00 4/2/2015 10:32 PM

Il ruolo cruciale della famiglia nella nuova evangelizzazione

La grande sfida che affronta tutta la Chiesa, si affronta, in particolare, nella primissima cellula della Sua vita, la famiglia. È la battaglia che Giovanni Paolo II ha descritto, nella Sua Lettera Apostolica “Al termine del Grande Giubileo dell’anno 2000Novo Millennio Ineunte”, come il “la « misura alta » della vita cristiana ordinaria”.[13] Il Papa Giovanni Paolo II ci ha insegnato la natura straordinaria della nostra vita ordinaria, perché è vissuta in Cristo e, quindi, produce in noi l’incomparabile bellezza della santità. Ha dichiarato:
“Le vie della santità sono molteplici, e adatte alla vocazione di ciascuno. Ringrazio il Signore che mi ha concesso di beatificare e canonizzare, in questi anni, tanti cristiani, e tra loro molti laici che si sono santificati nelle condizioni più ordinarie della vita. È ora di riproporre a tutti con convinzione questa « misura alta » della vita cristiana ordinaria: tutta la vita della comunità ecclesiale e delle famiglie cristiane deve portare in questa direzione”[14]
Vedendo nelle famiglie Cristiane il frutto della conversione quotidiana della vita, attraverso la quale i membri della famiglia cercano di raggiungere la “misura alta della vita cristiana ordinaria”, la cultura moderna scoprirà il grande mistero della vita ordinaria sulla quale Dio fa piovere il suo amore infinito e incommensurabile amore. Chiaramente, questo “riparare il tessuto cristiano della società umana” può venire solo attraverso il rifacimento “il tessuto cristiano della stessa comunità ecclesiale”, cominciando dagli individui, dalle proprie famiglie, nelle case.[15]

Il Papa Giovanni Paolo II ci ha insegnato chiaramente che il modo per vincere la sfida del raggiungere “la misura alta della vita cristiana ordinaria” si trova “nel Vangelo e nella Tradizione vivente”. Ci ha ricordato che è nello stesso programma della vita cristiana, così come è sempre stato nella Chiesa, il segreto della santità di vita.[17] A proposito del matrimonio cristiano e della famiglia, e della chiamata all’evangelizzazione, nella sua Esortazione Apostolica post-Sinodale sulla famiglia, Familiaris Consortio, ha dichiarato che “la famiglia cristiana, infatti, è la prima comunità chiamata ad annunciare il Vangelo alla persona umana in crescita e a portarla, attraverso una progressiva educazione e catechesi, alla piena maturità umana e cristiana.”[18]

Prendendo atto dei molteplici e gravi attacchi contro il matrimonio e la famiglia nel nostro tempo ha sottolineato l'importanza di testimoniare la verità sul matrimonio e la famiglia, in modo che la famiglia possa evangelizzare l'intera società. Ha dichiarato:
In un momento storico nel quale la famiglia è oggetto di numerose forze che cercano di distruggerla o comunque di deformarla, la Chiesa, consapevole che il bene della società e di se stessa è profondamente legato al bene della famiglia, sente in modo più vivo e stringente la sua missione di proclamare a tutti il disegno di Dio sul matrimonio e sulla famiglia, assicurandone la piena vitalità e promozione umana e cristiana, e contribuendo così al rinnovamento della società e dello stesso Popolo di Dio.[19]
Riconoscendo l’insostituibile forza evangelizzatrice della famiglia in tutta la società, la Chiesa è ancora più spinta a dedicarsi alla salvaguardia e alla promozione della verità della vita coniugale e familiare.

Nella mia patria, come può essere anche qui, vi è una predominanza del fenomeno della secolarizzazione, pur se restano singole famiglie cattoliche di profonda fede religiosa, che praticano la fede e la devozione, e, dove un certo numero di queste famiglie sono vicine l'una all'altra, formano una sorta di fraternità sociale e spirituale. Tutti noi, non importa quale sia la nostra condizione di vita, dovremmo favorire la solidarietà tra le famiglie, che si sforzano di trasmettere la fede e la pratica cristiana con integrità.

Nella nostra testimonianza cristiana e di apostolato, dobbiamo prestare particolare attenzione alla santità del matrimonio, alla fedeltà, all'indissolubilità e alla procreatività dell'unione coniugale. Una vita domestica cattolica è necessariamente un segno di contraddizione nella società di oggi. Dobbiamo infondere coraggio nelle coppie cattoliche per dare testimonianza alla verità sul matrimonio e la famiglia, che la nostra cultura esigenze così duramente. Dobbiamo aiutare le famiglie cristiane ad essere Chiesa domestica, secondo la descrizione antica, il primo luogo in cui la fede cattolica viene insegnata, celebrata e vissuta. Tutta la Chiesa deve aiutare i genitori a vivere con generosità e fedelmente la loro vocazione alla vita coniugale. Dobbiamo essere particolarmente attenti alle famiglie che si trovano in difficoltà, in modo che anche nelle loro sofferenze possano godere le grazie di unità e di pace della Santa Famiglia di Nazareth.

