00 6/13/2018 10:07 AM

Le doti mentali.


Taluni hanno sortito da natura una memoria prodigiosa, oppure una intelligenza superiore, per cui ritengono quanto vedono e sentono e con facilità riescono in diversi rami della scienza. Altri, pur non avendo memoria ed intelligenza straordinaria, hanno tuttavia un'attitudine particolare alla musica, alla poesia, alla pittura o ad altra arte bella.


Costoro hanno diritto d'insuperbirsi? Niente affatto! Le doti intellettuali sono doni di natura e si possono perdere o in parte o completamente. Basta visitare un manicomio, per convincersi di ciò. Quanti professori valenti, medici di grido, avvocati celebri, ecc.... hanno perduto l'uso della ragione e sono ricoverati tra gli scemi!


 


Il bene spirituale.


Oltre alla memoria ed all'intelligenza, noi abbiamo la volontà, che é la facoltà più nobile dell'anima nostra. La volontà è fatta per il bene e tende ad esso.


Molti vanno in cerca di beni falsi e passeggeri e trascurano i veri beni, che si acquistano con l'esercizio delle virtù cristiane.


Ci sono invece anime ricche di beni spirituali, che moltiplicano gli sforzi quotidiani e che hanno già raggiunto un buon grado di perfezione. Possono queste insuperbirsi della propria virtù? No! L'anima può fare il bene, perchè è sorretta dalla grazia di Dio; se manca quest'aiuto, la volontà non può fare niente. La volontà umana è tanto debole: oggi vuole il bene e domani si appiglia al male; oggi ama e domani odia.


Come possono insuperbirsi i virtuosi, pensando alla debolezza della loro volontà? Basta pensare al principe degli Apostoli, S. Pietro, che disse a Gesù Cristo: Io sono pronto a morire con Te! Non ti abbandonerò! La stessa notte invece Lo rinnegò tre volte.


Quanti, che prima erano virtuosi e modello agli altri di vita cristiana, si pervertirono e divennero di scandalo! Dunque, si stia sempre umili e diffidenti di sè.


 


La parabola dei talenti.


Un tempo noi non esìstevamo; quindi eravamo nulla. Il Signore per sua infinita bontà ci ha creati, dotandoci di beni nell'anima e nel corpo. Nel fare ciò, ha avuto dei fini particolari. Ascoltiamo la parabola dei talenti, che Gesù narrò per il nostro ammaestramento:


« Un uomo, dovendo andare lontano, chiamò i suoi servi e diede loro i suoi beni. Ad uno consegnò cinque talenti, ad un altro due e ad un altro uno solo, a ciascuno secondo la propria capacità; e subito dopo partì.


Colui che aveva ricevuto cinque talenti, andò a trafficarli e ne guadagnò altri cinque. Similmente colui che ne aveva ricevuto due. Il servo però che ne aveva ricevuto uno, andò a scavare in terra e nascose il denaro del suo padrone.


Dopo molto tempo venne il padrone di quei servi e fece i conti con essi. E fattosi avanti chi aveva ricevuto cinque talenti, ne consegnò altri cinque dicendo: Padrone, mi hai dato cinque talenti; ecco ne ho guadagnati altri cinque. Gli rispose il padrone: Ben ti sta, servo buono e fedele; poichè sei stato fedele nel poco, ti costituirò a capo di molto; entra nel gaudio del tuo padrone!


Si fece avanti poi colui che aveva ricevuto due talenti e disse: Padrone, mi hai dato due talenti; ecco ne ho guadagnati altri due. Gli disse il padrone: Ben ti sta, servo buono e fedele, poiché sei stato fedele nel poco, ti costituirò a capo di molto; entra nel gaudio del tuo padrone.


