00 2/5/2010 12:02 PM

I social network, un'oasi di pace per i pedofili


La denuncia dell'Associazione Meter contenuta nel Rapporto 2009


ROMA, mercoledì, 3 febbraio 2010 (ZENIT.org).- La pedofilia è un crimine e uccide i bambini, ma non fa notizia. E mentre tutto questo accade nell’indifferenza generale, i pedofili si specializzano e trovano un proprio spazio “tranquillo” all’interno dei social network più trendy del momento.

Sono questi gli aspetti più preoccupanti che emergono dal Rapporto 2009 presentato il 2 febbraio nella sede nazionale di Avola (SR) dall’Associazione Meter (www.associazionemeter.org), fondata da don Fortunato Di Noto, che coordina 15 sportelli in Italia con 300 operatori a tutela dell’infanzia.

Una vera e propria emergenza sotto gli occhi di tutti: 51.290 siti segnalati in sei anni, 560 segnalazioni ricevute dalla hotline Meter e 2.668 chiamate al Numero verde nazionale, 824 casi al 2009 accompagnati presso il Centro di ascolto e accoglienza dell’Associazione e 120 convegni nel 2009.

Una risposta globale ad un fenomeno altrettanto globale. Un impegno, specialmente quello del monitoraggio online, svolto 24 ore su 24 in collaborazione con la Polizia Postale e delle Comunicazioni – Compartimento di Catania e con il Centro Nazionale di contrasto contro la pedofilia e la pedopornografia online (CNCPO) e con le varie Polizie estere.

Meter e la Polpost collaborano insieme grazie a una Convenzione siglata nel 2008 che consente a Meter di collaborare per un’azione comune di contrato della pedopornografia online e non solo a scopo repressivo, ma anche preventivo ed educativo (il 30% circa delle segnalazioni inserite nella blacklist sono della Meter).



Il 2009, boom di segnalazioni

Il 2009 ha visto un incremento dell’attività di segnalazione svolta dai volontari Meter. In particolare, nel corso dell’anno appena concluso sono state inviate 1.560 segnalazioni alla Polpost e alle Polizie estere, per un totale di 7.240 indirizzi (siti e riferimenti).

Una vera e propria esplosione, visto che nel 2008 le segnalazioni erano state solo 2.850. Anche l’Italia non è esente dal fenomeno di produzione e scambio del materiale pedopornografico, tanto che il 2009 ha visto la segnalazione di 51 indirizzi.

Come emerge dall’analisi delle segnalazioni, gli USA sono in testa all’entità delle segnalazioni con il 23% del totale, tallonati dalla Russia a quota 22%. Al terzo posto l’Europa, che si attesta – nel complesso – al 15%.

Questo basta a sfatare il mito dei paesi del “turismo pedofilo online”, un tempo tradizionalmente indicati nel Sudest asiatico. Anche nella “civile” Europa è dunque possibile produrre e smerciare “filmetti” sullo stupro di bambini da pochi giorni a 12 anni.

Questa cooperazione vede, per conto di Meter, l’attività dei suoi esperti che assicurano continuità metodologica tra le attività di monitoraggio e analisi dei fenomeni della Rete e le finalità investigative.

Soprattutto per quanto concerne la ricerca delle vittime della pedopornografia, Meter aiuta la Polpost – nel rispetto delle normative attualmente in vigore – nella ricerca e individuazione delle vittime di sfruttamento sessuale e produzione del materiale pedopornografico.

Non solo: Meter e Polpost collaborano insieme sulle attività di formazione funzionali alle finalità della Convenzione. Sono ben 560 le segnalazioni raccolte l’anno scorso grazie all’apposito form presente sul portale www.associazionemeter.org.

Un dato incoraggiante che mostra come il mondo virtuale stia prendendo lentamente coscienza del fatto che la rete non può essere un Far West telematico in cui chiunque possa fare qualsiasi cosa.

Social network e programmi di file sharing

Per il momento, i pedofili sembrerebbero aver trovato uno spazio privilegiato in cui agire nei social network. Nel 2009 Meter ha denunciato 851 comunità di pedofili: 509 segnalazioni su Ning (100 profili sequestrati e oscurati da Polpost italiana e USA), 39 su Youtube (su cui sono in corso indagini), 20 su Facebook (indagini in corso) e 5 per Netlog (anche qui indagini in corso), 278 per Grou.ps (anche qui indagini in corso).

Non mancano tra le segnalazioni quelle riguardanti il mondo del file sharing, il 60% delle indagini per detenzione, in alcuni casi produzione e divulgazione riguardano i maggiori strumenti di condivisione e scambio file in Rete. L’attività della Polpost è al momento in corso.

Infantofilia

Il 2009 è stato anche l’anno dell’infantofilia, questo nuovo trend che riguarda l’abbassamento ulteriore dell’età dei bimbi abusati da pochi giorni a due anni, in particolare nelle foto e nei video. Una piaga emergente che si è trasformata anche in un business con un giro d’affari tra 2,04 e 13,62 miliardi di euro, per un totale di 200.000 minori coinvolti ogni anno.

La speranza che non muore

“I numeri sono crudi, spesso asettici e non riescono a rendere tutto il dolore dietro questi dati”, spiega don Fortunato Di Noto.

“E’ stato un anno tremendo, ma la speranza non muore - dichiara il sacerdote -. Perché chi salva un bambino salva un mondo intero e ne abbiamo salvati tanti”.

“La nostra missione è ormai conosciuta in tutto il mondo – continua – tanto che il nostro esempio è studiato anche in Cina e la Polizia Giapponese ha richiesto un nostro contributo di studio per la formulazione di nuovi norme per il contrasto della pedofilia”.

“Ma non è questo a contare – precisa –, conta il fatto che dobbiamo continuare nella lotta contro un nemico sempre più subdolo”.

Poi lancia un appello: “Denunciate e rompete il silenzio, considerate i figli degli altri come figli vostri e non temete di intervenire con le vostre segnalazioni a Meter e Polpost se ritenete che certe situazioni possono portarvi a sospettare”.

“Quello che conta, però, è non perdere il coraggio e la voglia di andare avanti: il male esiste ma possiamo distruggerlo. Si richiede un patto educativo, bisogna partire dai nuovi nati digitali, difendendo e tutelando i già nati”, conclude.

[Il Rapporto 2009 è consultabile al sito www.associazionemeter.org]



Fraternamente CaterinaLD

"Siamo mendicanti e chiediamo agli altri anche le loro idee, come la staffetta della posta che riceve il documento dalle mani di uno e poi corre per darlo ad un altro. Faccio una timida parafrasi delle parole di chi ci ha preceduto nel cammino della fede, per annunciarle ad altri."
(fr. Carlos Alfonso Azpiroz Costa OP
Maestro dell’Ordine)