Episcopato Austriaco richiamato a Roma per gravi abusi liturgici e disobbedienza

Full Version   Print   Search   Utenti   Join     Share : FaceboolTwitter
Caterina63
00Wednesday, June 17, 2009 8:08 PM
Credevo di averle viste tutte, questa le supera tutte....
devo stare calma, il mio cuore non può permettersi altri strappi, ma se penso al Corpus Domini IMPALATO O IMPILZATO... non posso che chiedere a Cristo di farmi compartecipe delle sue sofferenze e ancora di più quando, ad essere colpita, E' IL CORPO STESSO DELLA CHIESA....

riporto la notizia da messainlatino:

I vescovi austriaci convocati a Roma.
 
Sono stati richiamati a Roma per un comitato di crisi i vescovi austriaci, guidati dal Cardinale Schoenborn. Motivo della convocazione: discutere dell'andazzo nelle diocesi austriache, specie quella iperprogressista di Linz dove, nel febbraio scorso, si è consumata la farsa di una rivolta di influenti parroci (alcuni dei quali dichiaratamente concubini), appoggiati dai vescovi, contro la nomina a vescovo ausiliario del conservatore Gerhard Wagner.


Gli incontri sono previsti per oggi e per domani, con il Papa e con i Prefetti di varie congregazioni. L'incontro precede l'apertura della sessione estiva della conferenza episcopale a Mariazell. Ci sono anche il debole vescovo di Linz, Schwarz, che si era piegato subito di fronte alla fronda dei suoi preti (e non ha preso in pratica alcun provvedimento contro quelli che hanno orgogliosamente rivendicato di convivere con una compagna), e l'ineffabile Kothgasser di Salisburgo, che ha accusato il Papa, per la revoca della scomunica ai lefebvriani, di voler ridurre la Chiesa cattolica ad una setta.


A che punto si sia arrivati in Austria, lo dice un'immagine più di mille parole. Ecco come si è festeggiato il Corpus Domini, ieri, a Linz:


non ho parole....vi prego, SI FACCIANO MESSE IN RIPARAZIONE....SI PREGHI, SUPPLICHIAMO LA MISERIDORDIA DI DIO MA ANCHE LA SUA GIUSTIZIA, BASTA CON QUESTA CREATIVITA' DISTRUTTIVA E BLASFEMA!!!!

vedendo il filmato:
http://it.gloria.tv/?media=27931

è ancora peggio, SI TRATTA DI PINZE....PINZE GIGANTI che afferrano il Corpo di Cristo...come si fa CON LA CARNE DI MAIALE SUI FERRI....
le uso io in cucina le pinze lunghe per le bistecche sulla griglia....

BASTA!


Il solito omonimo "paolino" di turno (non l'apostolo, ma l'incubo dei giornalisti) che spiazza anonimamente nei Blog che difendono la Riforma Benedettiana, sta insinuando il dubbio che l'immagine sia un fotomontaggio...

Per dovere di informazione l'immagine NON è un fotomontaggio, la notizia è stata riportata anche qui:

Linz Corpus Christi scandal condemned on KTV
 
Priest who leads German Catholic TV declares in no uncertain terms that it must never be allowed to happen again and that Masses have become community meals and with no belief in the Real Presence


cliccate qui per il video:

http://cathcon.blogspot.com/2009/06/linz-corpus-christi-scandal-condemned.html

dal sito ufficiale della Diocesi:
http://www.dioezese-linz.at/redaktion/index.php?action_new=Lesen&Article_ID=49695

corrisponde il luogo, l'altare (qui INZUPPATO DALLA PIOGGIA)E IL CELEBRANTE CON GLI STESSI ABITI LITURGICI...e sull'altare si vede chiaramente il cestino della pagnotta....

anzi dalle altre oto faccio notare come la pioggia battente abbia probabilmente allungato il calice con il vino...e INZUPPATO IL PANE...dal momento che non c'è alcuna copertura sull'altare...

Confermo NON E' UN FOTOMONTAGGIO, alla foto n.7, nominata Eucarestia, se la ingrandite si vede LA PINZA sull'altare...usata come ostensorio....

                         

L'immagine ingrandita:

       

VATICANO una riunione a porte chiuse per fare il punto su abusi liturgici e "caso linz"

Il Papa vuole obbedienza a cominciare dall'Austria

FEDELTÀ INTEGRALE. Ratzinger convoca l'episcopato di Vienna e prelati di curia per chiarire il caso "Wagner". A due giorni dall'apertura dell'anno sacerdotale, Benedetto XVI chiede più rigore. Attesa per l'uscita d'un testo papale sull'Osservatore.

