00 6/1/2015 10:34 AM

Pubblicato il programma della visita del Papa a Torino




L'Ostensione della Sindone - ANSA





30/05/2015



La Sala Stampa della Santa Sede ha pubblicato il programma della visita pastorale di Papa Francesco a Torino, il 21 e il 22 giugno prossimi.


Domenica, dopo l’arrivo all’aeroporto di Caselle, il Papa si trasferirà in auto a Piazzetta Reale, dove incontrerà il mondo del lavoro.
Quindi, entrerà a piedi in Cattedrale e pregherà davanti alla Sindone, sostando brevemente davanti all’altare del Beato Pier Giorgio Frassati.
A metà mattinata, Francesco sarà in Piazza Vittorio per la concelebrazione eucaristica: qui terrà l’omelia e reciterà l’Angelus.
A seguire, si trasferirà in auto in arcivescovado, dove pranzerà con i giovani detenuti del carcere minorile “Ferrante Aporti”, alcuni immigrati e senza fissa dimora e una famiglia rom.

Nel primo pomeriggio, si recherà al Santuario della Consolata, per una visita e per pregare in privato. Tappa successiva, la Basilica di Maria Ausiliatrice, per l’incontro con i Salesiani e le Figlie di Maria Ausiliatrice: sul piazzale antistante il Papa saluterà i giovani educatori e animatori degli oratori.
A seguire, il Pontefice raggiungerà in auto la Chiesa del Cottolengo, dove abbraccerà gli ammalati e i disabili.
Poi, di nuovo in Piazza Vittorio, per l’incontro con i giovani.
Infine il rientro in arcivescovado per la sera.

Lunedì 22, il primo appuntamento sarà al Tempio Valdese, quindi farà rientro in arcivescovado dove, in forma strettamente privata, Francesco incontrerà alcuni suoi familiari per i quali celebrerà la Messa e pranzerà con loro.
Prima di lasciare l’arcivescovado, il Papa riceverà brevemente i membri del Comitato dell’Ostensione, gli organizzatori e i sostenitori della visita nel capoluogo piemontese.
Trasferendosi poi all’aeroporto di Torino Caselle, lungo il percorso, riceverà il saluto dei giovani dell’"Estate Ragazzi".
Infine il decollo con il rientro allo scalo di Roma Ciampino, previsto per le 17.30, e a seguire il trasferimento in auto in Vaticano.







Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)