Nella sua esortazione post-sinodale Familiaris consortio, Papa Giovanni Paolo II ha sottolineato il ruolo insostituibile della famiglia nella nuova evangelizzazione. Citando l'insegnamento del suo predecessore, Papa Paolo VI sull'evangelizzazione[20], ha dichiarato:
Nella misura in cui la famiglia cristiana accoglie il Vangelo e matura nella fede diventa comunità evangelizzante. Riascoltiamo Paolo VI: «La famiglia, come la Chiesa, deve essere uno spazio in cui il Vangelo è trasmesso e da cui il Vangelo si irradia. Dunque nell'intimo di una famiglia cosciente di questa missione tutti i componenti evangelizzano e sono evangelizzati. I genitori non soltanto comunicano ai figli il Vangelo, ma possono ricevere da loro lo stesso Vangelo profondamente vissuto. E una simile famiglia diventa evangelizzatrice di molte altre famiglie e dell'ambiente nel quale è inserita».[21]
È chiaro che, se la nuova evangelizzazione non si svolge all’interno dei matrimoni, nelle famiglie, allora non troverà posto nella Chiesa o nella società, in generale. Allo stesso modo, i matrimoni trasformati dal Vangelo sono il primo e più potente agente di trasformazione della società attraverso il Vangelo. La testimonianza della famiglia è, quindi, il cuore di una nuova evangelizzazione. Facendo riferimento all’insegnamento del Concilio Ecumenico Vaticano Secondo sulla realtà della famiglia come “chiesa domestica” o piccola chiesa (ecclesiola)[22] il Catechismo della Chiesa Cattolica ha dichiarato:
Ai nostri giorni, in un mondo spesso estraneo e persino ostile alla fede, le famiglie credenti sono di fondamentale importanza, come focolari di fede viva e irradiante. È per questo motivo che il Concilio Vaticano II, usando un'antica espressione, chiama la famiglia “Ecclesia domestica” Chiesa domestica. È in seno alla famiglia che “i genitori devono essere per i loro figli, con la parola e con l'esempio, i primi annunciatori della fede, e secondare la vocazione propria di ognuno, e quella sacra in modo speciale”.[23]
Noi vediamo, infatti, in modo inequivocabile, il potere evangelizzante del matrimonio e della famiglia nei compiti primari dei genitori di aiutare i loro figli a conoscere la loro vocazione nella vita e ad abbracciarla con cuore indiviso. La fondamentale forza evangelizzatrice dei genitori per ciò che riguarda la vocazione alla vita coniugale è evidente.

Al cuore del matrimonio e della vita familiare si trovano il culto divino e la preghiera che dà forma a ogni altro aspetto della vita. Il Sacro culto, la più alta e perfetta espressione della nostra vita in Cristo è alla base della vita famigliare. Nel culto di Dio, nella preghiera, e nella devozione la famiglia riceve il potere di evangelizzare e, nello stesso tempo, evangelizza il mondo con maggiore potenza. Ancora una volta facendo riferimento all’insegnamento del Concilio Ecumenico Vaticano Secondo, il Catechismo della Chiesa Cattolica dichiara:
È qui che si esercita in maniera privilegiata il sacerdozio battesimale del padre di famiglia, della madre, dei figli, di tutti i membri della famiglia, “con la partecipazione ai sacramenti, con la preghiera e il ringraziamento, con la testimonianza di una vita santa, con l'abnegazione e l'operosa carità”. Il focolare è così la prima scuola di vita cristiana e “una scuola di umanità più ricca”. È qui che si apprende la fatica e la gioia del lavoro, l'amore fraterno, il perdono generoso, sempre rinnovato, e soprattutto il culto divino attraverso la preghiera e l'offerta della propria vita.[24]
La famiglia sperimenta il suo essere più profondo, quando è in preghiera, specialmente nel culto divino. Dalla preghiera e dal culto divino, scaturisce ogni aspetto della vita personale di ogni membro della famiglia e della famiglia stessa. La famiglia nella preghiera e nel culto manifesta Cristo vivo nella Chiesa più potentemente e, quindi, attrae molte altre famiglie a Cristo e nella Sua Chiesa.





   continua.....


Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)