di Paolo Rodari

Si è di fatto aperto con due giorni di anticipo l'anno che Benedetto XVI ha deciso di dedicare ai preti.
Anche se ufficialmente il tutto comincerà dopo domani in Vaticano coi vespri solenni presieduti dal Pontefice, una riunione a porte chiuse che ha avuto luogo ieri e l'altro ieri nella Sala Bologna - presente il Pontefice, il prefetto dei Vescovi Giovanni Battista Re, il prefetto della Dottrina della Fede William Levada, il prefetto del Clero Claudio Hummes, il prefetto dell'Educazione Cattolica Zenon Grocholewski, il presidente dei Laici Stanislaw Rylko, e i principali esponenti dell'episcopato austriaco a cominciare dall'arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn e dal nunzio Peter Stephan Zurbriggen - ha aperto le danze.
Ratzinger, infatti, ricevendo la crème della curia e dell'episcopato austriaco ha voluto chiarire definitivamente la questione "Gerhard Wagner" e, nel farlo, ha voluto insistere sull'obbedienza che preti e vescovi debbono a Roma e al magistero: solo sacerdoti e vescovi che vivono il proprio ministero in «fedeltà integrale al Concilio Vaticano II e al magistero post-conciliare della Chiesa», in sintonia d'intenti dunque con Roma, possono esser certi della giustezza del proprio operare.


Parole che hanno in qualche modo preceduto un documento che Benedetto XVI farà uscire sull'Osservatore Romano in edicola domani pomeriggio proprio in vista dell'apertura dell'anno sacerdotale.
Un documento che suona a mo' d'una Lettera Enciclica dedicata al clero in miniatura, e che ruota attorno alla necessità che i preti, ispirandosi alla figura del Curato D'Ars, sappiamo vivere in comunione ecclesiale, essere d'esempio a coloro che nei seminari intraprendono la strada del sacerdozio, vivere di preghiera e di dedizione alla Chiesa e, soprattutto, combattere la secolarizzazione che, impietosa, ha annacquato anche molti di coloro che si sono dedicati a Dio attraverso il sacerdozio: la secolarizzazione deve cessare d'entrare nella Chiesa. È la Chiesa che deve investire della sua presenza il mondo secolarizzato.
Insomma, quella del Papa nell'incontro a porte chiese di ieri e dell'altro ieri è stata un'entrèe di quanto cercherà di comunicare ai preti nel corso di quest'anno.
Il caso "Wagner" non deve ripetersi.

Monsignor Wagner era stato designato dal Papa quale vescovo ausiliare di Linz. Buona parte del clero locale e dell'episcopato, poco tenuto a bada dal presidente della conferenza episcopale Schoenborn, ha reagito chiedendo il ritiro della nomina a motivo delle posizioni giudicate troppo conservatrici del presule e, caso più unico che raro, è riuscita nel suo intento.
Peccato che poi, nelle settimane successive, Benedetto XVI sia stato informato di come una parte dei coloro che hanno chiesto le dimissioni del vescovo interpretino il proprio ministero: è in Austria che alcuni preti vivono in perenne stato di concubinato giustificando innanzi ai fedeli il proprio status.

È in Austria che gli abusi liturgici più sgradevoli trovano un fertile campo d'espressione. Ne è un esempio che ha colpito molto la sensibilità di diversi porporati della curia romana la processione del Corpus Domini messa in opera da don Helmut Part, parroco della Stadtpfarre Urfahr a Linz (cfr. foto in alto a sinistra).
Al posto dell'ostia consacrata, egli mostra ai fedeli un qualcosa che assomiglia a una grande pagnotta: insomma, altro che «fedeltà integrale» al Vaticano II.
Ratzinger è consapevole come centrale nella vita della Chiesa sia la liturgia. E affinché abusi liturgici non si verifichino più ha portato a Roma, qualche mese fa quale prefetto del Culto Divino, il cardinale Antonio Cañizares Llovera. E come segretario della congregazione ieri ha nominato Joseph Augustine Di Noia, domenicano, finora sottosegretario della Dottrina della Fede.
Di Noia ha preso il posto di Ranjith che torna in Sri Lanka come arcivescovo di Colombo.
Venne chiamato a Roma da Ratzinger pochi mesi dopo l'elezione. In seguito al motu proprio Summorum Pontificum col quale il Pontefice ha "reintrodotto" il rito antico, Ranjith ha denunziato l'inadempienza di alcuni vescovi verso la messa in pratica della disposizione papale.
Denunce che non sono piaciute a una parte della curia che ha fatto pressioni per sostituire Ranjith. Ecco, quindi, l'arrivo di Di Noia, uno studioso più che uno uomo di governo.

© Copyright Il Riformista, 17 giugno 2009 consultabile online anche qui

http://www.paolorodari.com/2009/06/17/il-papa-vuole-obbedienza-a-cominciare-dallaustria/
, sul blog di Rodari.


Ho consultato l'OR on-line che uscirà domani, al momento non ho trovato nulla, ma lo comprerò, forse sta nelle pagine interne...



Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:52 PM.
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com