Dopo venne avanti anche colui che aveva ricevuto un solo talento e disse: Padrone, so che sei uomo duro, che mieti dove non hai seminato e raccogli dove non hai sparso; avendo io timore, sono andato a nascondere sotto terra il tuo talento. Eccoti ciò che è tuo! Gli rispose il padrone: Servo cattivo e infingardo, sapevi che mieto dove non ho seminato e che raccolgo dove non ho sparso; bisognava dunque che tu affidassi il mio denaro alle banche e così ritornando io avrei percepito il mio denaro con il frutto. Perciò, sia tolto a lui il talento e sia dato a chi ne ha dieci; imperocché a chi ha, sarà dato ed abbonderà; a colui che non ha, sarà tolto anche quello che crede di avere. E questo servo inutile sia gettato nelle tenebre esteriori; ivi sarà pianto a stridor di denti».


Questa parabola c'insegna che Iddio dà a ciascuno dei beni, ma a chi dà più ed a chi meno. Ad uno dà molta ricchezza, ad un altro il puro necessario; a chi offre un corpo vigoroso e bello, a chi dà un corpo debole e difettoso; ad uno largisce un'intelligenza vasta e profonda, ad un altro una mente mediocre oppure incapace.


Alla fine della vita, quando si ha da comparire davanti a Cristo Giudice, ciascuno dovrà dar conto dei doni ricevuti e sarà domandato più a colui al quale più è stato dato.


Quando perciò si hanno doni particolari, materiali o spirituali, invece di montare in superbia, si pensi ad essere grati a Dio ed a corrispondere alle sue mire divine.


Per conservare l'umiltà, giova il considerare il seguente paragone.


Un ricco signore vuol cambiare dimora e stabilisce di trasportare tutto alla nuova abitazione servendosi di alcuni asini.


Sul primo asino mette la cassaforte, con il denaro ed i gioielli; sul secondo colloca dei quadri, capolavori di arte; sul terzo mette i drappi preziosi, sul quarto gli intensili di poco valore; sul quinto infine depone gli stracci ed altri oggetti di basso uso.


Supponiamo che questi asini possano parlare e lungo il tragitto tengano una conversazione:


State lontani da me, dice il primo asino ai compagni; io sono il più nobile, perché ho tanta ricchezza; mi vergogno di stare accanto a voi! Gli altri potrebbero rispondere: Sciocco e superbo! Sono forse tuoi i tesori che porti? Non sono del padrone? Non avrebbe potuto metterli sulla nostra groppa? Del resto, appena arrivati alla nuova dimora, tutto ti sarà tolto e resterai un povero asino come noi! Pensa dunque che asino sei ed asino rimarrai!


Quanto insegnamento dà questo paragone! ... Dovrebbero tenerlo presente i superbi!


L'umiltà è verità; come tale, se ci fa riconoscere la nostra miseria, non c'impedisce di riconoscere quanto in noi ci sia di buono, purchè tutto si riferisca a Dio.


Perciò non manca d'umiltà chi riconosce di essere ricco o intelligente o di bell'aspetto o arricchito di doni spirituali. Quando però si riceve qualche lode per le buone qualità, si dica in cuore: Non a me, o Signore, ma sia gloria a te, datore d'ogni bene!


è tanto facile però rubare a Dio la gloria! Questo si fa quando volontariamente noi godiamo delle nostre belle doti, quasi fosse merito nostro l'averle.


L'insegnamento della Madonna.


Maria Santissima, scelta a diventare Madre del Figlio di Dio, si umiliò davanti all'Arcangelo Gabriele, che la salutava « Piena di grazia ». Quanta umiltà in queste parole: « Ecco la serva del Signore! Si faccia di me secondo la tua parola! »


Iddio la sceglieva per Madre e lei si dichiarava serva! Quantunque umilissima, la Vergine sciolse un inno d'amore e di gratitudine al Signore riconoscendo la propria dignità.


Allorché S. Elisabetta le disse: E donde a me quest'onore, che la Madre del mio Signore viene a me! le rispose: L'anima mia magnifica il Signore ed esulta il mio spirito in Dio, mia salvezza! Poiche Egli guardò l'umiltà della sua serva; da questo momento tutte le generazioni mi chiameranno beata! Imperocche ha fatto a me cose grandi Colui che è potente ed il cui nome è Santo!


La Madonna c'insegna che anche nell'umiltà possiamo riconoscere in noi i doni di Dio e gioire di ciò, purché di tutto si dia gloria al Signore.


Umiltà davanti a Dio.


