezzato" ma chi NON crederà, ossia chi rifiuterà con coscienza e ragione, rifiuterà egli stesso la salvezza che è Cristo... ^__^
la recente questione sul Limbo ci ha illuminato ancora di più senza per questo negare la concezione teologica fornita dal saggio Magistero della Chiesa ^__^
leggasi qui:
difenderelafede.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd...

infatti, a dispetto di quel che dicevano i giornali, il Limbo non è stato abolito, ma è stato spiegato che la misericordia di Dio è sempre più grande, infinita e che ha l'ultima parola...
Non essendo un dogma, il Limbo, ci fa comprendere tutta la drammaticità di noi "popolo eletto" quando non rispondiamo alle esigenze del Cristo: andate, evangelizzate, date testimonianza di ME, battezzate...perdonate..."fate questo in memoria di me", ecc...
è drammatico e al tempo stesso illuminante: per essere salvi e in Cristo è necessario il Battesimo, rivestirci di Lui, e come sappiamo la Chiesa ha anche accolto la tesi del BATTESIMO DI SANGUE....
queste Creature sono MARTIRI martiri della nostra apostasia, martiri della nostra pigrizia, martiri del nostro tempo liberista....martiri di una cultura che vuole Dio fuori dalla nostra vita...e se si caccia Dio che è VITA dalla nostra Società, solo la MORTE può regnare...

ed anche l'episodio della strage degli Innocenti porta con se un mistero teologico: perchè Dio salvò la Santa Famiglia mandando un Angelo ad avvisarli e lasciò morire tutti quegli innocenti?
Qualcuno associa l'episodio ad una sorta di pareggio con la strage in Egitto, altri semplificano dicendo che Gesù doveva per forza salvarsi...ma io credo che ci sia molto di più che oggi possiamo approfondire proprio a fronte di questa strage che invece è legalizzata dall'uomo, e nessuno più se ne scandalizza.... da Cesare...da Erode...

Io credo che questi bambini abortiti godano del Battesimo di sangue....perchè qui siamo a priori di una negazione dei genitori a dare loro il Battesimo, qui gli si è negata proprio la Vita, gli si è negato DIO...e se pensiamo alla sofferenza di Gesù nel Getzemani, a quel SANGUE versato a gocce trasudando dai suoi pori...come non pensare al sangue inncoente di quelle membra in formazione che sarebbero dovute diventare MEMBRA DELLA CHIESA?

Lo so, a qualcuno non piace parlare di OLOCAUSTO....solo Giovanni Paolo II ebbe il coraggio di parlare di "NUOVO OLOCAUSTO", ma fu aggredito perchè aveva osato usare un termine che dovrebbe appartenere solo agli Ebrei... non entro nel merito politico, non mi interessa... ma davvero l'aborto è un OLOCAUSTO il cui sangue, come ci rammenta Apocalisse, chiede vendetta al cospetto di Dio...
può un Dio che da al mondo il suo unico Figlio a morire sulla Croce, restare sordo a questi gemiti?

Infine non so se lo sai...ma l'allora cardinale vicario di Roma Poletti, benedì l'iniziativa del Battesimo dei Bambini mai nati, firmando con imprimatur una Preghiera... appena la trovo te la mando ^__^

in definitiva, usando brani di alcuni Salmi e usando l'acqua benedetta, si da il nome al Santo del giorno, e quello di san Giuseppe e di Maria, ai Bambini "mai nati" uccisi dall'aborto... io ogni tanto lo faccio...e sappiamo che il Signore ascolta e accoglie tutte le preghiere buone e che rispondano al suo Progetto...
Purtroppo le lobby fanno di tutto per offuscare la dignità di questi BAMBINI, chiamandoli con disprezzo "feti".... ma come ci dice l'esempio di Cristo, l'Amore è più forte...e la morte non ha potere su di lui ergo...se amiamo questi Bambini mai nati, questo amore li proteggerà, li farà entrare in comunione con i Santi, con NOI....

Grazie a te per queste bellissime riflessioni ^__^


e pregare anche per il nostro nuovo Maestro Generale....

