00 1/10/2010 12:22 AM
La Lettera riportata da Andrea Tornielli:

Montini alle Acli: Non fate politica e non guardate a sinistra!
Milano, 15 maggio 1960

Al Rag. Luigi Clerici, Presidente
E al Rev.do Don Ezio Orsini, Assistente Ecclesiastico delle ACLI di Milano

Miei cari, vi ringrazio delle vostre notizie circa il viaggio a Roma, e sono lieto dell’esito felice
ch’esso ha avuto, mostrando ai nostri Lavoratori pellegrini il volto paterno ed amico del Papa, e
risvegliando in essi il proposito di fedeltà alla santa Chiesa. Non so se vi sia stato consegnato il mio
telegramma che voleva assicurarsi della mia spirituale presenza fra voi in tale confortatrice
circostanza.
Ma devo anche confidarvi che da qualche tempo sono in apprensione per l’indirizzo che Voi date
alle nostre ACLI, e proprio in ordine alla fedeltà al Papa e alla Chiesa. Mi pare che prevalga in tale
indirizzo l’interesse per le cose temporali, e che l’interesse per la loro missione religiosa e cattolica
vada prendendo un posto subordinato.

La politica, che non è la vostra missione, ha ormai una
prevalenza nella vostra stampa, e quasi sempre in forma polemica non già verso gli avversari del
nome cristiano, ma verso persone e gruppi e giornali del campo nostro. Mi pare che la vostra
adesione alle linee direttive della Chiesa, anche da me più volte a voi ricordate, circa la famosa
apertura verso il socialismo non abbia quella chiarezza e quella franchezza, che si vorrebbe avere da
buoni cattolici militanti.

Voi accentuate continuamente il [sic] dissensi che vi distingue da altri, che pur intendono seguire la
nostra causa, e suscitate simpatie e speranza per un socialismo, che tuttora si mostra così avverso
alla religione, alla Chiesa, alle posizioni stesse che voi, ed altre nostre organizzazioni, occupate
nella società e nella vita pubblica, e sollevate scandalo perché una combinazione governativa non è
riuscita; e non pensate, non fate cenno che non è riuscita solo perché i Socialisti non davano
garanzie di sufficiente rispetto alle nostre idee e alle nostre cose.

Non vedete come i nostri avversari
– dico avversari nel nome di Dio, di Cristo, della Chiesa, della vita cattolica - godono delle vostre
dichiarazioni? Non vedete che il vostro comportamento e il vostro modo di giudicare profitta alla
causa altrui – e quale causa ! -, e danneggia la nostra? Credete di rendervi autonomi pensando come
pensano e scrivono gli “altri”, e discostandovi dal modo di pensare e di scrivere, che dovrebbe
derivare dal senso cristiano e dalla fedeltà alla Chiesa?


Comprendo molto bene le vostre riluttanze politiche, specialmente in questo momento; ma chiedo
se tocca alle ACLI a darvi clamorosa espressione politica e polemica, e a mettere in dubbio che
fosse fuori luogo “invocare ragioni di principio” in una crisi governativa, imperniate tutta su la
questione d’un’intesa con un socialismo, legato al comunismo, più disposto a chiedere garanzie per
la esecuzione dei suoi programmi, che a darle su la sua indipendenza e sul rispetto ai nostri
interessi?

Non dico di più perché temo che non mi comprendiate, anzi che comprendiate diversamente da
quanto vorrei, quasi ch’io stesso ricada in campo politico e parteggi per una soluzione politica che
non piace. Io vorrei invece richiamare il vostro senso di responsabilità verso la causa cattolica e
verso la stessa causa dei Lavoratori, che certi vostri atteggiamenti distaccano dalla comune
solidarietà del campo nostro, con pregiudizio di quanto per loro si fa e si desidera.

Vorrei pregarvi
di esaminare se nelle vostre amicizie e nelle vostre idee non lavorino fattori di provenienza non
sicura, non improntati a quella amorosa fermezza ai nostri principii, e a quella gelosa simpatia per
gli interessi cattolici, che dobbiamo esigere da chi milita nelle nostre file e che ha funzioni
orientatici per i nostri lavoratori.

Penso che voi mi direte che a voi tocca orientare i Lavoratori cristiani; sì, ma seguendo la linea che
ci è tracciata dalla nostra fedeltà alla Chiesa, linea che voi sapete ora non diretta verso un’intesa con
un socialismo tuttora ostile e pericoloso per la nostra causa, sia religiosa che sociale. È [sic] mi
soggiungerete che per impedire lo sbandamento e lo sconforto bisogna mostrare ai Lavoratori
comprensione e libertà di giudizio e di atteggiamento; sì, ma senza coltivare in loro inquietudine e
sfiducia per il campo nostro, e simpatia e illusione per il campo altrui.

Non crediate che si voglia abbandonare la promozione della causa delle classi lavoratrici; non
facciamo questo torto alla Chiesa; e non solleviamo in tante persone che la rappresentano il sospetto
che il nostro movimento di lavoratori subisce influssi, che fanno dubitare della bontà di certi suoi
orientamenti. Il momento è penoso e difficile; procuriamo di non aggravarlo.

Confido nella vostra saggezza cristiana. Avete tanto faticato e sofferto per dare consistenza e
sviluppo alle nostre ACLI; non sia mai che la loro animazione abbia a dispiacere alla Chiesa, sì
bene a consolarla e costituirne la forza e la gloria.
Vi benedico,
+Giovanni Battista Card. Montini
Arcivescovo


[SM=g1740722]

Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)