Non dobbiamo mai confidare in noi stessi, come se fossimo qualche cosa davanti a Dio, stimandoci giusti. Ecco la parabola che fa al caso nostro.


Due uomini, dice Gesù Cristo, andarono al Tempio per pregare; uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così: Ti ringrazio, o Dio, che non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adulteri; e neanche sono come quel pubblicano. Io digiuno due volte nel sabato; do decime di tutto ciò che possiedo.


Il pubblicano invece stando in fondo al Tempio, non osava neanche alzare gli occhi al cielo; ma batteva il petto dicendo: O Dio, siate propizio a me peccatore!


Io vi dico, conclude Gesù, che questo pubblicano ritornò a casa giustificato, a differenza dell'altro; perché chiunque si esalta sarà umiliato e chiunque si umilia sarà esaltato.


La parabola é molto eloquente. Se vogliamo che Iddio ci perdoni i peccati, umiliamoci sinceramente davanti a Lui, riconoscendo la nostra miseria.


Se fossimo realmente buoni, se cioè osservassimo bene la legge di Dio, non potremmo allora pensare altamente di noi? Neppure questo è lecito. Infatti Gesù ci dice: Quando voi avrete fatto tutto ciò che vi è stato comandato, dite: Siamo servi inutili! Abbiamo fatto ciò che dovevamo fare!


Ora, se chi adempie bene i comandamenti di Dio, deve dirsi servo inutile, che cosa pensare di chi ha fatto, oppure fa qualche peccato? ... E chi è sulla terra che non pecca? ...


I patimenti.


Il Signore non lascia mancare la croce ne' ai cattivi ne' ai buoni. Ai primi il soffrire serve a castigo dei peccati ed a mezzo di richiamo sulla buona via; ai secondi è fonte di merito per il Paradiso.


Il vero umile quando riceve una croce, sia una malattia, sia una disgrazia o una contrarietà, non si ribella a Dio, ma tutto facilmente abbraccia, dicendo: Signore, ho peccato! ... Merito questa croce, a motivo dei miei peccati! Abbiate pietà di me e datemi la forza di soffrire! Chi può dire quali tesori per il Cielo guadagna, facendo così l'anima umile?...


Il superbo invece, se si trova nella sofferenza, si arrabbia e dice: Ma che cosa ho fatto a Dio, perché abbia a trattarmi così? Ho fatto bene nella mia vita! Povero superbo, come si sbaglia davanti a Dio! ...


Umiltà col prossimo.


L'umiltà con gli altri si pratica pensando bene di tutti e scusando quelli che sbagliano; non mormorando dei difetti altrui, anzi sopportandoli con pazienza; trattando con rispetto e cortesia tutti, anche i poveri, i rozzi e gl'ignoranti; non usando parole sprezzanti coi dipendenti e persone di servizio; non disprezzando la compagnia di chi è di bassa condizione; finalmente, aiutando i bisognosi.


Facendo così, si diventa amici di tutti e naturalmente si è stimati e lodati con disinteresse.


Umiltà con se stessi.


Si pratica l'umiltà con se stessi, non soltanto riconoscendo la propria miseria, ma anche accettando con calma le umiliazioni. Un insulto, una mancanza di riguardo, un merito non riconosciuto, un favore ricambiato in male ... son cose che feriscono la superbia umana. L'umiltà ci fa scoprire tutto ciò con coraggio cristiano, pensando che per i nostri peccati siamo meritevoli di ogni umiliazione.


L'umiltà c'insegna anche a pregare per chi ci ha umiliati.


Ma come avere la forza di praticare l'umiltà in tal guisa? Tenendo presente l'esempio di Gesù Cristo!


Nelle umiliazioni pensiamo a Gesù quando era insultato, ingiuriato, sputacchiato e preso a schiaffi dai perfidi Giudei. Se Gesù, Figlio di Dio, innocentissimo, sopportò tante e sì gravi umiliazioni, noi Cristiani, essendo suoi seguaci, sforziamoci d'imitarlo come facevano i Santi e così troveremo il riposo per le anime nostre.


[Edited by Caterina63 6/13/2018 10:09 AM]
Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)