Un abbraccio e tanto, tanto Rosario....^__^

(LDCaterina)



[SM=g1740757]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
OFFLINE
Post: 39,864
Gender: Female
9/30/2010 10:56 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

[SM=g1740722] in questi due video che seguono, in due parti, c'è l'appello di Gianna contro l'aborto....ASCOLTATELO e leggete in italiano i sottotitoli...


[SM=g1740717]

[SM=g1740717]



Lettere al Direttore, Bollettino Salesiano di settembre 2010

meditiamo [SM=g1740733]


ABORTI Egregio Direttore mi riferisco al numero di aborti effettuati in Europa: 1 ogni 11 secondi?! […] carneficina silente che si consuma inesorabilmente. […] Come si possono ritenere non portatrici di vita umana le cellule embrionali dell’uomo? […] Vorrei scusarmi con tutti i bambini senza nome e non nati a causa dell’aborto, ormai hanno superato i milioni di bambini morti che inesorabilmente continuano a morire per tutte le violenze degli uomini.

Lucia@...

Non posso non darle ragione. La Chiesa difende la vita. Ad ogni costo. È di qualche mese fa la video notizia – e fa al caso nostro – di una mamma incinta cui i dottori avevano consigliato di abortire perché il nascituro sarebbe nato disabile. La donna resistette e portò avanti la gravidanza. Chi ha raccontato la cosa è stato il figlio di questa donna/coraggio che ha concluso: “Quella signora era mia madre e il bambino ero io! Sarò di parte, ma posso dire che è stata la scelta giusta!”. Si tratta del tenore Andrea Bocelli, noto in tutto il mondo, con 70 milioni di dischi venduti. Se la mamma avesse seguito il parere dei medici, non avremmo avuto un artista straordinario, pur nella sua cecità e, a suo dire, felice di essere quello che è. Ce n’è per riflettere un po’!

DIFENDIAMO LA VITA VERAMENTE! DANDO LA NOSTRA PERCHE' L'ALTRO POSSA DAVVERO VIVERE!! QUESTO E' IL VERO AMORE!




[SM=g1740738]

[Edited by Caterina63 9/30/2010 12:57 PM]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
9/30/2010 3:07 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Bellissima testimonianza ,una testimonianza forte piena di luce contro quella delle tenebre,del male del filosofo guru dell'aborto e dell'infanticidio post nascita che si chiama Peter Singer a favore dell'eugenetica ......
9/30/2010 3:55 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

"Trattami bene perche' il mio padre è il padrone del mondo"
"La bambina di Dio nn si tocca!" Parole di Giann
OFFLINE
Post: 39,864
Gender: Female
10/1/2010 12:26 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

[SM=g1740738] anche a te hanno commosso quelle parole vero?!


ed anche quando dice: non sono qui per farvi stare tranquilli!!!!
e sta parlando ad una platea governativa, implicata nella politica....speriamo che abbiano capito!!

[SM=g1740722]


Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
10/1/2010 8:31 AM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

Si! Lei dice::...nn sono sopravissuta per mettere voi a vostro agio,sono sopravissuta per agitare le acque e...mi piace farlo!"
ehehheh
Grande!!!!!
Credo sia qto un grande insegnamento......Gesu' non e' nato per metterci a nostro agio.......ma per agitare le nostre acque torbide e vivere una vita nuova in acque pulite e fresche.....
Dio ci parla attraverso le sue creature......attraverso le nostre sofferenze....
Speriamo davvero che qta giovane donna piccola e grande donna sappia smuovere mari e monti in nome di Dio...e del principio della vita .
OFFLINE
Post: 39,864
Gender: Female
10/29/2010 12:50 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote

"Non diventerà mai niente di buono". Oggi è la Susan Boyle che ha cantato per Benedetto XVI
durante la Veglia per la Beatificazione del cardinale Newman, nel recente viaggio del Papa nel Regno Unito.

Se sua mamma non avesse giudicato «impensabile» il mettere fine alla sua nona gravidanza, oggi non avremmo il piacere di ascoltare una delle voci più splendide del panorama musicale internazionale. I Dreamed I Dream, il brano tratto dal musical Les Misérables ispirato al romanzo di Victor Hugo, non l’avrebbe resa celebre, nell’aprile 2009, se l’opinione dei dottori che avevano in carico sua madre avesse surclassato il desiderio materno di mettere al mondo un’altra figlia.

Susan Boyle, la 49enne inglese, nuova star della musica pop internazionale, ha rivelato in una recente biografia che il personale medico aveva suggerito a sua madre di non farla nascere e di ricorrere all’aborto. Motivo: la gravidanza era a rischio.

Ma Bridget Boyle, immigrata irlandese a Blackburn, paesino nel West Lothi, a quel tempo già mamma di 8 figli, rifiutò categoricamente tale possibilità «perché era una cattolica devota». E così diede alla luce Susan la quale, al momento del parto, soffrì di asfissia perinatale, malanno che causò alla bambina un leggero danno celebrale.  Ma ciononostante, dopo una vita passata a subire scherni e derisioni (non ultima, quella dello show della presentatrice Usa Oprah Winfrey), la bimba che non doveva nascere è diventata una delle più grandi cantanti di oggi: perfino l’attrice Demi Moore è una sua fan sfegatata ed è entrata nel Guinnes dei primati per la sua rapidissima celebrità.
SuBo, come l’hanno ribattezza i media inglesi, ha rivelato tutto questo nella sua autobiografia The Woman I Was Born To Be, appena pubblicata in Inghilterra (Bantam, 328 pp, £ 18.99), pochi giorni dopo la performance dell’artista davanti a Benedetto XVI a Londra.
Nel libro la cantante rivela che, al momento della sua nascita, i medici non salutarono la nuova arrivata con il tradizionale «Congratulazioni, una bellissima bambina!» rivolto alla madre, bensì in tutt’altra maniera: «I dottori mi guardarono in modo sprezzante, dal momento che sospettavano avessi avuto danni celebrali a causa di una mancata ossigenazione del cervello. Così dissero a mia madre: “Doveva darci ascolto. Adesso dovrà acccettare il fatto che Susan non diventerà mai niente di buono”».
Mai profezia fu meno azzeccata visto che Susan è una star da 9 milioni di dischi venduti in sole 6 settimane. Ma lei non porta rancore. «Sono sicura che i dottori avessero le loro migliori intenzioni ma penso che non dovessero dire quelle cose dal momento che nessuno può prevedere il futuro. Quello che i medici non sapevano è che io sono una sorta di combattente e che durante tutta la mia vita ho cercato di dimostrare loro che avevano torto».
E alla Bbc, qualche mese fa, Susan Boyle, di cui è conosciuta la profonda fede cattolica, spiegava: «La mia storia dimostra che non si deve guardare all’apparenza, ma bisogna considerare la persona nella sua interezza emotiva, fisica, mentale e spirituale. Spero che dicendo questo io riesca a dimostrare che i sogni non sono impossibili».
Proprio nei mesi scorsi un altro cantante molto noto, Andrea Bocelli, aveva raccontato che a sua madre i medici avevano suggerito di abortire perché il bambino che portava in grembo avrebbe subito delle menomazioni a causa di un attacco di appendicite da lei subito. Sebbene completamente cieco, Bocelli è diventata una star della canzone pop e della lirica.

Lorenzo Fazzini

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
OFFLINE
Post: 39,864
Gender: Female
11/18/2015 6:23 PM
 
Email
 
User Profile
 
Quote


  Contrordine compagni: fare figli fa bene alla Patria socialista.
Allora noi Cattolici antiabortisti non avevamo torto eh!... ma è troppo tardi, noi in Europa abbiamo passato il punto di non ritorno, forse c'è ancora una speranza, con l'aiuto del Cielo e la buona volontà a finirla con questo OLOCAUSTO.....


IL CASO
 

Contrordine compagni: fare figli fa bene alla Patria socialista. La Corea del Nord sta infatti morendo, per estinzione, per questo una direttiva emanata l’8 ottobre dal governo cambia drasticamente politica demografia mettendo fuori legge l’aborto e i sistemi anticoncezionali impiantati nei corpi delle donne. 

di Marco Respinti
Bambini in Corea del Nord


Contrordine compagni: fare figli fa bene alla Patria socialista. Dalle notizie che Radio Free Asia (clicca qui) è riuscita a carpire, una direttiva emanata l’8 ottobre dal governo della Corea del Nord, l’ultimo baluardo del comunismo più regressivo e oscurantista, cambia drasticamente politica demografia mettendo fuori legge l’aborto e i sistemi anticoncezionali impiantati nei corpi delle donne. I trasgressori, in specie i ginecologi, verranno severamente punti con multe e carcere. 

La Corea del Nord sta infatti morendo, per estinzione. Dagli anni1990 il suo tasso di natalità è in caduta libera. Secondo il World Factbookstilato dalla Cia, la Corea del Nord è al 134° posto su 224 Paesi censiti per tasso di natalità. E tutto per colpa unica e totale del perverso sistema di collettivizzazione economica perseguito dal regime che, stringendo il Paese in un’autarchia improduttiva, genera solo miseria e carestie continue. I nordcoreani, infatti, non hanno di che vivere. Per questo non fanno figli che non saprebbero come mantenere. Moltissime coppie, ridotte letteralmente alla fame, si sono autoimposte la regola del figlio unico, ricorrendo a ogni tipo di tecnica contraccettiva e abortiva. La spirale intrauterina, inoltre, è popolarissima per via dell’altissima diffusione della prostituzione e del numero enorme di stupri che si verificano nel Paese. La qualcosa però non fa che aggiungere aberrazione ad aberrazione, visto che la contraccezione non incide affatto sulla riduzione del numero degli stupri (anzi, semmai il contrario, visto che non producono “conseguenze”) e dunque, riducendo tutto al “problema gravidanze”, “risolto”, ne implica la progressiva accettazione sociale.

In Corea del Nord l’aborto fu totalmente legalizzato dal Codice penale «per ragioni importanti» sin dal marzo 1950. Normalmente avveniva attraverso iniezioni letali per il feto. Quello di Stato veniva praticato specialmente sulle donne riparate illegalmente in Cina e poi rimpatriate (perché la Cina comunista questo fa, rimanda alla Corea del Nord comunista tutti quelli che cercano di scappare): se c’era il sospetto che potessero essere incinte di uomini cinesi, venivano costrette all’aborto e i nati sfuggiti alla mattanza eliminati poco dopo il parto. Ancora il 17 febbraio 2014 un rapporto di quasi 400 pagine sulla situazione dei diritti umani nel Paese asiatico stilato dalle Nazioni Unite (clicca qui) denunciava la depravazione di cui sono oggetto i non-nati e gli handicappati, tra l’altro in una logica perfettamente eugenetica. 

Infatti, gli handicappati che per qualche ragione sfuggono all’eliminazione nel grembo materno osubito dopo la nascita sono confinati in aree rurali che li tengono lontani dalle popolazioni “sane” delle città o sottratti alle famiglie (condannate a condizioni di estrema povertà per avere generato figli “impuri”) e internati in strutture statali senza che i genitori li possano più vedere. Cosa sarà di loro dopo la nuova direttiva antiabortista nessuno lo sa, ma è verosimile che la loro sorte possa essere stralciata da quella degli aborti “sani” oggi vietati.

Adesso si volta pagina, almeno sull’aborto dei “sani”, ma a imporre cautela è il precedente cinese chealla famigerata politica del “figlio unico”, quella che con l’aborto obbligatorio impediva alle coppie di avere più di un figlio, ha appena sostituito la politica dei “due figli unici” (clicca qui) solo in nome di un welfare sostenibile. Ieri serviva allo Stato sopprimere vite umane, oggi serve salvarle. Ma proprio questo, dice Steven W. Mosher, fondatore e presidente del Population Research Institute di Front Royal, in Virginia, il primo a documentare anni fa orrore l’orrore della demografia cinese, fa temere che la Corea del Nord possa adesso pensare d’imporre ai cittadini una non meno scioccante politica della riproduzione forzata in nome della ragion di Stato.



Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:13 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com